MICAM: la crisi non ha risparmiato il settore calzaturiero italiano
01.07.2011 12451

MICAM: la crisi non ha risparmiato il settore calzaturiero italiano

Oggi, quando gli indicatori macroeconomici indicano un miglioramento della situazione finanziaria nel mondo, gli industriali e gli uomini d'affari non sono ancora completamente sicuri della stabilità e continuano a fare acquisti con estrema cautela e prudenza. Con questa affermazione, ha iniziato il suo intervento all'inaugurazione della mostra di scarpe MICAM di settembre, tenutasi due volte l'anno a Milano, presidente dell'Associazione Italiana Calzaturifici (ANCI) Vito Artioli.

SR71-Mir_shoe_rynok-MICAM_2.jpgSecondo ANCI, la ripresa economica di cui tutti parlano non ha ancora colpito l'industria calzaturiera italiana. La metà degli operatori intervistati dall'associazione prevede una stabilizzazione del settore nella seconda metà del 2009, mentre il 40% degli intervistati prevede un peggioramento sia sui mercati esteri che su quello interno. Ma MICAM ShoEvent continua ad essere un punto d'appoggio per l'intero settore calzaturiero; i numeri parlano chiaro: 1601 espositori su 71 metri quadrati ".

“Nonostante le cose non stiano andando nel migliore dei modi sia per le aziende che per i lavoratori, cerchiamo di non pensare ai peggiori scenari della crisi”, ha detto il presidente dell'ANCI Vito Artioli. “Sappiamo che questa crisi non dipende dalle nostre capacità personali o dalla qualità dei nostri prodotti. La nostra competitività rimane la stessa. Ciò che sta accadendo nel mondo ora è una crisi nata nel settore finanziario. Non siamo responsabili di questa recessione economica, ma siamo pronti a cogliere l'opportunità e investire in vecchi mercati ed esplorarne di nuovi ".

Nel mercato interno italiano, la situazione sembra meno preoccupante che nei mercati esteri. Nella prima metà del 2009, le famiglie hanno ridotto la spesa per le scarpe dello 0,4% in volume e dell'1,1% in contanti. Il costo medio delle scarpe acquistate dagli italiani è diminuito dello 0,7%. Questi indicatori non sono causati tanto dalla crisi quanto dall'incertezza delle persone nel futuro.

"Fino ad ora, il mercato interno italiano è stato abbastanza stabile, ma i prossimi mesi ci faranno preoccupare", ha continuato il presidente dell'ANCI. - La nostra associazione ha monitorato da vicino le dinamiche delle discussioni politiche causate dall'introduzione della legge n. 99. Obbliga i marchi italiani a indicare il paese di origine. La legge è entrata in vigore il 15 agosto, ma ora ci sono voci sul suo possibile congelamento. È estremamente importante che il consumatore sappia da dove viene prodotto il prodotto e non da dove provenga il marchio. E, naturalmente, è necessario raggiungere l'equalizzazione delle condizioni in cui le società italiane e straniere operano, innanzitutto, per quanto riguarda l'espansione degli obblighi di etichettatura. Dobbiamo essere sicuri che la legge n. 99 sia un modo equo per gestire un'etichetta made in che possa proteggere i consumatori dai prodotti pseudo-italiani ”.

SR71-Mir_shoe_rynok-MICAM_3.jpgA livello internazionale, la situazione è più complicata. Per i produttori di scarpe italiani sono crollati contemporaneamente diversi mercati: Stati Uniti (-29,3% in termini di valore), Russia (-25%) e Ucraina (-34,6%), che danno alla crisi nuove carte vincenti. La dinamica positiva è mantenuta dalla Grecia (+ 7,7% in termini di valore) e dalla Spagna (+ 0,7% in termini di vendite, ma -9,4% in termini di valore).

In generale, i dati sul mercato dell'UE non sono cambiati molto: -12,1% nelle vendite e -9,7% in valore. Ciò è dovuto in gran parte alle vendite stabili in Francia (-2,2% in volume e -1,3% in valore), che è il principale mercato per le scarpe italiane, e in Germania, dove c'è un calo del 9,7% delle vendite . "Le vendite di scarpe italiane nei mercati esteri al di fuori dell'Unione Europea in aprile e maggio sono diminuite di oltre il 20%", ha dichiarato Vito Artioli. - Durante i primi cinque mesi del 2009, la domanda è diminuita del 14,6% in valore e del 16% in volume. Sembrerebbe che queste cifre non siano affatto ottimistiche sullo sfondo di tutte le esportazioni italiane, che sono diminuite del 25% da gennaio a maggio. Gli indicatori dei produttori di abbigliamento rimangono vicini ai nostri (-14,1% in volume), mentre le perdite dell'industria tessile suscitano maggiore preoccupazione (-27,4%). Si scopre che l'industria calzaturiera è uno dei settori più stabili dell'economia italiana. ”

Anche le importazioni sono diminuite notevolmente in termini di volumi: nei primi cinque mesi del 2009 sono state importate in Italia quasi 28 milioni di paia di scarpe rispetto allo stesso periodo del 2008. Questa riduzione è del 15,5%. Tuttavia, in termini di valore, gli indicatori sono aumentati del 5,5% rispetto all'anno precedente, a causa di un significativo aumento del prezzo medio per un paio di scarpe (+ 24,9%).

"L'aumento dei prezzi medi all'importazione è dovuto a una significativa riduzione delle importazioni dalla Cina, il cui prezzo medio per un paio di scarpe è di 4,37 euro, che rappresenta circa 1/3 del costo medio dei prodotti importati in Italia da altri paesi", ha affermato il presidente dell'ANCI . "I nostri dati attuali dimostrano l'efficacia delle misure antidumping e, allo stesso tempo, è necessario prestare maggiore attenzione all'importazione di scarpe da paesi terzi".

L'attuale situazione economica ha influito sull'occupazione. Il dipartimento di ricerca ANCI conferma che 1839 persone hanno perso il lavoro nel settore calzaturiero nel primo trimestre del 2009. Il numero di posti di lavoro è diminuito del 2,1%. Allo stesso tempo, 143 aziende produttrici di scarpe hanno chiuso.

Oggi, quando gli indicatori macroeconomici indicano un miglioramento della situazione finanziaria nel mondo, gli industriali e gli uomini d'affari non sono ancora completamente sicuri della stabilità e continuano a fare acquisti ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Euro Shoes inizia tra un mese a Mosca!

Manca meno di un mese alla principale fiera di scarpe e accessori in Russia: Euro Shoes Premiere Collection. L’evento si svolgerà dal 19 al 22 febbraio a Mosca presso l’Expocenter e, come sempre, in collaborazione con la più grande fiera internazionale russa…
23.01.2024 2779

Euro Shoes inizierà ad operare il 19 febbraio a Mosca!

La sessione invernale della fiera internazionale di calzature e accessori Euro Shoes premiere collection si terrà a Mosca presso l'Expocenter dal 19 al 22 febbraio. Gli organizzatori promettono la presenza di tutti i principali partecipanti alla fiera, così come nuovi nomi provenienti da paesi...
13.02.2024 2915

La fiera Euro Shoes @ CAF si è tenuta con successo ad Almaty

La fiera Euro Shoes @ CAF si è tenuta con successo ad Almaty. Dall’11 al 13 marzo, il salone internazionale di abbigliamento, calzature e accessori Euro Shoes@…
19.03.2024 2170

La fiera Euro Shoes@CAF si terrà ad Almaty

Dall'11 al 13 marzo si terrà ad Almaty, presso il complesso espositivo Atakent, la mostra Euro Shoes@CAF (Central Asia Fashion). La mostra, che è il più grande evento internazionale nel settore della moda in Asia centrale, presenterà collezioni di abbigliamento,…
29.02.2024 3386

La mostra Euro Shoes ha ampliato la sua geografia di influenza e ha aggiunto componenti al nuovo padiglione

Nel febbraio 2024 è previsto un evento chiave, che da molti anni è l'evento più significativo per l'industria della moda in Russia e nei paesi della CSI. Stiamo parlando della più grande fiera internazionale di scarpe, borse e accessori, Euro Shoes. Nel 2024 da…
30.11.2023 2561
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio