Rieker
I piani dell'azienda calzaturiera per il 2013
30.01.2013 35094

I piani dell'azienda calzaturiera per il 2013

Business in crescita: cosa pianificano le aziende di scarpe nel 2013

L'anno scorso si è rivelato molto ricco per eventi e risultati per aziende calzaturiere. Ma il 2013 promette di non essere meno significativo. E anche se i produttori di scarpe non amano fare dichiarazioni rumorose in anticipo, il rapporto Shoes ha scoperto a cosa si stanno preparando reti e produttori di scarpe.

Leader di produzione

gruppo "Scarpe della Russia" nel 2013 aderirà a una strategia di sviluppo in un segmento: "Il nostro obiettivo a lungo termine è diventare un leader nel segmento di prezzo medio, che, secondo gli esperti, nei prossimi anni sarà il più promettente in termini di sviluppo della vendita al dettaglio di scarpe", afferma l'azienda. “Abbiamo tratto questa conclusione sulla base dei risultati del 2012: il tasso di crescita di questo segmento è quasi il doppio del tasso di crescita del mercato calzaturiero nel suo complesso”. Per realizzare i suoi piani, l'azienda aumenterà l'efficienza, amplierà il pubblico di clienti fedeli e svilupperà i propri marchi: le catene Westfalika e Pedestrian, nonché il marchio giovanile Emilia Estra.

Uno degli elementi della strategia è il miglioramento delle collezioni di scarpe. L'azienda punta sulla loro unicità, coinvolgendo designer europei nella creazione dei modelli. Allo stesso tempo, il gruppo di società Obuv Rossii completa il suo assortimento con nuove linee di prodotti: borse e accessori, prodotti per la cura delle scarpe, solette e prodotti di calzetteria. Ai clienti vengono inoltre forniti servizi aggiuntivi, come la vendita di scarpe a rate.

L'espansione della produzione è diventata una parte importante della strategia di sviluppo di Obuv Rossii GC. Nel 2013, un nuovo complesso di produzione apparirà a Novosibirsk. Il sito per lo stabilimento è già stato selezionato, si tratta di un edificio di tre piani con una superficie di 8000 mq. Il progetto inizierà nel 2013, ma la fabbrica raggiungerà la piena capacità in 4 anni. Si presume che prima Obuv Rossii aumenterà la produzione da 350mila a 500mila paia all'anno, e in futuro il volume crescerà fino a 1 milione di paia.

Un altro progetto che Obuv Rossii Group of Companies ha annunciato alla fine del 2012 è la creazione di una fabbrica di scarpe a Cherkessk. Per la sua attuazione saranno rilasciate garanzie statali per un periodo di 5 anni. L'investimento totale nel progetto ammonterà a 1,4 miliardi di rubli, di cui 400 milioni sono fondi propri della società, e 1 miliardo di rubli è un prestito che la banca MFK fornirà dopo che il gruppo di società Obuv Rossii avrà ricevuto garanzie statali.

Le tattiche per espandere la produzione nel gruppo di società Obuv Rossii sono spiegate da molti fattori. “È redditizio per le catene di scarpe aprire le proprie fabbriche. Grazie a ciò, l'azienda riceve garanzie sull'assortimento, può controllare più da vicino la qualità dei prodotti, modernizzare le collezioni ", afferma Natalya Pauli, vicedirettore delle pubbliche relazioni presso il gruppo di società Obuv Rossii. "Inoltre, vi sono notevoli risparmi sui costi di trasporto e una maggiore mobilità della rete calzaturiera, che ora può effettuare rapidamente un ordine per i modelli più venduti della stagione".

Secondo il direttore generale dell'azienda "Azienda calzaturiera" Unichel " Vladimir Denisenko, negli ultimi anni l'azienda ha accumulato un certo margine di sicurezza, che permette all'azienda di sentirsi fiduciosa. “La nostra rete di marchi copre molte regioni russe ei nostri prodotti hanno guadagnato una buona reputazione agli occhi dei russi. Quindi è il momento di fare una pausa e guardarsi intorno. Nel 2013, per la prima volta, lasceremo gli stessi volumi di produzione - entro tre milioni di paia di scarpe all'anno. Ciò è indirettamente correlato al fatto che tutti gli impianti di produzione a Chelyabinsk, Orenburg e Zlatoust sono ora quasi completamente caricati ".

Nonostante Unicel manterrà gli stessi volumi di produzione, l'azienda si svilupperà su altri fronti. All'inizio del 2013 verrà commissionato un nuovo centro logistico per 10 mq. m, in cui verranno trasferiti i locali del magazzino dal territorio dell'edificio principale della fabbrica. Inoltre, nel 000, l'azienda ha svolto un ottimo lavoro di aggiornamento dell'attrezzatura, a seguito del quale una nuova unità di iniezione entrerà in produzione nel primo trimestre del 2012. Permetterà all'azienda di produrre suole in TPU (elastomero termoplastico e poliuretano) e non solo suole in TPE (elastomero termoplastico). È stata acquistata l'attrezzatura per la produzione di mocassini, il cui primo lotto sarà prodotto a gennaio. Inoltre, all'inizio del 2013, è prevista l'installazione e il lancio di un nuovo complesso di taglio di fabbricazione italiana e un flusso vuoto sarà messo in funzione presso lo stabilimento di Zlatoust.

Nel 2013, Unicel prevede di aprire da 30 a 40 nuovi negozi e investire circa 150 milioni di rubli nello sviluppo del commercio di marca. Queste cifre rientrano nel concetto di rallentamento dello sviluppo quantitativo, dal momento che nel 2012 il rivenditore ha aperto 77 negozi di marca nelle regioni di Sverdlovsk, Chelyabinsk, Irkutsk, nei territori di Perm e Krasnoyarsk, nelle repubbliche del Tatarstan e del Bashkortostan e nell'Okrug autonomo di Khanty-Mansiysk. L'anno scorso, dopo una pausa di sei anni, le calzature Unicel sono riapparse a Novosibirsk, dove sono stati lanciati 5 negozi. La catena si espanse anche ad Altai, aprendo punti vendita a Barnaul. L'azienda non ha ancora negozi a Mosca, ma la direzione di Unicel non perde di vista la capitale. Oggi, un totale di 407 negozi di marca operano con il marchio Unicel in Russia.

Dalla A alla Z: piani di rete

Nella nuova società del 2013 ALBA prevede di portare sul mercato 15 nuovi negozi di scarpe. Tutti saranno svelati in un nuovo concept di design, presentato al pubblico alla fine del 2012. Il primo trading floor a subire delle modifiche è stata la boutique ALBA nel centro commerciale Mega-Khimki. Sergey Kutumov, direttore dello sviluppo del marchio per ALBA, afferma: “In tutti i negozi della catena, il progetto sarà implementato entro tre anni. Gli investimenti in un particolare salone dipendono dallo stato dello spazio commerciale, ma in media il costo di una riconcettazione per un negozio è di circa 4,5 milioni di rubli ". Gli analisti dell'azienda prevedono che la strategia di re-concept fornirà un aumento del 15-20% delle vendite, nonostante la concorrenza sempre più agguerrita nel mercato calzaturiero russo.

Marchio italiano Baldinini ha chiuso il 2012 con circa 60 negozi in franchising in Russia e 20 negozi nei paesi della CSI. Secondo il direttore delle vendite, Massimo Sarti, il marchio è già ben rappresentato a Mosca e San Pietroburgo. Tuttavia, Mosca rimane tra le città prioritarie per lo sviluppo della rete, e l'azienda sta ancora valutando luoghi nei centri commerciali di Mosca situati in aree remote dal centro città. È vero, nel 2013 l'azienda Baldinini cercherà di indirizzare i suoi massimi sforzi verso lo sviluppo in città con una popolazione di un milione di abitanti come Ekaterinburg, Tyumen, Novosibirsk. L'aumento del numero di negozi russi potrebbe essere da 10 a 15. Le aree residenziali meno popolate non saranno lasciate senza attenzione. “La situazione del mercato migliora ogni anno nelle città con una popolazione di 500-800mila persone. Pertanto, è interessante per noi svilupparci in città come Surgut, Ulyanovsk, Orenburg. Siamo anche attratti dal sud della Russia: Krasnodar, Rostov-on-Don, Sochi. In questa regione, nei prossimi anni, sono in programma molti eventi, come le Olimpiadi del 2014 e la Coppa del Mondo FIFA 2018, il che significa che ci saranno molte volte più centri commerciali di qualità ”, riassume Sarti.

La compagnia è conosciuta Carlo Pazolini nel 2013 prevede di sviluppare una rete di accessori chiamata Accessori Carlo Pazolini. L'apertura dei primi negozi del progetto è prevista per la seconda metà dell'anno e durante questo periodo possiamo aspettarci il lancio di dieci punti vendita con una superficie fino a 100 metri quadrati. m.

Marchio danese ECCO nel 2013 prevede di aumentare la rete di vendita al dettaglio della società in Russia di 25-30 negozi propri e 10-15 negozi in franchising. Saranno aperti fino a 5 punti vendita nella capitale, il resto dei negozi inizierà ad operare nelle regioni. Nel primo trimestre del 2013, ECCO aprirà il primo flagship store a Mosca sulla Kutuzovsky Prospekt. “Questo sarà un negozio unico per la Russia, dove verranno presentati modelli esclusivi di calzature. Inoltre in questo negozio potrai conoscere la storia del marchio, le tecnologie utilizzate e molto altro ”, i rappresentanti ECCO condividono i loro piani. Oltre allo sviluppo russo, il marchio intende rafforzare la sua presenza in Kazakistan. Newbie del mercato delle scarpe - catena del mercato di massa Kari entro la fine del 2013 aumenterà la rete a 600 negozi. Si noti che nel dicembre 2012 il rivenditore ha gestito 280 strutture di vendita al dettaglio. Nel prossimo futuro, la rete prevede di svilupparsi in 4 mercati principali: Russia, Polonia, Ucraina e Kazakistan.

В Portafortuna Ammetto che per il 2013 l'azienda ha fissato piani piuttosto ambiziosi. Il marchio prevede di lanciare almeno 18 negozi in franchising in Russia e nei mercati esteri di Ucraina e Kazakistan. La vendita al dettaglio della società nel 2013 aumenterà di almeno 10 negozi in Russia e 1 negozio nel Regno Unito, che aprirà i battenti a Londra. “Per lo sviluppo della rete nel 2013, abbiamo individuato le regioni leader in termini di volume di investimenti effettuati in esse dalle più grandi aziende del settore”, spiega Mascotte, senza però specificare quali sono le regioni in questione. - L'apertura di nuove imprese avrà un effetto sistemico positivo e inciderà sull'economia della regione e sulla qualità della vita della popolazione. Crediamo che questo sia un motivo sufficiente per dare la priorità all'apertura di nuovi negozi a marchio Mascotte. "

società Ralf Suoneria nel 2013 continuerà a lavorare per aumentare le vendite di scarpe da donna, che sono state introdotte nell'assortimento nel 2010 e che ora stanno guadagnando solo un acquirente. "Siamo leader nel mercato delle calzature da uomo da molto tempo, quindi non c'è praticamente nessun posto dove crescere", afferma RALF RINGER. "L'obiettivo della nostra rete di vendita al dettaglio per i prossimi 2-3 anni è raggiungere le vendite medie di mercato delle scarpe da donna, che rappresentano il 70% delle vendite totali". Nel 2012, RALF RINGER ha prodotto 1 paia di scarpe per uomo e donna. E se la dinamica dei ricavi delle scarpe da uomo è rimasta praticamente invariata, il profitto della gamma femminile è aumentato del 281%. Va anche notato che oltre a concentrarsi sulle collezioni donna, l'azienda continuerà a sviluppare il mercato delle calzature giovanili con l'aiuto del marchio PIRANHA.

Una rete di negozi di scarpe e accessori SOHO alla fine del 2012 è diventata leader nelle vendite dei marchi Gant, Napapijri, Marc O'Polo Shoes e Tom Tailor non solo in Russia, ma anche in Europa. Inoltre, l'anno si è chiuso per SOHO con una preziosa acquisizione: TMHF, che gestisce la catena, si è aggiudicata una gara per la presentazione in Russia di una linea di accessori maschili del marchio Porsche Design con possibilità di apertura di negozi monomarca, commercio all'ingrosso e franchising. Nel 2013 verranno aperti due showroom a marchio Porsche Design a Mosca. Per i negozi SOHO, TMHF rimane fedele alla sua strategia di espansione di 15 negozi all'anno.

"Scarpe centrali" ha chiuso il 2012 in modo più che positivo, aprendo 218 nuovi negozi. Il numero totale di negozi della catena ha superato 1000, pari a 1037 punti vendita (comprese le catene Centrobuv e Centro). Inoltre, nel 2012, il rivenditore ha introdotto nuovi standard per la progettazione e l'automazione dei suoi spazi commerciali. I piani per il 2012 non sono ancora stati annunciati alla stampa.

Gruppo di società "Novard", che sviluppa una rete di cassette per scarpe "Econika", il prossimo anno ridurrà il tasso di crescita del rivenditore di scarpe. Il vicepresidente dell'azienda Sergey Sarkisov ne ha parlato a Shoes Report. Secondo lui, nel 2012 Econika ha aperto 28 cofanetti e nel 2013 l'aumento netto è previsto a livello di 18-20 negozi. Allo stesso tempo, non è esclusa la possibilità di chiudere oggetti non redditizi e l'azienda sarà molto esigente nella scelta dei luoghi per nuovi punti vendita. Il numero principale di aperture è previsto per le regioni; a Mosca e nella regione di Mosca, l'apertura di nuovi cofanetti avverrà con la comparsa di spazi commerciali di alta qualità. Parlando della strategia di sviluppo generale, Sergei Sarkisov ha osservato che la catena cerca di competere grazie alle caratteristiche di qualità del prodotto e del servizio. Coerentemente con questa strategia, nel 2012 l'azienda ha abbandonato l'attività wholesale, che esisteva da 4 anni, e si è completamente concentrata sulla collaborazione con il retail. Una delle tattiche importanti a questo proposito è stata quella di aumentare la quota di un pubblico giovane - donne dai 17 ai 25 anni, che non sono fondamentalmente un nuovo cliente per Econika, ma allo stesso tempo espandere la base dei futuri consumatori fedeli della catena. L'azienda sottolinea che le collezioni dei marchi Alla Pugacheva e RiaRosa rimarranno stilisticamente coerenti, prive di elementi ultra fashion, ma con la presenza obbligatoria delle tendenze stagionali più importanti e riconoscibili. Tutto ciò è in linea con l'andamento attuale del tempo, che può essere definito “segmentazione del prodotto”.

Rete di scarpe Spedire ha aperto 2012 negozi nel 69, portando il numero dei suoi punti vendita a 140. Nel 2013, la società prevede di lanciare altri 60-80 negozi, ma il numero di aperture dipenderà da quanti buoni siti sono disponibili nei centri commerciali. Tra i piani c'è anche l'ingresso nel mercato ucraino (Kiev), che rientra nel concetto di espansione della geografia della rete, secondo cui nel 2012 i negozi Zenden sono apparsi per la prima volta ad Alma-Ata (Kazakistan) e Nazran (Inguscezia). 

L'anno scorso si è rivelato molto ricco per eventi e risultati per aziende calzaturiere. Ma il 2013 promette di non essere meno significativo. E anche se i produttori di scarpe non amano fare grandi dichiarazioni in anticipo, il rapporto Scarpe ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

"C'era una luce alla fine del tunnel ..." I partecipanti del mercato calzaturiero sulla situazione del settore.

Il 2020 è diventato un anno di crisi per il settore reale dell'economia e dell'industria calzaturiera. Shoes Report ha parlato con le società all'ingrosso, con Mikhail Kryuchkov, il capo della società di distribuzione Paloma, che rappresenta una serie di calzature spagnole sul mercato russo ...
22.12.2020 6714

Stagione morta. Cosa trasformerà la quarantena Covid-19 per la vendita al dettaglio di scarpe

La vendita al dettaglio di scarpe riprende le operazioni a Mosca e nelle regioni, calcola le perdite, valuta le prospettive. Due mesi e mezzo di inattività si sono rivelati un serio test per ...
01.06.2020 16737

10 principali tendenze nel commercio al dettaglio per i prossimi 3 anni

Dieci tendenze principali emergenti nell'ultimo anno, che determineranno lo sviluppo del commercio mondiale nel prossimo futuro
11.03.2020 20669

La marcatura delle scarpe è iniziata. MTCT nominato operatore del progetto pilota di etichettatura

Il 1 ° giugno 2018 è stato lanciato un progetto pilota per la marcatura delle scarpe in Russia, finora su base volontaria. L'operatore di sistema è stato nominato una sussidiaria del Centro per lo sviluppo di tecnologie avanzate "Operatore CRPT", creato per implementare l'Unified National ...
23.07.2018 10700

Chipping shoes: essere o non essere

La proposta del Ministero dell'Industria e del Commercio della Russia sulla marcatura (scheggiatura) delle scarpe ha causato un'accesa discussione tra esperti e partecipanti alla scarpa ...
10.08.2017 30984
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio