Rieker
La finanza canta storie d'amore violente
31.08.2011 3586

La finanza canta storie d'amore violente

Già nel settembre 2008, alcune banche russe hanno iniziato a chiedere il rimborso anticipato dei prestiti e hanno smesso di prestare sulla sicurezza delle merci in circolazione, mentre altre hanno iniziato ad aumentare le garanzie o ridurre la quantità di prestiti. La procedura di emissione dei prestiti è diventata più pesante, i prestiti a lungo termine sono cessati, gli scoperti sono diventati più complicati e sono iniziati i problemi con il prolungamento e il rinnovo dei prestiti. Cosa fare Su cosa contare? Per cosa prepararsi? Le prospettive di relazioni tra banche e mutuatari sono state studiate da Elena Igosheva. 

L'essenza della domanda

Nel 2007, a seguito della crisi dei mercati finanziari mondiali, è stato distrutto il meccanismo che ha fornito un'espansione rapida e interconnessa del credito interno e dei mercati finanziari, un afflusso accelerato di capitali e la depolucizzazione dell'economia russa. Di conseguenza, i rischi sistemici nel settore bancario sono aumentati e l'impatto inflazionistico della crescita dell'offerta di moneta si è intensificato.

Secondo Interfax, il livello di solvibilità di alcune società russe ha raggiunto i livelli più bassi nel 2007, prima che scoppiasse la crisi finanziaria globale. Pertanto, il debito netto delle maggiori imprese russe è cresciuto nel 2007 del 37% rispetto al 2006. Allo stesso tempo, il commercio al dettaglio è diventato uno dei leader in termini di crescita dell'indebitamento netto (del 51%). E il capitale circolante netto, che è uno degli indicatori più importanti della stabilità finanziaria, è cresciuto molto più lentamente del debito netto nella maggior parte dei settori. La situazione più difficile è stata la costruzione: il volume del debito a breve termine ha superato di 2007 volte il profitto delle vendite (il rapporto tra prestiti a breve termine più conti da pagare per trarre profitto dalle vendite) nel 9,1. Nel commercio al dettaglio, questa cifra era 5,1 volte l'anno scorso.

Implicazioni per le aziende calzaturiere

In media, i tassi di interesse sono aumentati del 3-6% alla volta. I tassi di prestito al dettaglio ora vanno dal 14 al 22%, raggiungendo talvolta il 25%. Insieme a questo, i termini del prestito sono ridotti, ad esempio, da un anno a sei mesi. In effetti, i prestiti alle imprese oggi coprono le carenze di liquidità a breve termine. Queste sono le parole del vicepresidente dell'Associazione delle banche regionali della Russia Oleg Ivanov. Cioè, oggi le imprese devono dimenticare i prestiti a lungo termine per lo sviluppo del business. E dimentica tutto: grandi, piccole e medie imprese.

C'è un effetto valanga: da un lato, il servizio di prestiti più costosi porta a una diminuzione della redditività per le società commerciali e manifatturiere, dall'altro le banche che valutano un mutuatario in termini di indicatori finanziari sempre peggiori possono facilmente ridurre il livello di qualità del credito e aumentare ancora di più i tassi.

“Nell'attuale situazione economica, un certo numero di banche ha ridotto il volume dei prestiti, alcuni attori hanno abbandonato del tutto il mercato, temporaneamente o permanentemente - non è ancora chiaro. Le banche sono diventate più esigenti nel valutare l'attività del mutuatario, accettando selettivamente questa o quella proprietà come garanzia, cercando di rendere la garanzia per i prestiti più liquida ", afferma Ekaterina Pisareva, capo del dipartimento per lo sviluppo delle PMI di OJSC Sobinbank. - I tassi di interesse sui prestiti sono determinati dal costo e dall'urgenza delle risorse della banca, pertanto sono aumentati negli ultimi mesi. È difficile prevedere quanto durerà questa situazione, ma non si tratta ancora di un cambiamento radicale della politica creditizia della banca e del sistema di lavoro con il mutuatario ”.

D'altro canto, i venditori stessi affermano di aver bisogno di prestiti a breve termine (se stiamo parlando dei soldi necessari per acquistare collezioni stagionali). Ad esempio, i prestiti presi in giugno-luglio per le scarpe da scuola pagano già in inverno. Ma a causa della sfiducia nelle banche, è diventato difficile ottenerle. Gli esperti bancari affermano che la vendita al dettaglio è diventata un mutuatario discutibile per diversi motivi: esiste un alto rischio di insolvenza sui prestiti già emessi. Inoltre, il rischio di una minore domanda di prodotti dei rivenditori può comportare una riduzione della liquidità attuale delle società commerciali.

La seconda ragione per limitare i programmi di credito è che le banche semplicemente non hanno abbastanza soldi.

A causa del fatto che ora è più difficile per le banche ricevere fondi all'estero, hanno ridotto la quantità di denaro disponibile per i prestiti alle piccole e medie imprese. Molti degli strumenti con cui le banche hanno lavorato e guadagnato denaro ora hanno smesso di essere efficaci (prestiti, investimenti in titoli, cambiali sono gravemente persi nel prezzo e le banche sono costrette a venderli con perdite).

Previsioni fatte un paio d'anni fa

Il fatto che l'attuale crisi sarà di dimensioni insolite e, cosa più importante, delle sue conseguenze, alcuni ricercatori hanno iniziato a parlarne diversi anni fa. Il rinomato laboratorio europeo Laboratoire europeen d'Anticipation Politique Europe 2020 (LEAP / E2020) nel 2006 ha identificato sette crisi minori che "si intensificheranno e si trasformeranno in una crisi globale che interesserà l'intero pianeta in aree politiche, economiche e finanziarie, nonché, molto probabilmente nell'esercito ":

- crisi di fiducia nel dollaro USA;

- la crisi del saldo finanziario degli Stati Uniti (il 22 gennaio 2008, il sistema della Federal Reserve statunitense ha annunciato una riduzione del tasso di interesse di base di 0,75 punti percentuali al 3,5% annuo);

- crisi petrolifera;

- crisi della leadership statunitense;

- crisi del mondo arabo-musulmano;

- crisi del governo globale;

- Crisi del governo europeo.

Secondo gli esperti dell'Istituto per la strategia nazionale, al termine del regno di Vladimir Putin la Russia dovrà affrontare (e sta già affrontando) tre grandi crisi: cibo (aumento incontrollato dei prezzi dei prodotti alimentari a causa della dipendenza critica dell'economia russa dalle importazioni), infrastruttura (a causa del deprezzamento critico di elementi chiave infrastruttura nazionale) e la crisi di liquidità bancaria.

Tuttavia, molte società commerciali regionali ritengono che la crisi non esista o non le influenzerà.

Come identificare una crisi in effetti

È possibile attribuire critico lo stato dell'economia nazionale se si verificano quattro fenomeni.

1. La caduta degli indici azionari.

2. Fallimento delle banche di investimento.

3. Difficoltà nell'attuazione del prestito interbancario.

4. Fallimenti delle banche e loro successiva nazionalizzazione.

Secondo il professore associato del dipartimento "Scambio di affari e titoli" REA loro. G. V. Plekhanov Mikhail Sapelkin, tutti e quattro i segni in Russia sono già lì.

“L'attuale situazione nei mercati finanziari della Russia è molto deplorevole. C'è un diffuso deflusso di capitali stranieri, massicce vendite di attività russe da parte di investitori stranieri e nazionali, afferma Sapelkin. - L'indice RTS, che riflette lo stato delle società russe, la loro valutazione finanziaria del mercato, è sceso da un massimo di 2500 punti a 800 punti. I fallimenti bancari sono iniziati. Alcune di queste banche hanno già acquisito lo stato attraverso le loro società vicine allo stato. Quindi, per esempio, ALROSA e Russian Railways hanno acquistato una grande banca KIT Finance in uno stato di fallimento, la Capital Capital ha cambiato urgentemente il suo proprietario. Le banche sono ora sotto una tremenda pressione: gli investitori stanno ritirando denaro in massa, questo è particolarmente vero per le banche piccole e regionali, non vi sono prestiti e un'ondata di mancati pagamenti ha spazzato il mercato dei prestiti interbancari. Le banche hanno problemi di liquidità ".

Per riferimento. I tassi sul mercato dei prestiti interbancari l'11 agosto hanno raggiunto l'8% contro il 4-5% all'inizio del mese. La quantità di fondi raccolti nelle aste REPO con la Banca centrale è cresciuta notevolmente: l'11 e il 12 agosto hanno superato i 200 miliardi di rubli. Al fine di migliorare la situazione di liquidità, il Ministero delle finanze il 12 agosto ha erogato 119 miliardi di rubli dal bilancio alle banche commerciali ad un tasso superiore all'8%.

Sapelkin prevede che il deflusso di capitali continuerà: “I fondi stanziati dallo stato per sostenere il sistema finanziario della Russia, oltre a sostenere le imprese che subiscono perdite nell'attuale situazione economica, ammontano a centinaia di miliardi di rubli e dollari USA. Le riserve di valuta estera del paese sono diminuite di $ 120 miliardi nell'arco di due mesi, il che porta a una riduzione dei rating del credito internazionale sia delle banche e società statali che russe, che comporterà nuove vendite di attività russe da parte degli investitori e scatenerà ulteriormente una nuova ondata di deflussi di capitali ". Ciò significa che le banche continueranno ad avere problemi di liquidità e di vendita al dettaglio - con i prestiti.

Alternative di credito

Un'altra domanda è che ora puoi cercare un'alternativa ai prestiti bancari. A breve termine, la crisi delle insolvenze può essere scatenata da una riduzione qualitativa dei tassi di servizio per le società di factoring. Il governo ha già raccomandato alle banche di sviluppare il factoring, ovvero prestiti mirati alle imprese per gli insediamenti per i prodotti consegnati. Per i venditori che hanno un fatturato elevato e profitti relativamente piccoli, il factoring è un modo per ottenere un prestito salvavita. A medio termine, le obbligazioni societarie possono diventare un'alternativa al debito estero.

Opzioni per lo sviluppo della situazione alla fine del 2008

Le economie sviluppate del mondo sono entrate in una recessione, ha affermato l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) nella sua revisione economica all'inizio di novembre. E come osserva Fitch Ratings, sarà il più grave dalla seconda guerra mondiale e il primo mondo sviluppato vi entrerà in modo sincrono. Il ripristino delle attività in Occidente inizierà non prima della metà del 2009, soggetto al sostegno statale per il settore reale, e una piccola crescita annuale sarà registrata solo nel 2010. Gli esperti osservano che la ripresa economica nei paesi in via di sviluppo, compresa la Russia, potrebbe iniziare prima.

Gli analisti di Russian Fitch prevedono un rallentamento della crescita economica dal 6,8% quest'anno al 4% nel 2009. Un forte rallentamento degli afflussi di capitali colpirà la disponibilità di prestiti e una riduzione dei prezzi del petrolio ridurrà il reddito del paese. Tuttavia, molto probabilmente sarà evitato un brusco "atterraggio" dell'economia, poiché le autorità hanno ridotto la dipendenza del settore bancario dai finanziamenti esterni. Inoltre, ad eccezione del settore petrolifero, l'economia russa è leggermente vulnerabile al calo del commercio globale, ha affermato Fitch.

Il Centro russo per l'analisi macroeconomica e le previsioni a corto raggio (CICAP) ha due scenari per sviluppi futuri.

Scenario ottimistico

La fine della prossima ondata di crisi nei mercati dei paesi sviluppati, l'emergere di una pausa a breve termine (circa un anno e mezzo) che precede il prossimo shock.

Durante questo periodo, i mercati globali e delle materie prime si riprenderanno parzialmente.

Rispetto al terzo trimestre, ci sarà una certa espansione delle possibilità di rifinanziamento dei debiti da parte di banche e società russe sui mercati esteri.

La produzione dei prezzi del petrolio (Urali) al livello di $ 85 al barile in media al trimestre.

Con uno sviluppo ottimistico degli eventi, riprenderanno gli acquisti di valuta estera nelle riserve ufficiali, che ammonteranno a $ 25-30 miliardi, creando condizioni favorevoli per ripristinare la liquidità del sistema bancario.

Scenario pessimistico

Approfondire l'attuale ondata della crisi nei mercati dei paesi sviluppati, portando a un ulteriore declino degli indici azionari e allo stato depresso dei mercati delle materie prime.

Un netto deterioramento delle opportunità di rifinanziamento del debito da parte di banche e società russe - fino alla metà delle obbligazioni di debito rimborsate nel IV trimestre.

Riduzione dei prezzi del petrolio (Urali) al livello di $ 75 al barile in media al trimestre.

Con una versione pessimistica, nel quarto trimestre ci sarà una riduzione delle riserve ufficiali in valuta estera (anche attraverso il rifinanziamento dei debiti di società e banche attraverso la Banca di sviluppo) di $ 16-18 miliardi, il che potrebbe aumentare significativamente la carenza di liquidità nel sistema bancario. Tuttavia, questo rafforzamento sarà evitato se il governo attuasse pienamente il pacchetto di misure dichiarato a sostegno del sistema bancario e dei mercati finanziari.

Vale la pena preoccuparsi

Naturalmente, sorge la domanda: in che misura tutti questi processi influenzeranno le aziende che si sono sviluppate principalmente con i propri fondi? E saranno interessati a tutti? Vale la pena preoccuparsi?

Secondo le previsioni, il picco della crisi si verificherà tra gennaio e febbraio 2009.

Secondo il direttore del Center for Stock Market Development (CFRF) Yuri Danilov, se riusciamo a limitarci all'attuale livello di perdite, allora diverse decine di migliaia di persone nel paese perderanno il lavoro, diverse centinaia di migliaia perderanno i salari, circa un milione di investitori privati ​​subiranno circa il 10-20% perdite sui loro investimenti. Se la crisi entra in una fase di fallimenti su larga scala, allora possiamo ottenere una riduzione del salario reale medio nel paese e centinaia di migliaia di nuovi disoccupati e l'inosservanza da parte delle banche e delle imprese di costruzione dei termini dei contratti con la popolazione.

Misure prioritarie per ogni particolare negozio

Cosa devi fare al proprietario di ogni particolare negozio.

1. Traccia la dinamica delle vendite (entrate e margine): sia per categoria di prodotto che per ogni prodotto specifico.

2. Identificare elenchi di prodotti con una tendenza costante verso vendite inferiori.

3. Cercare le ragioni del calo delle vendite di un determinato prodotto in un determinato negozio, analizzandone le vendite orarie e confrontandole con le scorte disponibili in quel momento al fine di rilevare l'assenza di merci sugli scaffali e / o sulle scorte.

4. Condurre un'analisi delle attività di trading sulla base delle informazioni ottenute dalle entrate in contanti, ma non tanto dalla loro intera massa quanto dalla totalità degli acquisti che porta il profitto principale. Tale attenzione ci consentirà di identificare le esigenze dei clienti tipici per soddisfare meglio la loro domanda, ottimizzare l'assortimento secondo questo criterio.

5. Utilizzando vari tipi di analisi di matrici (ABC-XYZ, matrice di Boston e Dibba-Simkin), apportare modifiche all'assortimento sia all'interno di determinate categorie sia sull'intero portafoglio di assortimenti al fine di massimizzare i profitti con costi logistici minimi.

6. Cerca i prezzi ottimali per le merci per ottenere il massimo profitto dalle loro vendite.

Recessione, non rivoluzione

La crisi finanziaria che ha complicato i prestiti è solo una parte del problema. Il rovescio della medaglia è che la recessione economica si verifica prima simultaneamente in tutti i paesi sviluppati. Una cronaca di dove e come viene ridotto il PIL, cosa fanno i governi e le banche centrali di altri paesi e la quantità di fondi stanziati per sostenere le economie nazionali sono reperibili su tutti i siti di informazioni commerciali. Un'altra cosa è interessante: come è nata questa crisi e in che modo cambierà radicalmente il sistema di coordinate economiche?

Secondo Konstantin Sonin, professore alla Russian School of Economics (NES), direttore dei programmi di ricerca dell'Istituto HSE / NES per gli studi interdisciplinari fondamentali, la ragione è che ci sono troppi soldi nel mondo e questi soldi sono diventati troppo economici. Le fonti dell'inondazione dell'economia sono state le banconote, le macchine da stampa, i moltiplicatori delle banche e le garanzie delle banche centrali.

La liquidità è aumentata e in alcuni mercati il ​​valore delle attività ha iniziato a essere più volte superiore al loro valore reale, ovvero le "bolle" hanno iniziato a gonfiarsi o le aspettative degli investitori economicamente insoddisfatte. Abbastanza semplice e ampio accesso a risorse di credito a basso costo, valutazione errata delle attività, calcolo errato dei rischi o ignorarli hanno portato alla crisi.

Secondo Sonin, la crisi non è strutturale, si sta sviluppando nel quadro del ciclo economico esistente, il che significa che le azioni per eliminarlo sono abbastanza prevedibili. Ora il compito dello stato è rivalutare le attività delle banche, prevenire il fallimento delle banche e il panico tra la popolazione, evitare la deflazione e prevenire il protezionismo del mercato.

Quanto queste proposte corrisponderanno alle azioni reali delle autorità, lo scopriremo dopo il 1 ° dicembre, quando verrà data una previsione aggiornata per lo sviluppo dell'economia russa.

Tuttavia, già alla fine di ottobre, l'assistente del capo dello stato per gli affari economici, Arkady Dvorkovich, ha affermato che le autorità avrebbero sostenuto molti settori colpiti da catastrofi finanziarie. Se gli sviluppatori hanno difficoltà, lo stato è pronto ad acquistare da loro oggetti per impedire la costruzione a lungo termine. L'assistenza sarà fornita anche alle catene di vendita al dettaglio se gli acquirenti possono soffrire per la loro rovina. Sarà fornito sostegno all'ingegneria, alla difesa, nonché all'agricoltura e alle piccole imprese. Secondo A. Dvorkovich, innanzitutto, verrà fornita assistenza al settore del commercio al dettaglio, comprese le catene di farmacie. Potranno non solo ricevere ulteriori risorse di credito, ma anche beneficiare di agevolazioni fiscali.

A proposito, Charles Collins, vicedirettore del dipartimento di ricerca del Fondo monetario internazionale, ha parlato durante la visita a Mosca che la crisi non va oltre le previsioni prevedibili. Secondo lui, nel 2009, i paesi sviluppati dovranno affrontare la recessione ovunque, né negli Stati Uniti, né nell'Eurozona, né in Giappone, la crescita supererà lo 0,5% e che, se verranno prese le giuste misure, avverte Collins. In ogni caso, le possibilità di miglioramento appariranno solo nella seconda metà dell'anno. Le sue principali fonti negli Stati Uniti possono essere le esportazioni e un possibile aumento della domanda da parte della popolazione, e nella zona euro, la stessa domanda al dettaglio e la crescita degli investimenti lordi in immobilizzazioni.

La particolarità dell'attuale crisi mondiale è che in dinamica non è simile alle precedenti recessioni sorte in America. Si prolunga nel tempo, ha una recessione più delicata e un possibile aumento, che ricorda molto le crisi del Giappone e della Scandinavia degli anni '1990 causate da adeguamenti del mercato immobiliare. Una possibile spiegazione per questo, sia allora che ora, è semplice: è il settore immobiliare che dà scorrevolezza sia alla recessione che alla crescita.

Direttore generale di Unichel CJSC Vladimir Denisenko:

- La nostra attività è composta da due componenti: la parte di produzione e la nostra rete di distribuzione di duecento negozi. Ma se quest'anno siamo riusciti ad aprire 20 nuovi punti vendita, quindi, vista la situazione, nel prossimo siamo costretti a ridurre il programma di sviluppo a 8-10 negozi. È necessario tenere conto del momento in cui le aree nei punti centrali e di passaggio saranno liberate nei centri commerciali. A questo proposito, prevediamo di spostare alcuni negozi in una posizione più favorevole. Se parliamo di acquisto di catene di vendita al dettaglio, in linea di principio la società è pronta a prendere in considerazione eventuali proposte. L'unica avvertenza è che di solito vendono affari, non proprietà. Tuttavia, questo può anche essere interessante e abbastanza accettabile per noi. Certo, stiamo cercando di invertire la situazione nella nostra direzione. La vendita al dettaglio rende tutto più semplice. Molto probabilmente, sarà necessario ridurre il numero di ordini di scarpe da altri fornitori, mantenendo allo stesso livello la sua parte di produzione. Dovrai risparmiare sul materiale e sulla base tecnica. Quest'anno hanno pianificato di aggiornare i veicoli ufficiali, ma alla fine hanno deciso di rimandarlo a un momento successivo. Ma l'acquisizione di nuove attrezzature industriali non dovrebbe essere rinviata. L'anno scorso l'abbiamo acquistato per $ 1 milione, i nostri piani per questo sono di investire $ 600-700 mila in aggiornamenti delle attrezzature.

Non è il momento di parlare della crescita della produzione. Dobbiamo pensare a come resistere per un anno o due, e poi vedere cosa succede al mercato. Produrre scarpe in Russia non è redditizio. Forse la crescita del dollaro creerà una situazione più favorevole per lo sviluppo della produzione interna. Ma quanto durerà questo processo? D'altra parte, anche la Cina non vorrà perdere la sua posizione attuale. I produttori cinesi preferiranno spremere i ricavi, offrire ai clienti migliori condizioni di lavoro piuttosto che perdere terreno. Questa situazione ha un terzo lato: le vendite diminuiranno drasticamente, rispettivamente, molte aziende di calzature saranno colpite dal problema del rimborso dei prestiti. Molto probabilmente, non saranno più in grado di acquistare la prossima collezione stagionale. Ciò comporterà il rilascio del mercato e l'emergere di opportunità per lo sviluppo della produzione.

Direttore marketing di Yegoryevsk-Obuv OAO Irina Evsyukova:

- Negli ultimi anni, la crescita della produzione nell'azienda è stata del 25-35% circa all'anno. Data l'attuale situazione economica del prossimo anno, prevediamo di mantenere i volumi di produzione al livello del 2008 e di prestare maggiore attenzione al raffinamento e all'analisi dell'assortimento. Prevediamo di ridurre i costi pubblicitari nel 2009 di circa il 40%. Manteniamo i piani per lo sviluppo di progetti esistenti e ricerche ancora più approfondite e analisi di mercato. Partiamo dal presupposto che ci sarà un adeguamento e una ridistribuzione del paniere dei consumatori. Siamo fiduciosi nel nostro futuro. In primo luogo, i nostri clienti prestano grande attenzione alla qualità, rendendosi conto che la salute dei bambini dipende da questo, ed è improbabile che inizino a risparmiare, e in secondo luogo, i bambini crescono, la necessità di aggiornare un guardaroba di scarpe è naturale e, in terzo luogo, ancora non è consuetudine risparmiare sui bambini, piuttosto i genitori rifiuteranno qualcosa per se stessi. Se parliamo del settore fieristico, prevediamo di partecipare alla mostra MosShoes. È chiaro che tenere presentazioni e mostre parallele erode il pubblico, ma speriamo che il tempo metta tutto al suo posto.

Negli ultimi anni, Yegoryevsk-Obuv OAO ha prestato molta attenzione al problema dell'aggiornamento delle attrezzature e ora disponiamo di un parco tecnologico abbastanza moderno in tutti i siti produttivi. Pertanto, non è necessario attrarre prestiti per questi scopi. Se sono necessari investimenti nella produzione, cercheremo di fare a meno dei prestiti.

Secondo gli analisti, nei prossimi sei mesi, ottenere prestiti dalle banche (sia commerciali che statali) sarà problematico anche per società come la nostra (con una storia creditizia positiva), durante questo periodo non prevediamo di prendere prestiti. Speriamo anche che i nostri partner al dettaglio trovino una via d'uscita da questa situazione con le minori perdite.

Se parliamo delle possibilità di combinare il settore calzaturiero, allora possiamo dire che Yegoryevsk-Obuv OAO ha lavorato in questa direzione per diversi anni. Abbiamo unito i nostri sforzi di sviluppo del mercato con Komplekt OJSC (Mosca), KurskObuv LLC (Kursk), Surana LLC (Zaraysk) e Kaluga Shoe Factory KALITA OJSC (Kaluga ). Facendo questo passo, ci siamo resi conto che è più difficile sopravvivere nel solo mercato e ora la nostra cooperazione è all'altezza delle nostre aspettative. Come risultato della partnership creata, tutti hanno vinto: Yegoryevsk-Obuv OAO ha ricevuto ulteriori siti di produzione, l'esperienza di specialisti delle fabbriche partner, fabbriche - un ordine garantito, una buona gestione. C'è stata l'opportunità di scambiare esperienze e conoscenze di specialisti di diversi siti.

Direttore generale di Unichel CJSC Vladimir Denisenko:

- La nostra attività è composta da due componenti: la parte di produzione e la nostra rete di distribuzione di duecento negozi. Ma se quest'anno siamo riusciti ad aprire 20 nuovi punti vendita, quindi, vista la situazione, nel prossimo siamo costretti a ridurre il programma di sviluppo a 8-10 negozi. È necessario tenere conto del momento in cui le aree nei punti centrali e di passaggio saranno liberate nei centri commerciali. A questo proposito, prevediamo di spostare alcuni negozi in una posizione più favorevole. Se parliamo di acquisto di catene di vendita al dettaglio, in linea di principio la società è pronta a prendere in considerazione eventuali proposte. L'unica avvertenza è che di solito vendono affari, non proprietà. Tuttavia, questo può anche essere interessante e abbastanza accettabile per noi. Certo, stiamo cercando di invertire la situazione nella nostra direzione. La vendita al dettaglio rende tutto più semplice. Molto probabilmente, sarà necessario ridurre il numero di ordini di scarpe da altri fornitori, mantenendo allo stesso livello la sua parte di produzione. Dovrai risparmiare sul materiale e sulla base tecnica. Quest'anno hanno pianificato di aggiornare i veicoli ufficiali, ma alla fine hanno deciso di rimandarlo a un momento successivo. Ma l'acquisizione di nuove attrezzature industriali non dovrebbe essere rinviata. L'anno scorso l'abbiamo acquistato per $ 1 milione, i nostri piani per questo sono di investire $ 600-700 mila in aggiornamenti delle attrezzature.

Non è il momento di parlare della crescita della produzione. Dobbiamo pensare a come resistere per un anno o due, e poi vedere cosa succede al mercato. Produrre scarpe in Russia non è redditizio. Forse la crescita del dollaro creerà una situazione più favorevole per lo sviluppo della produzione interna. Ma quanto durerà questo processo? D'altra parte, anche la Cina non vorrà perdere la sua posizione attuale. I produttori cinesi preferiranno spremere i ricavi, offrire ai clienti migliori condizioni di lavoro piuttosto che perdere terreno. Questa situazione ha un terzo lato: le vendite diminuiranno drasticamente, rispettivamente, molte aziende di calzature saranno colpite dal problema del rimborso dei prestiti. Molto probabilmente, non saranno più in grado di acquistare la prossima collezione stagionale. Ciò comporterà il rilascio del mercato e l'emergere di opportunità per lo sviluppo della produzione.

Direttore marketing di Yegoryevsk-Obuv OAO Irina Evsyukova:

- Negli ultimi anni, la crescita della produzione nell'azienda è stata del 25-35% circa all'anno. Data l'attuale situazione economica del prossimo anno, prevediamo di mantenere i volumi di produzione al livello del 2008 e di prestare maggiore attenzione al raffinamento e all'analisi dell'assortimento. Prevediamo di ridurre i costi pubblicitari nel 2009 di circa il 40%. Manteniamo i piani per lo sviluppo di progetti esistenti e ricerche ancora più approfondite e analisi di mercato. Partiamo dal presupposto che ci sarà un adeguamento e una ridistribuzione del paniere dei consumatori. Siamo fiduciosi nel nostro futuro. In primo luogo, i nostri clienti prestano grande attenzione alla qualità, rendendosi conto che la salute dei bambini dipende da questo, ed è improbabile che inizino a risparmiare, e in secondo luogo, i bambini crescono, la necessità di aggiornare un guardaroba di scarpe è naturale e, in terzo luogo, ancora non è consuetudine risparmiare sui bambini, piuttosto i genitori rifiuteranno qualcosa per se stessi. Se parliamo del settore fieristico, prevediamo di partecipare alla mostra MosShoes. È chiaro che tenere presentazioni e mostre parallele erode il pubblico, ma speriamo che il tempo metta tutto al suo posto.

Negli ultimi anni, Yegoryevsk-Obuv OAO ha prestato molta attenzione al problema dell'aggiornamento delle attrezzature e ora disponiamo di un parco tecnologico abbastanza moderno in tutti i siti produttivi. Pertanto, non è necessario attrarre prestiti per questi scopi. Se sono necessari investimenti nella produzione, cercheremo di fare a meno dei prestiti.

Secondo gli analisti, nei prossimi sei mesi sarà problematico ottenere prestiti da banche (sia commerciali che statali) anche per aziende come la nostra (con una storia creditizia positiva), in questo periodo non si prevedono prestiti. Ci auguriamo inoltre che i nostri partner commerciali trovino una via d'uscita da questa situazione con il minor numero di perdite possibili. Se parliamo delle possibilità di unire l'attività calzaturiera, possiamo dire che Egorievsk-Obuv OJSC lavora in questa direzione da diversi anni. Abbiamo unito i nostri sforzi per sviluppare il mercato con OJSC Komplekt (Mosca), LLC KurskObuv (Kursk), LLC Surana (Zaraysk) e il calzaturificio OJSC Kaluga KALITA (Kaluga ). Facendo questo passo, abbiamo capito che è più difficile sopravvivere sul mercato da soli, e ora la nostra collaborazione sta giustificando le nostre aspettative. Come risultato della partnership creata, tutti hanno vinto: Egorievsk-Obuv OJSC ha ricevuto ulteriori siti di produzione, l'esperienza di specialisti di fabbriche partner, fabbriche: un ordine garantito, una buona gestione. È stata offerta l'opportunità di scambiare esperienze e conoscenze di specialisti di diversi siti.


Onere del debito al dettaglio e alla produzione

(secondo TsMAKP dal 1 luglio 2008)


Commercio al dettaglio

Produzione di pelle, scarpe e prodotti in pelle

La quota di prestiti bancari nel capitale circolante

62,2%

54,9%

Crescita del debito per il 2007 e la prima metà del 2008

108,8%

32,4%

Il rapporto tra profitto annuale e debito bancario

17,4%

13,3%

Quota del settore nel debito bancario totale del settore non finanziario

3,5%

0,1%

Onere del debito al dettaglio e alla produzione

(secondo TsMAKP dal 1 luglio 2008)


Commercio al dettaglio

Produzione di pelle, scarpe e prodotti in pelle

La quota di prestiti bancari nel capitale circolante

62,2%

54,9%

Crescita del debito per il 2007 e la prima metà del 2008

108,8%

32,4%

Il rapporto tra profitto annuale e debito bancario

17,4%

13,3%

Quota del settore nel debito bancario totale del settore non finanziario

3,5%

0,1%

Già nel settembre 2008, alcune banche russe hanno iniziato a chiedere il rimborso anticipato dei prestiti e hanno smesso di prestare sulla sicurezza delle merci in circolazione, altre hanno iniziato ad aumentare le garanzie o ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

"C'era una luce alla fine del tunnel ..." I partecipanti del mercato calzaturiero sulla situazione del settore.

Il 2020 è diventato un anno di crisi per il settore reale dell'economia e dell'industria calzaturiera. Shoes Report ha parlato con le società all'ingrosso, con Mikhail Kryuchkov, il capo della società di distribuzione Paloma, che rappresenta una serie di calzature spagnole sul mercato russo ...
22.12.2020 6713

Stagione morta. Cosa trasformerà la quarantena Covid-19 per la vendita al dettaglio di scarpe

La vendita al dettaglio di scarpe riprende le operazioni a Mosca e nelle regioni, calcola le perdite, valuta le prospettive. Due mesi e mezzo di inattività si sono rivelati un serio test per ...
01.06.2020 16736

10 principali tendenze nel commercio al dettaglio per i prossimi 3 anni

Dieci tendenze principali emergenti nell'ultimo anno, che determineranno lo sviluppo del commercio mondiale nel prossimo futuro
11.03.2020 20668

La marcatura delle scarpe è iniziata. MTCT nominato operatore del progetto pilota di etichettatura

Il 1 ° giugno 2018 è stato lanciato un progetto pilota per la marcatura delle scarpe in Russia, finora su base volontaria. L'operatore di sistema è stato nominato una sussidiaria del Centro per lo sviluppo di tecnologie avanzate "Operatore CRPT", creato per implementare l'Unified National ...
23.07.2018 10700

Chipping shoes: essere o non essere

La proposta del Ministero dell'Industria e del Commercio della Russia sulla marcatura (scheggiatura) delle scarpe ha causato un'accesa discussione tra esperti e partecipanti alla scarpa ...
10.08.2017 30984
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio