Deficit, deficit e ancora una volta deficit
27.10.2011 4769

Deficit, deficit e ancora una volta deficit

I tassi di sfitto e il numero di nuovi centri commerciali saranno i principali fattori che influenzeranno il mercato immobiliare al dettaglio nel 2011, secondo un nuovo rapporto "European Retail 2011: 10 Factors", pubblicato dalla società di consulenza internazionale Cushman & Wakefield. Il report è stato presentato alla fiera MAPIC di Cannes.

I centri commerciali saranno in costruzione per almeno un altro anno o due. Nel 2011 verranno commissionati circa 5,2 milioni di metri quadrati. m di nuovo spazio commerciale (questa è la cifra più bassa in 30 anni). Per i proprietari di negozi, la riduzione dell'offerta colpirà la crescita delle tariffe di noleggio in progetti di qualità. Ecco perché i rivenditori continueranno ad avvicinarsi con attenzione e selettività alla ricerca di nuovi locali.

1. Offerta. Deficit, deficit e ancora una volta un deficit di spazio commerciale di qualità.

2. PIL. Finché il commercio e gli investimenti rimarranno i principali fattori che influenzano la ripresa economica, il desiderio di evitare la seconda ondata della crisi dominerà le menti dei rivenditori nel 2011.

3. Costi. A causa del calo dei tassi nel 2008/2009, i costi di noleggio rimangono accettabili, ma l'aumento dei costi, come produzione e logistica, può rendere più difficile lo sviluppo del commercio al dettaglio.

4. Forza lavoro. Il tasso di disoccupazione si è stabilizzato nella maggior parte dei paesi europei. Tuttavia, l'anno prossimo può crescere se i tagli nel settore pubblico non vengono compensati da nuovi posti di lavoro nel settore privato.

5. Mercato del credito. I tassi di interesse in Europa dovrebbero rimanere bassi per lungo tempo, e questo dovrebbe aiutare le imprese e i consumatori nel 2011, contribuendo a "addolcire la pillola" tagliando le voci di bilancio nei paesi europei. La tendenza principale nel 2011 dovrebbe aumentare i prestiti bancari.

6. Commerciale. Si prevede una ripresa irregolare delle vendite, che terrà il passo con la ripresa del PIL. Ma le vendite di beni costosi non torneranno presto al livello pre-crisi. I venditori del segmento economico si sentiranno meglio di tutti.

7. Azione governativa rigorosa ritarderà la crescita e potrebbe ritardare la ripresa in alcuni settori. I paesi europei, dove i governi preferiscono aumentare le tasse senza ridurre i costi, potrebbero essere colpiti duramente nel 2011.

8. Regolamento. Sembra un elefante in un negozio di porcellane. Le modifiche alle normative avranno un grande impatto sul mercato nel 2011, in particolare mentre i rivenditori stanno cercando di adattarsi ai cambiamenti nella contabilità degli affitti previsti per il 2012 o il 2013.

9. Domanda. I rivenditori rimarranno cauti e selettivi, ma con un minor numero di nuovi progetti sul mercato, ci sarà una forte concorrenza per i posti migliori.

10 Situazione demografica. Questo è un fattore critico che influenza il commercio al dettaglio europeo. Gli esperti prevedono che nel 2011 la popolazione attiva dell'Europa raggiungerà il massimo. Ciò influirà sulla pianificazione aziendale e non sugli schemi di vendita a breve termine.

Secondo un nuovo rapporto “European retail ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Risultati della tavola rotonda dei calzolai con il Ministero dell'Industria e del Commercio della Federazione Russa, CRPT, NOBS e Wildberries

Il 15 settembre presso l'hotel Holiday Inn Sokolniki a Mosca si è tenuto un incontro strategico dei rappresentanti del Ministero dell'Industria e del Commercio della Federazione Russa, della CRPT, dell'Unione Nazionale delle Calzature (NOBS) e del più grande mercato russo Wildberries. All'incontro hanno partecipato...
18.09.2023 6056

Annuario mondiale delle calzature: la produzione globale di calzature raggiunge i 23,9 miliardi di paia ed è tornata ai livelli pre-pandemia

L'associazione portoghese dei produttori di calzature APICCAPS ha pubblicato la 13a edizione del bollettino statistico internazionale World Footwear Yearbook per il 2023, secondo il quale, nel 2022, la produzione e l'esportazione di scarpe nel mondo sono aumentate del 7,6% e…
28.07.2023 8074

Come raddoppiare le vendite di un negozio di scarpe?

Gli ultimi due anni sono stati così generosi di imprevisti che pensi involontariamente: "È necessario pianificare?" Tuttavia, devi pianificare. Il piano di vendita è il punto di riferimento per la tua attività. Pertanto, l'esperta di SR Maria Gerasimenko dà ...
11.07.2023 6730

Nuova direzione delle fiere ad Alma-Ata: Euro Shoes @ Elite Line & CAF

Euro Shoes entra in nuovi mercati e annuncia il lancio di un progetto espositivo ad Alma-Ata. La fiera all'ingrosso di scarpe, abbigliamento, pelle, pellicce e accessori Euro Shoes @ Elite Line si terrà in Kazakistan dal 30 luglio al 1 agosto 2023…
04.07.2023 4567

Tavola rotonda con i rappresentanti dei calzaturifici del Daghestan con il supporto del Ministero dell'Industria e del Commercio e della NOBS

Il 17-18 maggio si è tenuta a Makhachkala una tavola rotonda con produttori di scarpe e imprese del progetto strategico della Repubblica del Daghestan “Città…
23.05.2023 5094
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio