Rieker
Il ritorno delle sneaker sovietiche
09.04.2014 17188

Il ritorno delle sneaker sovietiche

Recentemente, il tema dell'Unione Sovietica nella cultura e nella moda è diventato sempre più popolare: gli adulti sono lentamente nostalgici e i giovani sono attivamente interessati. Sulla scia dell'interesse per l'estetica sovietica, il giovane uomo d'affari moscovita Yevgeny Raikov ha avuto l'idea di rilanciare le sneaker sovietiche, proprio quelle in cui andavano le mod degli anni '60 e '70. Ma è interessante per qualcuno oggi, nel XNUMX ° secolo, il design di cinquant'anni fa? Abbiamo chiesto a Eugene di raccontare come sta cercando di riportare le scarpe da ginnastica dell'era sovietica alla moda moderna e cosa ne deriva.raikov1.jpg

Evgeny Raikov è un marketer con esperienza nella produzione di IT e abbigliamento. Negli ultimi 5 anni, come dipendente, ha introdotto sul mercato nuovi prodotti, sviluppato marchi e servizi. Dalla fine del 2012 è proprietario e gestore della società sovietica di sneaker (marchi Two Balls e Soviet Sneakers), impegnata nella produzione e vendita di modelli classici e marchi di sneaker dell'URSS. Eugene è alla ricerca attiva di investitori interessati a vendere scarpe sportive di alta qualità progettate dal modello sovietico. Sarà lieto di incontrare rappresentanti del mercato delle scarpe che non sono indifferenti a questo progetto e di dedicarli ai dettagli del suo piano aziendale.

Indirizzo e-mail di Eugene: evgenyraykov@gmail.com,

Pagina del progetto Facebook: facebook.com/sovietsneakers

Сайт проекта: www.twoballs.su

Alla radice della moda della gomma

I progenitori delle scarpe da ginnastica come un tipo di scarpa apparvero negli anni '30 del XIX secolo grazie all'invenzione della tecnologia di vulcanizzazione della gomma. Nel 1892, nove piccole fabbriche di gomma americane si unirono sotto il nome di US Rubber Company e nel 1916 lanciarono il marchio Keds, che vendeva scarpe di gomma con top di tela. Fu allora che le sneaker ottennero il loro solito nome e aspetto. Il vero boom delle scarpe da ginnastica iniziò un anno dopo, nel 1917, quando l'americano Marcus Converse pubblicò le prime scarpe da ginnastica per i giocatori di basket professionisti Converse All Star. Presto il leggendario giocatore di basket Chuck Taylor divenne il volto del marchio e propose anche di aggiungere toppe di gomma protettive rotonde sulle caviglie. Il modello migliorato si chiamava Chuck Taylor. Negli anni '1950, la metà dei giocatori della National Basketball Association degli Stati Uniti giocava con le sneaker Chuck Taylor All Star. Da allora, le sneaker di vari marchi sono state richieste in modo fenomenale in tutto il mondo e la loro popolarità non ha smesso di crescere.

Negli anni '1950, la popolarità delle sneaker era così grande che trapelarono persino attraverso la cortina di ferro nell'Unione Sovietica. Nel 1957 si tenne a Mosca il VI Festival mondiale della gioventù e degli studenti, che riunì giovani di tutti i paesi del mondo ideologicamente liberi. Certo, arrivarono in scarpe da ginnastica e la gioventù sovietica si innamorò immediatamente di queste scarpe, dimenticandosi di cechi e sandali. Era impossibile combattere questa passione, non poteva che essere diretto: il governo sovietico ha installato sulle scarpe da ginnastica GOST 9155 calzature sportive in gomma e tessuto di gomma e ha iniziato a produrle in grandi quantità. Le sneaker sono state vendute in qualsiasi negozio Sporttovary e sono state indossate non solo da tutti gli scolari e gli studenti, ma anche dagli eroi replicati nella cultura popolare - Electronics, Petrov e Vasechkin, Wolf del film d'animazione "Aspetta un minuto!" e persino il cane Sharik di "Tre di Prostokvashino". Le classiche sneaker sovietiche avevano una suola chiara o rossa con cuciture chiare e la tomaia è in tessuto, di solito blu o nero. I lacci erano spesso bianchi; alcuni modelli avevano toppe rotonde alla caviglia. In generale, queste sneaker erano molto simili al loro antenato - Converse All Star.

Un lusso speciale tra i consumatori sovietici era considerato sneaker “Two Balls”, fabbricata in Cina, amica dell'Unione Sovietica. Costano circa 4 rubli ed è stato molto difficile ottenerli. Le sneaker Two Balls differivano per l'alta qualità e il design alla moda: erano in vendita almeno 5 modelli di diversi colori. La suola era verde e più spessa di quella delle scarpe da ginnastica sovietiche, le rifiniture, la punta e i lacci erano bianchi, e all'interno dell'area della caviglia c'era una macchia di gomma su cui erano rappresentati 2 goal: calcio e basket.

Negli anni 60-70 non c'erano scarpe nell'Unione, uguali in popolarità alle scarpe da ginnastica. Ma nel 1980, la società tedesca Adidas ha fornito agli atleti sovietici una divisa per esibirsi alle Olimpiadi di Mosca, e in seguito le sneaker Adidas sono diventate un nuovo oggetto del desiderio di giovinezza. Le scarpe da ginnastica sovietiche sono sbiadite sullo sfondo e poi sono state completamente dimenticate e soppiantate completamente dai concorrenti stranieri.

La seconda vita delle sneaker sovietiche

Nel 2012, un giovane uomo d'affari Yevgeny Raikov ha fondato la compagnia "Sneakers sovietiche" con l'obiettivo di far rivivere i classici modelli di sneaker dei tempi sovietici: le sneaker secondo GOST e "Two balls". Evgeny ha una notevole esperienza nel marketing e nella produzione. Prima di Sovetsky Ked, si è diplomato alla Higher School of Economics, ha lavorato come marketer in una grande società finanziaria e ha partecipato al lancio del marchio e del negozio di abbigliamento Grunge John Orchestra. Il designer di Explosion Mosca, Igor Isaev, ha lavorato alla produzione e alla componente concettuale dei jeans per il marchio russo Denis Simachev. La motivazione per creare il tuo progetto è stata la realizzazione di una nicchia vuota: "Il mercato manca di un prodotto semplice nella produzione e percepisce, che è conveniente, ma ha uno status di culto e ha già un suo pubblico", Evgeny è sicuro. Le sneaker sovietiche si sono rivelate lo stesso prodotto: Eugene indossava le sneaker GOST da bambino e sono rimasto per sempre impressionato da queste scarpe. "Non ci sono scarpe da ginnastica sovietiche, ma rimane la lealtà verso di esse, c'è una storia del prodotto, uno status di culto", afferma l'imprenditore. - Su Internet, ci sono molte comunità nostalgiche molto popolari. I prodotti fabbricati nell'Unione Sovietica, e non in Russia, sono percepiti molto calorosamente. Cioccolato "Alenka", retro-branding del Central Park of Culture and Rest intitolato a Gorkij a Mosca, il bar "Kamchatka" Arkady Novikov - questa è tutta un'estetica sovietica che è molto richiesta. Parlando in particolare delle sneaker, l'esperienza internazionale dimostra che questo modello è più che praticabile. Ci sono molte aziende, come ad esempio le scarpe cinesi Feiyue e le American PF Flyers, che hanno sviluppato marchi locali di sneaker retrò per milioni di copie e vendite internazionali in pochi anni. Da ciò possiamo concludere che nel mondo questo formato è richiesto ".

Pensando alla ricostruzione delle sneaker sovietiche, l'imprenditore ha deciso di porre l'accento sulla qualità. Eugene è sicuro che, a differenza del prodotto moderno del segmento del mercato di massa, le sneaker sovietiche erano e dovevano essere "invendibili" e super convenienti. La produzione dovrebbe essere collocata in Russia vicino a San Pietroburgo e in Cina nella provincia del Guangdong, nello stesso stabilimento in cui le scarpe da ginnastica furono commissionate per ordine dell'URSS. Secondo il business plan, le autentiche scarpe sovietiche dovrebbero essere realizzate con metodi di iniezione e colla e vendute al prezzo di vendita al dettaglio di 700-1200 rubli - per scarpe da ginnastica secondo GOST e 2500-3000 rubli - per scarpe da ginnastica "Due palle". Al momento del lancio del progetto, i diritti di emissione delle sneaker sovietiche erano gratuiti, ma ora i marchi "Two Balls" e "Soviet Sneakers" appartengono alla società di Eugene.

Dopo aver pensato all'idea, calcolato l'economia del progetto e realizzato diversi prototipi, Eugene ha incontrato diverse aziende, tra cui famose catene di articoli sportivi. Nonostante l'interesse per la ricostruzione e la vendita di sneaker sovietiche, non sono mai stati compiuti passi concreti da parte degli investitori: nella maggior parte dei casi, le parti non sono riuscite a concordare le condizioni per la distribuzione delle azioni nel business creato. E poi Eugene ha deciso di provare a raccogliere fondi da solo, usando il metodo del crowdfunding. Su Internet, ha trovato una comunità tematica, che ha descritto in dettaglio la raccolta fondi utilizzando il popolare servizio americano Kickstarter. Statistiche e analisi hanno aiutato Eugene a credere nel successo del suo progetto su questo sito, ma si è scoperto che per un russo è molto difficile utilizzare i servizi di un sito americano: in caso di successo, dovrebbe dare agli intermediari circa il 40% dei proventi e comunque pagare considerevoli tasse americane. Quindi Eugene decise di utilizzare l'analogo russo di Kickstarter - Boomstarter.ru, in cui avrebbe perso "solo" il 16% del denaro raccolto.

Il crowdfunding (dall'inglese. Finanziamento della folla, finanza pubblica) è la raccolta di denaro su Internet. Viene spesso utilizzato per aiutare le vittime di catastrofi naturali, il sostegno di fan e fan, la sponsorizzazione di campagne politiche. Negli ultimi anni, è stato sempre più utilizzato come mezzo per raccogliere capitali di start-up per start-up e piccole imprese. La più grande risorsa online per la raccolta di denaro è il sito americano kickstarter.com, dove chiunque può registrarsi e pubblicare una descrizione del proprio progetto. L'autore del progetto stabilisce un determinato periodo di tempo per il quale vuole raccogliere fondi. Tutti possono trasferire denaro per attuare il progetto e diventare un "sostenitore", cioè uno sponsor. Se al termine del periodo dichiarato non viene raccolto l'importo richiesto, il denaro donato viene restituito ai depositanti. I servizi di crowdfunding russi più popolari sono boomstarter.ru e planeta.ru.

Battaglia per investimenti

Eugene si stava preparando per la campagna di raccolta fondi a Boomstarter da circa 3 mesi: cercava progetti simili di successo e senza successo, considerava la conversione di pubblicazioni in varie pubblicazioni, rifletteva sulle attività di pubbliche relazioni, scriveva comunicati stampa, lavorava sulla pianificazione dei media, girava video promozionali e premiava premi. Dopo aver studiato le fonti Internet specializzate, Eugene sapeva già che l'importo necessario non poteva essere raccolto senza PR competente: la stessa piattaforma di crowdfunding non fornisce quasi alcun supporto al progetto, ma agisce semplicemente come un intermediario tra l'autore dell'idea e coloro che vogliono dare soldi per il progetto.

2 bals1965-5.JPGL'importo richiesto è stato determinato in 720 rubli. Secondo la descrizione del progetto di Bumstarter, si prevedeva che questi soldi fossero spesi come segue: sviluppo e produzione di blocchi - 000 rubli; stampi della suola e punzoni di rifinitura - 85 rubli; acquisizione di materiali (gomma, fili, tessuto, ecc.) - 000 rubli; produzione di magliette - "complimenti" per chi ha trasferito denaro - 290 rubli; consegna dalla Cina alla Russia - 000 120 rubli; Commissione Boomstarter, sistemi di pagamento e tasse - 000 rubli. I premi sono stati scelti anche per gli sponsor: coloro che trasferiscono più di 40 rubli, a seconda dell'importo donato, riceveranno una maglietta con il logo "Two Balls", o le stesse sneaker, o entrambe.

La campagna è stata progettata per 60 giorni e il suo lancio è stato programmato per il 25 marzo 2013. Una settimana prima del lancio dell'azione, Eugene ha inviato comunicati stampa e ha iniziato i negoziati sulle pubblicazioni. Ora, dopo nove mesi, l'imprenditore si rende conto che la promozione attiva dovrebbe essere distribuita in tutto il progetto, in modo che la risposta sia uniforme. Nel suo caso, le commissioni più elevate si sono verificate nel primo e negli ultimi tre giorni. Il primo giorno, il ritorno è stato particolarmente ampio: quasi tutti i media online dei giovani hanno parlato del progetto. Ciò ha dato molti nuovi contatti, in particolare i "mi piace" sui social network, principalmente perché il pubblico ha accettato la richiesta di "sostenere il progetto" proprio come richiesta di diffusione di informazioni e non come necessità di trasferire denaro. "I primi giorni della campagna sono puro caos", ricorda Eugene. Sponsor, stampa, investitori e persone curiose hanno immediatamente attaccato l'imprenditore. Quando l'eccitazione si è placata, è iniziata la "solita routine di crowdfunding": monitoraggio delle statistiche, comunicazione con il pubblico, lavoro con la stampa, supporto sui social media, incontri d'affari e promozione incrociata con altri progetti.

Le statistiche sui siti di crowdfunding americani mostrano un tasso di conversione del 5% per i progetti di successo. Eugene non aveva dati per Runet, ma contava su una conversione di almeno l'1%. In realtà, tutto si è rivelato non così roseo. Dal 25 marzo al 24 maggio (dichiarati 60 giorni) la pagina del progetto è stata vista da poco più di 72 mila utenti, il tempo medio di visualizzazione è stato di 03:54 minuti. Allo stesso tempo, solo 178 persone hanno trasferito denaro, che è un tasso di conversione scarso dello 0,2%. Di conseguenza, il progetto ha raccolto 307 505 rubli, cioè solo il 42% della quantità desiderata.

debriefing

Eugene ritiene che non ci siano stati problemi con la presentazione e la copertura del progetto: è riuscito a ottenere più di 50 pubblicazioni nei media (tra cui storie sui canali TV), ottenere l'accesso al pubblico di circa 10 milioni di persone attraverso il social network "VKontakte" e circa 180 mila persone su Facebook, raccogli 3 milioni di visualizzazioni video del progetto sul portale mail.ru, ottieni pubblicità contestuale gratuita in Yandex.Direct e pubblica sui social network delle celebrità russe. Eugene traccia un parallelo con i risultati dei progetti sull'americano Kickstarter: “Con tale copertura mediatica e reazione pubblica in America, molto probabilmente avremmo raccolto più di $ 200, il risultato sarebbe entrato nelle prime 000 più grandi collezioni su Kickstarter nella categoria Moda ". Ma ciò non è accaduto: siamo in Russia, la conversione è dello 10% ”, conclude l'imprenditore con rammarico e conclude che il crowdfunding è ancora agli inizi in Russia: la maggior parte delle persone non capisce di cosa si tratta e lo tratta come la piramide "MMM". Nel caso del progetto per il rilancio delle sneaker sovietiche, neanche il crowdfunding ha funzionato, sebbene abbia permesso al creatore dell'idea imprenditoriale di acquisire un'esperienza inestimabile e testare la reazione del mercato. Secondo i termini delle campagne non finanziate di crowdfunding completo, Eugene ha restituito tutti i fondi raccolti a coloro che hanno preso parte al progetto.

Invece di un epilogo

DUE SFERE 1974-1.jpgNonostante la mancata raccolta di fondi attraverso il crowdfunding, Eugene non abbandona l'idea di rilanciare le sneaker sovietiche e creare il marchio nazionale Two Balls. Al momento della comunicazione con la rivista Shoes Report (fine novembre 2013), l'imprenditore ha continuato a incontrarsi con gli investitori e cercare opportunità di finanziamento. L'importo minimo di partenza necessario per l'attuazione del progetto, Eugene considera 22 milioni di rubli. Questo investimento non solo attirerà un pubblico, ma svilupperà e costruirà completamente un business. L'importo dovrebbe coprire i costi di sviluppo, produzione, collaudo, logistica, deposito, marketing, marketing, uffici in Cina e Mosca, un pacchetto di franchising, una squadra e altre spese. In base al volume di risposte alla campagna di crowdfunding, Eugene ha capito che le sneaker sovietiche sono interessanti per il pubblico e stima il volume minimo di produzione iniziale come 13 mila paia. Per quanto riguarda i canali di vendita, Evgeni Raikov ritiene che ci siano circa 90 negozi in Russia che possono potenzialmente - e alcuni già vogliono - vendere i suoi prodotti. I piani dell'imprenditore includono anche la cooperazione con le catene di vendita al dettaglio di articoli sportivi e l'accesso ai mercati internazionali. In futuro, Eugene ha in programma di produrre non solo 5 modelli classici di sneaker "Two Balls", ma anche di sviluppare e modificare "classici eterni" di scarpe dall'URSS, che potrebbero ripetere il successo di Converse, che si è evoluto nel tempo fino a diventare scarpe da giovane. Eugene è sicuro che le sneaker sovietiche non abbiano meno potenziale di sviluppo rispetto al famoso marchio americano.

Recentemente, il tema dell'Unione Sovietica nella cultura e nella moda è diventato sempre più popolare: gli adulti sono lentamente nostalgici e i giovani sono attivamente interessati. Sulla scia dell'interesse per l'estetica sovietica ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Scarpe macchiate. Nuova lettura

La stampa leopardata non passa quasi mai di moda. La tendenza per le scarpe maculate a volte svanisce, ma appare subito in qualche nuova lettura o si inserisce nel contesto generale sotto il marchio “retrò”. Puoi elencare all'infinito marchi famosi, ...
12.05.2021 1376

5 marchi specializzati in mocassini sartoriali

Negli ultimi cinque anni, ci sono state due tendenze stabili nel mercato delle calzature: l'interesse per le scarpe in stile sportivo e una crescente domanda di scarpe comode su ...
13.02.2018 5795

Lascia che ci sia luce! Soluzioni di illuminazione per vetrine e aree di vendita

Una vetrina è il biglietto da visita di un negozio, la prima cosa a cui un passante presta attenzione, e dipende da quanto bene è illuminata se si trasforma in visitatore ...
14.05.2018 6516

Attenzione al designer. Come creare il portafoglio creativo "giusto"

La corretta presentazione della tua visione creativa è fondamentale per costruire una carriera nella moda.
29.05.2018 8882

4 designer dei marchi di scarpe russi Unichel, Francesco Donni, Ralf Ringer e Tervolina - su ispirazione, tendenze, design delle collezioni ...

The Shoes Report ha posto le domande di quattro designer di noti marchi di scarpe russi nel segmento di mercato di massa di Unichel, Francesco Donni, Ralf Ringer e Tervolina - su ispirazione, parametri di riferimento e tendenze, design, attitudine al lavoro e sul vedere il proprio ...
26.10.2018 6314
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio