Come mostrare il prezzo: nove regole importanti
20.05.2014 13463

Come mostrare il prezzo: nove regole importanti

Che taglia dovrebbero essere i cartellini dei prezzi? Il costo del prodotto deve essere mostrato in vetrina? Perché alcuni POS-materiali non funzionano? Marina Polkovnikova, esperta nel campo del visual merchandising dei negozi di moda e proprietaria dell'agenzia, risponde a queste e ad altre domande sul posizionamento dei prezzi nel merchandising. VM-Cononsulenza.

 Marina Polkovnikova - il titolare dell'agenzia di visual merchandising nel campo del fashion VM-consulting, consulente di merchandising e store design con 12 anni di esperienza, membro della giuria degli annuali ProFashion Awards. Docente presso l'Art & Image Institute, formatore presso le business school di Mosca, Novosibirsk, Irkutsk, Izhevsk, Bryansk e Perm. Partecipante regolare a corsi di formazione e seminari nel campo del merchandising, soluzioni di illuminazione e formazione del personale. Partecipante a programmi TV e Fitness Summit 2013 come esperto invitato.

 VM-consulting È un'agenzia di visual merchandising per negozi di moda. Fornisce un'ampia gamma di servizi, dall'allestimento di vetrine all'audit del merchandising, alla ricomposizione di un negozio VM e alla formazione del personale. Più di 1000 clienti utilizzano i prodotti dell'agenzia, più di 350 vetrine uniche sono state create e messe in funzione commerciale, più di 500 persone sono state formate, più di 60 negozi sono stati aperti.

 www.vm-consulting.ru

 Venditori e acquirenti sono spesso preoccupati di come il prezzo previsto corrisponda al valore effettivo del prodotto. Sento spesso frasi come "Questo è troppo costoso!" o "Quanto a buon mercato ... persino sospettoso!" Pensieri simili appaiono nella mente di un visitatore quando il design e il layout del negozio non corrispondono al prezzo reale del prodotto venduto. Per evitare che ciò accada, è importante non solo abbinare l'aspetto del negozio al segmento in cui opera, ma anche lavorare correttamente con cartellini dei prezzi, portaprezzi e materiali POS. In questo articolo cercherò di spiegare le regole di base da seguire quando si lavora con questi elementi di visual merchandising.

 

Regola # 1: il prezzo deve essere sempre sull'etichetta. Non importa in quale segmento di prezzo opera il tuo negozio, l'acquirente dovrebbe essere in grado di capire il prezzo del prodotto senza l'aiuto del venditore. Il cartellino del prezzo nascosto nella parte posteriore dello stivale, sul quale è scritto tutto - dal materiale unico al numero di lotto - tranne la cosa più importante, fa sentire l'acquirente a disagio e diffidente nei confronti del negozio. "Il prezzo è così alto che non vogliono spaventarmi con esso?" o "Cosa c'è di sbagliato in questo prodotto se il negozio nasconde il suo valore?" - approssimativamente tali pensieri possono sorgere nella mente di un cliente e nessuno di essi aggiunge uno status al negozio.

 

Regola numero 2: Il prezzo dovrebbe occupare dal 20% al 40% del prezzo. Questa è l'area ottimale affinché il prezzo sia distinguibile e leggibile sullo sfondo di altre informazioni aggiuntive, come la composizione del prodotto o il produttore. In questo caso, non dovresti dare più spazio al prezzo, altrimenti le informazioni aggiuntive non verranno lette. Tutto ciò che il cliente non riesce a vedere facilmente lo irrita e gli fa trasferire l'irritazione al prodotto stesso o addirittura al negozio nel suo insieme.

 

Regola n. 3: maggiore è il segmento di prezzo di un prodotto, minore dovrebbe essere il prezzo sull'etichetta. I prezzi, scritti con colori ampi e luminosi, sono tipici dei negozi di fascia bassa. L'acquirente è già abituato a questo e inconsciamente percepisce un prezzo elevato come redditizio, basso e dispendioso. Ma la convenienza non è il motivo per gli acquirenti di scarpe nel segmento di prezzo medio. Pertanto, non confondere i visitatori del negozio con prezzi elevati. Lascia che il prezzo sulle etichette non superi il 30%.

 

Regola n. 4: è necessario mostrare il costo della merce nella vetrina. Il cliente dovrebbe essere in grado di capire fin dall'inizio se il negozio è interessante per lui, e in questo è aiutato dai prezzi degli articoli indicatori posti in vetrina. Ma c'è un'eccezione a questa regola: i marchi premium potrebbero non indicare il costo del prodotto. Non dovrebbe importare ai loro clienti.

 

Regola # 5: la dimensione del cartellino del prezzo nella vetrina è importante. Il prezzo è stato inserito informazioni sui prezzi per un gruppo di merci, ad esempio, presentate su manichini. La stessa regola di percezione si applica qui: più significa meno, meno significa di più. Pertanto, minore è il segmento di prezzo del prodotto, maggiore dovrebbe essere la dimensione del titolare del prezzo. Per i negozi nel segmento di prezzo medio, la dimensione ottimale è A5.

 

Regola # 6: durante il periodo di vendita, la differenza di prezzo dovrebbe essere indicata sul cartellino del prezzo. Per fare ciò, il prezzo precedente viene cancellato e il nuovo prezzo viene scritto in un numero maggiore accanto ad esso. Non trascurare questa regola, perché funziona davvero grazie alla sua chiarezza.

 

Regola numero 7: POS-I materiali dovrebbero essere il più semplice possibile. I materiali POS perfettamente progettati contengono un minimo di testo scritto in caratteri luminosi e contrastanti e trasmettono brevemente un'idea, ad esempio "1 + 1 = 3". I visitatori non leggono i supporti informativi se contengono troppe informazioni, quindi, più semplice e chiaro è il messaggio sul supporto POS, maggiori sono le sue possibilità di essere letto.

Regola numero 8: In un piccolo negozio, è consentito utilizzare non più di 3 tipi di supporti di informazioni. Stiamo parlando di vettori di informazioni che informano su una proposta commerciale: l'arrivo di una nuova collezione, promozioni, sconti, saldi. Se il tuo negozio occupa non più di 100 metri quadrati, non sovraccaricarlo con diversi tipi di tali supporti, altrimenti l'acquirente si confonderà e, infastidito, se ne andrà senza acquistare.

 Regola n. 9: non avere informazioni sugli sconti nell'area di pagamento. Nonostante il fatto che la cassa sia una delle aree più visitate del negozio, promuovere sconti qui non è solo inutile, ma anche dannoso. In primo luogo, l'acquirente paga già per il prodotto, quindi le informazioni sulla promozione non sono rilevanti per lui. In secondo luogo, avendo visto le informazioni sugli sconti, l'acquirente può abbandonare un acquisto quasi perfetto, anche se proviene da una nuova collezione. Non tentare il cliente!

Di che dimensione dovrebbero essere i cartellini dei prezzi? Il costo della merce deve essere visualizzato nella vetrina di un negozio? Perché alcuni materiali POS non funzionano? A queste e altre domande dedicate al posizionamento dei prezzi in ...
3.1
5
1
2
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Un negozio di scarpe dovrebbe spendere soldi per gli schermi digitali?

Sicuramente molti di voi hanno prestato attenzione agli schermi nei negozi di abbigliamento e calzature e qualcuno potrebbe aver pensato di acquistarli per i propri punti vendita. O forse li hai già acquistati e persino installati. Gli schermi nelle vetrine dei negozi e nel trading floor sono uno...
05.04.2023 5313

Errori nell'illuminazione dell'area vendita che rovinano l'impressione di un negozio di scarpe

L'illuminazione professionale, correttamente selezionata e di alta qualità nell'area di vendita e nelle vetrine dei negozi di scarpe garantisce il successo con i clienti. Ma realizzarlo non è facile. Un approccio olistico alla progettazione illuminotecnica...
16.11.2021 12509

Aspetti tecnici dello spazio espositivo e tendenze attuali nel suo design

La creazione e la decorazione di vetrine è un'intera arte. Affinché la parte espositiva del tuo negozio funzioni al 100%, devi pensarci attentamente concettualmente e prepararla tecnicamente. SR esperta in visual merchandising, progettazione di vetrine e...
16.09.2021 13420

Regole di progettazione per un negozio di scarpe e accessori

Quando visiti un negozio di scarpe, come cliente, presti attenzione a come è organizzata l'area di vendita: dov'è la cassa, dov'è la zona fitting e c'è abbastanza di quest'area all'interno del negozio o c'è una fila di chi voglio provare le scarpe, ma non...
31.05.2021 32499

Trasformazione del visual merchandising di scarpe e accessori influenzati dalla pandemia

Le restrizioni sulla pandemia e sulla quarantena hanno portato a cambiamenti globali in tutte le aree, compresa la vendita al dettaglio di moda. Le nuove condizioni richiedono un adattamento. La solvibilità e il comportamento del cliente sono cambiati in modo significativo durante la pandemia, il formato ...
25.05.2021 11701
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio