Rieker
L'affitto diventa sano
01.07.2011 6278

L'affitto diventa sano

La crisi si sta diffondendo in tutto il Paese come una piaga, non risparmiando né le boutique né i normali punti vendita. Negli ultimi due mesi i negozi Diesel, Murphy & Nue, Alexander McQueen, Stella McCartney hanno chiuso a Mosca e alcuni negozi Mango hanno chiuso. E questo non è un elenco completo dei negozi che hanno perso redditività durante la crisi. Oltre al calo generale della domanda, gli alti tassi di noleggio stanno mettendo i bastoni tra le ruote dei rivenditori. Anna Komissarova ha studiato cosa succede al prezzo dell'affitto.

SR67_Vektor_Arenda_2.jpgPer inquilino - inquilino

Sembrerebbe che la tendenza verso una generale riduzione delle tariffe di noleggio sia diventata costante. Il livello di riduzione delle tariffe di affitto dei locali commerciali dalla fine del 2008 e per i primi mesi del 2009 ha raggiunto il 15-20%. Tuttavia, non tutti gli spazi commerciali diventano più economici allo stesso modo. Pertanto, qualsiasi tentativo da parte degli inquilini di passare a uno schema di pagamento più ottimale in una crisi si è concluso con un fallimento.

Nell'ottobre dello scorso anno, molti rivenditori si sono rivolti ai proprietari con una lettera aperta chiedendo "di calcolare l'importo del contratto di locazione in base al volume di vendita pianificato dell'operatore al dettaglio con successivo adeguamento in base al volume di vendita effettivo", "sistema di pagamento del canone postpagato", "per introdurre una moratoria temporanea sul partecipazione degli operatori retail ai programmi di marketing dei centri commerciali ”. Tuttavia, i proprietari hanno reagito negativamente a queste richieste, sottolineando che il numero di visitatori nei centri commerciali non è diminuito in modo significativo. Gli sviluppatori hanno parlato dell'impossibilità di abbassare i tassi a causa della necessità di coprire i propri costi di costruzione e adempiere agli obblighi di credito.

Il tempo ha dimostrato che una riduzione delle tariffe di noleggio è inevitabile per quei centri commerciali che, anche prima della crisi, non erano popolari tra i consumatori. Questi proprietari si resero conto che era meglio ricevere un reddito modesto, ma piuttosto che rimanere con spazi vuoti.

Pavimenti e soffitti

Pertanto, il successo dei negoziati per ridurre l'onere del noleggio dipende dalle specifiche dello spazio di vendita. La domanda di centri commerciali con una posizione eccellente, un grande traffico di consumatori e una società di gestione professionale è ancora grande, quindi lasciare un inquilino che non è in grado di pagare alle tariffe precedenti non è percepito come una tragedia.

Oksana Kondratyeva, capo del dipartimento di noleggio del centro commerciale Atrium di Mosca, ritiene che i negozi "fuori posto" abbiano lasciato il centro commerciale. Le loro aree erano occupate da inquilini in fila. In generale, in tali centri commerciali si osserva che la linea di inquilini è diminuita del 10-30%. In tali centri commerciali, gli sconti sugli affitti non superano il 10%, vale a dire, mentre le tariffe sono "detenute" dalle società di gestione.

Gli sviluppatori di nuove proprietà devono essere molto flessibili per attirare gli inquilini. Secondo Dmitry Zolin, managing partner di LCMC, devono tagliare i tassi di almeno il 15-20%. Alexandra Kryzhanovskaya, analista del dipartimento di ricerca di C&W | S&R, sostiene che i contratti di locazione per i progetti in costruzione sono attualmente conclusi con la condizione di tariffe "aperte", che saranno discusse dopo il completamento della costruzione.

Nei centri commerciali funzionanti, inquilini e locatori sono in trattative tese. Inoltre, sono tenuti individualmente, a porte chiuse e non sono resi pubblici. Secondo i nostri dati, i singoli rivenditori riescono a ottenere uno sconto fino al 40%.

La situazione nel commercio al dettaglio di strada è simile. I proprietari di tali punti sono, di regola, privati ​​che vivono affittando uno o più locali. Il rifiuto di un inquilino di pagare può colpire molto, quindi questo tipo di proprietario è disposto a fare concessioni. Inoltre, non sono vincolati da obblighi di prestito, come gli sviluppatori. Secondo Alexandra Kryzhanovskaya, i tassi di vendita al dettaglio sono diminuiti del 20-40%. In Tverskaya Street, ad esempio, dove negli ultimi anni i pagamenti degli affitti sono stati gravemente "surriscaldati" e hanno raggiunto i $ 10 mila al metro quadro. m all'anno, ora i tassi sono tornati al livello di due o tre anni fa.

Studi recenti prevedono un ulteriore calo dei prezzi e delle tariffe di un altro 2009-15% nel corso del 25, a seconda della posizione e della qualità dei locali. Pertanto, il calo complessivo raggiungerà il 30-55% rispetto al livello del 2008.

SR67_Vektor_Arenda_tab.jpg

Per la cronaca

Il processo è ancora andato

Gli inquilini, come i girasoli, sono sempre alla ricerca di un posto al sole. E se gli sviluppatori non li incontrano, gli inquilini passano a condizioni più confortevoli per loro. Secondo l'Association of Fashion Industry Enterprises (APRIM), il deflusso di inquilini nelle prime settimane del 2009 è già passato a dozzine di negozi

A partire dal 7 febbraio, 47 negozi sono stati chiusi nei centri commerciali Capitol. Il motivo del ritiro di massa degli inquilini è stata la dura posizione della società di gestione Enka, che non ha accettato le proposte degli inquilini di abbassare le tariffe di noleggio.

The Fashion Bazaar, Iguana, Kuda.ru, Confetti, Thy, Jeans Symphony, Jasper Gold, Extreme, Ultima Moda, Benetton, Sela, La Chemiserie chiuso su Leningradskoye Shosse , GEOX, Dolce Vita, The Best, Le sags, Naf-Naf. Solo 18 negozi.

Sull'autostrada Kashirskoye, Angelika, un paio di Nogas, Betalink, Prime Zone, Iguana, Gregory, Taxi, Buzantium, Buldog, D-Style chiuso. Solo 11 negozi.

Nel Marina Grove, i "Sacchi", "Betalink", "Kuda.ru", "Fur Coats", Da Vinci, Hit, Morgan, Gregory erano chiusi. Solo 8 negozi.

Tabaccheria, Betalink, Kuda.ru, Borse, Perfection Line, Silver, Iguana, Sergio Cipriani, Ultra, Raymond erano chiusi a Belyaevo.

La crisi si sta diffondendo in tutto il Paese come una piaga, non risparmiando né le boutique né i normali punti vendita. I negozi Diesel, Murphy & Nue, Alexander McQueen, Stella hanno chiuso a Mosca negli ultimi due mesi ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

"C'era una luce alla fine del tunnel ..." I partecipanti del mercato calzaturiero sulla situazione del settore.

Il 2020 è diventato un anno di crisi per il settore reale dell'economia e dell'industria calzaturiera. Shoes Report ha parlato con le società all'ingrosso, con Mikhail Kryuchkov, il capo della società di distribuzione Paloma, che rappresenta una serie di calzature spagnole sul mercato russo ...
22.12.2020 6733

Stagione morta. Cosa trasformerà la quarantena Covid-19 per la vendita al dettaglio di scarpe

La vendita al dettaglio di scarpe riprende le operazioni a Mosca e nelle regioni, calcola le perdite, valuta le prospettive. Due mesi e mezzo di inattività si sono rivelati un serio test per ...
01.06.2020 16745

10 principali tendenze nel commercio al dettaglio per i prossimi 3 anni

Dieci tendenze principali emergenti nell'ultimo anno, che determineranno lo sviluppo del commercio mondiale nel prossimo futuro
11.03.2020 20683

La marcatura delle scarpe è iniziata. MTCT nominato operatore del progetto pilota di etichettatura

Il 1 ° giugno 2018 è stato lanciato un progetto pilota per la marcatura delle scarpe in Russia, finora su base volontaria. L'operatore di sistema è stato nominato una sussidiaria del Centro per lo sviluppo di tecnologie avanzate "Operatore CRPT", creato per implementare l'Unified National ...
23.07.2018 10710

Chipping shoes: essere o non essere

La proposta del Ministero dell'Industria e del Commercio della Russia sulla marcatura (scheggiatura) delle scarpe ha causato un'accesa discussione tra esperti e partecipanti alla scarpa ...
10.08.2017 30995
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio