Rieker
Micam di benvenuto
30.06.2011 8470

Micam di benvenuto

In tempi di difficoltà finanziarie, l'enfasi dovrebbe essere sulla qualità e sulla creatività: questo era il leitmotiv della fiera internazionale della calzatura MICAMtenutosi a Milano il 4-7 marzo. Il management ha definito la sinergia con numerosi altri progetti il ​​merito della mostra di primavera: a marzo MICAM si è tenuto contemporaneamente alla mostra di pelletteria Mipel e la mostra delle pellicce MIFUR. Potresti ottenere un biglietto per tutte e tre le mostre e questo aumento del traffico dei visitatori. Un altro fattore importante è stato quello MICAM Questa stagione si è svolta prima della mostra di scarpe a Dusseldorf. Tradizionalmente, la mostra sintetizzava i risultati dell'anno precedente e faceva previsioni per il futuro.

 

SR66_Mir-Obuv-rynok_MICAM_2.jpgIn quale contesto economico ha avuto luogo la mostra MICAM

Tra ottobre e novembre 2008, le vendite di scarpe da esportazione sono diminuite del 18,1% in volume e del 12,9% in valore. Il più grande calo degli ordini è stato osservato in Germania, Francia, Regno Unito e Stati Uniti. Una tendenza positiva è l'aumento degli ordini in Spagna, Svizzera, Grecia ed Europa orientale, anche se in questa stagione anche la Russia, che ha mostrato dinamiche uniche negli ultimi anni, ha rallentato.

Nell'intero anno sono stati importati in Italia 11 milioni di paia nei primi 329,6 mesi per un totale di 3,1 miliardi di euro. Sono stati esportati 210 milioni di paia per un valore di 3,4 miliardi di euro. Pertanto, la bilancia commerciale per l'Italia è rimasta positiva.

 "L'industria calzaturiera è entrata in una crisi macroeconomica dopo un lungo periodo di condizioni di mercato sfavorevoli e di riorganizzazione, che i calzaturifici hanno vissuto nel 2001-2005 con grandi sacrifici", ha detto il presidente. ANCI Vito Artioli durante l'apertura della mostra MICAM... - Ciò che è più offensivo, la crisi è iniziata esattamente nel momento in cui sono apparsi i primi segnali di ripresa nel settore. E per noi questa è una seria minaccia, perché esportiamo in media circa l'80% dei nostri prodotti ". Nonostante le minacciose parole del presidente dell'associazione, il numero degli espositori in mostra non è diminuito e le collezioni sono rimaste altrettanto interessanti. E ancora più costoso. E sebbene gli stessi produttori abbiano sostenuto all'unanimità che, tenendo presente la crisi, non hanno alzato i prezzi di acquisto, anzi, hanno comunque lanciato circa 10-20 euro al paio. Gli acquirenti russi hanno acquistato scarpe con riluttanza, in parte per motivi razionali (vedi citazione di Vito Artioli), e in parte per preferenze emotive (vedi citazione di Aldo Premoli).

 

Che cosa era: i dati del 2008

Le statistiche confermano che la crescita nei primi mesi del 2008 è stata seguita da un rallentamento e, nell'ultimo trimestre, da una brusca frenata. Di conseguenza, le tendenze all'inizio e alla fine si sono rivelate direttamente opposte e quindi i primi risultati per il 2008 non sono positivi. È logico che i dati di gennaio-febbraio 2009 confermino la tendenza negativa.

I numeri assoluti sono i seguenti: nel 2008 la produzione in Italia è diminuita del 6,8%, ovvero 225 milioni di paia, in termini di valore, il calo della produzione è stato inferiore - del 2,1%. Il calo maggiore si è verificato nel segmento delle scarpe in pelle: il volume di produzione delle scarpe estive è diminuito del 21,4%, gli stivali - del 10,3%, le scarpe casual da donna - dell'11,7%, gli uomini - del 10,3%. A proposito, questa riduzione della produzione è quasi proporzionale a una diminuzione della domanda. Nel 2008, le scarpe da ginnastica e le sneaker erano le più richieste, la domanda di scarpe casual classiche da donna è diminuita del 5,1%, per gli uomini - del 9,3%.

Ciononostante, i segmenti sono rimasti nell'industria calzaturiera italiana lo scorso anno, che ha mostrato una crescita delle esportazioni: scarpe antinfortunistiche (+ 4%), scarpe da passeggio per bambini (+ 4,1%).

 

Quali saranno: previsioni preliminari per il 2009

La situazione sia all'estero che nel mercato interno dell'Italia sarà approssimativamente la stessa: questi sono i risultati di un sondaggio condotto sugli imprenditori ANCI. Il 49% degli intervistati ha dichiarato di aspettarsi un calo degli ordini nel mercato interno, il 53% delle imprese ritiene che la situazione nel mercato estero peggiorerà. Il 39% delle aziende prevede che la situazione sia stabile. Ottimisti del 12% nel Paese, ritengono che il numero di ordini in Italia aumenterà.

Il volume delle esportazioni in moneta rimarrà lo stesso (6,9 miliardi di euro), ma diminuirà significativamente il numero di coppie - gli italiani prevedono di vendere 221 milioni di coppie all'estero, il 9,7% in meno rispetto allo scorso anno. Parlando degli ordini raccolti per la prima metà del 2009, le aziende affermano di aver ricevuto lavoro per almeno tre mesi. Non si impegnano a prevedere ulteriormente. Tutto si ripete come un incantesimo: "Sopravviveremo all'estate, si vedrà lì".

 

Occupazione nel settore calzaturiero

Le dolorose iniezioni della crisi sono confermate dai dati sulla chiusura delle imprese e sulla riduzione del personale. Nel 2008, il numero di fabbriche di calzature da lavoro in Italia (6263) è diminuito del 2,9%, mentre il numero di dipendenti è diminuito di 2750 persone (-3,1%) nel corso dell'anno e ora ammonta a 85,9 mila persone. Solo il 2% dei datori di lavoro prevede di espandere il proprio personale nel 2009 e circa il 40% prevede di ridurre il personale.

Secondo il National Social Security Institute INPS, l'appello ai fondi dei fondi nazionali di mutuo soccorso è aumentato in media del 36% all'anno. Spieghiamo che in Italia tutte le imprese del settore della pelletteria e delle calzature trasferiscono denaro ai registratori di cassa di mutua assistenza. Lo scopo di questi sportelli è quello di preservare il capitale umano delle aziende e garantire il pagamento degli stipendi a fronte del calo della produzione.

 

Quali bagagli le imprese sono andate in crisi

Nel periodo 2002-2005, le imprese italiane hanno gradualmente spostato la produzione verso prodotti di fascia medio alta, che hanno causato una ristrutturazione dell'intero complesso calzaturiero in Italia: una diminuzione dei volumi di produzione, un aumento degli investimenti nella ricerca e nella ristrutturazione organizzativa.

La fondazione creata è diventata una garanzia che anche adesso il costo medio per coppia è in aumento, nonostante il calo dei volumi di produzione. Nel 2008, il prezzo medio per una coppia era di 31 euro (il 10% in più rispetto al 2007).

 

Ciò che il cuore calmerà: opzioni di lavoro nelle nuove condizioni

"Alcuni sondaggi dimostrano che la maggior parte degli imprenditori crede nel potenziale della propria attività", afferma il presidente. ANCI"- una quota significativa dei programmi strategici delle imprese non mira a ridurre i costi, ma a nuovi investimenti". Il 60% dei produttori intervistati cercherà nuovi mercati ANCIcon il rilascio di nuovi prodotti - il 55%, il 50% intende cercare nuove strategie di vendita, un altro 40% degli intervistati prevede di cambiare i tempi dei processi di produzione e creare nuovi modelli.

Secondo Artioli, il potenziale di esportazione del paese è limitato dall'incapacità di assicurare i rischi del credito all'esportazione. Pertanto, ha proposto di introdurre benefici per le fabbriche di scarpe per l'assicurazione di prestiti esteri, compresi quelli relativamente piccoli. “Nella nostra ricerca di mercato, il 51,7% degli intervistati ha notato la complicazione dell'accesso ai prestiti. Ciò potrebbe indebolire il nostro potenziale di esportazione. Già ora ci sono casi frequenti in cui i prestiti assunti con forniture estere risultano inferiori all'importo minimo assicurato Sace- spiega il presidente ANCI. - È altrettanto importante ridurre la soglia di accesso ai finanziamenti. Simest, assicurare la manutenzione non programmata e l'ulteriore sviluppo del sistema del consorzio di garanzia collettiva Consorzi Fidi'.

 

Più è meglio: premiare i migliori acquirenti

Tradizionalmente, durante la cena di gala dedicata all'inaugurazione della mostra, venivano premiati i migliori acquirenti. I premi sono stati assegnati per la fedeltà alle scarpe italiane e il volume degli ordini. In questa stagione, i migliori acquirenti italiani sono stati Fedele e Flfonso Ammirati, proprietari del marchio Fedelecreato nel 1977 a Ottaviano.

Arnold van Bebber, proprietario della rete tedesca, è stato nominato il miglior acquirente tra gli imprenditori stranieri inferiore. A proposito, uno dei più antichi in Germania - il primo negozio inferiore Fu aperto nel 1891 a Berlino. Ora la rete ha 75 negozi e 1000 dipendenti.

 

 

Promozioni sulle vendite

Quest'anno sono apparsi alcuni cambiamenti nel programma di promozione delle scarpe italiane. Per cominciare, ricordiamo come i produttori italiani mantengano annualmente la loro immagine internazionale di creatori di moda e icone di stile.

Nel 2009, la campagna pubblicitaria continuerà d'oro Italia - negli aeroporti internazionali, cinema, metropolitane e media.

Un ampio programma di imprese fieristiche in Italia e all'estero è gestito con il sostegno di ICE, Fiera Sistema e il centro di promozione della moda delle scarpe (Centro Diffusione moda calzature). Nella prima metà degli italiani parteciperà alla mostra di Bruxelles euroscarpa BeneluxMosca “Scarpe. World of Skin, Parigi T.E.C, Monaco di Baviera moda fatto in Italia, Tokyo Scarpe da ItaliaAlma-Ata Fashion. Italia ”, mostra indipendente di scarpe italiane di Kiev. In Russia, le aziende italiane terranno inoltre una serie di incontri con imprenditori a Ekaterinburg, Novosibirsk e Rostov-sul-Don.

Tradizionalmente, questi incontri erano destinati agli acquirenti, oltre a loro. ANCI Quest'anno ha deciso di organizzare un'azione per i clienti finali, avendo al contempo dominato lo spazio WEB 2.0. L'essenza dell'azione nell'organizzazione di un concorso video amatoriale ANCI CREATIVITA ' PREMI sull'argomento "Perché amo le scarpe italiane". Il concorso si è svolto su un sito appositamente creato per questo. www.Zooppa.com. In totale, oltre 200 opere sono state inviate da Italia, Francia, Germania, Stati Uniti, Russia e Gran Bretagna. Il primo posto è stato preso dal lavoro di Alessandro Meucci My Informazioni personali World www.zooppa.com/i-love-italian-shoes/videos/2971. Un italiano di nascita, Meucci ora vive a Tokyo. Secondo la giuria, nel suo video Meucci riflette tutti i valori fondamentali per l'industria calzaturiera italiana: la qualità dei materiali e del lavoro, il design, la creatività, l'abbondanza di lavoro manuale, la capacità di innovare. L'azione continuerà il prossimo anno. Idealmente, secondo i creatori, il sito dovrebbe essere un luogo per lo scambio di opinioni sulle scarpe italiane da parte di acquirenti provenienti da diversi paesi, nonché per i produttori di tenere conto di queste opinioni. A proposito, quella società italiana, le cui scarpe saranno "partecipanti" al video del vincitore del concorso, riceveranno un premio dai proprietari del sito. Quest'anno il vincitore è stato l'azienda Mario marrone.

 

Statistiche della mostra

Le collezioni della stagione autunno-inverno 2009/2010 sono state dimostrate da 1611 aziende, di cui 572 provenienti dall'estero (Spagna, Portogallo, Gran Bretagna, Francia, Brasile)

72 mila metri quadrati m

38 mila visitatori

 

I principali indicatori economici del settore calzaturiero in Italia

(fonte ANCI)

 

 

2008 anno,%

Prima metà dell'anno 2009

Volume di produzione

-6,8%

Caduta in corso

La dinamica dei prezzi nel mercato interno italiano

+3

diminuire

Dinamica dei prezzi all'estero

+ 2,5

diminuire

Tasso di utilizzo

86

81%

Spese domestiche (in base al numero di coppie acquistate)

-2,7%

 

Spese domestiche (per valore)

-4,8%

 

Esporta (in base al numero di coppie)

-9,1 (gennaio-novembre)

 

Esportazione (al costo)

+0,8 (gennaio-novembre)

 

Importa (per il numero di coppie)

-10,5 (gennaio-novembre)

 

Importazione (al costo)

+2,1 (gennaio-novembre)

 

 

TOP 10 dei principali paesi che importano scarpe italiane

(fonte ANCI, ISTAT)

 

 

2008 anno,%

Prima metà dell'anno 2009

Volume di produzione

-6,8%

Caduta in corso

La dinamica dei prezzi nel mercato interno italiano

+3

diminuire

Dinamica dei prezzi all'estero

+ 2,5

diminuire

Tasso di utilizzo

86

81%

Spese domestiche (in base al numero di coppie acquistate)

-2,7%

 

Spese domestiche (per valore)

-4,8%

 

Esporta (in base al numero di coppie)

-9,1 (gennaio-novembre)

 

Esportazione (al costo)

+0,8 (gennaio-novembre)

 

Importa (per il numero di coppie)

-10,5 (gennaio-novembre)

 

Importazione (al costo)

+2,1 (gennaio-novembre)

 

 

Numero di scarpe acquistate dalle famiglie, versione italiana

(fonte SITA RICERCA)

 

 

2008 anno,%

Prima metà dell'anno 2009

Volume di produzione

-6,8%

Caduta in corso

La dinamica dei prezzi nel mercato interno italiano

+3

diminuire

Dinamica dei prezzi all'estero

+ 2,5

diminuire

Tasso di utilizzo

86

81%

Spese domestiche (in base al numero di coppie acquistate)

-2,7%

 

Spese domestiche (per valore)

-4,8%

 

Esporta (in base al numero di coppie)

-9,1 (gennaio-novembre)

 

Esportazione (al costo)

+0,8 (gennaio-novembre)

 

Importa (per il numero di coppie)

-10,5 (gennaio-novembre)

 

Importazione (al costo)

+2,1 (gennaio-novembre)

 

 

Spesa domestica in scarpe, versione italiana

(fonte SITA RICERCA)

 

 

2008 anno,%

Prima metà dell'anno 2009

Volume di produzione

-6,8%

Caduta in corso

La dinamica dei prezzi nel mercato interno italiano

+3

diminuire

Dinamica dei prezzi all'estero

+ 2,5

diminuire

Tasso di utilizzo

86

81%

Spese domestiche (in base al numero di coppie acquistate)

-2,7%

 

Spese domestiche (per valore)

-4,8%

 

Esporta (in base al numero di coppie)

-9,1 (gennaio-novembre)

 

Esportazione (al costo)

+0,8 (gennaio-novembre)

 

Importa (per il numero di coppie)

-10,5 (gennaio-novembre)

 

Importazione (al costo)

+2,1 (gennaio-novembre)

 

 

In tempi di difficoltà finanziarie, l'enfasi dovrebbe essere sulla qualità e sulla creatività: questo è stato il filo conduttore del salone internazionale della calzatura MICAM, che si è svolto a Milano dal 4 al 7 marzo. La dignità della primavera ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

L'unica mostra dei marchi di scarpe europei Euro Shoes Premiere Collection in Russia si terrà a Mosca dal 24 al 27 agosto 2021

Grandi marchi internazionali di scarpe da Italia, Germania, Spagna, Turchia, Polonia, ...
23.03.2021 8602

La prima collezione di Euro Shoes, l'unica fiera del settore delle calzature europee in Russia, si svolgerà dall'1 al 4 marzo a Mosca

All'inizio di marzo 2021, la più grande fiera internazionale di calzature, borse e accessori nel formato total look aprirà ancora una volta le sue porte agli espositori e agli ospiti nella sala eventi della capitale MAIN STAGE. Nonostante i tempi difficili che oggi ...
26.01.2021 5882

L'unica mostra di marchi di scarpe europei in Russia - EURO SHOES PREMIERE COLLECTION - è stata aperta a Mosca su un nuovo sito - FASHION-ART Venue MAIN STAGE

Lo scorso martedì 25 agosto, si è aperta a Mosca la mostra internazionale di calzature, borse e accessori EURO SHOES PREMIERE COLLECTION, attualmente l'unica grande esposizione di marchi di calzature dall'EUROPA per i professionisti in Russia ...
26.08.2020 7723

EURO SHOES è l'unica mostra di marchi europei in RUSSIA!

Cari compratori e visitatori della mostra!
17.08.2020 12019

COLLEZIONE PREMIERE EURO SCARPE nel nuovo MAIN Stage

Registrati per EURO SHOES PREMIERE COLLECTION al nuovo MAIN Stage! Prenota l'hotel Holiday Inn Taganskaya a prezzi speciali!
21.07.2020 16963
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio