Best seller: Victoria Gerasimenko, Mascotte
30.01.2013 12382

Best seller: Victoria Gerasimenko, Mascotte

Nel corso della comunicazione con Victoria Gerasimenko, consulente commerciale del salone Mascotte nel centro commerciale Semyonovsky, ricordo involontariamente il detto “la bocca di un bambino dice la verità”. Victoria, ovviamente, non ha quasi nulla a che fare con i bambini, tranne per il fatto che studia alla facoltà di pedagogia e psicologia prescolare. Tuttavia, sa molto sulla verità. Vika ha 22 anni ed è stata recentemente nominata best seller della catena Mascotte - In gran parte a causa del suo principio professionale, dire la verità e nient'altro che la verità.

Un titolo così lusinghiero è stata una sorpresa per Victoria stessa. Non pensava che, alternando il lavoro con gli studi, avrebbe potuto bypassare altri venditori in termini di prestazioni. Tuttavia, presso la sede di Mascotte, hanno valutato non solo la capacità di Vicky di vendere un massimo per un minimo di ore di lavoro: il suo desiderio di perseguire una carriera nell'azienda anche dopo la laurea era raro, e quindi prezioso per un dipendente così giovane agli occhi degli agenti delle risorse umane.

Per Victoria, l'intervista, così come il titolo di "best seller della rete", è stata un'esperienza nuova ed eccitante. Pertanto, l'aiuto del "gruppo di supporto" nella persona di Victoria Bibikova, direttore del salone Mascotte nel centro commerciale Semenovsky, è stato molto utile. Il direttore del salone, Victoria, incoraggiò Vika, che stava arrossendo, con recensioni lusinghiere, che, appena divenne chiaro, erano anche completamente giustificate.

- Vika, come hai iniziato a lavorare come venditore?

- Ad essere sincero, inizialmente non volevo andare in vendita, è successo per caso. L'anno scorso ero al mio quarto anno all'Università pedagogica statale di Mosca e cercavo lavoro che potesse essere combinato con lo studio. Ho lezioni a giorni alterni, con un programma del genere è difficile trovare qualcosa. Ma ho visto un lavoro alla Mascotte ed è diventato interessante per me fare un'intervista. La compagnia mi è familiare, ne ho sentito parlare. Ricordo che mi hanno chiamato per un'intervista il primo aprile: stavo ancora scherzando, mi hanno accettato o questa è una manifestazione. Ma mi hanno preso. È anche successo che sono entrato in un salone nel centro commerciale Semenovsky, quindi devo solo andare al lavoro per trenta minuti.

- Quali sono state le tue prime impressioni?

- Psicologicamente è stato difficile, ovviamente. Avevo una barriera interna, perché non conoscevo le caratteristiche del prodotto e non avevo mai lavorato con persone prima, anche se stavo studiando per diventare insegnante-psicologa. Ma dopo aver seguito i corsi di formazione principali, è diventato molto più semplice. Inoltre, c'è una squadra molto buona qui, e i direttori del nostro negozio sono prima Regina Igorevna, e dopo che è andata in congedo di maternità, Vika è un'ottima mentore e mi ha aiutato molto. Pensavo che vendere fosse così spaventoso, così difficile emotivamente! Ma si è scoperto che se sai come consegnare correttamente la merce, questo è molto semplice e molto interessante.

- E come consegnare correttamente la merce?

- L'importante è essere sinceri e sinceri nella comunicazione. Naturalmente, ci sono alcune fasi delle vendite - questo è ciò che ci viene insegnato durante i corsi di formazione - ma anche l'atteggiamento personale è importante. Alcuni venditori vedono che il modello non è adatto a una persona, ma comunque affermano di avere uno sconto o di provare a venderlo in un altro modo. Dico sempre solo la verità. Ad esempio, posso dire al cliente: "Sai, questo non ti soddisfa molto, prendi quel modello meglio". Sì, succede che una persona di conseguenza non compra ciò che stava andando e se ne va. Ma poi la prossima volta viene da me per onestà, franchezza e buona attitudine.

Dice Victoria Bibikova, direttrice del salone Mascotte, dove Vika lavora:

- Alcuni acquirenti, tra l'altro, vanno solo a Vika. Chiama il negozio in anticipo e scopri come si trova il suo turno. E altri vengono non solo per lo shopping, ma a volte con regali.

- Caspita! Cosa hanno dato?

"Una volta, una scatola di cioccolatini." È stata portata da una donna, un uomo molto piacevole, molto intelligente. Ha 41 taglie, viene spesso da noi ed è sempre molto turbata dal fatto che non ci siano taglie. Chiede di ordinare il modello selezionato al salone, e ovviamente io ordino - questo è il mio lavoro. E lei ringrazia sempre così tanto, è felice che le abbiamo ordinato scarpe speciali nel salone.

- E quali sono stati i momenti più luminosi?

- Non dimenticherò mai la mia prima grande vendita per 30mila. Questo, ovviamente, è ricordato da tutti. C'era un altro punto interessante, però. Abbiamo un cliente abituale che viene spesso con suo figlio e suo marito e acquista grandi quantità. E poi un giorno, il giorno successivo dopo un altro grosso acquisto, arriva da sola. Mi sono subito preoccupato: all'improvviso ieri non le è piaciuto il servizio o c'era qualcosa che non andava nel prodotto. Chiedo: "È successo qualcosa?" E lei mi risponde: “No, va tutto bene. Ho solo pensato ... Mio figlio è un giovane molto ricco. Forse ti piacerebbe fare amicizia con lui? Sei una ragazza così simpatica, comunichi così bene, ea mio figlio piace davvero ... ”Ero così sorpreso di non riuscire nemmeno a trovare una risposta!

- Come comunichi con clienti complessi?

- Ci sono quelli che vengono al negozio perché non hanno nessuno con cui parlare, e deliberatamente dicono cose spiacevoli al venditore per litigare. Dopotutto, i venditori sono persone aperte e questo tipo di scandalo è allettante. Con tali clienti, provo a trasferire la conversazione su un altro argomento. E ci sono persone che dubitano davvero della qualità, ma sono comunque interessate al prodotto. Dico loro molto sui benefici e sui benefici.

Victoria Bibikova, direttrice del salone Mascotte:

- Vika è una tale persona che cerca di tradurre qualsiasi nitidezza che le viene raccontata come uno scherzo. Prende le critiche così facilmente che qualcuno che le ha appena detto qualcosa di spiacevole non può più arrabbiarsi con lei. Lo apprezzo molto su Vika, perché di solito le persone rispondono negativamente con un negativo e ci sono pochissime persone come lei.

- Quali qualità hai scoperto in te stesso durante il tuo lavoro?

- Stranamente, socievolezza. Prima, non pensavo che avrei lavorato nelle vendite o che avrei comunicato con le persone in modo così intenso. E quando ho iniziato a svilupparmi professionalmente in questo settore, mi è davvero piaciuto: ogni giorno scopro qualcosa di interessante nelle persone.

"Hai già scoperto il tuo segreto su come sintonizzarti per lavorare quando sei di cattivo umore?"

- Ho notato che quando arriva un acquirente, nel comunicare con lui lascia un cattivo umore. Mi sintonizzo sulla stessa onda con la persona e mi distraggo dal mio problema. Anche la musica che suona nel nostro salone mi aiuta.

- Hai intenzione di rimanere nel campo delle vendite?

- Certo! Abbiamo molte opportunità di carriera in Mascotte. Mentre sono un venditore, ma voglio sviluppare ulteriormente. E non necessariamente come assistente alle vendite, ma forse nel dipartimento del personale della nostra azienda. C'è anche molta comunicazione, ma mi è vicino come psicologo.

- Cosa fai a tuo piacimento?

- Non ho quasi giorni in cui sono completamente libero, perché quando ho un giorno libero al lavoro, studio. Ma se c'è un'ora o due libera, mi piace suonare il piano: ho fatto musica fin dall'infanzia, questo è il mio sbocco. Suono quando sono di cattivo umore e quando sono di buon umore. Fin da bambino disegnavo, cantavo e al college ero impegnato in aerobica e partecipavo a produzioni teatrali - quando abbiamo messo in scena lo spettacolo teatrale "Mademoiselle Mitouche" ero persino nel ruolo principale!

- Come applichi le tue abilità recitative adesso?

- Quando non vuoi offendere e devi ingannare. Tranne in quei casi in cui il modello non si adatta, non posso mentire affatto. Se vedo che le scarpe non stanno molto bene, farei meglio a lavorare più a lungo con la persona, gli porterò più modelli. Questo è meglio che se una persona torna a casa e consulta qualcuno e restituisce l'acquisto o semplicemente non torna più. 

Nel corso della comunicazione con Victoria Gerasimenko, consulente di vendita del salone Mascotte nel centro commerciale Semyonovsky, viene in mente involontariamente il detto “la bocca di un bambino dice la verità”. Victoria, ovviamente, ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Vendite tramite marketplace. Punti di crescita e insidie

Negli ultimi anni, i mercati sono cresciuti attivamente, sottraendo quote alla vendita al dettaglio offline. E i marchi di scarpe sono ansiosi di vendere i propri prodotti attraverso queste piattaforme online, sperando di guadagnare molto di più e ampliare la propria attività. I mercati sono davvero...
27.05.2024 2401

Omnichannel sugli scaffali. Che cos'è, a quali aziende è adatto e dovrebbero seguire questa tendenza?

Le tecnologie che utilizziamo nella vita e negli affari si stanno sviluppando rapidamente: solo negli ultimi 10 anni sono comparsi molti nuovi canali di vendita e di comunicazione con il pubblico. Questo progresso influenza il comportamento dei consumatori in un modo che non può essere...
18.03.2024 1891

Problemi di vendita della tecnologia

Non c'è niente di peggio che incontrare un cliente con le parole "Ciao, posso aiutarti con qualcosa?" Perché il venditore lavora nel negozio solo per aiutare. Criticare questo modello consolidato di comunicazione con un cliente, Andrey Chirkarev, business coach ...
26.08.2013 208448

Un negozio online ha bisogno dell'omnichannel?

Secondo gli esperti, l'assortimento di negozi offline e online dovrebbe essere diverso, perché il loro pubblico target è diverso. Qual è la differenza tra il pubblico target di un normale negozio al dettaglio e il suo clone online? È necessario l’omnichannel…
10.10.2023 3847

Dubito e mi oppongo: come trovare un approccio ai clienti difficili?

Come sarebbe buono e sereno il lavoro di un venditore se i clienti fossero calmi, allegri, sapessero sempre esattamente quello che vogliono e comprassero, comprassero, comprassero! È un peccato che questo sia possibile solo nei sogni. Pertanto, non sogneremo, ma lo faremo ...
10.05.2023 7542
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio