MICAM: Stati Uniti d'Europa
30.08.2011 10448

MICAM: Stati Uniti d'Europa

A giudicare dall'International Exhibition of Shoes MICAM, che si è tenuto a Milano dal 17 al 20 settembre 2008, nelle condizioni della crisi economica europea, gli italiani nutrono le maggiori speranze per la Russia. E per migliorare la qualità delle loro scarpe. In parte, sperano di mantenere i dazi antidumping e rinviare la produzione.

Testo: Galina Kuznetsova


La Russia come futuro in avanti del commercio mondiale

Il paese è in piedi, svegliando un senso di orgoglio nazionale. E dobbiamo rispondere a quella sensazione!

Vladimir Putin

Solo i fatti: la Russia per il secondo anno consecutivo rimane al primo posto in termini di dinamica delle importazioni di scarpe italiane. Unici pareri: il presidente dell'Associazione dei produttori di scarpe italiani (ANCI) Vito Artioli è sicuro che la Russia sia al quarto posto in termini di acquisti (dopo Francia, Regno Unito e Germania) solo temporaneamente, in futuro ne uscirà al vertice.

I produttori confermano le parole del loro presidente. Annarita Pilotti di Loriblu ha affermato che già nel secondo giorno di fiera si è registrato un numero record di visitatori nelle ultime stagioni, con il maggior numero di clienti provenienti da Russia, Libano e Paesi arabi.

Conferma la tendenza in crescita e l'umore degli acquirenti. Ovviamente, le difficoltà economiche hanno già colpito il nostro Paese, ma i nostri imprenditori non taglieranno gli ordini come fanno gli europei. Intendono fare una selezione più approfondita, nonché calcoli della redditività e della redditività per ogni marchio con cui lavorano.

A proposito, a giudicare dalla composizione della delegazione di acquirenti organizzata dall'Istituto italiano per il commercio estero (ICE) e dall'ANCI, le calzature italiane sono vendute ovunque: la delegazione comprendeva proprietari di negozi di entrambi i milionari: San Pietroburgo, Rostov sul Don, Ekaterinburg, Samara e e da piccole città - Syktyvkar, Armavir, Saratov, Nizhniy Tagil, Irkutsk e Khabarovsk. Tra gli acquirenti c'erano sia "veterani" del calzaturificio, che vendono scarpe italiane da più di 10 anni, e neofiti che sono appena entrati nel commercio di scarpe.

L'area ha raggiunto il soffitto

Sai, ora la mia lunga esperienza nel mondo degli affari e della politica ha dimostrato che è meglio abbandonare i profitti in eccesso

Boris Berezovsky

Statistiche MICAM

Area - 74 metri quadrati m

Il numero di partecipanti - 1672

Il numero di partecipanti stranieri - 574

Il numero di visitatori - 41900 persone

Il numero di partecipanti rispetto allo scorso anno è leggermente aumentato. E questo è coerente con le intenzioni degli organizzatori di mantenere un livello accettabile di servizio. Altrimenti, scherzando Vito Artioli, ogni visitatore dovrà dare una bicicletta per rendere più facile il passaggio dal decimo padiglione al primo. Infatti, senza una buona forma fisica 10 mila metri quadrati. m "maestro" è difficile. Tuttavia, dato che la mostra è ben strutturata in termini sia di assortimento che di segmenti di prezzo, di solito non sorgono gravi problemi.

Già un anno alla fine, ma non ci sono ancora esportazioni

Meno è meglio, ma meglio

Vladimir Lenin

Si è tenuta una tradizionale conferenza stampa internazionale con la partecipazione del presidente ICE Umberto Vattani (Istituto italiano per il commercio estero) e del presidente ANCI Vito Artioli. Particolare attenzione è stata prestata agli indicatori di performance nei mercati esteri. Il signor Wattani è stato breve, ha affermato che mantenere la loro posizione sul mercato è possibile solo se la qualità è migliorata. Vito Artioli ha affermato che l'industria calzaturiera sta ancora affrontando gli uragani della crisi, che scuotono i mercati internazionali da diversi mesi. "Un nuovo ciclo positivo non è ancora iniziato, ma nonostante i numerosi disordini finanziari, il mercato non è precipitato in un incubo di cinque anni della crisi che ha colpito l'industria nel 2001-2005", ha spiegato. - La prolungata crisi (prezzo del petrolio record, deprezzamento del dollaro al minimo), un periodo di indebolimento dell'economia americana, prezzi degli immobili gonfiati, crisi dei mutui, inflazione dovuta all'energia e ai prezzi dei generi alimentari semplicemente non hanno potuto rallentare l'aumento, che sembra verrebbe delineato all'inizio dello scorso anno ".

Ciò è confermato anche dai primi mesi del 2008. I dati dell'Istituto statistico centrale ISTAT per gli scambi commerciali per i primi cinque mesi dell'anno, elaborati dal dipartimento di analisi ANCI, mostrano che le esportazioni sono diminuite a 107,6 milioni di paia (6,9 milioni in meno rispetto allo stesso periodo l'anno scorso). In termini di volume, le esportazioni sono diminuite del 6,6%, pur rimanendo stabili in termini di valore (+ 0,3%), l'importo totale è stato di 2,9 miliardi di euro. Come al solito, queste cifre comprendono sia i prodotti italiani venduti nei mercati esteri sia le operazioni di riesportazione.

"I dati sul volume di produzione", continua Vito Artioli, "confermano che è diminuito rispetto alla prima metà dello scorso anno. Nonostante questa riduzione, è importante ricordare che al momento della crisi, la produzione reale è più affidabile delle transazioni finanziarie ".

Un forte calo del volume delle importazioni di calzature italiane (con una moderata riduzione dei costi) è stato registrato in Germania (-17%), Francia (-14,4%) e Regno Unito (-21%). Tuttavia, una diminuzione del volume è accompagnata da un aumento del valore: il prezzo medio per coppia è aumentato del 7,4%.

"Anche il calo delle vendite negli Stati Uniti", afferma Artioli, "è accompagnato da un aumento dei prezzi medi del 14,7%. Ciò significa che il numero di acquirenti è in calo a causa di motivi dovuti alla politica interna degli Stati Uniti. Ma coloro che acquistano lo fanno perché riconoscono l'alto valore dei prodotti italiani e quindi la loro disponibilità a pagare un prezzo più elevato sta crescendo. "Queste cifre riflettono l'impatto della crisi, ma anche l'enorme capacità delle aziende italiane di rispondere a circostanze critiche, alla loro competitività".

Delocalizzazione: non demonizzante, ma non incoraggiante

Se un caso del genere è davvero necessario ...

Boris Gryzlov

Gli acquirenti provenienti da Svizzera (+ 13,4%), Spagna (+ 5%), Grecia (+ 13%) e paesi dell'Europa orientale hanno aumentato i loro ordini, tra cui la Russia al primo posto (+ 9,5% in volume, +21 % del costo).

"I buoni risultati nell'Europa orientale", continua Artioli, "sono spiegati da diverse ragioni per diversi mercati: in alcuni paesi (ad esempio la Polonia), questi risultati compensano solo in parte le perdite ricevute all'inizio di questo secolo. Per altri paesi (ad esempio, la Romania e la Repubblica ceca) stiamo parlando di quantità mai raggiunte prima. Probabilmente, le misure per trasferire la produzione in questa zona, adottate da uomini d'affari italiani negli ultimi anni, insieme ad altri fattori interni, hanno avuto un ruolo positivo ".

Il presidente ANCI ritiene che la situazione nel mercato delle calzature suggerisca che la globalizzazione si sta muovendo verso una fase evolutivamente nuova. E le aziende italiane dovrebbero pensare alla delocalizzazione della produzione, tuttavia, senza incoraggiarla o demonizzarla. Questa domanda non può essere vista solo in nero o solo in bianco.

Ma dove trasferire la produzione, il presidente non ha specificato. L'anno scorso gli italiani speravano nella Romania, sperando che il declino della produzione qui non fosse dovuto a un calo reale, ma con un nuovo metodo contabile introdotto dopo l'adesione della Romania all'UE, ma quest'anno il calo è continuato (-21%), e quindi Artioli ha suggerito che i vantaggi competitivi associati al minor costo del lavoro hanno perso la loro rilevanza e quindi devono spostarsi in altri paesi più competitivi. Cioè, la delocalizzazione della produzione avverrà sullo sfondo della ridistribuzione della competitività.

Allo stesso tempo, per gli italiani resteranno due settori chiave della politica estera: le misure antidumping e l'uso obbligatorio delle etichette dell'origine delle scarpe.

Panorama internazionale

Non ci può essere una risposta isolata alle sfide globali

Nicolas Sarkozy, presidente della Francia

La ridistribuzione della competitività al MICAM era chiara e ovvia. Le compagnie britanniche hanno nuovamente ricordato se stesse, giapponesi e indiani, brasiliani e spagnoli hanno approfondito e ampliato la loro presenza.

Le compagnie britanniche, al fine di enfatizzare la loro unità, organizzarono un'esposizione speciale della British Footwear Gallery al MICAM, dove campioni di tutte le compagnie furono raccolti in uno stand. E se quattro aziende includevano sei aziende della delegazione britannica presso MICAM quattro anni fa, ora il loro numero è cresciuto a 90. Nicholas Perry-Billings, direttore marketing della British Shoe Association (BFA), ha dichiarato che la mostra MICAM è importante per loro, poiché i consumatori cercano stili diversi Allo stesso tempo, Internet e la globalizzazione rendono i gusti dei consumatori in diversi paesi sempre più simili. Da questo punto di vista, MICAM è la migliore piattaforma per dimostrare il design britannico, che, a differenza dell'italiano, è molto conservatore.

Xavier García Lillo, coordinatore dell'esposizione nazionale spagnola, parlando dell'importanza della mostra, ha aggiunto che il MICAM è l'evento più importante per le aziende spagnole, poiché la mostra rimane la più grande vetrina del mondo calzaturiero europeo. Come nella stagione precedente, 175 aziende prendono parte alla mostra, sebbene alcune siano rimaste nella lista dei desideri. MICAM è interessante anche per gli spagnoli perché l'Italia è l'unico mercato in cui i nostri ordini stanno crescendo in mezzo a una riduzione degli ordini da altri due importanti clienti: Germania e Regno Unito. Lillo considera la flessibilità il vantaggio competitivo delle aziende spagnole: per ogni paese sono pronte a realizzare collezioni speciali.

È chiaro che MICAM non è solo una vetrina europea.

A settembre, le aziende di calzature giapponesi sono diventate ospiti speciali: nel padiglione 5 sono state esposte collezioni di 16 marchi di scarpe da uomo e da donna. Non c'era una specificità particolare nelle scarpe - piuttosto collezioni europee. Il ministro dell'Economia, del Commercio e dell'Industria del Giappone, Naohiro Arimura, che accompagna la delegazione, ha affermato che la partecipazione al MICAM è il primo passo sulla strada per l'Europa, quindi la delegazione si è formata sulla base della diversità: gli espositori giapponesi hanno presentato tutti i segmenti di prezzo. "In Giappone, le vendite di scarpe italiane ora rappresentano circa il 40%", afferma Arimura, "quindi abbiamo una buona idea di cosa sia il lavoro manuale e un alto livello di qualità, ma ci sembra che abbiamo anche qualcosa da offrire ai clienti europei".

Adoro le tue scarpe sin dalla tenera età

Abbiamo un corso - quello giusto

Victor Chernomyrdin

La mostra è stata accompagnata non solo da un'azienda, ma anche da un programma culturale ed educativo. Ciò è logico perché l'istruzione e la formazione rimangono un tema centrale per ANCI. Ciò è stato confermato dal concorso per scolari “La via miracolosa della scarpa italiana”, organizzato dall'ANCI insieme al Ministero dell'istruzione superiore e della scuola e alla ricerca. L'idea del progetto è semplice: gli studenti e gli studenti, per conoscere meglio il settore calzaturiero, devono stimolare il proprio interesse. E per questo è necessario trasformare il processo di cracking del granito della scienza in intrattenimento. Ciò che è stato fatto - i giovani scolari hanno disegnato schizzi di scarpe, la scuola media - hanno scritto poesie e fiabe sulle scarpe, i più anziani stavano già preparando progetti più seri, ad esempio: "Le scarpe italiane nel mondo - storia, arte, scienza".

Il concorso è sostenuto non solo dall'Associazione dei produttori, ma anche dall'Associazione dei giovani imprenditori. "Sei il nostro futuro", ha detto il vicepresidente dell'ANCI Franco Ballin, rivolgendosi ai partecipanti, "spetta a te preservare e sviluppare le nostre tradizioni di produzione, il nostro patrimonio, che in nessun caso dovrebbe essere perso. Soprattutto nel caso delle scarpe italiane, la cui cultura produttiva si basa sull'innovazione. E l'unico modo per preservarlo è studiare, studiare e studiare di nuovo. "

Generalizziamo. Se parliamo dell'industria calzaturiera italiana, le principali direzioni del suo sviluppo saranno il miglioramento della qualità, l'estensione della validità dei dazi antidumping e l'introduzione della certificazione obbligatoria che indica il luogo di produzione delle scarpe. Allo stesso tempo, i produttori di scarpe italiani prevedono che il volume degli acquisti dai loro clienti russi aumenterà ogni anno. Gli italiani stanno ora considerando la possibilità di un parziale trasferimento della produzione, senza dimenticare di educare le giovani generazioni allo stile di "onorare le tue scarpe come un tesoro nazionale".

Se parliamo della mostra italiana, quindi dal vasto percorso di sviluppo MICAM passa a quello intensivo: limitando l'area, la direzione si concentrerà sul servizio per espositori e visitatori. In secondo luogo, al fine di mantenere lo status di una delle più grandi fiere di scarpe del mondo, la direzione sta intensificando il proprio lavoro con esposizioni nazionali - ora aziende della tre principali regioni produttrici di scarpe - Europa, Asia e Sud America - sono già rappresentate in fiera.

A giudicare dall'International Exhibition of Shoes MICAM, che si è tenuto a Milano dal 17 al 20 settembre, nelle condizioni della crisi economica europea, gli italiani nutrono le maggiori speranze per la Russia. E su ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Euro Shoes inizia tra un mese a Mosca!

Manca meno di un mese alla principale fiera di scarpe e accessori in Russia: Euro Shoes Premiere Collection. L’evento si svolgerà dal 19 al 22 febbraio a Mosca presso l’Expocenter e, come sempre, in collaborazione con la più grande fiera internazionale russa…
23.01.2024 4075

Euro Shoes inizierà ad operare il 19 febbraio a Mosca!

La sessione invernale della fiera internazionale di calzature e accessori Euro Shoes premiere collection si terrà a Mosca presso l'Expocenter dal 19 al 22 febbraio. Gli organizzatori promettono la presenza di tutti i principali partecipanti alla fiera, così come nuovi nomi provenienti da paesi...
13.02.2024 4483

La fiera Euro Shoes @ CAF si è tenuta con successo ad Almaty

La fiera Euro Shoes @ CAF si è tenuta con successo ad Almaty. Dall’11 al 13 marzo, il salone internazionale di abbigliamento, calzature e accessori Euro Shoes@…
19.03.2024 3911

La fiera Euro Shoes@CAF si terrà ad Almaty

Dall'11 al 13 marzo si terrà ad Almaty, presso il complesso espositivo Atakent, la mostra Euro Shoes@CAF (Central Asia Fashion). La mostra, che è il più grande evento internazionale nel settore della moda in Asia centrale, presenterà collezioni di abbigliamento,…
29.02.2024 4990

La mostra Euro Shoes ha ampliato la sua geografia di influenza e ha aggiunto componenti al nuovo padiglione

Nel febbraio 2024 è previsto un evento chiave, che da molti anni è l'evento più significativo per l'industria della moda in Russia e nei paesi della CSI. Stiamo parlando della più grande fiera internazionale di scarpe, borse e accessori, Euro Shoes. Nel 2024 da…
30.11.2023 3630
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio