Compratore 2030. Previsioni sullo sviluppo del mercato delle calzature di consumo.
17.06.2015 8323

Compratore 2030. Previsioni sullo sviluppo del mercato delle calzature di consumo.

Sulla base dei risultati del Congresso mondiale di scarpe APICCAPS in Messico, oltre ad analizzare le tendenze del mercato globale, il team di worldfootwear.com prevede cambiamenti chiave che si verificheranno nel settore calzaturiero e nel comportamento dei consumatori.

La crisi ha modificato seriamente i piani di produttori e rivenditori. Tuttavia, qualsiasi azienda dovrebbe avere una strategia di sviluppo, sia per i prossimi anni che per il futuro. Per aiutare gli attori del mercato calzaturiero, gli esperti di una delle più autorevoli pubblicazioni di Internet hanno pubblicato un rapporto, che ha tenuto conto dei principali trend che interesseranno il nostro mondo nei prossimi anni. Nel loro lavoro hanno riflesso tendenze economiche, demografiche, sociali e culturali, spostando le direzioni generali di sviluppo del mercato mondiale verso il segmento delle scarpe. Gli autori avvertono che non hanno cercato di prevedere lo sviluppo del mondo, ma hanno solo cercato di identificare le tendenze principali e valutare l'impatto delle tendenze generali sulla produzione di scarpe e sulla vendita al dettaglio.

Flusso di informazioni. I principali cambiamenti che stanno avvenendo sul mercato in questo momento sono l'accesso rapido e facile a qualsiasi informazione, i consumatori sono in costante contatto con i produttori, sono consapevoli di tutti i cambiamenti nelle tendenze, tendenze, tendenze della moda. Pertanto, i consumatori interagiscono con i marchi di cui acquistano i prodotti. Ciò offre alle aziende e ai marchi l'opportunità di stabilire e rafforzare connessioni emotive con potenziali clienti in tutto il mondo, supportate da social network e piattaforme online.

Classe media. Nei paesi in via di sviluppo, la formazione della classe media continua e ciò avrà un impatto significativo sulla domanda e, in definitiva, sulla produzione di calzature. Le aziende dovranno individuare dove risiede il loro potenziale di crescita e come possono conquistare il cuore di più clienti. È necessario non solo lavorare per mantenere la propria quota nel mercato locale, ma anche pensare e trovare modi per entrare in altri mercati, lasciando i confini del solito cerchio. Ad esempio, i mercati di paesi lontani possono diventare aree chiave per marchi e aziende, il che aprirà loro nuove prospettive di sviluppo: nuovi clienti, nuove preferenze influenzeranno anche nella fase di creazione del design.

Invecchiamento della popolazione. Un'altra tendenza importante che deve essere presa in considerazione: un aumento dell'età media della popolazione, che non è certamente un nuovo fenomeno, e continuerà ad aumentare. Sempre più paesi si trovano ad affrontare cambiamenti demografici: il numero di persone anziane sul pianeta sta crescendo. Naturalmente, prima di tutto, i paesi sviluppati - Stati Uniti, Francia, Italia, Gran Bretagna, affrontano cambiamenti legati all'età, ma i paesi in via di sviluppo non hanno immunità da questo problema. Al contrario, ogni anno nei paesi del terzo mondo la tendenza aumenterà. Ad esempio, la Cina è stata una delle prime a dimostrare la correttezza delle parole degli esperti: l'aspettativa di vita media nel paese è in crescita. Mentre il tasso di natalità sta diminuendo in tutto il mondo, la sanità e la medicina si stanno sviluppando, nuovi metodi di diagnosi e trattamenti efficaci, nuovi farmaci e procedure di benessere che prolungano la vita e ne migliorano la qualità.

Negli anni '1960 l'aspettativa di vita in Cina era di 43,5 anni e dopo 50 anni questa cifra è aumentata di 31,7 anni e ora ha raggiunto i 75,2 anni. Nei paesi ad alto reddito, la fertilità sta diminuendo e l'aspettativa di vita sta aumentando a un ritmo più rapido rispetto ai paesi a basso e medio reddito. Questa è un'altra prova dell'invecchiamento della popolazione: su scala globale, l'età media è passata da 24 anni nel 1950 a 29 anni nel 2010, secondo le previsioni delle Nazioni Unite, la cifra salirà a 2050 anni entro il 36.

Istinto asiatico

Il potere economico si sta muovendo in direzione dell'Asia, la tendenza è indissolubilmente legata alla crescita economica e alla ridistribuzione dei poteri causati dalle dinamiche del mercato globale. Devo ammettere che una tale superiorità asiatica nella storia è già stata osservata e questa fase non sarà un debutto per l'Asia come regione leader nell'arena economica.

Quindi, se torni al 1700 e guardi i numeri, vedremo che in quella fase storica, l'India notò il 25% del PIL mondiale, in Cina - 20%, Giappone - meno del 5%, i tre maggiori paesi europei (Gran Bretagna, Germania e Francia) il PIL fisso al 10% e gli Stati Uniti avevano una quota residua. Nel 1950 gli Stati Uniti raggiunsero il loro massimo economico con una quota del PIL mondiale leggermente superiore al 25%, mentre la Cina mostrò il suo minimo assoluto (leggermente inferiore al 5%). Anche la quota del PIL globale in India è diminuita.

Nel 2000, Cina e India hanno iniziato a mostrare una crescita, mentre l'influenza del blocco europeo ha continuato a diminuire. La tendenza emergente all'inizio di questo secolo continuerà nei decenni successivi. I mercati emergenti e i paesi in via di sviluppo mostrano la crescita del PIL più dinamica. Le previsioni per i prossimi anni indicano che questa tendenza è continuata. Entro il 2019, le economie avanzate costituiranno il 40% del PIL globale.

È ovvio che una ridistribuzione delle forze sta avvenendo sul mercato. In precedenza, la crescita della spesa dei consumatori era principalmente associata agli Stati Uniti, al Giappone e ai paesi europei e le capacità di produzione del mercato erano concentrate in Asia, ma sullo sfondo della recessione economica degli Stati Uniti e dell'UE, i paesi del terzo mondo stanno iniziando a mostrare un aumento dei consumi. Le importazioni dei principali paesi stanno diminuendo, mentre la Cina e altri paesi asiatici si stanno spostando dall'attuale modello di crescita economica basata sulle esportazioni allo sviluppo del mercato interno. Di conseguenza, una quota significativa della crescita della spesa globale per i consumatori sarà nei mercati emergenti, con conseguenze per aziende e marchi in tutto il mondo. Marchi come Ferragamo e Prada hanno già tenuto conto di queste tendenze nello sviluppo dei loro marchi e negli ultimi anni hanno aumentato notevolmente le loro vendite nella regione asiatica.

Otto principali paesi in via di sviluppo (Brasile, Russia, India, Cina, Indonesia, Messico, Turchia e Vietnam) rappresentano il 49,4% della popolazione mondiale. Finora, il loro PIL non è troppo elevato in termini globali, ma dimostrano la crescita demografica ed economica più dinamica, il che rende possibile prevedere la crescita futura del PIL pro capite.

Nonostante l'instabilità economica, i principali paesi prevedono una riduzione del 50% tra il 2010 e il 2030 del numero di persone che vivono in condizioni di estrema povertà. Innanzitutto, stiamo parlando dei paesi dell'Asia orientale, in particolare della Cina, dove oltre la metà della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà (60,2%), secondo i dati del 1990. Secondo le statistiche delle Nazioni Unite, questa cifra è fortemente diminuita negli ultimi nove anni al 35,6%. Altri paesi in via di sviluppo mostreranno simili dinamiche positive nel prossimo futuro. La crescita economica e l'aumento del reddito porteranno alla formazione della classe media.

Secondo uno studio presentato da Ernst & Young, nel 2009 1,8 miliardi di persone potrebbero essere classificate come la classe media. Entro il 2030, questo numero dovrebbe quasi triplicare a 4,8 miliardi, o circa 3 miliardi di nuovi consumatori. Insieme alle dimensioni della classe media, il potere d'acquisto crescerà, il che porterà a consumi aggiuntivi e maggiori risparmi. La crescita della classe media avverrà a scapito di una riduzione del numero di poveri. Gli analisti prevedono che entro il 2030 la maggior parte della popolazione mondiale apparterrà alla classe media. 

Sulla base dei risultati del Congresso mondiale di scarpe APICCAPS in Messico, oltre ad analizzare le tendenze del mercato globale, il team di worldfootwear.com prevede cambiamenti chiave, ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Omnichannel sugli scaffali. Che cos'è, a quali aziende è adatto e dovrebbero seguire questa tendenza?

Le tecnologie che utilizziamo nella vita e negli affari si stanno sviluppando rapidamente: solo negli ultimi 10 anni sono comparsi molti nuovi canali di vendita e di comunicazione con il pubblico. Questo progresso influenza il comportamento dei consumatori in un modo che non può essere...
18.03.2024 704

Problemi di vendita della tecnologia

Non c'è niente di peggio che incontrare un cliente con le parole "Ciao, posso aiutarti con qualcosa?" Perché il venditore lavora nel negozio solo per aiutare. Criticare questo modello consolidato di comunicazione con un cliente, Andrey Chirkarev, business coach ...
26.08.2013 190453

Un negozio online ha bisogno dell'omnichannel?

Secondo gli esperti, l'assortimento di negozi offline e online dovrebbe essere diverso, perché il loro pubblico target è diverso. Qual è la differenza tra il pubblico target di un normale negozio al dettaglio e il suo clone online? È necessario l’omnichannel…
10.10.2023 3282

Dubito e mi oppongo: come trovare un approccio ai clienti difficili?

Come sarebbe buono e sereno il lavoro di un venditore se i clienti fossero calmi, allegri, sapessero sempre esattamente quello che vogliono e comprassero, comprassero, comprassero! È un peccato che questo sia possibile solo nei sogni. Pertanto, non sogneremo, ma lo faremo ...
10.05.2023 6430

Come creare contenuti visivi di vendita online in base alla proposta di vendita unica identificata?

Cos'è una USP (proposta di vendita unica) e a cosa serve? Perché il servizio di creazione USP è oggi molto richiesto tra i rivenditori di moda? Come creare un USP funzionante? Risponde alle domande e fornisce indicazioni dettagliate su...
02.05.2023 5075
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio