L'Europa estende l'antidumping
01.07.2011 7446

L'Europa estende l'antidumping

All'inizio di ottobre, la direzione commerciale della Commissione europea ha emesso un documento in cui proponeva di prorogare i dazi antidumping sulle scarpe di cuoio provenienti dalla Cina e dal Vietnam per altri 15 mesi, sperando che durante questo periodo la crisi globale finisse e che l'industria calzaturiera europea avrà il tempo di adattarsi alle nuove condizioni economiche.

SR72-Mir_shoe_rynok-antidumping_2.jpgPertanto, i dazi antidumping introdotti nell'ottobre 2006 del 16,5% sulle scarpe dalla Cina e da Macao (esclusi i prodotti Golden Step - 9,7%) e del 10% sulle scarpe dal Vietnam rimangono in vigore e si applicano agli stessi prodotti. , come prima, cioè per tutte le scarpe in pelle, bambini compresi, ad eccezione delle scarpe sportive e speciali da lavoro.

Le raccomandazioni preliminari elaborate dalla commissaria europea al commercio - Baronessa Catherine Ashton - sulla base dei risultati di una lunga e approfondita indagine, sono state inviate a tutte le parti interessate. A novembre verrà convocata una nuova Commissione per continuare i lavori su questo tema.

In ogni caso, la decisione finale deve essere presa dai governi di tutti i 27 stati membri dell'UE entro la fine di quest'anno. Apparentemente, 15 paesi su 27 voteranno contro le commissioni, a livello della Commissione europea o durante il voto finale in seno al Consiglio dei ministri. Tuttavia, gli accordi politici possono cambiare notevolmente questo equilibrio di potere.

Nel corso dell '"inchiesta antidumping", la Commissione ha esaminato le attività di 8 società europee, che rappresentano circa l'8% della produzione europea di calzature. Allo stesso tempo, una delle otto società ha gradualmente ridotto la produzione di calzature in Europa durante l'inchiesta. I nomi delle società sono classificati in quanto temono reazioni negative da parte dei clienti. Secondo la Commissione, 8 associazioni nazionali di calzature sono favorevoli all'estensione dei dazi e 5 sono contrarie.

Oltre a otto società europee, sono state coinvolte nell'inchiesta 50 società cinesi e 51 vietnamite. Le attività di sette società cinesi, tra cui il grande gruppo Yue Yuen, e tre società vietnamite sono state analizzate attentamente. Sono state inoltre prese in considerazione le attività di 21 importatori; 7 di questi sono stati studiati in dettaglio: Adidas, Clarks, Nike, Puma, Timberland, Achten Beheer e Footex International dei Paesi Bassi.

Per stabilire il fatto del dumping, la Commissione ha analizzato tre imprese brasiliane: Heinrich & Cie, Werner e la costa occidentale, poiché il Brasile è stato riconosciuto come un paese con un'economia di mercato simile a quella del sud-est asiatico. Inoltre, dopo l'8 dicembre, la Commissione ha inviato questionari ai produttori indiani e indonesiani. Le risposte sono arrivate da una società indiana e cinque indonesiane; tuttavia, i loro prodotti non sono risultati completamente conformi al cinese e al vietnamita.

In risposta alle proteste degli oppositori delle tasse, la Commissione ha fornito argomentazioni dettagliate sulla scelta del Brasile come paese di confronto e ha affermato che il dumping avrebbe potuto essere provato anche se l'Indonesia fosse il paese.

Il documento pubblicato sottolinea che in caso di annullamento dei dazi, il dumping da parte di Cina e Vietnam continuerà a causa dell'enorme capacità di riserva di questi paesi e dell'attrattiva del mercato europeo. Allo stesso tempo, il trasferimento della produzione in India non rappresenta una grave minaccia per l'industria europea, poiché il prezzo medio all'esportazione di scarpe indiane è superiore del 25% rispetto al vietnamita e del 38% superiore a quello cinese.

Dall'inchiesta è emerso che tra il 2006 e il 2008 il dumping sui prezzi da parte dei produttori cinesi è aumentato dal 13,5% al ​​31,9% e dai produttori vietnamiti dal 15,9% al 38,9%. L'importazione di scarpe di cuoio da questi paesi è diminuita, mentre da altre è aumentata. Se escludiamo l'effetto dei dazi antidumping, i prezzi all'importazione per le scarpe cinesi e vietnamite sono leggermente diminuiti.

Allo stesso tempo, dal 2006 al 2008, la produzione europea di calzature è diminuita del 6% a 365,6 milioni di paia e l'utilizzo della capacità è sceso dal 71 al 66%. Il consumo totale di scarpe è diminuito del 7%. L'occupazione nel settore calzaturiero rimane stabile a 260; mentre l'importazione e la successiva rivendita di scarpe dalla Cina e dal Vietnam hanno coinvolto circa 000 persone. Queste cifre sono viste come prove dell'efficacia dei dazi antidumping che hanno fermato la crescita dilagante delle importazioni di scarpe.

I prezzi delle scarpe sono aumentati del 30%, principalmente a causa dell'aumento dei prezzi delle materie prime e dell'espansione del segmento costoso del mercato. Il profitto nel settore calzaturiero è cresciuto dall'1,3 al 3%, ma è ancora lontano dall'obiettivo del 6%. Ciò suggerisce che la situazione rimane instabile e che l'industria non è ancora riuscita a riprendersi completamente dal danno causato dal dumping. Inoltre, l'attuale crisi globale può aumentare l'effetto negativo del dumping.

Nel periodo 2006-2008, l'utile medio degli importatori al lordo delle imposte è diminuito dal 22,2 al 19,4%. Il margine di profitto relativamente elevato è dovuto in parte al deprezzamento del dollaro. Mentre la redditività delle importazioni dei loro marchi è diminuita, la redditività delle importazioni di scarpe di marca è aumentata.

Nel decidere di estendere le tasse, la Commissione ha tenuto conto delle opinioni di alcuni rivenditori e associazioni di consumatori. Nonostante il fatto che nessuna delle principali catene di negozi al dettaglio, ad eccezione di Clarks, abbia espresso il desiderio di partecipare all'inchiesta, la Commissione ha riscontrato che l'introduzione di dazi antidumping non ha aumentato significativamente i prezzi al dettaglio nei negozi. Due delle tre associazioni nazionali dei consumatori hanno espresso il proprio sostegno alle misure antidumping; e la Commissione suggerisce che l'estensione dei dazi aumenterà i prezzi al dettaglio di non più del 2%.

Nel suo progetto di proroga delle tasse, la Commissione sostiene che la riduzione del 14% delle vendite di calzature in pelle negli ultimi due anni e il corrispondente aumento delle vendite di calzature tessili sono principalmente dovuti a cambiamenti nella moda, piuttosto che a una riduzione della gamma di prodotti in pelle. Tuttavia, non tutti sono d'accordo con questa affermazione, poiché molti importatori hanno ammesso di aver ridotto la produzione di scarpe in pelle a favore di scarpe in tessuto e pelle artificiale per mantenere i prezzi al dettaglio allo stesso livello.

Brasile e Canada risolvono il dumping a modo loro

Canada e Brasile a modo loro proteggono i loro produttori dal dumping cinese. Più recentemente, il tribunale del commercio internazionale canadese ha stabilito che non sono necessari dazi antidumping sulle scarpe impermeabili cinesi e vietnamite, poiché questi prodotti non danneggiano l'industria canadese e non causano una concorrenza sleale sul mercato.

Allo stesso tempo, proprio prima dell'inizio della mostra GDS di settembre a Dusseldorf, la Commissione brasiliana per il commercio estero (Camex) ha deciso di introdurre una tariffa speciale di $ 12,47 per ogni paio di scarpe importate dalla Cina, a partire dal 9 settembre e per un periodo di 6 mesi. L'Associazione dei produttori di scarpe brasiliani (Abicalcados) ha inizialmente richiesto che questa tassa fosse fissata a $ 18,44 al paio, ma la decisione finale della Commissione è stata influenzata da forti pressioni esercitate dall'Adidas e da altri importanti importatori.

In base al nuovo dovere, sono incluse sia le scarpe in pelle e tessuto, sia le scarpe in pelle artificiale ed esotica. Ciò significa che il 99,5% di tutte le scarpe importate dalla Cina sarà tassato. Il nuovo dovere si applica a tutte le scarpe sportive, ma non si applica a scarponi da sci, scarpe mediche speciali, scarpe speciali, sandali e scarpe per bambini realizzate al 100% in tessuto.

Camex ha confrontato i prezzi cinesi con i prezzi italiani per stabilire il fatto del dumping. I produttori italiani, a loro volta, hanno collaborato attivamente con la Commissione, nella speranza che, a seguito dell'introduzione dei dazi antidumping, il governo brasiliano riduca i normali dazi all'importazione, aumentati dal 20 al 35% nel gennaio 2008. Gli italiani sperano anche che le autorità cinesi aprano più ampiamente il mercato interno all'importazione di calzature come gesto politico per impedire l'introduzione di nuovi dazi sulle calzature cinesi nel resto del mondo.

All'inizio di ottobre, la direzione commerciale della Commissione europea ha emesso un documento in cui proponeva di prorogare i dazi antidumping sulle scarpe di cuoio dalla Cina e dal Vietnam per altri 15 mesi, nella speranza di ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Risultati della tavola rotonda dei calzolai con il Ministero dell'Industria e del Commercio della Federazione Russa, CRPT, NOBS e Wildberries

Il 15 settembre presso l'hotel Holiday Inn Sokolniki a Mosca si è tenuto un incontro strategico dei rappresentanti del Ministero dell'Industria e del Commercio della Federazione Russa, della CRPT, dell'Unione Nazionale delle Calzature (NOBS) e del più grande mercato russo Wildberries. All'incontro hanno partecipato...
18.09.2023 5943

Annuario mondiale delle calzature: la produzione globale di calzature raggiunge i 23,9 miliardi di paia ed è tornata ai livelli pre-pandemia

L'associazione portoghese dei produttori di calzature APICCAPS ha pubblicato la 13a edizione del bollettino statistico internazionale World Footwear Yearbook per il 2023, secondo il quale, nel 2022, la produzione e l'esportazione di scarpe nel mondo sono aumentate del 7,6% e…
28.07.2023 7927

Come raddoppiare le vendite di un negozio di scarpe?

Gli ultimi due anni sono stati così generosi di imprevisti che pensi involontariamente: "È necessario pianificare?" Tuttavia, devi pianificare. Il piano di vendita è il punto di riferimento per la tua attività. Pertanto, l'esperta di SR Maria Gerasimenko dà ...
11.07.2023 6640

Nuova direzione delle fiere ad Alma-Ata: Euro Shoes @ Elite Line & CAF

Euro Shoes entra in nuovi mercati e annuncia il lancio di un progetto espositivo ad Alma-Ata. La fiera all'ingrosso di scarpe, abbigliamento, pelle, pellicce e accessori Euro Shoes @ Elite Line si terrà in Kazakistan dal 30 luglio al 1 agosto 2023…
04.07.2023 4535

Tavola rotonda con i rappresentanti dei calzaturifici del Daghestan con il supporto del Ministero dell'Industria e del Commercio e della NOBS

Il 17-18 maggio si è tenuta a Makhachkala una tavola rotonda con produttori di scarpe e imprese del progetto strategico della Repubblica del Daghestan “Città…
23.05.2023 5054
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio