25.03.2014 14850

Come comportarsi in una crisi: 7 consigli per uomini d'affari da un avvocato


Sembra che la crisi attesa sia comunque iniziata e ora dovremo dimenticare almeno sei mesi sull'aumento dei profitti e sullo sviluppo dell'azienda. Sopravvivere! Vladimir Fokin, un avvocato di 15 anni e fondatore dello Studio legale Fokin & Partners, offre agli imprenditori alcuni consigli su come mantenere la propria posizione aziendale e garantire sicurezza finanziaria.

Fokin Vladimir.jpgVladimir Fokin, Fondatore e Managing Partner, Studio legale Fokin & Partners. Un avvocato con oltre 15 anni di esperienza. Dottorato in giurisprudenza. Un esperto in pianificazione fiscale, sicurezza legale delle imprese e altri aspetti legali dell'imprenditoria.

Studio legale Fokin & Partners esiste in Russia dal 2003 e fornisce servizi nel campo delle società, del diritto tributario, delle transazioni immobiliari e della proprietà intellettuale.

www.fokinlaw.ru

Suggerimento uno: controlla i tuoi impegni per le debolezze. Qualsiasi crisi è una prova di partenariati, accordi e schemi di lavoro e le attività commerciali e di approvvigionamento sono a maggior rischio in questo senso. Il problema principale durante la recessione economica è la crisi dei pagamenti: il proprietario è sempre più tentato di non pagare nessuno dei partner, dall'inquilino ai fornitori. La tentazione è grande, ma le conseguenze saranno disastrose, quindi se un imprenditore ha il rischio di non adempiere ai propri obblighi, deve scegliere le tattiche di comportamento più ragionevoli: i negoziati. È molto più facile negoziare con fornitori, inquilini e venditori prima che finisca il denaro, quindi pagare multe, interessi sugli arretrati o addirittura essere rovinati. Quindi è meglio abbandonare l'orgoglio e un immaginario senso di indipendenza e risolvere i problemi di pagamento prima che arrivino.

Suggerimento due: controllare i contratti esistenti e nuovi. Questo passaggio è molto importante, perché l'equilibrio della tua attività dipende dalla "forza" del contratto e dalla sua ragionevolezza. Esiste un'intera procedura di "due diligence", durante la quale vengono verificati i termini, la struttura, la quantità, i tipi e le modalità di conclusione di tutti i contratti aziendali. L'essenza di questo controllo è identificare i punti deboli e i punti deboli degli accordi di cui la controparte può trarre vantaggio. Durante una crisi, diventa particolarmente evidente che se esiste un'opportunità legale per non adempiere ai propri obblighi, solo il partner più rispettabile o di breve durata non ne trarrà vantaggio. Ma non ce ne sono molti, quindi il contenzioso sta crescendo come funghi dopo la pioggia. Per non essere tra le compagnie sfinite dal tribunale e senza sangue, è meglio controllare i contratti e correggerli in anticipo. Questo, allo stesso tempo, aiuterà allo stesso tempo a identificare le intenzioni ostili dei singoli partner. Ad esempio, se dopo aver verificato il contratto suggerisci alla tua controparte di introdurre penali in caso di ritardo nel pagamento e che rifiuta, è ovvio che contava sul ritardo nel pagamento. Prendi accordi, cerca compromessi e trova il modo di proteggerti da tali rischi.

Per quanto riguarda i contratti non ancora conclusi, devono anche essere conclusi tenendo conto dell'aumento delle garanzie. Se lavori con pagamento posticipato e una garanzia bancaria è troppo costosa per te, cerca di proteggerti con la garanzia personale del proprietario dell'azienda a cui spedisci la merce. Uno dei miei clienti lo ha fatto, e mi ha davvero aiutato a rimuovere il rischio di mancato pagamento: anche in qualità di direttore della LLC, la controparte ha rischiato tutti i suoi beni personali, quindi semplicemente non c'erano dubbi sul mancato pagamento del debito. Se i partner si rifiutano di fornire tali garanzie, lasciateli pagare in anticipo. Essere debitori in una crisi non è così spaventoso: è improbabile che ti raggiungano. Ma il creditore ha difficoltà, quindi è meglio non essere affatto, ma pagare il cliente secondo lo schema "al mattino - soldi, alla sera - sedie".

Suggerimento tre: presta attenzione ai tuoi prestiti. In caso di crisi, è consigliabile sbarazzarsi di prestiti inesigibili o pericolosi. Sono intesi come quei prestiti che ti sono stati emessi per un importo elevato che non è possibile pagare in una sola volta, nonché quelli per i quali sono state emesse garanzie, ad esempio proprietà di produzione. Ricorda che un ritardo in un prestito può provocare un reclamo per l'intero prestito, e questo è un percorso diretto verso il fallimento. Pertanto, se non si sono accumulati depositi per la difficile situazione economica, almeno tenere sotto controllo i prestiti e pianificare il loro rimborso senza interruzione.

Quarto consiglio: rivedere le relazioni del personale. L'obiettivo di questo passaggio è creare una sorta di pilota automatico legale, che ti consenta di sbarazzarti del personale inefficiente e di rendere dipendenti rimanenti dipendenti dal profitto effettivo. Non sembra affettuoso, ma la crisi è crisi. Il proprietario dell'azienda dovrebbe rivedere i contratti di lavoro, le descrizioni delle mansioni e le condizioni di pagamento. La difficile situazione economica è il momento di formare la maggior parte dei guadagni da una percentuale del profitto effettivo e iniziare a stabilire piani di vendita specifici per il personale. I piani di vendita possono essere approvati ogni mese e, nel contratto di lavoro, specificare la clausola che la percentuale di bonus è fissata il primo giorno di ogni mese. Queste sono condizioni difficili, ma aiuteranno a identificare i dipendenti forti e deboli e liberarsene è completamente legale. A proposito, a causa della minaccia del turnover del personale, non essere troppo pigro per proteggere le basi dei clienti e assumersi la responsabilità per il loro furto. Non fare affidamento sul codice del lavoro: regola male il processo di separazione con i dipendenti. Registrare tutto nel contratto di lavoro e redigere ogni accordo con il personale su supporto cartaceo in conformità con tutte le regole.

Suggerimento cinque: calcolare i rischi nei rapporti con i comproprietari. Le tue partnership includono casi di sviluppo di scenari negativi? Molto probabilmente, no, poiché di solito gli accordi scritti o orali con i comproprietari descrivono solo la condivisione degli utili e nessuno si ricorda della copertura delle perdite operative negli anni ben nutriti. Un anno affamato è il momento migliore per ricordare i rischi e condividerli amabilmente tra te e il tuo partner commerciale. In caso contrario, l'azienda è praticamente condannata al fallimento, poiché la riluttanza di uno dei partecipanti a condividere la responsabilità per le perdite della causa comune porta spesso a conflitti e al collasso dell'intera impresa.

Suggerimento sei: rivedere la relazione tra proprietario e gestore. Come nel caso del personale di livello inferiore, i rapporti con i vertici aziendali devono identificare i principi di efficienza del lavoro e il loro design legale. In altre parole, è necessario rivedere il piano aziendale e legare gli indicatori di performance del gestore. Ciò è necessario affinché, in caso di degrado di un'azienda, si possa ragionevolmente licenziare un top manager, basandosi non su sentimenti soggettivi, ma su indicatori oggettivi. Allo stesso tempo, presentare proposte al piano aziendale per ridurre i costi, aumentare i profitti e rivedere i piani di espansione. Una crisi è un momento per preservare tutto ciò che è stato accumulato.

Se sei un CEO assunto, allora devi sapere come proteggerti dai rischi aziendali, fiscali e persino criminali, l'ombra silenziosa che ti segue. Vladimir Fokin ha parlato di come un top manager possa proteggersi nell'articolo "Fondamenti di sicurezza sul lavoro del direttore generale" pubblicato nel Rapporto scarpe n. 113.

franchayzi.jpg

Suggerimento sette: preparati per i controlli. E ce ne saranno anche più di prima. Il tesoro è esaurito da eventi su larga scala e la situazione economica generale lascia molto a desiderare. È tempo di ricostituire il bilancio a spese dei contribuenti! Preparati a te stesso e prepara i tuoi dipendenti al fatto che l'ispettore troverà sicuramente un motivo per addebitare tasse e sanzioni alla tua azienda, quindi tutto ciò che puoi fare è minimizzare il numero di questi motivi. Non conservare documenti non necessari in ufficio, proteggere i computer e imparare a mantenere la posizione legale più rigida durante l'ispezione. Controlla i punti deboli della tua attività. Molti imprenditori conducono gli affari come una volta, e si rivolgono agli avvocati "solo quando il gallo arrosto becca". Studiando questi casi, vedo molto spesso errori ridicolmente infantili e offensivi, sebbene ci siano incidenti familiari solo agli avvocati. Ad esempio, recentemente, gli ispettori hanno iniziato a punire coloro che pagano l'IVA in eccesso per ciò che non è tassato: si tratta di pagare per i servizi di importazione ed esportazione, che, per legge, possono essere esentati dall'IVA, ma in realtà nessuno la usa, dal momento che Non voglio problemi extra. Ora gli ispettori hanno escogitato un'ammenda alle società che continuano a pagare l'IVA in tali casi, sebbene ciò sia del tutto contrario alla legge e al buon senso. Tutte le possibili sviste possono essere prevenute in modo completamente lecito e indolore nella fase preparata dagli avvocati per un controllo, ma dopo che sono state identificate durante un'indagine fiscale reale, è impossibile correggere questi errori nel 90% dei casi e la società incorre in perdite e rischi persino diventando responsabile penalmente. A proposito, i lassismi nel processo di istituzione di procedimenti penali sono stati recentemente annullati: se prima erano stati avviati solo dopo l'audit e tasse aggiuntive, quindi ora iniziano l'attività immediatamente durante l'audit, il che rende impossibile per l'azienda fare l'ultimo respiro prima di pagare multe enormi. Ciò è stato fatto per compiacere le autorità fiscali, il che dimostra ancora una volta: essere semplicemente rispettosi della legge nel nostro paese non è sufficiente. Devi essere prudente e molto attento, anche se non stai facendo nulla di illegale.

Sembra che la crisi attesa sia comunque iniziata e ora dovremo dimenticare almeno sei mesi sull'aumento dei profitti e sullo sviluppo dell'azienda. Sopravvivere! Vladimir Fokin, un avvocato con 15 anni di esperienza e ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Perché è così importante lavorare con le recensioni dei clienti, analizzarle e utilizzarle nel tuo lavoro?

Le recensioni dei clienti sono di grande e inestimabile importanza quando si vende un prodotto. Tuttavia, molte aziende non sempre lo capiscono: non raccolgono recensioni, rispondono solo a quelle positive e non lavorano con quelle negative. Questo è un grosso errore e un'omissione del marchio. IN…
26.03.2024 788

Come implementare i funnel di vendita nel settore calzaturiero

Attrarre e fidelizzare i clienti è il motore più importante della crescita delle vendite in qualsiasi azienda. In genere, le aziende assegnano un budget pubblicitario come percentuale delle entrate totali. In media, questa percentuale varia da tre a cinque. E se l'azienda...
21.11.2023 3322

Metodi efficaci che aiuteranno a migliorare l'efficacia dei venditori

Molti direttori di negozio affrontano il problema del burnout del personale che lavora nel reparto vendite. I precedenti schemi di motivazione per i venditori – “stipendio +%” non funzionano più oggi, e quindi sono necessari nuovi modi per interessare i dipendenti...
30.10.2023 4343

Il servizio in negozio: successi ed errori

Cos'è il servizio in un negozio di moda? Quali sono le aspettative dei clienti riguardo allo shopping oggi? E in che modo la qualità dei servizi forniti e, quindi, il livello delle vendite e dei ricavi del negozio dipendono dalla competenza e dalla motivazione dei venditori? Esperto di vendite SR e…
24.10.2023 3802

Come determinare la quantità di acquisti di scarpe per la prossima stagione?

All'inizio della stagione degli acquisti per una nuova collezione, gli acquirenti si trovano ad affrontare un compito difficile: devono assumersi la responsabilità e decidere quante scarpe acquistare in modo che siano sufficienti per soddisfare il piano di vendita, e alla fine della stagione per raggiungere la norma stabilita...
18.07.2023 4424
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio