Ritratti di scarpe francesi
25.12.2014 13336

Ritratti di scarpe francesi

Le relazioni politiche ed economiche tra la Russia e la Francia durante la loro lunga storia hanno attraversato periodi di raffreddamento, fino a dirigere conflitti militari e periodi di riavvicinamento, quando entrambi i paesi hanno lavorato a stretto contatto nel campo militare o commerciale ed economico. Quest'anno è stato dichiarato l'Anno della Francia in Russia e l'Anno della Russia in Francia al fine di rafforzare ulteriormente i legami culturali ed economici. Molta attenzione alla musica, alla pittura, al teatro, ai progetti artistici ... C'erano un posto e delle scarpe. La mostra internazionale "Ritratti di scarpe, storia del piede" è arrivata in Russia

La mostra è stata inaugurata all'inizio del 2010 presso il Museo Internazionale delle Scarpe in Francia, poi è andata nei paesi asiatici: il Museo Yuchengco nelle Filippine, il Bangkok Design Center e il Seoul Art Museum. Nel 2010, ha raggiunto la Russia, avendo avuto luogo in quattro città: Mosca, San Pietroburgo, Samara e Perm.

Il curatore della mostra Yves Saburen afferma: “L'ho concepito due anni fa come un dialogo tra il vecchio e il nuovo. Non è difficile dimostrare le conquiste dei francesi nell'arte di cucire scarpe, ma l'idea di presentare tutte le abilità dei nostri maestri calzaturieri nel contesto dell'arte contemporanea mi è sembrata abbastanza originale. Ha iniziato a selezionare le mostre in base alla loro forma, materia, caratteristiche tecniche e significato storico. E qui voglio rendere omaggio alla curatrice capo del Museo Internazionale della Calzatura di Roman Marie-Joseph Bossan-Picot: mi ha messo a disposizione 62 paia di scarpe capaci di "raccontare" la storia della calzatura nel XVIII - XXI secolo.

Non ho cercato di fare un progetto francese per i francesi: sono sempre stato interessato alla storia e alla cultura di altri paesi e civiltà. Pertanto, uso volentieri scarpe tradizionali dalla Turchia, dal continente africano, dall'America Latina come mostre. Inoltre, quando porto una mostra in un determinato paese, cerco di includere opere d'arte locali e campioni di scarpe nella mostra. Così, il Museo Etnografico Russo mi ha gentilmente fornito sette paia di scarpe che potevo solo sognare: stivali di feltro siberiano, sandali mongoli. Ma i tuoi famosi sandali sono già presenti in mostra! "

Volendo sottolineare le specificità di questa o quella coppia, Yves Saburen ha diviso le mostre in cinque grandi gruppi: "Barocco e Rock and Roll", "Sensuale e rilassato", "Sport e natura", "Oh, queste eccentricità!", "Politica e pomposità ".

Il primo gruppo riunisce le calzature "storiche": scarpe da donna e da uomo francesi del XVIII secolo, decorate con ricchi ricami, nastri e pizzi, sandali sudanesi del XIX secolo.

Tra le "sensuali e rilassate" una particolare attenzione va posta alle famose "décolleté" bicolore di Coco Chanel, create nel 1957: chiuse, con tacco basso e con punta nera, riducono visivamente la lunghezza del piede, rendendolo più aggraziato (Raymond Massaro, la cui famiglia questa coppia è stata creata, a settembre verranno per la prima volta in Russia).

I fan dello stile "sportivo e naturale" saranno felicissimi di trovare in fiera scarpe realizzate con materiali naturali, mocassini indiani nordamericani e persino sneakers Adidas!

Bene, gli amanti di tutti i tipi di eccentricità apprezzeranno le scarpe moresche e giapponesi, i sandali boliviani con una suola da un pneumatico per auto e una serie di sandali in miniatura fatti di carta.

Group Politics and Pomp ti faranno vedere le scarpe come una sorta di rito. Questo include anche le scarpe da "danza": le famose ballerine "Repetto", inventate da Rosa Repetto per suo figlio, il ballerino Roland Petit, e diventate calzature cult per le star del cinema e del pop come Brigitte Bardot, Catherine Deneuve e Patricia Kaas. Inoltre, vedrai i sandali con tacco a pistola di Karl Lagerfeld ei leggendari modelli Roger Vivier, Raymond Massaro e Charles Jourdan.

Il designer francese Roger Vivier, l'unico il cui nome è stato posto accanto al suo Christian Dior, è passato alla storia come inventore delle forcine. Nel 1954 fece una vera rivoluzione inventando scarpe con i tacchi più sottili - i tacchi a spillo alti 7–8 cm, che segnarono l'inizio di tutta una serie di tacchi a spillo che divennero un simbolo dell'epoca.

Sulla base del tacco a spillo, nel 1959, nacque il tacco “shock”: un sottile arco curvo verso l'esterno. Una creazione che ha sfidato le leggi di gravità è stata paragonata alla Torre Pendente di Pisa. Non erano più solo scarpe, ma una vera e propria "fredda arma" di emancipazione femminile, le cui prime vittime furono tappeti e parquet. Secondo la rivista femminile Aurore, fino al 1952, la moda calzaturiera non esisteva. Le scarpe realizzate secondo canoni immutabili non potevano essere oggetto di fantasia. E se oggi siamo abituati al fatto che le scarpe cambiano forma e colore di stagione in stagione, lo dobbiamo a Roger Vivier.

I designer francesi possiedono molte scoperte nel campo della pubblicità e del marketing delle scarpe.

Fu quindi Charles Jourdan che negli anni '1930 divenne il primo designer le cui pubblicità di calzature apparvero nelle riviste di moda. Negli anni '1970, la famosa sessione pubblicitaria di Guy Bourdin per Charles Jourdan (la fotografia più famosa è una silhouette in gesso di una donna sul marciapiede e un paio di scarpe lussuose) fece colpo. Girando scene surreali, Bourdin ha reso le scarpe parte di una storia, spiritosa e misteriosa. Jourdan organizzò un esercito di venditori che vendevano le sue scarpe fatte a mano in tutta la Francia, e lui, a sua volta, li sostenne con una campagna pubblicitaria a livello nazionale, che era una novità in quegli anni. Dopo la seconda guerra mondiale, Jourdan è stato uno dei primi a diversificare la sua attività, aggiungendo una linea di scarpe economiche alla sua collezione principale. Ha replicato il design semplice in grandi numeri e vari colori, gettando così le basi per l'industria calzaturiera finita. Nel 1958, il modello di scarpe più venduto nel paese erano le scarpe da ballo Maxim, con tacchi bassi, mantello quadrato e fiocco di raso. Negli anni '1960, Charles Jourdan iniziò a collaborare con un altro calzolaio, André Perugia, che portò glamour e lusso ai suoi modelli.Negli anni '1970, il marchio francese era un feticcio insieme all'abbigliamento di Yves Saint Laurent. Sfortunatamente, la società Charles Jourdan cadde gradualmente in rovina e nel 2002 fu dichiarata fallita con debiti, che a quel tempo erano stimati in 9 milioni di dollari.Nel 2008, il marchio fu acquistato da una delle più grandi holding europee - il gruppo Royer. Nel 2009, dopo che Alexandra Neal, ex designer di Balenciaga e Celine, è diventata la designer del marchio, c'era speranza per un revival del marchio.

Per la cronaca

Il valore delle scarpe francesi per la storia

Il re francese Luigi XIV introdusse per la prima volta la moda negli stivali. Poi avevano larghe aste e risvolti rivestiti di pizzo.

Rosa Reppeto è considerata una delle creatrici di ballerine. Dopo aver cucito le scarpe da ballo per suo figlio, il leggendario ballerino Roland Petit, ha poi adattato la sua produzione di massa.

Charles Jourdan è stato il primo a pubblicare annunci di scarpe su riviste patinate e il primo a organizzare una campagna pubblicitaria nazionale.

Roger Vivier ha creato scarpe rivoluzionarie con il tacco più sottile: i tacchi a spillo, che hanno segnato l'inizio di un'intera era.

Christian Louboutin ha trasformato la suola rossa in un simbolo di alto stile (a proposito, è apparso grazie allo smalto per unghie. Lo stilista voleva aggiungere qualche macchia luminosa alle scarpe e solo la vernice era a portata di mano).

Secondo le statistiche russe, la Francia è all'ottavo posto in termini di fatturato commerciale tra i paesi europei, i principali partner commerciali della Russia. Il commercio franco-russo è caratterizzato da dinamiche elevate: nel 2001-2008, il commercio tra i nostri paesi è aumentato di oltre cinque volte. Tuttavia, la crisi finanziaria globale ha fermato il ritmo della sua crescita: nel 2009 il giro d'affari commerciale è diminuito del 2008% (22,8 miliardi di dollari) rispetto al 3,3. Tra i paesi dell'UE, il calo del fatturato è stato più significativo - 41%

Le relazioni diplomatiche tra Russia e Francia furono stabilite nel 1717, quando Pietro I firmò le credenziali del primo ambasciatore russo in Francia


Nel 2009, la Russia ha importato prodotti petroliferi, metalli, legno, automobili e veicoli in Francia. La Francia, a sua volta, ha fornito al nostro paese automobili, prodotti chimici (compresi prodotti farmaceutici e profumi), prodotti e materie prime agricole

Fatti di rilievo del 2010

la mostra “Holy Russia”, unica per volume e qualità delle mostre, al Louvre (2 marzo - 24 maggio); la celebrazione della Giornata della Russia e l'apertura della mostra nazionale russa il 12 giugno a Parigi; Tour russo della compagnia Comedy Francaise (settembre); un concerto di musica francese su Vasilievsky Spusk (4-5 settembre); mostra "L'arte di vivere in francese" al Manege di Mosca (ottobre). Concerto di gala delle star del balletto russo e francese al Teatro Bolshoi a dicembre

Le relazioni politiche ed economiche della Russia e della Francia durante la loro lunga storia hanno vissuto periodi di raffreddamento, fino a dirigere conflitti militari e periodi di riavvicinamento, quando entrambi i paesi sono strettamente ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Collezione Pixel Anya Hindmarch

Anya Hindmarch Autunno-Inverno 2016 Sfilata di scarpe e accessori da donna C'è una regola non detta nel design di vestiti e scarpe: l'autunno e l'inverno sono il momento per toni più sobri. Tuttavia, il vero successo arriva spesso a coloro che non hanno paura ...
29.11.2016 11389

5 marchi specializzati in mocassini sartoriali

Negli ultimi cinque anni, ci sono state due tendenze stabili nel mercato delle calzature: l'interesse per le scarpe in stile sportivo e una crescente domanda di scarpe comode su ...
13.02.2018 14728

5 mette in mostra Christian Louboutin

Il designer di scarpe francese Christian Louboutin è noto al mondo non solo per le scarpe da donna chic con tacchi incredibilmente alti, la cui caratteristica distintiva è la suola rossa, ma anche per le vetrine originali delle sue boutique aperte in tutto il mondo ...
01.11.2016 13300

Scarpe macchiate. Nuova lettura

La stampa leopardata non passa quasi mai di moda. La tendenza per le scarpe maculate a volte svanisce, ma appare subito in qualche nuova lettura o si inserisce nel contesto generale sotto il marchio “retrò”. Puoi elencare all'infinito marchi famosi, ...
12.05.2021 10130

Lascia che ci sia luce! Soluzioni di illuminazione per vetrine e aree di vendita

Una vetrina è il biglietto da visita di un negozio, la prima cosa a cui un passante presta attenzione, e dipende da quanto bene è illuminata se si trasforma in visitatore ...
14.05.2018 14247
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio