Nutsa Modebadze: "Penso che tutto ciò che è necessario per raggiungere la padronanza sia dentro una persona, e tutto ciò può essere rivelato."
28.01.2019 8099

Nutsa Modebadze: "Penso che tutto ciò che è necessario per raggiungere la padronanza sia dentro una persona, e tutto ciò può essere rivelato."

Nutsa Modebadze, designer di scarpe e borse fatte a mano, originaria della Georgia, ha iniziato la sua attività a Mosca, quindi si è trasferita a Bali, dove rilascia collezioni di scarpe e borse presso la villa, che vengono regolarmente presentate alla settimana della moda a Parigi. E sebbene il marchio Nutsa Modebadze non sia presente per nulla nei negozi di Mosca, i suoi clienti di Mosca continuano a monitorare il suo lavoro, così come i produttori di scarpe che rispondono con grande rispetto. Shoes Report ha parlato con Nutsa di come è stato creato il suo marchio e dei segreti delle sue capacità.

Per favore, dicci come hai iniziato la tua attività a Mosca?

Sono volato a Mosca nel 2004 o 2003, sono un po 'confuso nei numeri, solo per riposarmi, ma ho pensato che potevo restare, e così è successo. A Mosca ho avuto molte conoscenze, ho frequentato molto. Una volta andato a una festa, mi sono reso conto che non avevo una borsa adatta. Con le scarpe andava tutto bene, ho indossato Vivienne Westwood, questa è la mia marca preferita, e ho deciso di montare la borsa da sola. Cucisco da quando avevo sei anni, anche a Mosca avevo un amico per il quale cucivo personalmente i vestiti. A quel tempo, avevo una gonna di pelle rossa vintage nel mio guardaroba, da cui ho assemblato una piccola borsa in una busta. 

Dopo, mi è sembrato di aver spento la realtà, di sistemarmi a casa e di iniziare a progettare e cucire borse. Tutti i soldi investiti nella pelle. È vero, per 2-3 anni non ho venduto nulla, ho solo cucito e donato i miei lavori ai migliori amici che li indossavano. Ad un certo punto hanno iniziato a chiedermi di vendere, per molto tempo ho rifiutato, ho mantenuto il marchio. Quindi, quando ho deciso, il mio primo cliente ha immediatamente acquistato quasi tutto ciò che avevo. Ho investito di nuovo i soldi nella pelle, nei materiali e ho continuato quello che ho iniziato. All'inizio ho lavorato in un piccolo appartamento, poi è apparso un laboratorio ad Arbat, dove avevo un assistente.

Ho cucito tutto con la mia mano. Ogni modello è uscito in un'unica copia, non ne ho mai fatte copie, quindi ho venduto le mie borse piuttosto costose. È stato difficile sviluppare l'attività in Russia, perché a quel tempo c'erano poche persone che apprezzavano e indossavano oggetti unici fatti a mano. 

Alla fine sono riuscito a dimostrare di valere qualcosa ea promuovere il mio marchio, anche se ero molto stanco. Il marchio andava davvero bene allora, guadagnavo molto, vendevo a Tsvetnoy, dal primo giorno di apertura del grande magazzino e in 10-15 negozi. Il profitto era buono, ma non ho mai considerato i soldi. Ho investito tutti i soldi nel lavoro e fino ad oggi investo tutto nel marchio.

Mi piace spendere soldi per la mia pelle, investire nello sviluppo, mi piace molto.


Hai iniziato a fare scarpe anche in Russia?

No. Le scarpe sono apparse quando ho capito che volevo lasciare la Russia. Ho raggiunto il massimo nella promozione del mio marchio e ad un certo punto volevo sistemarmi, dove è più tranquillo.

Ho scritto a diversi produttori di scarpe di Tbilisi che hanno insegnato artigianato calzaturiero e ne ho scelto uno, volando a studiare con il proprietario del marchio di calzature Shoesofrenia Irakli Bochorishvili. Ho studiato con Eraclio per esattamente nove mesi. I primi mesi sono andati ad allenare la struttura del piede - dove è possibile lasciare andare la cucitura, dove è impossibile e così via ... Studiare era quasi come a scuola, solo in questo caso io stesso ho scelto quello che voglio imparare, ho preso solo il più necessario. Ci sono voluti diversi mesi per imparare a creare modelli, ho imparato a realizzare dei cuscinetti, ne ha di plastica.

Cinque mesi dopo, stavo collezionando due paia di scarpe al giorno, motivo per cui l'intera squadra di Eraclio era sotto shock, non avevano mai visto una cosa del genere. Ho lavorato dalle 7 alle 12 tutti i giorni senza giorni liberi, a volte mi sono persino dimenticato di mangiare.

Quando mi resi conto di sapere tutto e di dire addio a Eraclio, decisi che sarei volato a New York e lì avrei riavviato il marchio e aperto un atelier. Ma un amico mi ha scritto che esiste una villa libera a Bali dove puoi vivere, rilassarti per sei mesi e l'ho preso per me stesso.

Ho portato a Bali in pelle, una suola, una macchina da cucire, tutti i miei strumenti, ho guadagnato circa 80 chilogrammi, tutto ciò che era necessario per lavorare. Dopo due mesi di riposo, ho iniziato uno stupore, mi sono reso conto che non potevo stare fermo, ho iniziato a girare per Bali, cercare alcune fabbriche, artigiani. In due mesi ho trovato tutto per iniziare a cucire. E poi quando ho capito quanto adorano il lavoro manuale a Bali, quanto lo apprezzano tutti - tutti fanno qualcosa manualmente, ho deciso di restare. Ho affittato una grande villa per vivere e per l'officina ho trovato dei lavoratori. Circa tre anni dopo aver studiato con Eraclio, non vendevo scarpe, ho solo sperimentato, ho cercato di trovare una specie di linea, come elaborarla, come montarla correttamente. Ci sono milioni di tutti i tipi di momenti che sono solo i miei e nessuno li conosce. E ora sono stato a Bali per 8 anni, per circa sette anni e mezzo ho fatto scarpe e per cinque anni le ho vendute.

Il marchio è salito a Bali molto rapidamente, ho preso gli ordini dal negozio online, i clienti di Mosca sono rimasti, erano soliti comprare borse, ora ordinano anche scarpe. Volano da me, guarda le ultime novità. Pubblico online circa il 40% della gamma dei miei modelli, ho un numero enorme di scarpe esclusive che non mostro pubblicamente. Sull'isola non vendiamo nulla, lavoriamo per l'esportazione.


Ora probabilmente non sei l'unico a lavorare, hai un maestro?

Certo, non colleziono nulla da molto tempo, solo i primi nuovi modelli. Ad esempio, è nata un'idea e il team e io abbiamo raccolto le scarpe in due ore. Sulle pastiglie, io stesso non stringo nulla. Anche se di recente ho voluto, e io stesso ho realizzato delle pantofole estive, le ho raccolte in sole tre ore. Ho circa 8 persone maestri. Due specialisti in cima e sei persone che raccolgono le scarpe, ma non lavorano sempre per me. Quando c'è un flusso di ordini, tutti lavorano, quando si svolge la settimana della moda a Parigi, e lavoriamo solo per il negozio online, e attiro solo una parte dei maestri.

Tuttavia, nessun modello di scarpa prodotto nel nostro studio è confezionato senza di me. Niente viene fuori dallo studio fino a quando non vedo tutto da solo e finalmente lo lucido.

Molti sono sorpresi: come può una donna tirare le scarpe sui cuscinetti? È fisicamente difficile ?!

È molto difficile. Posso solo dire attraverso il mio corpo che non ho mai fatto yoga o sport. Non ho fatto nulla per far apparire i miei muscoli, ma durante i mesi in cui ho studiato con Eraclio, sono comparsi da soli, mi sono letteralmente prosciugato. Quando ho iniziato a cucire le borse, mi è sembrato complicato, ma gradualmente è diventato facile e volevo fare qualcosa di più complicato.

C'è qualche peculiarità di lavorare con la pelle di un serpente, una lucertola, un rettile, rispetto ai prodotti in pelle di vitello da cucire?

Sì, c'è una differenza. Questa pelle ha una consistenza simile alla carta, non si strappa, è resistente e non di gomma, non si allunga molto come una pelle di pecora o di capra e più dura o qualcosa del genere.


E ora sei venduto in qualche negozio in Russia?

No, in Russia non sono in vendita da nessuna parte. Quando lasciai Mosca, le mie borse furono vendute a Tsvetnoy, nel negozio B-Design del mio amico Oli Marquez. Ma ora a Mosca - è già andato, forse ne varrebbe la pena farlo, ma sono più concentrato sullo sviluppo delle vendite negli Stati Uniti. Ho un gran numero di ordini da Los Angeles. Le mie scarpe sono vendute in tutto il mondo, a partire dal Canada, nei negozi regolari e online.

E in francia?

In Francia, no. Abbiamo avuto un paio di suggerimenti. Ma scelgo con cura i negozi in cui inserisco il mio marchio. Non sarò comunque venduto dove.

Adesso hai scarpe, accessori e vestiti?

C'è. Ma non lo mostro. È venduta solo a lei. Un paio di stagioni fa, ho guidato a Parigi una collezione di abiti. Ma, secondo me, i vestiti sono molto facili da cucire, mi piace fare cose più complesse. Se dai vestiti, allora giacche di pelle. Lavoro ancora con loro sui motivi e sulla pelle, sulla semina ...

E quando hai presentato la tua collezione per la prima volta alla settimana della moda di Parigi?

Nel 2015 ho tenuto le prime due mostre a Parigi. Quindi ho partecipato alla settimana della moda per tre stagioni consecutive e poi ho avuto un incidente in moto a Bali. Sono stato in coma per cinque giorni e circa sei mesi sono tornato in me. Dopo di ciò ho temporaneamente messo da parte Parigi. Ancora una volta sono volato a Parigi nel 2017. Ora, dopo aver ripreso la partecipazione alla Fashion Week, è la mia quarta stagione. Quando è accaduto l'incidente, i miei amici di Parigi mi hanno scritto che tutti dicevano che Nutsa si era schiantato su una moto e non sarebbe venuto in questa stagione. Tutti lo sapevano e i miei clienti lo sapevano, quindi per l'azienda è andata senza conseguenze. Ma in generale, a quanto ho capito, se sei già volato a Parigi e stai facendo una mostra, allora non puoi fermarti, tutto dovrebbe essere pianificato.


Ti sei ripreso attraverso l'attività online o partecipando alle Fashion Weeks?

Prima di partecipare alle Fashion Week, avevo ordini privati. Quindi tutto ha iniziato a funzionare in modo diverso. Alla settimana della moda, c'è una clientela, i negozi vengono acquistati lì e nelle vendite online, l'altro è il consumatore finale. Stranamente, ho una grande comunità di streghe negli Stati Uniti tra i clienti. Ci sono modelli da corsa che acquistano, ci sono anche motociclisti e parecchie persone che non hanno nulla a che fare con la moda.

Ritieni che l'educazione all'arte e al design sia necessaria per produrre interessanti scarpe eleganti?

Io penso di no. La scuola è necessaria, ovviamente, devi conoscere l'approccio classico di come assemblare le scarpe sul blocco, dove puoi fare una cucitura, quale rivestimento puoi usare, come assemblare un tacco in pelle, come incollarlo tutto ... Questo è tutto ciò che devi sapere, ma niente di più. E il resto dovrebbe essere intuizione. Penso che tutto ciò che è necessario per raggiungere la padronanza sia dentro una persona, e tutto ciò può essere rivelato.



La designer di scarpe e borse fatte a mano, originaria della Georgia, Nutsa Modebadze ha iniziato la sua attività a Mosca, per poi trasferirsi a Bali, dove pubblica collezioni di scarpe e borse nella villa, che sono regolarmente ...
3.66
5
1
4
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Collezioni collaudate e nuove

PETER KAISER PRIMAVERA/ESTATE 2025
16.07.2024 1687

Verso Mosca: sviluppo della catena MASCOTTE in un nuovo concetto

Il marchio di scarpe, abbigliamento e accessori Mascotte continua a sviluppare attivamente la rete in un nuovo concetto. Spazi rinnovati sono apparsi a Mosca nel centro commerciale VEGAS KASHIRSKOE al 1° piano (superficie di oltre 300 m²) e nel centro commerciale Vesna al 1° piano...
25.06.2024 12735

Classici alla moda di PETER KAISER

PIRMAZENS INCONTRA LA NUOVA COLLEZIONE PRIMAVERA-ESTATE 2025 DI PETER KAISER.
10.06.2024 1836

La fiera internazionale delle calzature Euro Shoes Premiere Collection si è tenuta con successo a Mosca

La più grande fiera russa di calzature e accessori, Euro Shoes, si è tenuta a Mosca dal 19 al 22 febbraio ed è diventata ancora una volta la piattaforma principale per l'incontro tra marchi di moda e...
29.02.2024 5147

Siamo pronti per lo sviluppo attivo nel mercato russo

Friedrich Naumann, CEO del marchio Tamaris, ha parlato a Shoes Report dei piani ambiziosi dell'azienda, dello sviluppo del business in Russia e dell'espansione della rete di vendita al dettaglio, e ha anche condiviso dettagli sulle nuove collezioni e...
29.03.2024 4566
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio