Rieker
28.03.2011 6388

Crisi di Cheboksary

I residenti nelle capitali, che marciano vivacemente al passo con i tempi, di solito percepiscono le regioni come nient'altro che "Russia non lavata". Vivendo a Mosca, ribollendo di eventi e guardando al futuro, voglio solo rimproverare con disprezzo alle regioni di essere arretrate rispetto al livello di sviluppo, istruzione, cultura della capitale e annegare in uno scoop. Anna Komissarova ha cercato e trovato in Cheboksary un'esperienza degna di essere imitata.

SR71-Vector-cheboksary_2.jpgIn generale, la ragione è semplice e ben nota: Mosca vive nello spettacolo, cercando di assomigliare all'Occidente in tutto. E le regioni, sapendo che a nessuno importa di loro, ruotano attorno al proprio asse, inalano aria pulita, senza contare i metri cubi, e di tanto in tanto danno un'occhiata alla capitale. E vedono che Mosca è stata invasa da negozi, centri commerciali, caffè, ristoranti e club altrettanto confusi. Lo stampaggio, per il quale tutti hanno rimproverato così tanto lo scoop, è diventato improvvisamente il rovescio del glamour.

La buona notizia è che le caratteristiche nazionali non sono erose dagli spiriti di Chanel o Kenzo. E indipendentemente da ciò che la moda impone, nell'entroterra russo si romperanno sicuramente in modo completamente imprevedibile. La globalizzazione non fa sicuramente paura per noi.

Di recente sono finito a Ceboksary, la capitale della Chuvashia. La città di mezzo milione di persone cadde su di me con la tenerezza del sole autunnale al culmine dell'estate indiana, riflessa dal verde Volga. Case colorate, segni luminosi, filobus piacevoli, nel cui ritmo vivono gli Cheboksars. Dopo essere fuggito dalle grinfie del trambusto della capitale e cadere nel pacifico Ceboksary, mi è sembrato di trovarmi in paradiso. Preferendo un riposo attivo a uno passivo, mi sono precipitato avanti e indietro, fissando le caratteristiche distintive del paradiso in terra, oltre a quanto sopra. La curiosità femminile e la sete di impressioni mi hanno spinto a esplorare il più grande centro commerciale di Cheboksary "Mega Mall".

È risultato essere modellato a immagine e somiglianza del centro commerciale medio di Mosca: al piano terra ci sono caffè, elettrodomestici, libri e profumeria; sul secondo e terzo - negozi di abbigliamento e calzature di varie dimensioni; il quarto - numerosi concorrenti nazionali di Ikea. In generale, una cornucopia in cui si dissolvono gli stipendi dei residenti della capitale ciuvascia.

Ho condotto uno studio comparativo sui negozi di scarpe con l'obiettivo di scegliere stivali autunnali. Ho dovuto visitare il Mega Mall per due giorni di fila, perché il primo giorno ero lì due ore prima della chiusura e sono riuscito a fare il giro delle file di scarpe su un solo piano. E il primo giorno ero pronto a dare una mano per tagliare che tutte le valutazioni degli esperti riguardanti l'assortimento di crisi non si sono materializzate. Hanno detto che il leader del mercato sarà scarpe comode alla Rieker, ma senza raffinatezze del design italiano. O la festa di Ceboksary durante la pestilenza della crisi, o la crisi delle pubbliche relazioni non ha ancora raggiunto le menti dei residenti locali. Si è scoperto che, in primo luogo, i negozi di scarpe comodi non sono i più visitati. In secondo luogo, devi cercare scarpe basse nel pomeriggio e con il fuoco. E, in terzo luogo, trovare stivali colorati come un lavoro, come a Mosca, non lo sarà. Le ragazze di Cheboksary non vengono condotte al mainstream decadente, preferendo l'immagine pre-crisi di un brillante uccello canoro. Quindi l'umore sul Volga medio raggiunge la cima del termometro.

Dopo aver completato il monitoraggio completo il secondo giorno, ho fatto una scoperta straordinaria: ciò che i residenti della provincia non hanno bisogno di imparare cosa devono imparare i moscoviti assumendo costosi istruttori, vale a dire moderne tecnologie commerciali e una comunicazione amichevole con i clienti. Puramente umano, è stato molto bello quando il secondo giorno del mio monitoraggio sono andato di nuovo in uno dei negozi e mentre ricordavo confusamente quali scarpe mi piacevano qui, la commessa aveva già portato gli stivali che avevo provato prima. Questo è impressionante. Il proprietario del negozio Natalie, Natalya, come sapete, ha modestamente condiviso che i venditori non hanno seguito alcuna formazione sulle vendite, hanno acquisito tutte le competenze attraverso un lungo lavoro.

Tuttavia, in generale, la vendita al dettaglio di scarpe Cheboksary non è molto dolce. Secondo Natalia, in primavera le vendite sono diminuite fino al 50%, dovevano essere salvate dalle vendite e dall'ottimismo infondato. L'affitto nei mesi estivi più terribili è stato ridotto di un insignificante 200 rubli, ed è aumentato di nuovo in autunno. Il segreto dei prezzi bassi delle scarpe è incredibilmente semplice. Gli stipendi in città sono bassi e il grande guadagno spaventerà gli acquirenti rari.

L'unica cosa che non è stata influenzata dalla crisi, secondo Natalia, è stata l'antica tendenza delle ragazze Chuvash a vestirsi in modo vivace. La crisi è nei portafogli, non nelle teste.

Per la cronaca

SR71-Vector-cheboksary_3.jpgCheboksary

Le cronache russe menzionano Cheboksary come un noto insediamento sulla strada del Volga in connessione con la campagna del voivoda Ivan Dmitrievich Runa a Kazan nel maggio 1469. Entro la fine del XVII secolo, la città divenne il principale centro commerciale della regione del Volga e nel 2002 Cheboksary fu riconosciuta come la "città più confortevole della Russia". Ora il numero totale di persone impiegate nel campo dell'imprenditorialità è di 80,6 mila persone, che rappresenta oltre il 35% del numero totale di persone occupate nell'economia della città. Nel 2009 a Cheboksary sono state registrate 28,6 mila piccole e medie imprese, il 2,2% in più rispetto all'inizio dell'anno. Le imprese del commercio all'ingrosso e al dettaglio rappresentano il 50% di questo numero. Ci sono 1 piccole imprese ogni 14 abitanti. Lo stipendio mensile medio dei dipendenti delle piccole e medie imprese al 1 ° luglio era di 9,2 mila rubli. Il numero di residenti è di 453 persone (dati al 200 gennaio 1).

I residenti nelle capitali, che marciano vivacemente al passo con i tempi, di solito percepiscono le regioni come nient'altro che "Russia non lavata". Vivendo a Mosca, ribollendo di eventi e guardando al futuro, vuoi solo ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

"C'era una luce alla fine del tunnel ..." I partecipanti del mercato calzaturiero sulla situazione del settore.

Il 2020 è diventato un anno di crisi per il settore reale dell'economia e dell'industria calzaturiera. Shoes Report ha parlato con le società all'ingrosso, con Mikhail Kryuchkov, il capo della società di distribuzione Paloma, che rappresenta una serie di calzature spagnole sul mercato russo ...
22.12.2020 6733

Stagione morta. Cosa trasformerà la quarantena Covid-19 per la vendita al dettaglio di scarpe

La vendita al dettaglio di scarpe riprende le operazioni a Mosca e nelle regioni, calcola le perdite, valuta le prospettive. Due mesi e mezzo di inattività si sono rivelati un serio test per ...
01.06.2020 16745

10 principali tendenze nel commercio al dettaglio per i prossimi 3 anni

Dieci tendenze principali emergenti nell'ultimo anno, che determineranno lo sviluppo del commercio mondiale nel prossimo futuro
11.03.2020 20682

La marcatura delle scarpe è iniziata. MTCT nominato operatore del progetto pilota di etichettatura

Il 1 ° giugno 2018 è stato lanciato un progetto pilota per la marcatura delle scarpe in Russia, finora su base volontaria. L'operatore di sistema è stato nominato una sussidiaria del Centro per lo sviluppo di tecnologie avanzate "Operatore CRPT", creato per implementare l'Unified National ...
23.07.2018 10710

Chipping shoes: essere o non essere

La proposta del Ministero dell'Industria e del Commercio della Russia sulla marcatura (scheggiatura) delle scarpe ha causato un'accesa discussione tra esperti e partecipanti alla scarpa ...
10.08.2017 30995
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio