Rieker
Profilo della regione: Passione per Napoli
25.05.2011 8561

Profilo della regione: Passione per Napoli

Sembra che il destino dell'Italia sia stata una conclusione scontata dall'alto. La penisola, il cui contorno ricorda un elegante stivale femminile, Dio stesso ha ordinato di diventare un trendsetter nella moda delle scarpe. Ma, come sappiamo, l'Italia non si è fermata qui. Oggi, insieme alle scarpe, i marchi di abbigliamento italiani occupano i posti migliori nelle boutique e nei centri commerciali di tutto il mondo.

In Russia, l'atteggiamento nei confronti dei prodotti italiani è speciale. Per noi, il marchio Made in Italy è diventato sinonimo di qualità ed eleganza sofisticata. Sapendo questo, i produttori italiani percepiscono il mercato russo come un bocconcino. E tutti vogliono staccarsi di più da lui. Pertanto, anche quelle province in cui la produzione di vestiti e scarpe non sono mai state la risorsa principale entrano nella lotta per i loro clienti. Uno di questi può essere considerato la Campania (Campania), o meglio, il suo centro amministrativo di Napoli. La Camera di commercio e dell'industria di Napoli, con la partecipazione dell'Unione Europea, ha attuato un programma speciale per il quarto anno a sostegno dei produttori locali di abbigliamento e calzature, nell'ambito del quale sono organizzate presentazioni di prodotti di aziende locali. Gli acquirenti di quei paesi sono invitati lì, il mercato di cui il governo provinciale considera promettente. La Russia è sicuramente in questo elenco. Ma ne parleremo più avanti. Quindi Napoli.

Sin City

SR63_Mir-Obuv-rynok_neapol_2.jpgNapoli ha una caratterizzazione stabile della città dei contrasti. La povertà e il lusso esistono nel quartiere. Questa è la prima cosa che attira la tua attenzione. Edifici di lusso in nuovi hotel e centri commerciali sono da parete a parete accanto alle case in stile caserma dove vivono molti napoletani. Lo scintillio dei diamanti nelle vetrine dei negozi di fascia alta contrasta con il profumo soffocante dei bidoni della spazzatura lungo le strade, anche nei quartieri esclusivi. E ogni sera, quando fa buio, la città si fa cupa e spaventosa, ei motociclisti che passano di corsa (ce ne sono un numero inimmaginabile a Napoli) li fanno aggrappare alle loro borse con una presa morta. Ma è proprio per questo che la città è bella. È così che si differenzia dalla romantica Venezia, dalla Roma spirituale e, naturalmente, da Milano, una mecca per gli amanti dello shopping. Napoli è più favorevole a camminare lungo l'argine, all'ombra degli alberi nei parchi cittadini o lungo strade storiche cupe e strette, piuttosto che a fare shopping e correre incessante da un negozio all'altro. Tuttavia, i napoletani decisero di cimentarsi con il mercato della moda per distruggere la stabile associazione "Napoli - la città del peccato".

Stile magico

Stile magico - il cosiddetto incontro di acquirenti con produttori napoletani, organizzato dalla parte italiana all'inizio di ottobre a Napoli. Oltre agli imprenditori russi, sono stati invitati compratori giapponesi e americani. "Il programma di supporto per i produttori locali di abbigliamento e calzature è iniziato a Napoli quattro anni fa ed è stato progettato fino al 2008", afferma Mario de Miranda, presidente della Camera di commercio e dell'industria di Napoli. - Anche prima dell'inizio del progetto, abbiamo selezionato paesi i cui mercati potrebbero interessare i produttori napoletani. Di conseguenza, ci siamo stabiliti su Stati Uniti, Giappone e Russia. Per quattro anni abbiamo organizzato una serie di presentazioni in loco per gli acquirenti in questi paesi, dove le abbiamo presentate ai nostri produttori. Questo incontro, al quale abbiamo invitato tutti i precedenti partecipanti, è stato il completamento del progetto. ”

Alla presentazione di Magic style, circa 20 aziende napoletane hanno presentato i loro prodotti. Fondamentalmente, si trattava di aziende impegnate nella produzione di abbigliamento e scarpe da donna (sebbene a Napoli il settore della moda maschile sia considerato più sviluppato). "Questo incontro era originariamente finalizzato a suscitare l'interesse degli acquirenti stranieri nell'abbigliamento femminile", continua Mario de Miranda. - Dedichiamo regolarmente la moda maschile a determinati eventi, che attirano anche acquirenti da tutto il mondo. Pertanto, questo settore non richiede il sostegno del governo. Ma con l'abbigliamento e le scarpe da donna, le cose sono diverse. E ora abbiamo in programma di sviluppare questo tipo di industria, e per questo dobbiamo fornire un mercato di vendita ".

Gli interessi della parte russa in questo incontro sono stati rappresentati dal Consolato italiano in Russia insieme a tre società commerciali (lo showroom IRTEX, la catena di negozi Il Quatro e lo stilista Sergey Pugachev). Tutti loro sono specializzati nella vendita di marchi italiani in Russia. La composizione della delegazione russa è stata approvata dalla parte italiana. Furono queste aziende che sembrarono promesse ai napoletani in termini di un possibile interesse per i loro prodotti.

Alla presentazione c'erano poche fabbriche di scarpe e produttori di articoli in pelle. Va notato, con grande rammarico della parte russa, inizialmente focalizzato specificamente sull'incontro con i produttori di scarpe.

Tutti questi produttori stanno ancora solo sognando di entrare nel mercato russo, motivo per cui eravamo particolarmente interessati ai nostri acquirenti. "Abbiamo creato il nostro marchio, inizialmente contando sulla Russia", ha dichiarato Luigi Giliberti, senior manager del marchio di scarpe Napule. "Pertanto, contrariamente alla tradizione calzaturiera italiana, realizziamo scarpe con suole in gomma per non scivolare", continua Luigi, dimostrando sandali e zoccoli estivi (l'estate russa, a quanto pare, anche i napoletani rappresentano la neve).

Tutte le società partecipanti hanno invitato gli acquirenti a prestare attenzione ai loro prodotti fatti a mano. In realtà, questo ha unito tutte le aziende rappresentate. Nel frattempo, in Russia non c'è tale trepidazione nel lavoro manuale. Per i nostri clienti, design e lavorazione sono più importanti.

La massima attenzione dei nostri acquirenti ha guadagnato la società Nuova Varriale, che produce borse in pelle da 30 anni. La società ha presentato interessanti borse di alta qualità il primo giorno, ma l'incontro che i compratori interessati avevano programmato con i rappresentanti della società il giorno successivo non ha avuto luogo e, a causa della società, che ha in qualche modo sconcertato gli acquirenti.

"È strano che l'azienda abbia presentato così tante borse in vernice", ha dichiarato Marina Barkhalenko, amministratore della catena di negozi Il Quatro. - La vernice è già passata dalle marche più alte a quelle più basse. Tuttavia, le borse sono buone e si adattano molto bene a Mosca. "

Anche se, gli uomini d'affari sono giunti alla conclusione, non tutti i modelli che sono popolari in Italia saranno venduti ai prezzi offerti dai partecipanti alla presentazione. Ad esempio, veste a la Chanel (Coco), il cui prezzo di acquisto è di 700-900 euro. "Dubito che ci siano molti che vogliono pagare circa 1500 euro per un modello di un marchio italiano sconosciuto", ha commentato Victoria Vavilova, direttore generale della maison Sergey Pugachev. In generale, la presentazione non ha suscitato molto interesse da parte degli acquirenti. Certo, l'acquirente russo è innamorato dei marchi italiani, ma i loro modelli devono corrispondere alla sua idea di stile. Solo in questo caso li comprerà. E solo l'esatto "successo nell'acquirente russo" presentato marchi non poteva vantarsi.

Sembra che il destino dell'Italia sia stata una conclusione scontata dall'alto. La penisola, il cui contorno ricorda un elegante stivale femminile, Dio stesso ha ordinato di diventare un trendsetter nella moda delle scarpe. Ma, come sappiamo, l'Italia non si è fermata qui ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

"C'era una luce alla fine del tunnel ..." I partecipanti del mercato calzaturiero sulla situazione del settore.

Il 2020 è diventato un anno di crisi per il settore reale dell'economia e dell'industria calzaturiera. Shoes Report ha parlato con le società all'ingrosso, con Mikhail Kryuchkov, il capo della società di distribuzione Paloma, che rappresenta una serie di calzature spagnole sul mercato russo ...
22.12.2020 6733

Stagione morta. Cosa trasformerà la quarantena Covid-19 per la vendita al dettaglio di scarpe

La vendita al dettaglio di scarpe riprende le operazioni a Mosca e nelle regioni, calcola le perdite, valuta le prospettive. Due mesi e mezzo di inattività si sono rivelati un serio test per ...
01.06.2020 16745

10 principali tendenze nel commercio al dettaglio per i prossimi 3 anni

Dieci tendenze principali emergenti nell'ultimo anno, che determineranno lo sviluppo del commercio mondiale nel prossimo futuro
11.03.2020 20683

La marcatura delle scarpe è iniziata. MTCT nominato operatore del progetto pilota di etichettatura

Il 1 ° giugno 2018 è stato lanciato un progetto pilota per la marcatura delle scarpe in Russia, finora su base volontaria. L'operatore di sistema è stato nominato una sussidiaria del Centro per lo sviluppo di tecnologie avanzate "Operatore CRPT", creato per implementare l'Unified National ...
23.07.2018 10710

Chipping shoes: essere o non essere

La proposta del Ministero dell'Industria e del Commercio della Russia sulla marcatura (scheggiatura) delle scarpe ha causato un'accesa discussione tra esperti e partecipanti alla scarpa ...
10.08.2017 30995
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio