GC "Bris-Bosphorus" Vyacheslav Zykov: "Vogliamo produrre un prodotto decente, che a un prezzo competerà con le scarpe cinesi".
22.03.2018 7260

GC "Bris-Bosphorus" Vyacheslav Zykov: "Vogliamo produrre un prodotto decente, che a un prezzo competerà con le scarpe cinesi".

All'inizio di maggio, una nuova fabbrica per la produzione di scarpe in vera pelle da parte del gruppo di aziende Bris-Bosphorus inizierà a operare a Novorossijsk, il cui investimento nella costruzione ammontava a 750 milioni di rubli. Uno dei più grandi produttori di scarpe russi del gruppo di aziende Bris-Bosphorus sta entrando in una nuova nicchia per sé: la sartoria delle scarpe in vera pelle. Sui prerequisiti per la costruzione di una nuova produzione in Russia e sui piani di sviluppo, il Rapporto Scarpe ha parlato con il Direttore Generale del gruppo di aziende Bris-Bosphorus, Vyacheslav Zykov.

Vyacheslav Zykov Vyacheslav Zykov - Direttore generale del gruppo di società Bris-Bosphorus


La società Bris-Bosphorus è conosciuta come un grande produttore russo di scarpe economiche. Non hai ancora avuto a che fare con le scarpe di cuoio, qual è la ragione del desiderio di entrare in questo segmento e costruire un nuovo stabilimento a Novorossijsk?

Vyacheslav Zykov: "Bris Bosphorus" produce scarpe nel segmento a basso prezzo, abbiamo deciso per noi stessi che vogliamo aumentare il conto medio. Il fatto è che per noi non c'è molta differenza: lavorare con vera pelle o ecopelle. Allo stesso tempo, vediamo che la Cina è più debole nella produzione di scarpe in vera pelle, il che significa che possiamo competere con loro in questa direzione. Siamo in grado di produrre un buon prodotto a un prezzo molto competitivo.

Per fare questo, modernizzeremo la fabbrica, introdurremo nuove tecnologie nella gestione della produzione, useremo molti robot che erano stati precedentemente abbandonati, abbiamo molti nuovi nodi aggiuntivi. Ad esempio, ricamo laser, stampa fotografica, stampa 3D: prima di ordinare queste operazioni da qualche parte sul lato, oggi le facciamo da sole. La nostra fabbrica era in precedenza altamente tecnologica, ma ora vogliamo fare un altro passo avanti.

Probabilmente, la diminuzione del valore del rublo nel 2014 è diventata anche un prerequisito per lo sviluppo della produzione interna: le fabbriche russe hanno avuto l'opportunità di competere con le imprese cinesi?

In realtà, non è così. Quando ci viene detto dagli stand sul vantaggio che i produttori russi hanno avuto in relazione alla riduzione del valore del rublo, questa è una bufala. Spiegherò perché. Operiamo nel mercato globale e, non appena il rublo è crollato nel 2014, i produttori cinesi hanno immediatamente abbassato i prezzi di almeno il 20-30%. Prezzi ridotti e marchi europei. Al contrario, i nostri produttori di materie prime li hanno allevati in modo che oggi sia diventato più redditizio portare materie prime chimiche dall'estero. In generale, quando parliamo di ridurre il valore del rublo, intendi il tasso di cambio del rublo nel 2014 - 75 rubli per dollaro, o oggi - 56 rubli per dollaro?

Bene, a giudicare dalle recensioni di altri produttori, ad esempio il proprietario della società MakFine Armen Valeryevich Avetisyan, ha senso produrre scarpe in Russia al ritmo attuale. Ma la situazione potrebbe cambiare se il rublo continua a rafforzarsi ...

Sono pronto a discutere con lui. Credo che a un tasso di 56 rubli per dollaro, non sia redditizio produrre.

Ma non lo stai facendo a tuo danno?

Siamo una delle poche aziende di scarpe russe che si è davvero sviluppata in modo dinamico in tutti questi anni. Se osservi le dinamiche di crescita della produzione di scarpe russe dal 2004, questa crescita è dovuta principalmente alla crescita della produzione di Bris-Bosphorus. Perché abbiamo sempre introdotto nuove tecnologie e ridimensionato il processo. Anche in Cina, trovare una fabbrica che produce circa 10 milioni di paia non è facile. È un grande volume di produzione che ci consente di ridurre i costi. Inoltre, nella nostra fabbrica, siamo impegnati in un lavoro molto serio per ottimizzare i costi. Ad esempio, se nel 2012 abbiamo portato l'80% dei componenti dalla Cina, ora è solo il 25%. E il prossimo anno vogliamo aumentare la percentuale di componenti importati al 15%. Il nuovo stabilimento comprende anche la produzione indipendente di componenti, il che riduce la nostra dipendenza dalla Cina. Per questo motivo, rimaniamo a galla.

Ma parlando del mercato nel suo insieme, posso affermare con certezza che l'attuale tasso di cambio è un killer per qualsiasi settore. Non solo è instabile ..., in Cina, ad esempio, hanno installato 6,3 e tutti sanno che un tale corso continuerà per un anno. Se fissassimo il corso per un anno e revisionassimo, ad esempio, il 1 ° gennaio 10%, l'intera economia sarebbe regolata, tutti passerebbero a questo corso, qualcosa potrebbe essere pianificato.

E ora, a qualsiasi delle nostre variazioni di prezzo, i cinesi reagiscono all'istante, cambiano il prezzo in un giorno, abbassano il prezzo, vendono la merce e partono. Non pagano le tasse, non pagano le tasse, il contrabbando com'era e lo è ancora. È molto difficile competere in tali condizioni! Questo è il motivo per cui sono pronto a discutere, discutere, dare esempi e dimostrare che non è redditizio impegnarsi nella produzione nel nostro paese nelle condizioni esistenti.

Calzaturificio "Bris-Bosphorus" Calzaturificio "Bris-Bosphorus"

Continuerai a produrre scarpe nel segmento a basso prezzo?

Abbiamo in programma di produrre scarpe che tutti possano indossare, nonché grandi marchi internazionali europei che offrono prodotti eccellenti a un prezzo accessibile. Vogliamo produrre un prodotto decente, che a un prezzo possa competere con le scarpe cinesi.

Molti di questi marchi si concentrano sul design, sulla risposta rapida alle tendenze. Hai ancora scarpe alla moda o casual?

Tradizionalmente, "Bris-Bosphorus" produce produzione in serie. Dal primo giorno della sua apertura fino ad oggi, la nostra azienda ha prodotto oltre 250 milioni di paia di scarpe. Le nostre scarpe sono in quasi tutte le famiglie. Ora, come prima, ci concentriamo sulla produzione di scarpe popolari di tutti i giorni.

Un volume di produzione sufficientemente ampio comporta lo sviluppo della propria vendita al dettaglio? Come saranno organizzate le vendite?

Abbiamo una piccola rete di vendita al dettaglio (nota editoriale: una catena di negozi di scarpe con i marchi Fabbris e Our Shoes ha 110 punti vendita), ma non abbiamo l'obiettivo di sviluppare i nostri marchi di scarpe. Il nostro negozio al dettaglio è uno dei clienti della nostra fabbrica, effettuerà anche ordini di scarpe da cucito alla nostra produzione, così come altri.

L'interno del negozio "Le nostre scarpe", gruppo commerciale al dettaglio di società "Bris-Bosphorus" L'interno del negozio "Le nostre scarpe", gruppo commerciale al dettaglio di società "Bris-Bosphorus"

Comprendo correttamente che la fabbrica mira principalmente a lavorare in base al contratto? Servire gli ordini per le scarpe sartoriali?

Sì, oggi lavoriamo in questo modo e il numero dei nostri clienti che effettuano ordini con noi è in costante crescita. Oggi, i nostri marchi non possono essere chiamati marchi. Non investiamo in pubblicità, non facciamo promozione. Prima di tutto, commerciamo nel prezzo. Ma quando offriamo un tipo di prodotto nella rete, ad esempio, in Auchan, con cui lavoriamo, i rivenditori spesso accettano di portare il prodotto in rete per il test con il nostro marchio. Il primo anno vendono merci con il nostro marchio e l'anno successivo, spesso, chiedono di rilasciare gli stessi prodotti, ma già con il marchio della rete.

Quali opportunità avrà la tua nuova produzione, oltre a produrre scarpe con la pelle? Quali sono le opportunità che la nuova fabbrica è pronta a fornire ai suoi clienti?

Disponiamo di macchine per calzature in poliuretano su cui prevediamo di produrre scarpe per iniezione. Avremo una linea automatizzata per verniciare suole su stampaggio automatico, una linea di serraggio automatizzata. Abbiamo cercato di migliorare tutto al fine di ridurre i costi. Saremo in grado di produrre scarpe a livello di fabbriche italiane al prezzo della Cina, o anche del 10-15% in meno rispetto alla concorrenza cinese. La Cina nel poliuretano non è molto forte, anche se sta cercando di svilupparlo, mentre ha ancora questo punto debole.

Quali sono gli investimenti nell'ammodernamento della produzione?

Un totale di circa 750 milioni di rubli. Abbiamo ricevuto circa 200 milioni di rubli dal Fondo per lo sviluppo industriale, altri 200 milioni dagli investimenti della Vostochny Bank, il resto dai nostri fondi.

Quando verrà lanciato il nuovo stabilimento?

Penso che entro il primo maggio verrà rilasciato il primo lotto di scarpe.

Probabilmente hai sentito che Zenden sta costruendo una fabbrica in Crimea, la tua produzione è a Novorossijsk. Zenden ha incontrato il problema di trovare personale che lavorasse in fabbrica, non hai avuto tali difficoltà?

Con il personale: tutti hanno problemi. Andrei (ndr: Andrei Pavlov, capo del gruppo Zenden) ha perfettamente ragione, la cosa più difficile non sono le automobili, ma le persone. È molto difficile trovare specialisti, cerchiamo di educare le persone, non abbiamo paura di diventare giovani. Ad esempio, ora abbiamo preso tre ragazzi di design: studenti del primo anno. Lavorano con noi e stiamo provando a crescere da loro professionisti nel loro campo. Di questi tre, è probabile che la società ne abbia uno. La creazione di una squadra in qualsiasi produzione è di anni. Il nostro team ha più di 20 anni e lo capiamo e apprezziamo coloro che lavorano con noi.

A Novorossijsk, le persone sono felici di andare a lavorare in fabbrica? Perché, a quanto ho capito, in Crimea il problema è che nessuno vuole lavorare nella produzione.

Abbiamo avuto una situazione simile quando abbiamo iniziato. Abbiamo riunito la prima brigata, il primo giorno sono arrivate dieci persone: abbiamo insegnato loro qualcosa, il giorno dopo non sono venute. Ha riunito dieci nuove persone, la stessa storia. Poi uno dei nostri partner dice: "Ci hanno torturato!" Si tolse la giacca, prese un pennello, si sedette sul ruscello e ci fece sedere accanto a lui. E così abbiamo iniziato a rilasciare le prime coppie insieme a lui. Poi si è avvicinato un operaio, il secondo, e una settimana dopo è stato reclutato un team permanente di dieci persone, che poi hanno continuato a lavorare e abbiamo iniziato a guidare.

Sono sicuro che ci sono specialisti in Crimea e questa produzione potrebbe funzionare, ma non subito. Dico che, come esperto addetto alla produzione, ho lanciato molte direzioni, è impossibile organizzare tutto con un clic. Ci saranno errori, sovrapposizioni ... Dobbiamo finire ciò che abbiamo iniziato ad avere, avere pazienza, vedere i nostri errori, provare a risolverli.

È anche importante creare condizioni per le persone. Nel 2008 avremmo costruito un dormitorio per 1000 persone, non c'erano abbastanza persone.

Costruito?

No, non l'hanno costruito, in quel momento la crisi ha colpito. Quindi ci aspettavamo anche che la crisi offrisse nuove opportunità di crescita. Ma, come nella recente crisi, il tasso è stato inizialmente aumentato a 45 rubli per dollaro, per poi scendere a 32.

All'inizio hai fatto una domanda: "perché tutto ciò non ha funzionato?" - Non dimenticare che negli ultimi due anni i dazi doganali sull'importazione di scarpe sono stati letteralmente azzerati. Nessuno ne parla, tutti hanno dimenticato. L'adesione all'OMC è stata un vero disastro per il nostro settore!

Sembra fin dall'inizio che era chiaro che l'OMC non è un vantaggio per lo sviluppo dell'industria leggera domestica, ma forse lo stato ha vinto in altri settori ...

Non so dove abbiamo vinto, ma conosco una cosa: un paese che non produce da solo sconfitte a valore aggiunto. Questo è scritto nel famoso libro "Capitale". Parlare di globalismo significa ingannare di nuovo le persone. Siamo pronti a dare il nostro mercato alla mercé di tutti. Oltre 25 anni di contrabbando, un'enorme quantità di denaro è stata pompata fuori dal paese e Cina, Vietnam e Turchia ne hanno beneficiato. Questi paesi sono fabbriche ricche e costruite, ora hanno tutte le infrastrutture e ora ottengono un altro vantaggio: zero duty. Ma io, come proprietario della fabbrica, non ho un posto dove andare, combatterò fino alla fine!

Il nuovo stabilimento "Bris Bosphorus" a Novorossijsk occuperà un'area di 7,5 mila metri quadrati. Il nuovo stabilimento "Bris Bosphorus" a Novorossijsk occuperà un'area di 7,5 mila metri quadrati.

E quando ti è venuta l'idea di modernizzare la fabbrica?

L'idea è maturata da molto tempo, abbiamo visto che la nicchia delle scarpe in pelle è promettente. Inoltre, vogliamo differenziare i rischi: non è possibile produrre scarpe in un solo segmento. Tutto è iniziato nel 2014, ma è stato dedicato molto tempo alla progettazione e all'attuazione del progetto.

Cosa ne pensi dell'iniziativa sull'etichettatura delle scarpe?

Nel 2008, parlando al governo alla Casa Bianca, abbiamo sollevato questo problema. I bielorussi hanno introdotto il marchio nel 2010, se non sbaglio. Cioè, funziona. Ma con noi, sfortunatamente, nessuno ne aveva bisogno, il contrabbando si adattava a tutti.

Ma l'altro giorno, Rospotrebnadzor ha pubblicato un rapporto su audit su larga scala di documenti di certificazione e qualità dei prodotti nelle fabbriche di scarpe e al dettaglio ...

Sai, consegniamo prodotti a grandi catene di negozi e recentemente abbiamo riscontrato il fatto che Rospotrebnadzor, a seguito dell'analisi di un campione di prodotto, ha rivelato un eccesso della norma di uno dei componenti, che in realtà non abbiamo nemmeno usato in produzione. ... In generale, tutti questi controlli spesso danneggiano solo i giocatori onesti. Lasciate che Rospotrebnadzor ci dica l'ultima volta che le ispezioni sono state condotte nel mercato di Lublino, dove c'è un vero dominio di contrabbando e contraffazione di vestiti e scarpe!

Cioè, tutti questi controlli sono solo polvere negli occhi?

Tu stesso hai dato a questo processo la giusta definizione.

L'etichettatura può in qualche modo aiutare a risolvere il problema?

Onestamente, lo spero davvero!

Quali sono i tuoi piani per lo sviluppo del business per i prossimi cinque anni?

Riteniamo che l'anno scorso sia stato piuttosto difficile per noi stessi, le distrazioni degli investimenti non potevano che influire sui risultati aziendali - il 2017 è stato anche peggio del 2016. Il fatturato consolidato dell'azienda, insieme al commercio al dettaglio, nel 2017 è stato di 2,7 miliardi di rubli. Nel 2018, vogliamo aumentare questa cifra del 30%, piani di entrate nel canale all'ingrosso - 3,3 miliardi di rubli e prevediamo di produrre circa 17 milioni di paia di scarpe. Il prossimo anno prevediamo di aumentare il fatturato a 4,5 miliardi di rubli e produrre 21 milioni di paia. Tre anni dopo, il nostro obiettivo in termini di fatturato nel canale all'ingrosso è di 5 miliardi di rubli e in termini di produzione - 25 milioni di paia.

Gruppo di società "Bris-Bosphorus" fondata nel 1994. I calzaturifici "Bris-Bosphorus", situati a Mosca e nel Territorio di Krasnodar, producono circa 20 milioni di paia di scarpe all'anno per assortimento di uomini, donne e bambini per vari scopi funzionali. Le fabbriche producono indipendentemente suole, solette e accessori per scarpe di vari materiali. La propria rete di negozi di scarpe con i marchi Fabbris e Our Shoes ammonta a 110 punti. Ricavi nel 2017: 2,7 miliardi di rubli.

A inizio maggio a Novorossiysk entrerà in funzione un nuovo stabilimento per la produzione di calzature in vera pelle del gruppo di società Bris-Bosfor, i cui investimenti nella costruzione sono stati di 750 milioni ...
2.94
5
1
2
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Siamo pronti per lo sviluppo attivo nel mercato russo

Friedrich Naumann, CEO del marchio Tamaris, ha parlato a Shoes Report dei piani ambiziosi dell'azienda, dello sviluppo del business in Russia e dell'espansione della rete di vendita al dettaglio, e ha anche condiviso dettagli sulle nuove collezioni e...
29.03.2024 2303

La fiera internazionale delle calzature Euro Shoes Premiere Collection si è tenuta con successo a Mosca

La più grande fiera russa di calzature e accessori, Euro Shoes, si è tenuta a Mosca dal 19 al 22 febbraio ed è diventata ancora una volta la piattaforma principale per l'incontro tra marchi di moda e...
29.02.2024 2138

Colori vivaci della primavera che si avvicina: il marchio di scarpe TAMARIS ha presentato una nuova collezione SS'24

Il marchio tedesco di scarpe e accessori Tamaris ha presentato una nuova collezione per la stagione primavera-estate 2024, che comprendeva modelli eleganti e comodi per ogni occasione. La collezione combina diversi temi alla moda e ogni donna troverà quello perfetto per se stessa...
27.02.2024 2087

IGI&Co ha presentato ad EURO SHOES una nuova linea di sneakers Urban active con membrana GORE-TEX

Il marchio di scarpe italiano IGI&Co, noto ai russi per le sue scarpe comode realizzate in vera pelle, ha lanciato una nuova linea IGI&Co Extra. Comprende modelli di scarpe da ginnastica da uomo e da donna (scarpe da ginnastica alte e basse) in diverse opzioni...
19.02.2024 1892

Il marchio turco Vaneda su Euro Shoes

Street style, sport, outdoor, militare: le principali direzioni stilistiche delle calzature dell'azienda turca
20.02.2024 2466
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio