Rieker
I-Store: un nuovo concept per la vendita di prodotti italiani
05.04.2011 4897

I-Store: un nuovo concept per la vendita di prodotti italiani

Uno stereotipo è da tempo stabilito nella coscienza russa: qualità significa Germania, moda significa Francia, espressione significa Spagna. Cosa vuol dire Italia? Made in Italy significa moda, design e buon cibo. I tre pilastri dell'economia italiana.

Date le ambizioni imperiali dei discendenti dei grandi romani, è comprensibile il desiderio di affermare il dominio mondiale dei prodotti italiani. Per fare questo, gli italiani offrono ai partner di tutto il mondo l'adozione di un concept store completamente nuovo e unico. È unico nella sua "maggiore socievolezza" sia con gli acquirenti che con i produttori di beni. E questo da solo porta a un crescente riconoscimento e acquisto. In secondo luogo, questo concetto di negozi implica anche un aumento quantitativo - con il supporto del programma Made in Italy, i supermercati chiamati I-Store saranno creati all'estero, progettati per promuovere marchi specifici e la cultura commerciale italiana nel suo insieme.

Combineranno multibrand di diverse categorie sotto un unico ombrello: vino e cucina, scarpe e accessori, vestiti, mobili di design e accessori per la casa, ogni reparto del supermercato avrà i nomi delle categorie corrispondenti - I-Food, I-Wine, I-Shoes, I -Fashion e I-Design. Nella pianificazione dei supermercati, saranno prese in considerazione le esigenze di tutti i partecipanti, in modo che in tutti i dipartimenti vi sia il massimo traffico (per i clienti) e la domanda (per le merci). Ogni categoria avrà il proprio approccio alla progettazione dei punti vendita.

Chi vende tutto questo?

Per gestire la divisione scarpe del progetto, è stato creato I-Shoes Made in Italy. Questo è il risultato della fusione di due società: l'agenzia di marketing Armando Honnegger srl e lo showroom Massimo Bonini, che ha già distributori in 63 paesi.

La società ha sviluppato e registrato il concetto di franchising I-Shoes, che include la ricerca del marchio, la selezione e il coinvolgimento dei partner locali in tutto il mondo nel business, la distribuzione di soli prodotti italiani esclusivi, lo sviluppo dell'immagine del negozio con un partner locale, la fornitura di prodotti e servizi di assistenza clienti , sviluppo congiunto di un piano aziendale, nonché pianificazione e coordinamento delle attività di marketing e comunicazione.

Marchi di scarpe come ETRO, Alessandro dell'Aqua, Andrea Pfister, Missoni, Leopoldo Giordano, Paolo Ferrari, Sebastian, Lerre, Armuse, Henderson, the Saddler, Kalliste, ecc. Hanno già espresso il desiderio di diventare fornitori del multibrand I-Shoes. può vendere accessori e borse dei marchi Kalliste, Neil Barrett, Alessandro dell'Aqua, Beledina, Elle, Sartie e Sebastian.

Chi può diventare un partner?

Per i rivenditori interessati, ad esempio, alla partecipazione a un progetto di scarpe, i vantaggi della cooperazione sono evidenti: in primo luogo, ricevono vari bonus dal progetto I-Shoes e, in secondo luogo, una licenza ufficiale per questo marchio in ogni negozio. Hanno l'opportunità di comunicare direttamente con i principali produttori di scarpe italiani e di selezionare autonomamente nuove collezioni per i negozi.

"I-Shoes Made in Italy" insieme all'affiliato stipulano un accordo che stabilisce il numero di paia di scarpe che il rivenditore acquisterà ogni sei mesi. Il pagamento è possibile su lettere di credito. Per facilitare il pagamento dei fondi dell'azienda nei primi sei mesi, I-Shoes Made in Italy ti consente di differire il primo pagamento fino a quando il partner non vende completamente la raccolta. Naturalmente, le scarpe dovrebbero essere vendute ai prezzi stabiliti da I-Shoes Made in Italy. Inoltre, i negozi I-Shoes non dovrebbero avere prodotti di terze parti. Lo spazio commerciale dovrebbe essere progettato e utilizzato rigorosamente in base al contratto, poiché la società condivide i costi di progettazione e decorazione con un rivenditore. Le responsabilità della gestione commerciale del negozio sono anche a carico del rivenditore. La percentuale di profitti detratta dal partner I-Shoes Made in Italy e l'importo che si prevede di spendere per l'attuazione del piano pubblicitario sono specificatamente stabiliti. Le spese per l'affitto dei locali e gli stipendi dei dipendenti sono a carico del partner.

Al momento, i marchi di calzature offerti da "I-Shoes Made in Italy" sono già rappresentati e conosciuti in paesi come Spagna, Francia, Germania, Gran Bretagna, Irlanda, Danimarca, Austria, Lituania, Slovenia, Polonia, Grecia, Svizzera, Repubblica Ceca , Russia, Ucraina, Giappone, Cina, Taiwan, Turchia, Armenia, Emirati Arabi Uniti, Indonesia, Singapore, Stati Uniti, Canada, Australia, Nigeria e molti altri. Pertanto, il franchising all'interno dell'I-Store non può essere inefficace. E decine di partner in tutto il mondo lo hanno già dimostrato.

Per la cronaca Il concetto di supermercato I-Store “Made in Italy” è una serie di azioni di promozione delle vendite che tengono conto delle caratteristiche espositive e commerciali di ciascuna delle tre principali destinazioni di esportazione dell'economia italiana

Uno stereotipo è da tempo stabilito nella coscienza russa: qualità significa Germania, moda significa Francia, espressione significa Spagna. Cosa vuol dire Italia? "Fatto in Italia" - ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

"C'era una luce alla fine del tunnel ..." I partecipanti del mercato calzaturiero sulla situazione del settore.

Il 2020 è diventato un anno di crisi per il settore reale dell'economia e dell'industria calzaturiera. Shoes Report ha parlato con le società all'ingrosso, con Mikhail Kryuchkov, il capo della società di distribuzione Paloma, che rappresenta una serie di calzature spagnole sul mercato russo ...
22.12.2020 6733

Stagione morta. Cosa trasformerà la quarantena Covid-19 per la vendita al dettaglio di scarpe

La vendita al dettaglio di scarpe riprende le operazioni a Mosca e nelle regioni, calcola le perdite, valuta le prospettive. Due mesi e mezzo di inattività si sono rivelati un serio test per ...
01.06.2020 16745

10 principali tendenze nel commercio al dettaglio per i prossimi 3 anni

Dieci tendenze principali emergenti nell'ultimo anno, che determineranno lo sviluppo del commercio mondiale nel prossimo futuro
11.03.2020 20682

La marcatura delle scarpe è iniziata. MTCT nominato operatore del progetto pilota di etichettatura

Il 1 ° giugno 2018 è stato lanciato un progetto pilota per la marcatura delle scarpe in Russia, finora su base volontaria. L'operatore di sistema è stato nominato una sussidiaria del Centro per lo sviluppo di tecnologie avanzate "Operatore CRPT", creato per implementare l'Unified National ...
23.07.2018 10710

Chipping shoes: essere o non essere

La proposta del Ministero dell'Industria e del Commercio della Russia sulla marcatura (scheggiatura) delle scarpe ha causato un'accesa discussione tra esperti e partecipanti alla scarpa ...
10.08.2017 30995
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio