Rieker
Window to Europe: espandere l'area di libero scambio
22.10.2014 5637

Window to Europe: espandere l'area di libero scambio

All'inizio del 2015 inizierà a funzionare un accordo su una zona di libero scambio del Vietnam con l'Unione doganale, che diventerà un "ponte" per un successivo accordo con il blocco dell'ASEAN (il Vietnam è uno dei partecipanti). Seguono l'India e la Malesia. Come andrà a finire una simile decisione per il fashion retail: stimolerà le vendite o, al contrario, i prezzi sul mercato crolleranno? Proviamo a capirlo!

Come sapete, la creazione di un FTA implica l'abolizione dei dazi doganali, delle tasse, nonché delle restrizioni quantitative sul reciproco scambio per i paesi che partecipano alla zona. “Le autorità del Vietnam e della Russia si sono poste il compito di assicurare una crescita costante del fatturato commerciale. E, naturalmente, abbiamo discusso qual è la ragione della sua riduzione nella prima metà di quest'anno, nonché le direzioni in cui il nostro commercio reciproco dovrebbe svilupparsi più attivamente. Sono stati presi in considerazione anche meccanismi che consentissero di introdurre la valuta nazionale nei calcoli del fatturato commerciale ”, afferma Igor Shuvalov, Primo Vice Primo Ministro della Federazione Russa. Secondo i membri del governo russo, la partecipazione del Vietnam alla zona di libero scambio tra gli Stati membri dell'Unione doganale porterà a un aumento degli scambi con la Russia a $ 10 miliardi entro il 2020.

Ricetta Salvezza

Il commercio mondiale non sta attraversando i periodi migliori. Per lungo tempo, è stato un motore della crescita economica mondiale e il ritmo del suo sviluppo è stato circa due volte superiore al tasso di crescita generale. Tuttavia, negli ultimi 5-6 anni, la velocità è diminuita. Pertanto, i paesi stanno cercando di dare un nuovo impulso allo sviluppo del commercio internazionale, rimuovendo da esso alcune restrizioni, ad esempio quelle tariffarie.

Cercando di adattarsi alla tendenza economica esistente, la Russia sta ora organizzando una zona NWT con il Vietnam. Allo stesso tempo, la crescita degli scambi tra Russia e Vietnam ha ormai superato la cifra del 16% (che è quattro volte superiore alla crescita dell'economia globale) e continua ad aumentare.

Inoltre, se non prendiamo percentuali di crescita, ma il volume della circolazione delle materie prime e lo correliamo con il volume del PIL dei paesi, si scopre che questo valore è relativamente piccolo. Quindi c'è spazio per crescere. Nel volume totale delle importazioni dal Vietnam, la quota di prodotti dell'industria leggera è del 30%, con metà delle scarpe. Di conseguenza, è possibile calcolare quanto la fornitura di scarpe in vera pelle di alta qualità al paese può aumentare, riducendo i prezzi di circa il 15-20% a causa dell'abolizione dei dazi doganali.

Pro e contro di FTA per la vendita al dettaglio

1. Meno rischi. Contemporaneamente alla conclusione di un accordo su NWT, i paesi abbandoneranno il dollaro quando effettueranno transazioni e realizzeranno insediamenti in valute nazionali. Ciò consentirà ai rivenditori di ridurre i rischi associati ai forti salti dei prezzi e alla continua crescita del dollaro e dell'euro rispetto al rublo.

2. Riduzione delle barriere burocratiche. L'accordo di libero scambio prevede una semplificazione del quadro giuridico per le relazioni commerciali ed economiche tra i paesi che lo hanno aderito. Stiamo parlando di sostituire una serie di documenti multilaterali e circa 100 bilaterali che regolano oggi il regime di libero scambio nel Commonwealth degli Stati indipendenti. Le restrizioni esistenti nel quadro di accordi bilaterali precedentemente firmati sono ridotte di oltre 600 punti, pertanto la burocrazia burocratica nell'attuazione della cooperazione economica nell'ambito della FTZ sarà notevolmente ridotta.

3. Nuovi mercati. Le aziende saranno ora in grado di commerciare sul mercato vietnamita senza dazi, quote e licenze. Rispetto ai precedenti accordi bilaterali, questo accordo è stato un passo avanti, poiché ci si stanno aprendo nuovi mercati.

4. L'incentivo per lo sviluppo economico. L'espansione dei mercati e l'eliminazione di tutti i tipi di barriere doganali contribuiranno allo sviluppo dell'economia del paese.

Tra gli svantaggi ovvi, si possono notare diversi:

1. Annullamento dei dazi doganali poiché le merci dal Vietnam influenzeranno negativamente il flusso di denaro al bilancio dello Stato, il che potrebbe indurre il governo a introdurre alcune tasse interne aggiuntive per compensare queste perdite. In secondo luogo, un forte aumento del volume delle importazioni di prodotti di alta qualità e allo stesso tempo a buon mercato dal Vietnam può colpire i produttori di calzature nazionali che lavorano in condizioni di margini minimi. Quanto sarà grave, il tempo lo dirà.

2. Mancanza di dettagli dell'accordo. E, infine, il punto più importante di cui i media non scrivono. Il fatto è che i dettagli dell'accordo in preparazione sono ancora sconosciuti. La firma dell'accordo non significa l'apertura delle frontiere e l'azzeramento automatico dei dazi doganali. Di regola, i dazi su determinati gruppi (la scelta di gruppi specifici dipende dalla politica protezionistica del governo) sui beni non sono azzerati, ma sono fissati a un certo livello, sebbene inferiore a prima. Diciamo che in precedenza “le scarpe con suola in vero cuoio e tomaia in vera pelle con cinturini passanti per il collo del piede e coprenti l'alluce” erano soggette ad un dazio del 18%, che sarà dell'11,5%. Oppure, ad esempio, verrà riscossa con una flat tax come "4,5 euro al paio". E questo influenzerà immediatamente la potenziale redditività dei diversi segmenti di scarpe. Ma in ogni caso, per la vendita di scarpe nel suo complesso, NWT with Vietnam è un evento positivo!

PARERE DELL'ESPERTO

Daria Nuclear, CEO del gruppo Esper

“Se parliamo del Vietnam, parleremo piuttosto della crescita della concorrenza nel segmento delle calzature casual e alla moda nel segmento dei prezzi economici, che colpirà principalmente i produttori nazionali, che ora competono sul prezzo, ma spesso perdono in termini di prestazioni. Con un grande flusso di scarpe stilisticamente diverse e non inferiori in termini di forma e materiali, scarpe economiche provenienti dal Vietnam, la quota di produttori di scarpe russi diminuirà sicuramente.

Ma le conseguenze dell'accordo di libero scambio con l'India per la vendita al dettaglio di scarpe saranno più significative, poiché in questo paese viene prodotta una quantità colossale di scarpe di marchi sportivi, in particolare Nike, che è così popolare in Russia. È improbabile che ciò comporti una reale riduzione dei prezzi, poiché è influenzato da troppi altri fattori, ma il fatto che ciò influirà negativamente sulle vendite di scarpe sportive di altri paesi, e in particolare di scarpe sportive russe, è un dato di fatto ".

All'inizio del 2015 inizierà a funzionare un accordo su una zona di libero scambio del Vietnam con l'Unione doganale, che diventerà un "ponte" per un successivo accordo con il blocco ASEAN (Vietnam ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

I produttori di scarpe brasiliani invitano gli acquirenti dalla Russia e dai paesi della CSI a incontri di lavoro in formato online

Dal 21 giugno al 2 luglio, in Russia e nei paesi limitrofi, si terranno incontri b2b online dei maggiori produttori brasiliani e buyer russi. Gli eventi sono sponsorizzati da Brazilian Footwear, un programma governativo che ...
07.06.2021 748

DEOX rafforza la sua posizione di mercato

SR ha deciso di scoprire con quali problemi i calzolai russi dovevano vivere e lavorare e chiedere ai produttori di lavorare nella realtà odierna. Questa raccolta di materiali si concentrerà sull'impatto della pandemia di coronavirus sul business calzaturiero nazionale, ...
02.02.2021 2364

Lillian Roor, direttore vendite ARA in Russia: “ARA Shoes si impegna a essere il produttore più high-tech di calzature alla moda.

Il marchio di scarpe tedesco ARA è conosciuto e amato in Russia da molto tempo, sin dall'epoca sovietica. Quest'anno il marchio compirà 72 anni. L'azienda ha superato le difficoltà e le sfide causate dall'attuale pandemia di coronavirus e continua ad attuare i suoi piani. Sul…
17.05.2021 1611

Esclusivo: intervista del CEO di ECCO Russia Denis Tomashevsky al capo redattore di Shoes Report Natalia Timasheva

Un anno fa, la società danese ECCO ha acquisito l'intera attività di vendita al dettaglio del suo distributore russo, annunciando così la serietà delle sue intenzioni e dei piani a lungo termine per il mercato russo. Le scarpe del marchio danese sono conosciute e amate da tempo in Russia. ...
06.04.2021 3755

Lo stabilimento Nordman sviluppa canali di vendita online e si affida alla sostituzione delle importazioni

Alexey Sorokin, direttore marketing della fabbrica Nordman, risponde alle domande di SR. Per 24 anni di lavoro, il team di una piccola impresa manifatturiera di Pskov si è trasformato in una grande impresa russa e un team di specialisti che lavora ...
02.02.2021 2286
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio