05.04.2011 8800

Gianmarco Lorenzi: Sia nella festa che nel mondo

Il primo negozio di calzature e abbigliamento Il Quattro è stato aperto nel 2001. Ora vende solo prodotti Made in Italy. È a questi marchi che appartiene Gianmarco Lorenzi. Da cinque anni la rete e il produttore italiano collaborano. Durante questo periodo, i partner si sono trasformati in amici e stanno discutendo dell'apertura di un singolo marchio. I piani di sviluppo del marchio in Russia, il CEO di Il Quattro Mikhail Sarukhanyan, sono stati condivisi con il editorialista di SR Eugenia Zharkikh.

www-IMG_8286.jpg- Come e quando hai notato il marchio italiano di calzature Gianmarco Lorenzi?

- Abbiamo iniziato a collaborare con Gianmarco Lorenzi 5 anni fa, nel 2004. Anche se ho sentito parlare di lei nel 1998. Ma poi non avevamo i nostri negozi, quindi non abbiamo avuto l'opportunità di comunicare direttamente con Gianni. Nel 2001 abbiamo aperto il nostro primo punto vendita, ma purtroppo le capacità finanziarie non ci hanno permesso di trattare con questo marchio, visto che il prezzo medio di acquisto delle scarpe Gianmarco Lorenzi è di circa 200-250 euro in Italia. Fortunatamente, la crisi del 1998 alla fine è passata. E un bel giorno al National Hotel, quando c'era una mostra di scarpe, abbiamo fatto il nostro primo ordine. A quel tempo, avevamo diversi marchi simili, quindi c'era concorrenza interna nel negozio - per tentativi ed errori, siamo giunti alla conclusione che le scarpe Gianmarco Lorenzi sono il marchio più forte nel settore in cui sono posizionate.

- Come immagini gli acquirenti di scarpe Gianmarco Lorenzi?

- Queste sono scarpe per donne sicure di sé che non hanno timore di camminare con i tacchi dagli 8 ai 15 centimetri. E non solo per camminare, ma anche per ballare danze popolari in discoteca (sorride. - Circa autore).

- La conoscenza di Gianni Renzi ha in qualche modo influenzato la tua collaborazione con la sua compagnia?

- Si può dire che in qualche misura ha influenzato. Una volta Gianni mi disse: "Misha, ti dirò una cosa, mi ascolti e tutto andrà bene." Gli risposi: "Sei una persona autorevole per me, sono pronto ad ascoltarti." Mi ha suggerito di rinunciare a marchi concorrenti e di lavorare con lui più da vicino. Ho deciso che se ha una vasta selezione di scarpe che possiamo vendere, allora, che senso abbiamo spruzzare su marchi diversi per non immaginarne adeguatamente uno. Sono trascorsi 5 anni, durante questo periodo abbiamo aperto un altro negozio in Nikolskaya Street sulla Piazza Rossa, dove si è tenuta una presentazione nel gennaio 2007. Gianni era, ovviamente, un ospite d'onore lì. Abbiamo invitato il famoso cantante italiano Albano Carrizi (Al Bano), abbiamo trascorso una serata fantastica per 250 persone, di cui 150 italiane: ambasciate, consolati, varie missioni commerciali italiane e rappresentanti dei marchi che rappresentiamo. Da allora, la nostra relazione è diventata più amichevole. Giuriamo come partner e comunichiamo come amici.

- Cosa puoi dire di questa azienda come fornitore?

- All'85-90%, tutto ci va bene. Se non fosse per le dogane, i documenti con lo sdoganamento delle importazioni, potremmo lavorare ancora meglio. Un ulteriore ordine della collezione è possibile, ma, sfortunatamente, non nella misura in cui vorremmo. Ha scarpe piuttosto specifiche, tacchi e piattaforme non standard, un'abbondanza di pietre, una combinazione di vari tipi di pelle e tessuto. È semplicemente fisicamente incapace di riprodurre l'intera collezione due o tre volte. È possibile ordinare modelli base, ma sfortunatamente non è realistico riordinare l'intera collezione. E chi è possibile adesso ?!

- L'azienda tiene conto dei tuoi desideri quando ordini una collezione?

- Sì certo Ad ogni mostra presentano circa 1000 prototipi, di cui selezioniamo 70-100 modelli. Ci sono alcuni modelli di base che ordiniamo esattamente come sono. Ci sono modelli di tendenza che ha visto in un certo colore, ad esempio in rosso saturo. Naturalmente, ordiniamo modelli in questo colore rosso, oltre a un paio di colori più standard. Di solito, quando ordiniamo nel 70% dei casi, cambiamo alcuni dettagli: pelle, cuciture, a volte altezza del tallone. Ma il concetto generale del modello rimane.

- Ora è il momento della crisi, è caduta la domanda di scarpe di questo marchio?

- Sì, c'è una diminuzione. Dopotutto, queste scarpe non sono per tutti i giorni. All'inizio della crisi, i nostri clienti abituali sono venuti da noi e si sono lamentati del fatto che non potevano acquistare 2 paia di scarpe da ogni nuova collezione, erano costretti a indossare scarpe più a lungo. Sfortunatamente, le persone non possono diffondere 30-40 mila rubli ogni 5 minuti ora. Ma dato che le scarpe Gianmarco Lorenzi sono progettate per una certa classe di persone, per oggi la domanda è ancora piuttosto alta.

- Per 5 anni di lavoro, quale considera il risultato più importante raggiunto dalla cooperazione con questo marchio? Cosa è importante per te in primo luogo: il denaro o lo stato del tuo negozio?

- Il denaro, ovviamente, è importante. Ma posso dire che grazie allo stretto lavoro con questo marchio, nel nostro negozio hanno iniziato a entrare ragazze più belle, c'erano giovani più rispettabili insieme a compagni affascinanti.

- Quali sono i tuoi piani per il futuro?

- Sono grandiosi e spero che diventino realtà. Ci stiamo avvicinando da due anni, ma la famigerata crisi ci ha reso un buon carrozzone. Sfortunatamente, non possiamo non fare i conti con questo. Abbiamo un'idea per aprire un singolo marchio sulla Piazza Rossa. Come ho detto, abbiamo un negozio in Nikolskaya Street, ha due sale. Vogliamo trasformare una delle sale in una boutique Gianmarco Lorenzi. Spero che nel prossimo futuro implementeremo questo progetto.

- Quale orizzonte di pianificazione usi per il marchio Gianmarco Lorenzi?

- Abbiamo in programma di lavorare per 6 mesi, ovvero effettuiamo i nostri ordini sei mesi prima della stagione. Ma ci sono anche degli svantaggi. Abbiamo ordinato un grande volume a marzo, quando tutto era calmo e a settembre è scoppiata una crisi. A questo proposito, abbiamo riscontrato alcune difficoltà che ora vengono superate.

- Quanto è interessato Gianmarco Lorenzi alla domanda e alle vendite nei tuoi negozi?

- Monitoriamo costantemente le vendite. Facciamo sondaggi con i clienti per capire le loro aspettative, comunicare costantemente con i fornitori, condividere con loro informazioni relative alla qualità del prodotto, pastiglie. Siamo in pieno contatto, senza questo è impossibile lavorare. Comunichiamo con il cliente finale. E disegna e disegna per lo stesso cliente finale. Se non sa quale sia la qualità della scarpa e quanto sia comoda, ciò non sarà molto corretto. Monitoriamo costantemente il processo.

- In che modo i rivenditori possono trovare un linguaggio comune con i fornitori? - Sfortunatamente, l'azienda ha delle specificità tali che è impossibile esistere senza conflitti. A volte un processo di persuasione del paziente viene in soccorso in una conversazione d'affari; a volte dici a una persona quello che vuole sentire in questo momento, dato il suo umore, poi dopo un po 'correggerai qualcosa. Posso affermare con sicurezza che la posizione dei nostri negozi ci consente di contare sulle migliori relazioni con i fornitori, dobbiamo tenere conto del nostro buon lavoro, delle relazioni amichevoli con i fornitori e con i nostri clienti. Spesso vediamo produttori nei nostri negozi, il che conferma i nostri buoni rapporti con loro. Un altro fattore importante è che forniamo il contatto dell'acquirente con il produttore. In questo caso, agisco come intermediario, mentre ricevo i miei dividendi.

Il primo negozio di calzature e abbigliamento Il Quattro è stato aperto nel 2001. Ora vende solo prodotti Made in Italy. È a questi marchi che appartiene Gianmarco Lorenzi. Già ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Siamo pronti per lo sviluppo attivo nel mercato russo

Friedrich Naumann, CEO del marchio Tamaris, ha parlato a Shoes Report dei piani ambiziosi dell'azienda, dello sviluppo del business in Russia e dell'espansione della rete di vendita al dettaglio, e ha anche condiviso dettagli sulle nuove collezioni e...
29.03.2024 2119

La fiera internazionale delle calzature Euro Shoes Premiere Collection si è tenuta con successo a Mosca

La più grande fiera russa di calzature e accessori, Euro Shoes, si è tenuta a Mosca dal 19 al 22 febbraio ed è diventata ancora una volta la piattaforma principale per l'incontro tra marchi di moda e...
29.02.2024 1933

Colori vivaci della primavera che si avvicina: il marchio di scarpe TAMARIS ha presentato una nuova collezione SS'24

Il marchio tedesco di scarpe e accessori Tamaris ha presentato una nuova collezione per la stagione primavera-estate 2024, che comprendeva modelli eleganti e comodi per ogni occasione. La collezione combina diversi temi alla moda e ogni donna troverà quello perfetto per se stessa...
27.02.2024 1912

IGI&Co ha presentato ad EURO SHOES una nuova linea di sneakers Urban active con membrana GORE-TEX

Il marchio di scarpe italiano IGI&Co, noto ai russi per le sue scarpe comode realizzate in vera pelle, ha lanciato una nuova linea IGI&Co Extra. Comprende modelli di scarpe da ginnastica da uomo e da donna (scarpe da ginnastica alte e basse) in diverse opzioni...
19.02.2024 1733

Il marchio turco Vaneda su Euro Shoes

Street style, sport, outdoor, militare: le principali direzioni stilistiche delle calzature dell'azienda turca
20.02.2024 2295
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio