La moratoria non risolverà il problema della carenza cutanea
29.04.2015 5042

La moratoria non risolverà il problema della carenza cutanea

Una settimana fa, il governo russo ha annunciato una moratoria sull'esportazione di semilavorati in pelle dal paese. Come hanno reagito i rivenditori di scarpe a questa decisione?

“Durante il periodo di fluttuazione del tasso di cambio, i prezzi sono aumentati in modo esponenziale e le materie prime sul mercato sono diventate sempre meno. Ovviamente, gli stranieri hanno esportato tonnellate di materie prime a causa della convenienza economica ”, afferma Ilya Teper, direttore generale dello stabilimento S-Tep Novosibirsk. "Abbiamo accolto con favore la moratoria, che avrà, innanzitutto, un impatto positivo sugli stabilimenti produttivi che lavorano tradizionalmente con la pelle russa". Allo stesso tempo, Teper ha osservato che nella sua fabbrica la percentuale di materie prime domestiche è ridotta. Non esclude che a causa dell'aumento dei costi delle materie prime importate, alcuni produttori di scarpe potrebbero riorientarsi con la pelle prodotta in casa. Il costo della pelle trattata, secondo lui, è cresciuto da 12 a 18 rubli per 1 sq. dm, rispetto allo scorso anno. Allo stesso tempo, la pelle importata è diventata più costosa del 20-30%. In questa situazione, è diventato inutile per la maggior parte dei produttori nazionali ordinare materie prime straniere.

A causa della carenza di materie prime in Russia, hanno affermato il direttore generale dell'Unione russa di Kozhevnikov e i lavoratori delle scarpe Alexander Andrunakievich, i prezzi delle materie prime disponibili, nonché delle scarpe di cuoio finite, stanno "galoppando" al ritmo. Ha spiegato che il volume delle materie prime russe è diminuito negli ultimi anni a causa di una riduzione del bestiame, di un aumento delle esportazioni di semilavorati e dell'impossibilità di importare semilavorati (alcuni paesi hanno imposto restrizioni all'esportazione di materie prime, ed è economicamente inutile acquistare materie prime europee e americane a causa dei prezzi elevati). Secondo l'Unione russa di conciatori e calzolai, fino al 30% delle migliori risorse del paese in termini di materie prime viene esportato sotto forma di un semilavorato conciato, mentre le capacità delle concerie sono caricate meno del 50%.

Secondo l'opinione generale degli operatori di mercato, il divieto di esportazione non risolverà il problema del deficit, poiché la pelle di alta qualità viene ancora prodotta in volumi troppo piccoli e un assortimento limitato adatto alla produzione di scarpe da uomo di tutti i giorni, o classiche invernali o speciali. Una forte carenza si fa sentire nella fornitura di materiale di alta qualità per la linea di modelli femminili, la cui quota di mercato raggiunge il 70%.

Il governo russo ha già preso la decisione di vietare l'esportazione di materie prime; era in vigore dal 1 ° ottobre dell'anno scorso al 1 ° aprile 2015. Per questo periodo, secondo l'agenzia, sono stati notati i risultati positivi del divieto di sviluppo di pelletteria e industrie alleate.

Ricordiamo che in Russia ci sono almeno 18 concerie - nelle regioni di Nizhny Novgorod, Kirov, Mosca, Bryansk, Chelyabinsk e Tambov, c'è anche una fabbrica nel territorio di Krasnoyarsk, Rostov-sul-Don e Yaroslavl.

Una settimana fa, il governo russo ha annunciato una moratoria sull'esportazione di prodotti in pelle semilavorati dal paese. Come ha reagito la scarpa a questa decisione ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Risultati della tavola rotonda dei calzolai con il Ministero dell'Industria e del Commercio della Federazione Russa, CRPT, NOBS e Wildberries

Il 15 settembre presso l'hotel Holiday Inn Sokolniki a Mosca si è tenuto un incontro strategico dei rappresentanti del Ministero dell'Industria e del Commercio della Federazione Russa, della CRPT, dell'Unione Nazionale delle Calzature (NOBS) e del più grande mercato russo Wildberries. All'incontro hanno partecipato...
18.09.2023 4617

Annuario mondiale delle calzature: la produzione globale di calzature raggiunge i 23,9 miliardi di paia ed è tornata ai livelli pre-pandemia

L'associazione portoghese dei produttori di calzature APICCAPS ha pubblicato la 13a edizione del bollettino statistico internazionale World Footwear Yearbook per il 2023, secondo il quale, nel 2022, la produzione e l'esportazione di scarpe nel mondo sono aumentate del 7,6% e…
28.07.2023 5588

Come raddoppiare le vendite di un negozio di scarpe?

Gli ultimi due anni sono stati così generosi di imprevisti che pensi involontariamente: "È necessario pianificare?" Tuttavia, devi pianificare. Il piano di vendita è il punto di riferimento per la tua attività. Pertanto, l'esperta di SR Maria Gerasimenko dà ...
11.07.2023 4850

Nuova direzione delle fiere ad Alma-Ata: Euro Shoes @ Elite Line & CAF

Euro Shoes entra in nuovi mercati e annuncia il lancio di un progetto espositivo ad Alma-Ata. La fiera all'ingrosso di scarpe, abbigliamento, pelle, pellicce e accessori Euro Shoes @ Elite Line si terrà in Kazakistan dal 30 luglio al 1 agosto 2023…
04.07.2023 3737

Tavola rotonda con i rappresentanti dei calzaturifici del Daghestan con il supporto del Ministero dell'Industria e del Commercio e della NOBS

Il 17-18 maggio si è tenuta a Makhachkala una tavola rotonda con produttori di scarpe e imprese del progetto strategico della Repubblica del Daghestan “Città…
23.05.2023 4431
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio