Rieker
"Il paese ha bisogno di partecipazioni commerciali e produttive e stiamo intraprendendo la creazione di tale impresa". Andrey Pavlov
19.07.2016 7309

"Il paese ha bisogno di partecipazioni commerciali e produttive e stiamo intraprendendo la creazione di tale impresa". Andrey Pavlov

"Ho letto il libro di Suvorov e ha scritto:" tieni la testa fredda, la pancia affamata, i piedi caldi ", e mi sono reso conto che dobbiamo lavorare sulle scarpe!" - sorride il presidente della società Zenden Andrei Pavlov. Non sarebbe appropriato tracciare qui alcune analogie, ma i piani del capo della società calzaturiera russa sono globali: la costruzione di una grande azienda commerciale e industriale, le cui basi sono già state gettate.

Zenden_shoes.JPG

Andrey Pavlov: Possiamo iniziare subito descrivendo la situazione generale del mercato. In effetti, proprio a causa della situazione attuale, molte aziende come Thomas Munz lasceranno il mercato.

Rapporto sulle scarpe: Ora, sembra, c'è una tendenza a restituire la produzione di calzature in Russia? ..

Andrey Pavlov: Queste sono tutte fiabe, è impossibile lasciare la Cina, così come è impossibile lasciare l'India e da altri paesi. Ma non abbiamo abbastanza fabbriche, non ha senso economico impegnarsi nella produzione in Russia. Naturalmente, la crisi ha colpito, il dollaro è aumentato, ma i cicli di produzione sono molte volte più lunghi di quelli commerciali. Puoi aprire un negozio in un mese, ma ci vogliono anni per aprire una fabbrica. Ora il dollaro è alto e tra due anni il suo valore potrebbe ridursi di nuovo, e a causa del fatto che il produttore ha un ciclo lungo, a un certo punto gli mancherà sicuramente il registratore di cassa. Se non ci sono cambiamenti nella parte della legislazione fiscale relativa ai privilegi per le attività commerciali e manifatturiere, allora tutto tornerà alla normalità.

Rapporto sulle scarpe: Mi sembra che specificamente la tua azienda sia supportata dallo stato?

Andrey Pavlov: Ne abbiamo parlato, viene fornito supporto, stiamo costruendo una fabbrica nella zona economica libera in Crimea, dove ci sono benefici. Ma tutti questi vantaggi sono ora livellati dal costo della logistica. Ora stiamo valutando la costruzione del primo modulo, per il quale dobbiamo portare i pannelli a parete. La consegna di questi pannelli, per un costo di 12 milioni di rubli, è di circa 4 milioni e, se la costruzione fosse effettuata in periferia, la consegna costerebbe 400 mila rubli. Produrre in Crimea è ora molte volte più costoso. E se ci sono privilegi per l'imposta sul reddito lì, non vedremo questo profitto per molti anni, perché la logistica mangerà tutto. E, tuttavia, questo progetto è interessante per noi, siamo pronti a gestirlo senza pensare al denaro.

Rapporto sulle scarpe: Qual è l'interesse?

Andrey Pavlov: Interesse a costruire, costruire, si potrebbe dire, l'impulso di Komsomol. Se fossi assicurato contro le perdite, sarei garantito di essere impegnato nella produzione. Quanto guadagno - un rublo, due o cinque, non importa se, nel complesso, sarà redditizio.

Rapporto sulle scarpe: Comprendo correttamente che ti concentri sul segmento a basso prezzo e produci scarpe facili da fabbricare?

Andrey Pavlov: Abbiamo scarpe e più complicate: si tratta di scarpe da uomo in pelle modello, nel segmento meno media. Prezzo Paia di scarpe basse da uomo in pelle al dettaglio - circa 3 mila rubli. Alcune donne producono anche scarpe da donna in Russia, ma penso che su 100 milioni di paia di produzione ufficiale di calzature nel paese, la maggior parte sia assemblata solo qui. Pantofole, ardesie, sandali sono facili da montare. La localizzazione della produzione spesso non supera il 20-30%.

Rapporto sulle scarpe: Di recente hai acquisito il marchio di calzature e il commercio al dettaglio di Thomas Munz. Inoltre, hai grandi progetti per lo sviluppo della rete Zenden, aprirai 40 negozi quest'anno. Cosa spiega la crescita in un momento così difficile?

Andrey Pavlov: In linea di principio, attualmente non esistono attori al dettaglio con una quota sufficiente nel mercato calzaturiero russo. C'era un solo giocatore del Centro, ma hanno dei problemi. Allo stesso tempo, guarda al mercato tedesco, le vendite di Deichmann - $ 5 miliardi con una popolazione di 80 milioni di persone! E il nostro leader di mercato non ha nemmeno mezzo miliardo di dollari, e questo nonostante il fatto che la popolazione della Russia sia da una volta e mezza a due volte più che in Germania. Perché così Perché il mercato russo è sostanzialmente grigio. Ora lo stato ha iniziato a mettere le cose in ordine, non è diventato così facile andare in Turchia e portare una valigia di scarpe da lì, la Cina è lontana, stanno sistemando le cose alla dogana.

Il mercato calzaturiero nazionale nella sua interezza è un mercato di varie ottimizzazioni - dogane, tasse. Pertanto, c'erano migliaia, decine di migliaia di giocatori. La copertura di schemi, la chiusura di banche di schemi porta a un imbiancamento del mercato.

Rapporto sulle scarpe: E cosa sta succedendo con lo stesso Centro, Carlo Pazolini, a causa del fatto che il mercato è imbiancato?

Andrey Pavlov: No, il fatto è che eravamo in una situazione in cui c'erano poche aziende di scarpe "bianche" sul mercato, puoi contarle sulle dita, e allo stesso tempo - decine di migliaia di giocatori in un campo grigio. È stato disastrosamente difficile sopravvivere. Da un lato, le multinazionali delle calzature stanno finendo - andiamo a Zara, Bershka, H&M - tutti hanno una capsule di scarpe. Allo stesso tempo, sono più efficienti nell'affitto, nell'acquisto e nel finanziamento. Andiamo a Gloria Jeans, Yours è una capsule di scarpe. La quota di vendita di queste scarpe è in crescita. Uno ha portato 200 mila, altri 500 mila, il terzo - un milione ... Ma c'è solo un mercato!

Da un lato, queste società ci stanno schiacciando, dall'altro ipermercati: O'Key, Auchan e altri hanno iniziato a schiacciarci. Vendono scarpe da ginnastica, mentre Auchan può scambiare con un margine del 30-40%, ma non possiamo. Questo a causa di tutto ciò, i giocatori russi che sono pronti a lavorare onestamente non si sentono molto bene - Carlo Pazolini, Centro - nessuno ha davvero profitti speciali, e quindi stiamo passando dal pane all'acqua.

Rapporto sulle scarpe: Che tipo di problemi ha avuto Thomas Munz?

Andrey Pavlov: La società è piccola, con tali volumi è difficile tirare i costi di transazione. Dopo che Thomas Munz è entrato a far parte della nostra attività, i costi operativi di questa attività al dettaglio sono diminuiti di un fattore tre a causa della chiusura dell'ufficio cinese e dell'ottimizzazione della logistica. In generale, Thomas Munz è l'ex M-Shuz, una delle più antiche aziende di scarpe in Russia, che hanno iniziato nella prima metà degli anni '90. Io stesso ho lavorato con loro nel 1995, ho comprato scarpe da loro, che poi ho venduto a Luzhniki, quindi ho iniziato la mia attività. Quindi era una società puramente all'ingrosso, avevano i loro negozi al dettaglio 5-6 anni fa.

Ora il proprietario di Thomas Munz, fuori dal settore calzaturiero, ha deciso di fare qualcos'altro. Il settore calzaturiero richiede una completa immersione, tutto il giorno, non si tratta del noleggio di locali: ho consegnato e sono andato da qualche parte per riposare. Molto probabilmente, il proprietario è solo stanco. Dopotutto, è necessario monitorare costantemente la concorrenza, la moda, guardare avanti un anno, cucinare costantemente in questo pasticcio e il business è diventato più difficile.

Rapporto sulle scarpe: E cosa ne pensi dei marchi tedeschi, mentre mantengono i prezzi, li hanno congelati?

Andrey Pavlov: No, i prezzi delle scarpe tedesche sono aumentati quasi in proporzione all'euro e al dollaro. Commerciamo questi marchi! L'aumento è stato più o meno leggermente inferiore al corso, tenere presente che né il noleggio né lo stipendio sono aumentati in Russia. Vediamo che il dollaro è cresciuto, ma allo stesso tempo le valute mondiali - lo yuan, la lira turca sono cadute contro il dollaro e le merci sono lungi dall'essere prodotte in Germania! Yuan svalutato dal cinque al sette percento, anche il costo delle merci in dollari è diminuito. Se tutto questo viene calcolato, si scopre che la crescita è stata proporzionale.

Nessuno butterà giù i marchi tedeschi dal mercato, loro, a differenza dei marchi russi, per i quali il mercato di vendita è tutta la Russia, ci sono ancora paesi europei. E nessuno ci sta aspettando in Europa, né in Germania, né in Polonia. Centro e Kari sono già andati in Polonia ... - I polacchi non compreranno scarpe russe, soprattutto perché non sono uniche. I russi all'estero non sono previsti e annunceranno anche alcune sanzioni, allo stesso tempo, il nostro mercato russo è condiviso da tutto il mondo.

Rapporto sulle scarpe: Quali decisioni del governo potrebbero aiutare lo sviluppo della sostituzione delle importazioni?

Andrey Pavlov: Vantaggi per la produzione e il rafforzamento delle esigenze commerciali. Ad esempio, hanno introdotto un'imposta sui contatori, una tassa commerciale, che deve essere rafforzata. Tutti i privilegi concessi oggi alle piccole imprese sono, in effetti, privilegi per i rappresentanti di marchi stranieri. Decine di migliaia di giocatori nel mercato delle scarpe sono seduti su UTII, ma questi imprenditori pagano troppo l'affitto nei centri commerciali.

Si prega di notare che in quasi tutti i centri commerciali del paese, tutti i posti migliori sono occupati da marchi stranieri. La vendita al dettaglio russa è dispersa negli angoli. Allo stesso tempo, le compagnie russe pagano da due a tre volte di più per gli affitti rispetto agli stranieri, perché tutti i benefici che i commercianti danno sono presi dai proprietari.

Supponiamo che un locatario di uno spazio commerciale come noi paghi il 23-25% delle imposte sul fatturato: IVA, imposta sul reddito e stipendio. E la tassa pagata da un piccolo imprenditore è solo del 2%! Nelle regioni, tutto è in UTII.

Lo sviluppatore comprende che un piccolo imprenditore esente da imposte è in grado di pagare l'affitto a una tariffa più elevata e gli chiede di pagare il 18 o il 20% del fatturato. E quando arriva il marchio europeo, come inquilino di ancoraggio, accetta di pagare solo il 5% - 7% del fatturato, e il centro commerciale lo incontra.

Rapporto sulle scarpe: Quali sono i requisiti per i rivenditori?

Andrey Pavlov: Innanzitutto, abbiamo bisogno di trasparenza nei rapporti di affitto. Abbiamo il ventesimo capitolo del codice fiscale, in cui si afferma che la differenza di prezzo dello stesso prodotto non deve superare il 20%. Se le tariffe di noleggio nel centro commerciale sono informazioni aperte, l'imposta potrebbe chiedere: perché c'è una tale differenza? - Perché qualcuno affitta un metro di spazio commerciale per 1000 rubli e qualcuno per 5000? Se ora non difendiamo il nostro mercato, saremo tutti portati fuori di qui. D'accordo, non è affatto difficile per una grande società occidentale organizzare un back office e vendere beni al costo per un anno, guadagnando in Germania, Polonia e Belgio. Per gli stranieri, il mercato russo rappresenta l'1-2% delle loro vendite. Con questo 2% puoi combattere, spremere i concorrenti. In molti paesi, questa è una fase già completata.

Oggi, la situazione potrebbe essere a favore del produttore russo, ma i cicli di produzione sono lunghi. Molti dei nostri produttori hanno sperimentato cinque di questi cicli dall'inizio degli anni '90. Sono venuti un po 'in vita e hanno immediatamente ricevuto un cappello - una dogana gratuita o un dollaro basso. E cosa hanno ottenuto in 20 anni? Hanno costruito potenti aziende manifatturiere? - No Com'era la fabbrica, lo è - oggi un po 'di più, domani un po' di meno. E ora abbasseranno il dollaro a 45 rubli e il nostro produttore sarà di nuovo in svantaggio.

IMG_5898.JPG

Rapporto sulle scarpe: Ma, nonostante tutti questi rischi, stai ancora costruendo una fabbrica?

Andrey Pavlov: Stiamo costruendo. Ma per la nostra azienda questo non è il principale progetto commerciale, facciamo soldi nella vendita al dettaglio. L'anima sta semplicemente nella produzione, ma avevamo già le nostre fabbriche. Ho chiuso l'ultimo stabilimento nel 2007 a Borovsk, nella regione di Kaluga. E l'hanno costruito da zero. Dapprima ha lavorato ad Obninsk, poi è stata trasportata a Borovsk, dove è durata cinque anni, ed è stata chiusa. La produzione è diventata assolutamente non redditizia, inutile. Anche ora può essere svantaggioso, è più facile cucire scarpe in Cina, in India, da qualche altra parte, ma voglio farlo. Se la produzione non è sviluppata ora, le ultime competenze nelle persone semplicemente spariranno. Riesci a immaginare cosa accadrà al paese se tutti commerceranno? La politica fiscale nel paese deve essere cambiata, ora abbiamo tutte le condizioni create esclusivamente per l'importazione!

Rapporto sulle scarpe: Sembra che queste conversazioni siano in corso da molto tempo, ma non succede nulla?

Andrey Pavlov: La situazione ha iniziato a cambiare. In tutto il paese, ora operano zone economiche libere e zone di sviluppo accelerato. Il movimento è attivo, in cima capiscono anche che senza produzione - da nessuna parte.

Rapporto sulle scarpe: Tutti si lamentano del fatto che non abbiamo abbastanza persone che vogliono lavorare nella produzione ...

Andrey Pavlov: Sono d'accordo Quale motivazione ha una persona? L'onere fiscale per un lavoratore in produzione è superiore all'80%, IVA inclusa. E come, in tali condizioni, come datore di lavoro, posso fornire al mio dipendente un buon stipendio sul posto di lavoro? E, per definizione, dovrebbe essere più elevato rispetto alla vendita al dettaglio! In Crimea, la fabbrica lavora per noi, è in affitto. Il primo laboratorio - circa 700 metri, circa 4-5 mila paia al mese che già produciamo. Prima dell'apertura della prima fase della fabbrica, prevista per la fine dell'anno, dobbiamo formare 100 persone. Le persone vengono da ogni parte con background diversi.

Rapporto sulle scarpe: Quanto velocemente puoi allenarti?

Andrey Pavlov: Dipende dalla specializzazione. Puoi insegnare l'imballaggio in un giorno. Per addestrare una sarta - un mese, due, tre. Ma ci vogliono anni per diventare un maestro.

Rapporto sulle scarpe: C'è una convinzione così comune che ogni nazione ha il suo talento in una particolare attività. Vediamo che gli italiani hanno talento nel settore della moda e i russi ce l'hanno?

Andrey Pavlov: I russi sono probabilmente le persone più talentuose al mondo. Negli ultimi 100 anni, il nostro paese è stato derubato e fucilato, quindi molte persone sono state distrutte e ancora stiamo crescendo. Se non tocchiamo il paese, gli diamo 20 anni di buon sviluppo, trasferiamo il vettore dei benefici alla produzione, proteggiamo i nostri mercati, potremmo diventare leader mondiali.

Rapporto sulle scarpe: Di conseguenza, hai ancora una sensazione positiva da ciò che sta accadendo nell'economia del paese?

Andrey Pavlov: Certo, positivo.

Spero che il trend di sviluppo continui e forse ci sarà un miglioramento qualitativo. Ho una dozzina di proposte per migliorare il sistema economico nel paese. Ad esempio, la legge sugli orari di apertura dei negozi. In Germania, i negozi di scarpe funzionano dalle 11 alle 18.30 e durante questo periodo le persone riescono a comprare le scarpe da sole, perché i negozi di scarpe in Russia lavorano dalle 10 alle 10. Se riduciamo il lavoro del negozio di due ore, un milione di lavoratori apparirà immediatamente nell'economia. Ma non abbiamo disoccupazione! Ma la riduzione della giornata lavorativa nel commercio al dettaglio dovrebbe essere stabilita dalla legge, altrimenti nessuno lo farà. Perché se riduco le ore di lavoro sulla mia rete e i concorrenti no, perderò i clienti e la mia attività non trarrà alcun vantaggio economico da un simile passo. Inoltre, i negozi operano spesso all'interno di centri commerciali, che hanno il loro orario e si applicano a tutti gli inquilini.

Rapporto sulle scarpe: Quali sono i tuoi piani per lo sviluppo del business entro la fine di quest'anno?

Andrey Pavlov: I piani sono di aprire 40 negozi Zenden e 10 negozi Thomas Munz. Prevediamo inoltre di aumentare le entrate annuali a 16 miliardi di rubli.

Rapporto sulle scarpe: Sei soddisfatto dei risultati commerciali di oggi?

Andrey Pavlov: Sono lieto che esistiamo e stiamo sviluppando, che abbiamo venduto le nostre 6 coppie quell'anno e quest'anno quasi 400000 milioni. Questo è davvero fantastico. E prevediamo di continuare il nostro sviluppo, siamo pronti a prendere in considerazione le proposte di reti di scarpe per fusioni, proposte di fabbriche. Siamo pronti per l'acquisto. Il paese ha bisogno di partecipazioni commerciali e produttive e stiamo intraprendendo la creazione di tale impresa.


In un'intervista a Shoes Report, il presidente di Zenden, Andrei Pavlov, ha parlato della costruzione di una produzione di scarpe in Crimea, dell'acquisto della vendita al dettaglio di Thomas Munz e delle specifiche della scarpa russa ...
2.93
5
1
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Incontri online con produttori di scarpe brasiliani

Dal 21 giugno al 2 luglio 2021 in Russia e nei paesi della CSI si terranno incontri B2B online con le più grandi fabbriche di scarpe del Brasile Gli incontri sono volti a stabilire contatti commerciali tra produttori di scarpe brasiliani e partner dalla Russia e ...
25.05.2021 1751

Un nuovo marchio russo di scarpe da donna Razumno è entrato nel mercato

La semplicità qualitativa è uno dei valori principali del nuovo marchio Razumno e della sua fondatrice Alena Lozovskaya, figlia di un calzolaio (Mikhail Lozovsky) e sorella di un sarto, mentre si posiziona su Instagram. La presentazione della collezione del brand è avvenuta ...
19.05.2021 1301

Analpa sta preparando una sorpresa per gli acquirenti di Euro Shoes

Dopo una pausa, Analpa prenderà nuovamente parte alla prima collezione di Euro Shoes, che si terrà dall'1 al 4 marzo al Main Stage.
16.02.2021 2902

Caprice: il futuro dopo la crisi

Il 2020 è già storia. È probabile che il nuovo anno porti nuove sfide all'industria calzaturiera. E il produttore di calzature CAPRICE della tedesca Pirmasens è ben preparato per questo. In un'intervista, l'amministratore delegato di Caprice Jürgen Kölsch spiega ...
16.03.2021 2663

Alla moda, confortevole, ecologico. Tutto sul marchio MARCO TOZZI

La nuova collezione MARCO TOZZI autunno-inverno 2021/22 si confronta favorevolmente con le precedenti con un livello ancora più elevato di qualità dei materiali utilizzati e un rinnovamento più globale dell'assortimento. Raccordi laconici combinati con la combinazione "giusta" ...
17.03.2021 3857
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio