Come salvare il mercato delle scarpe della Russia
30.06.2011 8233

Come salvare il mercato delle scarpe della Russia

L'Unione nazionale delle scarpe ha proposto al governo russo misure anticrisi nel campo della regolamentazione fiscale, della politica bancaria e dello sviluppo delle infrastrutture. Particolare attenzione nel documento è data alle misure speciali volte a stabilizzare (mantenere) il mercato delle scarpe russo.

Oggi, le calzature russe sono fornite da micro, piccole e medie imprese. L'occupazione in questa zona è di oltre 100mila persone. Oltre il 90% del consumo proviene dalle importazioni. Per poter in qualche modo corrispondere alla struttura della domanda, di cui oltre il 60% è rappresentato da scarpe da donna eleganti, il 70% di esse utilizza grezzi di scarpe importati e dipende anche da fornitori esteri. "Ma nelle condizioni attuali, non vale la pena spendere energie ed energie per affrontare due componenti integrali del mercato calzaturiero: la produzione interna e le importazioni", afferma Natalya Demidova, direttrice generale della National Shoe Union. "Prima di tutto, dobbiamo concentrarci su quelle iniziative che daranno al consumatore russo, che ha avuto il tempo di sentire il gusto per calzature alla moda, comode e varie, una reale possibilità di libera scelta".

La svalutazione del rublo, la diminuzione della domanda dei consumatori, la mancanza di fondi di credito accessibili necessari per il normale funzionamento e lo sviluppo delle aziende, stanno già portando a prezzi più alti per le scarpe. In queste condizioni, alcuni produttori di scarpe russi hanno la possibilità di mantenere e sviluppare la loro nicchia di produzione, ma sfortunatamente non riusciranno a soddisfare pienamente la domanda dei consumatori. Una crescita significativa della produzione russa è impossibile per ragioni oggettive. Oggi in Russia non esistono praticamente fabbriche in grado di lavorare su base contrattuale per grandi clienti al dettaglio; non esistono infrastrutture, capacità tecniche o capitale circolante adeguati. Di conseguenza, i produttori non possono offrire al mercato prodotti competitivi secondo gli standard mondiali.

Secondo il governo della Federazione Russa, già a novembre-dicembre 2008, le importazioni sono diminuite del 25-30%, una riduzione ancora maggiore comporterà un deficit significativo e un aumento dei prezzi per prodotti di questo tipo. "Le misure protezionistiche involontarie possono arrecare più danni che benefici all'industria", continua Demidova, "l'attuale divieto all'importazione di scarpe (indebolendo il rublo del 40% e la possibile introduzione di un dazio del 25%) riporterebbe indietro la popolazione russa anche nel 3,6 ° secolo (consumo di scarpe in URSS - XNUMX coppie per persona all'anno), e nel diciannovesimo secolo, costringendo la popolazione a tessere scarpe da rafia. "

A tale proposito, al fine di legalizzare e stabilizzare il mercato delle calzature durante la crisi, la NLB propone di ridurre e unificare il dazio doganale di importazione sulle scarpe e di abolire il dazio sui componenti per semplificare l'amministrazione doganale, ad esempio durante il periodo di validità dei dazi doganali di importazione ridotti sulle scarpe dal 2006. le importazioni legali sono aumentate di 10 volte. La legalizzazione delle importazioni riduce la pressione competitiva sul produttore interno, contribuendo alla sua "uscita dall'ombra".

Inoltre, l'attuale politica relativa agli attori del mercato di grandi e medie dimensioni consente allo Stato di beneficiare delle proprie attività. Dopotutto, solo il 15-20% del prezzo dei prodotti importati viene restituito all'estero, il resto si stabilisce in Russia, formando un valore aggiunto e tasse e pagamenti doganali riempiono il bilancio statale.

"Il livello di investimento nel mercato delle calzature è basso", aggiunge Demidova. "Pertanto, prestiamo particolare attenzione alla necessità di aumentare la competitività del settore al fine di attrarre investimenti da tutto il mondo. E per questo, tutti gli attori del mercato devono unirsi e agire insieme! ”

Come gli altri paesi salvano il mercato delle scarpe: il Canada

La Canadian Shoe Manufacturers Association ha richiesto al Canadian Border Service di condurre uno studio sui prezzi delle scarpe di gomma esportate dalla Cina e dal Vietnam. Tale richiesta faceva seguito a misure antidumping analoghe adottate nell'UE, in Brasile, Argentina, Messico e Perù.

Protezione del mercato interno: India

Nell'attuale crisi, l'Indian Leather Export Council ha chiesto aiuto al governo. Il Consiglio chiede di abbassare i tassi di interesse sui prestiti all'esportazione e a termine. Il consiglio è anche preoccupato per l'effetto negativo delle fluttuazioni nella valuta nazionale. I produttori indiani sono stati duramente colpiti dalla recessione economica in Europa e negli Stati Uniti e dal conseguente calo degli ordini.

Supporto nazionale per scarpe: Ecuador

Per sostenere l'industria calzaturiera nazionale, il governo ecuadoriano ha imposto un dazio del 10% su tutte le scarpe importate nel paese. Dicono che l'industria calzaturiera dell'Ecuador abbia ormai solo metà della sua capacità. La National Tannery Association ha accolto con favore la misura del governo, ma ha avvertito della necessità di rafforzare i servizi doganali e di frontiera a causa del previsto aumento del traffico di merci.

    L'Unione nazionale delle scarpe ha proposto al governo russo misure anticrisi nel campo della regolamentazione fiscale, della politica bancaria e dello sviluppo delle infrastrutture. Particolare attenzione in ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Risultati della tavola rotonda dei calzolai con il Ministero dell'Industria e del Commercio della Federazione Russa, CRPT, NOBS e Wildberries

Il 15 settembre presso l'hotel Holiday Inn Sokolniki a Mosca si è tenuto un incontro strategico dei rappresentanti del Ministero dell'Industria e del Commercio della Federazione Russa, della CRPT, dell'Unione Nazionale delle Calzature (NOBS) e del più grande mercato russo Wildberries. All'incontro hanno partecipato...
18.09.2023 6004

Annuario mondiale delle calzature: la produzione globale di calzature raggiunge i 23,9 miliardi di paia ed è tornata ai livelli pre-pandemia

L'associazione portoghese dei produttori di calzature APICCAPS ha pubblicato la 13a edizione del bollettino statistico internazionale World Footwear Yearbook per il 2023, secondo il quale, nel 2022, la produzione e l'esportazione di scarpe nel mondo sono aumentate del 7,6% e…
28.07.2023 7992

Come raddoppiare le vendite di un negozio di scarpe?

Gli ultimi due anni sono stati così generosi di imprevisti che pensi involontariamente: "È necessario pianificare?" Tuttavia, devi pianificare. Il piano di vendita è il punto di riferimento per la tua attività. Pertanto, l'esperta di SR Maria Gerasimenko dà ...
11.07.2023 6672

Nuova direzione delle fiere ad Alma-Ata: Euro Shoes @ Elite Line & CAF

Euro Shoes entra in nuovi mercati e annuncia il lancio di un progetto espositivo ad Alma-Ata. La fiera all'ingrosso di scarpe, abbigliamento, pelle, pellicce e accessori Euro Shoes @ Elite Line si terrà in Kazakistan dal 30 luglio al 1 agosto 2023…
04.07.2023 4551

Tavola rotonda con i rappresentanti dei calzaturifici del Daghestan con il supporto del Ministero dell'Industria e del Commercio e della NOBS

Il 17-18 maggio si è tenuta a Makhachkala una tavola rotonda con produttori di scarpe e imprese del progetto strategico della Repubblica del Daghestan “Città…
23.05.2023 5075
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio