La Russia si calerà da sola ?!
24.12.2014 15268

La Russia si calerà da sola ?!

Nel contesto delle sanzioni economiche anti-russe e del patriottismo sciovinista in attivo aumento, si parla sempre più di un divieto all'importazione di abbigliamento e calzature stranieri al fine di stimolare lo sviluppo della produzione nazionale. "La Russia si calzerà da sola!" - scrivono gli utenti dei social network, non prestando attenzione al gioco insidioso di parole. Qual è la situazione reale nell'industria nazionale della pelle e delle calzature e se la Russia, se necessario, sarà in grado di calzare da sola, Shoes Report ha cercato di capirlo, utilizzando i materiali forniti dall'Unione russa dei pellettieri e calzolai.

A proposito di industria

L'industria della pelle russa è una delle più antiche industrie nazionali, sorse all'inizio del XVIII secolo, anche durante il regno di Pietro il Grande (lo zar riformatore nel 1721 emanò il suo decreto che vietava l'esportazione di pelli grezze "... in modo che gli stivali fossero fatti di pelle russa ..." e mise l'inizio della nascita dell'industria).

Questo segmento dell'industria leggera è l'unico, attualmente, che opera interamente con materie prime russe, fornisce pellami naturali per la produzione di calzature (anche per le forze armate), pelletteria, mobili, automobili; è socialmente significativo, poiché le imprese situate in molte regioni del paese sono spesso in formazione di città.

Molte aziende hanno una lunga storia e buone tradizioni nella produzione di calzature e pelletteria. Certo, l'industria ha subito diverse ricostruzioni, ma negli ultimi due decenni ha fatto una svolta: le imprese costruite prima del 1990 sono completamente tecnicamente aggiornate, una parte significativa delle obsolete attrezzature è stata sostituita da moderne attrezzature ad alte prestazioni, che consente la produzione di pelle e scarpe competitive (fino al 90% dei materiali sono scarpe industria), che sono richiesti dalla popolazione e dall'estero (le esportazioni di pelle e scarpe sono rispettivamente del 20% e del 10% circa). Al momento, abbiamo un settore aggiornato della pelletteria e delle calzature in Russia che produce prodotti competitivi di alta qualità.

Tecnologicamente, le concerie prevedono la lavorazione di un ciclo completo, dalle pelli grezze alla pelle finita. Oggi in Russia ci sono più di tre dozzine di concerie che producono oltre 220 milioni di metri quadrati. m vera pelle. Poco più della metà del volume delle materie prime viene trasformato in due grandi impianti, i volumi rimanenti vengono elaborati da medie e piccole imprese. Tutte le concerie sono dotate di moderne attrezzature tecnologiche italiane, ceche e spagnole.

Problema delle materie prime

Le materie prime per l'industria della pelle sono rifiuti di origine animale: pelli bovine e volumi insignificanti di pelli di suini, capre e pecore. La pelle dei piccoli bovini (capre, pecore) nel mondo è poco utilizzata a causa della loro piccola area, del loro piccolo spessore, delle proprietà specifiche e degli alti costi di lavorazione e le pelli blu sono diventate più utilizzate nell'industria alimentare. Contrariamente a numerose proposte, la sostituzione delle pelli bovine con altri tipi di materie prime non è possibile su scala industriale. La Russia non è tra le prime dieci in termini di bestiame e scuoiatura, classificando 12–13.

Nel 2014, con decreto del governo russo, materie prime di cuoio e semilavorati sono stati inclusi nell'elenco dei prodotti essenziali per il mercato interno della Federazione Russa, insieme a latte, grano, ecc. Il motivo di questa decisione era l'alto significato sociale e di difesa del prodotto.

Storicamente, le imprese russe usano solo materie prime domestiche. È più economico di quello europeo a un costo e ciò consente di emettere un prodotto finale di qualità a un prezzo molto ragionevole, inoltre, l'importazione di pelli grezze è limitata dalle norme veterinarie, dalla specificità delle merci durante il trasporto e dall'introduzione di divieti di esportazione in molti paesi delle materie prime. Nel 2001, su insistenza delle concerie, è stato imposto un dazio elevato, quasi proibitivo, sull'esportazione di pelli grezze dalla Russia, e nei prossimi 10 anni l'industria della pelle e delle scarpe si stava sviluppando molto attivamente, mostrando una crescita annuale dei volumi dal 13% al 17%. Tuttavia, altri processi sono andati in parallelo. Il numero di capi di bestiame diminuisce ogni anno, i confini con i paesi dell'Unione doganale hanno aperto, in base alle condizioni dell'OMC, i dazi sull'esportazione dei semilavorati di cuoio sono diminuiti e ridotti ogni anno sulle pelli grezze. Tutto ciò ha portato ad un aumento delle esportazioni di materie prime: pelli grezze - attraverso il confine con il Kazakistan e abbronzando i semilavorati verso i paesi dell'UE. Per la produzione interna, le risorse erano gravemente carenti. All'estero, le materie prime russe sono molto richieste per un basso prezzo di vendita (inferiore del 50-60% rispetto ai prezzi statunitensi ed europei) e di buona qualità.

Statistiche tristi

Secondo la dogana, nel 2012 sono state esportate dalla Russia 23,8 mila tonnellate di semilavorati in pelle, nel 2013 - già 27,4 mila tonnellate. In termini di materie prime, viene esportato fino al 30% delle migliori risorse di pelletteria, il che porta alla loro carenza nel paese. I principali esportatori di semilavorati dalla Russia sono aziende intermedie di prodotti di base, semplicemente parlando, rivenditori. Approfittando della loro posizione di detentori di materie prime, la trasformano su base a pedaggio in concerie in semilavorati ed esportano principalmente in Italia (fino all'80%).

Minori sono le risorse, minore è la produzione di cuoio e scarpe nel paese. Nel periodo 2012-2013, la produzione di pelle è diminuita del 13,4%, le scarpe di pelle - del 14,7%. Nel 2014 la situazione non è migliorata. La situazione attuale influisce negativamente sull'aspetto sociale: l'occupazione nel settore. Quindi, per la trasformazione di un'unità di materie prime in un prodotto semilavorato, è necessario un solo lavoratore, per la produzione di pelle finita sono necessarie 6 persone e scarpe finite - altre 24. L'esportazione di materie prime e semilavorati porta alla perdita di posti di lavoro.

Secondo le statistiche, nel 2012-2013 il numero di lavoratori impiegati in questo settore è diminuito di 7 mila persone, il che ha aumentato le tensioni sociali nelle regioni e ha richiesto fondi di bilancio aggiuntivi per le indennità di disoccupazione. Secondo una stima approssimativa, tale importo ammonta annualmente a 490 milioni di rubli.

Modi alternativi

In questa situazione, sembra ovvio la ricerca di nuove fonti di materie prime, compresa l'importazione di materie prime dall'estero. Ma anche qui non è facile. L'uso di materie prime europee e americane (pelli grezze e semilavorati) non è possibile per motivi economici: come detto sopra, i prezzi occidentali sono superiori del 50-60% rispetto a quelli russi. Nel costo della pelle finita, la percentuale di materie prime è circa la metà, quindi il suo acquisto ad un prezzo superiore del 50-60% rispetto a quello russo aumenterà il costo della pelle del 30%. Con una redditività della conceria di circa il 5,5% e un aumento dei costi del 30%, la produzione non sarebbe redditizia. Ciò comporterà un grave fallimento delle imprese.

Anche l'importazione di risorse dai paesi grezzi non è possibile a causa dell'introduzione in questi paesi di restrizioni e divieti all'esportazione di materie prime e semilavorati (India, Uzbekistan, Cina, Argentina e altri paesi), nonché di restrizioni veterinarie sulle importazioni in Russia.

I paesi vicini, membri dell'unione doganale, non possono essere fonti di risorse per le imprese russe. In Bielorussia e Kazakistan, i produttori stessi stanno vivendo una carenza di materie prime in pelle e le acquistano in Russia, riducendo i suoi volumi già piccoli nel nostro mercato interno. Inoltre, attraverso i confini aperti del Kazakistan, le materie prime russe vengono massicciamente esportate in contanti per il Kirghizistan e poi in Cina, lasciando senza materie prime le proprie imprese kazakestane che producono solo semilavorati e li esportano attraverso il Kirghizistan in Cina.

Misure di emergenza

In questa situazione, i produttori di pelle e scarpe (RSKO) hanno fatto appello al governo della Federazione Russa con la richiesta di prestare attenzione allo stato di questo segmento dell'industria leggera e di adottare misure di protezione. Nell'agosto 2014 è stato introdotto un divieto temporaneo (fino al 1 aprile 2015) sull'esportazione di semilavorati in pelle dalla Russia. Secondo gli esperti, la conservazione delle materie prime contribuirà a stabilizzare il mercato della pelle, aumentare la produzione di pelle per il consumo interno e risparmiare circa 2,3 miliardi di rubli per il bilancio statale.

Prodotto finale

Quasi tutte le scarpe di cuoio russe sono realizzate con materie prime domestiche. Il fatturato delle esportazioni di prodotti in pelle e calzature nel 2014 è stato di circa $ 260 milioni, a conferma della competitività dei prodotti russi. Il volume di produzione di articoli in pelle in Russia all'anno è di oltre 220 milioni di metri quadrati. Di questi, possono essere realizzate 80-90 milioni di paia di scarpe. Questo, ovviamente, non è sufficiente per evitare l'intero paese. Ma le ultime tendenze del mercato sono tali che le scarpe in pelle rappresentano solo un quarto del consumo.

Tutto è determinato dalla domanda del cliente. Secondo i dati ufficiali, la Russia consuma ogni anno circa 455 milioni di paia di scarpe. Di questi, di fabbricazione russa - 115 milioni di paia. Del volume totale di scarpe consumate dai russi ogni anno, le scarpe in pelle rappresentano oltre 100 milioni di paia, cioè poco più del 20%. Il resto delle scarpe è fatto di artificiali, materiali tessili, plastica, gomma e feltro. Se nel nostro paese vengono prodotti con successo tessuti, gomma e feltro, non abbiamo la produzione di materiali artificiali per la tomaia delle scarpe e di materie prime per il fondo delle scarpe. Pertanto, i produttori acquistano questi materiali o i loro pezzi grezzi all'estero: in Cina, Turchia e altri paesi.

La situazione nell'industria russa della pelle e delle calzature è complicata. Lo sviluppo della produzione interna dipende da vari fattori e presenta molti aspetti diversi, ma i principali sono solo due: la disponibilità di materie prime e la creazione di una concorrenza equa per tutti gli attori del mercato russo della pelle e delle calzature.

È necessaria la presenza di importazioni nel mercato russo, poiché si tratta della concorrenza e del movimento in avanti della nostra stessa industria. Ma è la concorrenza ineguale che ha luogo per molti anni che è il freno principale allo sviluppo della produzione russa. Ad esempio, per più di 10 anni, la pelle pronta è stata importata nel paese al prezzo delle materie prime (meno di $ 5 / mq) e il prezzo medio del contratto per le scarpe importate non supera gli $ 11 al paio, mentre i prezzi minimi al dettaglio hanno già superato i 40- 50 dollari / paio. In tali condizioni, è difficile per le imprese russe mantenere posizioni, riducendo costantemente la loro redditività.

Affinché la Russia si dimetta, è necessario che lo stato crei pari condizioni concorrenziali sia per le importazioni che per la produzione, ma per ora è economicamente inefficiente produrre in Russia, quindi la situazione richiede partecipazione attiva e sostegno da parte dello stato.

Le principali concerie della Russia

  • Fabbrica di Bogorodsky di pelli cromate, regione di Nizhny Novgorod
  • "VKP LT", Vyazma
  • Chevret, Volgograd
  • "Artex", Kirov
  • "Wahrushi-Yuft", regione di Kirov
  • Conceria Verkhnevolzhsky, Ostashkov
  • "Raskom", Rasskazovo
  • "Pelle russa", g. Ryazan
  • Conceria di Rybinsk, regione di Jaroslavl '
  • Fabbrica di cuoio Serpukhov “Trud”, regione di Mosca
  • Conceria Taganrog, Regione di Rostov
  • Conceria Taldom, Regione di Mosca
  • "Chrome", Yaroslavl
  • Conceria Spassky, Regione di Ryazan
  • "Skin", San Pietroburgo
  • Khromtan, Bogorodsk
  • "Bokoz", regione di Nizhny Novgorod
  • Chevro, Voronezh Region
  • Laika, territorio di Krasnodar
  • "Karista", Nalchik
  • "Safyan", Kazan
Nel contesto delle sanzioni economiche anti-russe e delle acclamazioni in aumento, si parla sempre più di patriottismo di vietare l'importazione di abbigliamento e calzature straniere al fine di stimolare lo sviluppo di ...
3.44
5
1
2
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Qual è l'errore dei fornitori di scarpe per bambini nel lavorare con le aziende all'ingrosso

Il tema del lavoro di fornitori e grossisti è stato più volte sollevato sulle pagine del nostro magazine da Alexander Borodin, esperto nella vendita di calzature per bambini, il manager dell'azienda Mila. In un'intervista con SR, Alexander ha raccontato perché sorgono le difficoltà, quali sono gli errori ...
18.07.2022 5915

Come lavorare con i mercati per evitare la concorrenza tra l'assortimento online e il negozio offline

Molti rivenditori e produttori di scarpe lavorano oggi con i mercati. Tuttavia, questa cooperazione ha sia i suoi vantaggi che i suoi svantaggi. Uno di questi è la concorrenza dell'assortimento online e offline, il deflusso di acquirenti reali verso i mercati,...
01.02.2022 7694

I produttori di scarpe brasiliani invitano gli acquirenti dalla Russia e dai paesi della CSI a incontri di lavoro in formato online

Dal 21 giugno al 2 luglio, in Russia e nei paesi limitrofi, si terranno incontri b2b online dei maggiori produttori brasiliani e buyer russi. Gli eventi sono sponsorizzati da Brazilian Footwear, un programma governativo che ...
07.06.2021 8975

DEOX rafforza la sua posizione di mercato

SR ha deciso di scoprire con quali problemi i calzolai russi dovevano vivere e lavorare e chiedere ai produttori di lavorare nella realtà odierna. Questa raccolta di materiali si concentrerà sull'impatto della pandemia di coronavirus sul business calzaturiero nazionale, ...
02.02.2021 9302

Lillian Roor, direttore vendite ARA in Russia: “ARA Shoes si impegna a essere il produttore più high-tech di calzature alla moda.

Il marchio di scarpe tedesco ARA è conosciuto e amato in Russia da molto tempo, sin dall'epoca sovietica. Quest'anno il marchio compirà 72 anni. L'azienda ha superato le difficoltà e le sfide causate dall'attuale pandemia di coronavirus e continua ad attuare i suoi piani. Sul…
17.05.2021 13806
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio