Impara a vivere sott'acqua
31.08.2011 5801

Impara a vivere sott'acqua

La crisi finanziaria globale si è sovrapposta oggi alla crisi del settore immobiliare al dettaglio, che, secondo gli esperti, era inevitabile. Il rapporto tra rivenditori e sviluppatori è già arrivato al limite. L'osso della contesa sono ancora i tassi di affitto, che il retail considera irragionevolmente alti durante la crisi e gli sviluppatori, a loro volta, assicurano che non tutti possono fare concessioni. L'opportunità di raggiungere un accordo è stata fornita dall'Associazione delle imprese dell'industria della moda (APRIM) insieme al Consiglio russo dei centri commerciali (RSTC), che ha organizzato nell'ambito del convegno “Il commercio al dettaglio di moda di fronte alla recessione economica. Indicatori. Strategie. Tecnologie ”sessione della tavola rotonda“ Rapporti tra inquilino e locatore. Nuove condizioni ".

Tuttavia, nonostante tutti i loro sforzi, le parti non sono state d'accordo.

"Ciò che accadrà al mercato sarà chiaro solo a marzo", ha dichiarato Roman Skorokhodov, CEO di WatCom. "Se saremo in grado di livellare, tornare alle solite posizioni di marzo, è difficile dire finora."

Tuttavia, oggi, sebbene con una riserva sull'incertezza della situazione, i primi timidi studi sul comportamento dei consumatori durante la crisi e le previsioni di come sarà il mercato dopo la sua comparsa. Quindi, secondo il direttore generale di APRIM Maria Smorchkova, circa il 30% delle merci vendute oggi in Russia sono ridondanti. Una delle previsioni pessimistiche: nell'inverno del 2010, l'industria della moda dovrà affrontare una carenza di beni. Ciò accadrà perché nelle attuali condizioni di riduzione della domanda di abbigliamento e scarpe, i produttori taglieranno la linea dell'assortimento. La riduzione riguarderà principalmente le linee di moda.

Questi cambiamenti influenzeranno le società di sviluppo. Alcuni esperti ritengono che un assortimento più piccolo richiederà meno spazio. Prima di tutto, magazzini situati in prossimità degli sbocchi.

"In situazioni di crisi, alcune persone, dopo aver appreso che un diluvio inizierà domani, decidono di vivere l'ultimo giorno di divertimento e gioia", ha dichiarato Roman Skorokhodov. - Altri usano questo tempo per imparare a vivere sott'acqua. Quindi oggi dobbiamo imparare a vivere sott'acqua. "

"Cari nostri soldi"

Fu con questo "appello" che Andrey Kupriyanov, membro del Consiglio di amministrazione della Legprommarket (rete commerciale Glance), iniziò il suo discorso. Crede che il denaro oggi sia diventato particolarmente costoso per la quota del leone dei rivenditori russi. Pertanto, nelle condizioni attuali, il rivenditore non può restituire noleggi nelle condizioni attuali. In questo caso, semplicemente non riceverà il profitto dovuto a lui e in realtàкe si bilancerà a pareggio. Kupriyanov lo ha dimostrato sulle cifre: ottenere entrate dal trimestre. m per un importo di 10 mila rubli. al mese, il rivenditore distribuisce 5000 rubli. come il costo della merce, 1000 rubli. prevede sconti, 1000 rubli. speso per stipendi ai dipendenti, 1000 rubli. - per la pubblicità, 500 rubli. - bilancio delle materie prime e 1500 rubli. - in affitto. L'utile a Mosca è leggermente più grande, ma la distribuzione proporzionale delle voci di spesa è simile.

In questo caso, è possibile ridurre al minimo le spese e concordare una revisione delle tariffe di noleggio.

Tuttavia, gli sviluppatori sono riluttanti a farlo, spiegando la loro riluttanza dal fatto che le tariffe di noleggio esistenti includono già i periodi di rimborso del centro commerciale e la politica di marketing.

"Revisionare i periodi di rimborso, rinunciare al marketing", affermano i rivenditori.

"Rifiutare i pagamenti di marketing nelle condizioni attuali è stupido", ribattono gli sviluppatori. - Al contrario, il marketing deve essere rafforzato per fornire il traffico necessario.

"Quindi rivedere i periodi di rimborso del centro", continua la vendita al dettaglio. - Tuttavia, lo sviluppo assicura che questa non è una domanda per lui. A chi è una domanda aperta.

"Offri di pagare l'affitto in base a una percentuale del fatturato. Ma quale percentuale offri? - rivolgendosi ai rivenditori, chiede al direttore commerciale della società di sviluppo ROSS GROUP Alexander Bakhteev. - La prima cifra che sento è dell'8%. E non capiamo da dove provenga improvvisamente. Questa volta Non tutti voi siete pronti a lavorare onestamente con una percentuale del fatturato - questi sono due. Solo pochi ammettono di essere in grado di pagare il 20-30%. La maggior parte preferisce sopravvalutare le proprie spese. "

Gli sviluppatori sono anche preoccupati per la possibile perdita di motivazione nella vendita al dettaglio. Credono che, passando a una percentuale del fatturato, gli inquilini preferiranno aspettare la crisi, avere negozi in pareggio e non tentare di attirare nuovi clienti verso di loro. E in questo modo trasferiranno al locatore tutti i rischi per negozi specifici, il che non è affatto interessante per quest'ultimo.

In risposta a ciò, gli inquilini hanno affermato che l'apertura di un piccolo negozio richiede da $ 50 a 100 mila, quindi sono pronti a tutto per recuperarlo. Di conseguenza, la perdita di incentivi alla vendita è impossibile, poiché ogni rivenditore è più di chiunque altro interessato ad aumentare il fatturato del negozio.

Visitatori ≠ acquirenti

Nel corso della discussione, è stato rivelato un dettaglio che è diventato l'ennesimo ostacolo sul percorso di una tregua tra le parti. La controversia è stata sollevata dalla questione di chi sia responsabile della conversione dei visitatori in acquirenti: uno sviluppatore o un rivenditore. Quest'ultimo ha notato che, nonostante tutti gli sforzi per attirare i clienti nel negozio, il numero di acquisti è diminuito. I proprietari hanno contrastato questo fatto dal fatto che sono ancora impegnati a fornire un traffico decente alle loro proprietà, tuttavia, gli inquilini devono trasformare i visitatori in acquirenti.

E se ti concentri sul traffico, i rivenditori, come dicono gli sviluppatori, non sono così male come dicono. A loro volta, gli inquilini concordano sul fatto che il numero di visitatori nei centri commerciali non è, in linea di principio, cambiato, ma il numero di clienti è diminuito in modo significativo.

Il litigio è durato a lungo. Sembrava che nessuna delle due parti volesse sentire l'altra. Sebbene, ad essere sinceri, gli sviluppatori della tavola rotonda fossero rappresentati da sole due società e non potessero essere responsabili dell'intero mercato.

Dov'è l'uscita?

I rappresentanti del nuovo centro commerciale Penza Retail-Park hanno mostrato chiaramente un esempio di cooperazione e comprensione dei problemi di vendita al dettaglio durante l'incontro. Il centro commerciale prevede di iniziare i lavori nel giugno 2009 e in questa fase è l'unico centro commerciale in città che non ha congelato la struttura. Tuttavia, il centro commerciale ha dovuto affrontare una situazione in cui non è stato possibile ottenere il giusto numero di inquilini e oggi sta cercando di colmare questa lacuna. A questo proposito, lo sviluppatore offre al rivenditore di entrare nel pool a condizioni vantaggiose. La società ha ridotto il deposito richiesto all'apertura di un negozio in un centro commerciale. Ora è il 50% dell'affitto. Inoltre, il centro commerciale ha assunto la decorazione minima dei locali del negozio: pavimento, soffitto, pareti dipinte, parete di vetro frontale. La politica di marketing è anche sulla coscienza del centro commerciale: la società ha già firmato un contratto con un canale televisivo locale per il rilascio del reality show Retail-Park dietro al vetro ". Per tre mesi, 12 persone vivranno nel centro commerciale. I cittadini seguiranno le loro vite. Secondo l'accordo sulla TV, i programmi di due ore più 10 trasmissioni dirette dal progetto andranno su base giornaliera.

Per quanto riguarda le tariffe di noleggio, anche qui il proprietario è pronto a fare delle concessioni. Quindi, lo sviluppatore promette di prendere in considerazione le opzioni per passare a pagare gli interessi sul fatturato più un piccolo tasso fisso di 300-400 rubli per mq. Tuttavia, tali dolci condizioni possono durare solo un anno, durante il quale lo sviluppatore non prevede di trarre profitto dal progetto.

Tuttavia, si tratta di un caso isolato, che non garantisce che altri proprietari accetteranno almeno una parte delle concessioni proposte. Accettano di modificare il contratto di locazione solo su base individuale e, a loro avviso, tali riunioni non possono risolvere tutti i problemi, poiché "è impossibile mettere tutti sotto un unico pettine". In effetti, gli sviluppatori compromettono, ma non vogliono pubblicizzarlo. A proposito, se l'inquilino non può essere d'accordo con il proprietario da solo, può ricorrere all'aiuto di una società di consulenza. Quindi, secondo Anton Vikharev, un consulente nel settore immobiliare al dettaglio, tutti i principali rivenditori hanno già trovato un compromesso con gli sviluppatori e continuano a lavorare su condizioni mutate.

Tuttavia, gli esperti consigliano che se un particolare rivenditore si trova già in una situazione critica oggi, pensa a chiudere l'attività, senza aspettare marzo, quando tutto diventerà ancora più difficile. Come si suol dire, non esiste una pillola per tutte le malattie ...

L'Associazione delle imprese dell'industria della moda (APRIM) insieme al Consiglio russo dei centri commerciali (RSTC) ha offerto l'opportunità a inquilini e sviluppatori di concordare tariffe di noleggio elevate ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Risultati della tavola rotonda dei calzolai con il Ministero dell'Industria e del Commercio della Federazione Russa, CRPT, NOBS e Wildberries

Il 15 settembre presso l'hotel Holiday Inn Sokolniki a Mosca si è tenuto un incontro strategico dei rappresentanti del Ministero dell'Industria e del Commercio della Federazione Russa, della CRPT, dell'Unione Nazionale delle Calzature (NOBS) e del più grande mercato russo Wildberries. All'incontro hanno partecipato...
18.09.2023 4625

Annuario mondiale delle calzature: la produzione globale di calzature raggiunge i 23,9 miliardi di paia ed è tornata ai livelli pre-pandemia

L'associazione portoghese dei produttori di calzature APICCAPS ha pubblicato la 13a edizione del bollettino statistico internazionale World Footwear Yearbook per il 2023, secondo il quale, nel 2022, la produzione e l'esportazione di scarpe nel mondo sono aumentate del 7,6% e…
28.07.2023 5611

Come raddoppiare le vendite di un negozio di scarpe?

Gli ultimi due anni sono stati così generosi di imprevisti che pensi involontariamente: "È necessario pianificare?" Tuttavia, devi pianificare. Il piano di vendita è il punto di riferimento per la tua attività. Pertanto, l'esperta di SR Maria Gerasimenko dà ...
11.07.2023 4862

Nuova direzione delle fiere ad Alma-Ata: Euro Shoes @ Elite Line & CAF

Euro Shoes entra in nuovi mercati e annuncia il lancio di un progetto espositivo ad Alma-Ata. La fiera all'ingrosso di scarpe, abbigliamento, pelle, pellicce e accessori Euro Shoes @ Elite Line si terrà in Kazakistan dal 30 luglio al 1 agosto 2023…
04.07.2023 3740

Tavola rotonda con i rappresentanti dei calzaturifici del Daghestan con il supporto del Ministero dell'Industria e del Commercio e della NOBS

Il 17-18 maggio si è tenuta a Makhachkala una tavola rotonda con produttori di scarpe e imprese del progetto strategico della Repubblica del Daghestan “Città…
23.05.2023 4437
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio