Rieker
Post-crisi 2010
13.11.2010 5410

Post-crisi 2010

Gli acquirenti raggiunsero i negozi. Ma vale la pena sperare in una ripresa del mercato? In quali numeri sarà espresso?

Gli esperti valutano le possibilità di ripresa del mercato in diversi modi. Secondo Oleg Bakun, CEO di Core Competences, l'economia russa può svilupparsi secondo tre scenari principali: moderatamente conservativo (tendenza laterale dell'economia da tre a quattro anni), pessimista (intensificazione della crisi entro il 2012) e ottimista (crescita debole dalla fine del 2010 - inizio del 2011). Nonostante la crescita del PIL dall'inizio del 2010, gli scambi e gli investimenti in immobilizzazioni non sono ancora emersi dalla recessione. L'inflazione all'inizio del 2010 ha raggiunto il 2,4% (per confronto, all'inizio del 2009, questa cifra era dell'1,2%). Secondo le previsioni delle competenze di base, dall'II trimestre è possibile aumentare il costo delle risorse creditizie, ridurre la redditività delle operazioni commerciali e intensificare la lotta per i consumatori sullo sfondo di un rallentamento dell'attività di acquisto. Il fallimento delle aziende che non sono state in grado di salvare i propri clienti continuerà.

In una crisi, i requisiti degli investitori sono cambiati. "È necessario acquistare qualcosa che possa essere venduto in modo redditizio in futuro, e non qualcosa di economico", afferma Oleg Bakun. "Tuttavia, non ci sono praticamente investitori pronti a giocare a lungo: le strategie dei fondi di investimento diretto si stanno spostando verso gli investitori di portafoglio".

Molte aziende hanno sopravvalutato le proprie capacità e sottovalutato i rischi esistenti. Secondo le competenze di base, l'85% delle aziende russe è divorziato dai clienti. Tra le società che hanno sovrastimato la capitalizzazione ci sono attori regionali, che hanno dozzine di negozi illiquidi nelle loro attività.

"Tutto dipende dalle competenze", afferma Andrei Berezhnoy, CEO di Ralf Ringer. "Se un'azienda ha competenze di livello mondiale, vince." L'obiettivo di Ralf Ringer, un operatore di vendita al dettaglio di scarpe, era quello di aumentare le vendite in una situazione di calo della domanda dei consumatori. Secondo Andrei Berezhnoy, la vendita al dettaglio di calzature ha dovuto affrontare la classica crisi dei margini all'inizio del 2007, quando era necessario scegliere: o ottenere una crescita della componente del margine dal 60 al 100% o passare a una diversa categoria di prezzo. Nel 2009, tra la domanda in calo e la mancanza di capitale circolante nel commercio al dettaglio, Ralf Ringer ha fatto affidamento su un aumento della quota di vendita al dettaglio (apertura di 1,2 mila punti vendita nel formato 2010-2012), un aumento della quota di margine (fino al 110%), rublo fisso prezzi, ottimizzazione dell'assortimento (nel 2010 è stata lanciata la produzione di scarpe da donna). L'aumento delle vendite nel 2010 rispetto al 2009 (in coppia, inverno - autunno) è stato del 20% (un anno prima - 9%). Una delle strategie chiave è il team building. È necessario trattenere, formare e motivare il personale.

I soldi andranno al dettaglio? Nel 2009, i redditi totali della popolazione sono cresciuti nominalmente (+ 4% in rubli), ma i russi, a differenza degli europei, sono conservatori - il 17-20% del reddito viene risparmiato ogni anno, il che alla fine ha portato a un aumento dei depositi e al prelievo di denaro dal consumo (secondo Prosperity Capital Management). La crescita prevista nel segmento dei prodotti non alimentari nel 2010-2011 sarà - 12% (-2% nel 2009).

Chi darà i loro soldi ai consumatori che decidono di spenderli in scarpe? Secondo uno studio di Online Market Intelligence (OMI), i primi tre marchi includono Ecco, Salamander e Adidas. L'indagine è stata condotta tra uomini e donne di età compresa tra 18 e 55 anni, che vivono in città con una popolazione di oltre un milione.

Marchi di fiducia dei russi

Rango OMI Marchio In% del numero di intervistati
1 Ecco 24,7
2 Salamander 17,2
3 Adidas 15,0
4 Ralf 9,5
5 Nike 7,7
6 Tervolina 6,7
7 Carnaby 5,6
8 Carlo Pazolini 5,4
9 Reebok 4,9
10 Puma 2,8
I clienti accorrevano ai negozi. Ma c'è qualche speranza per una ripresa del mercato? In quali numeri sarà ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

"C'era una luce alla fine del tunnel ..." I partecipanti del mercato calzaturiero sulla situazione del settore.

Il 2020 è diventato un anno di crisi per il settore reale dell'economia e dell'industria calzaturiera. Shoes Report ha parlato con le società all'ingrosso, con Mikhail Kryuchkov, il capo della società di distribuzione Paloma, che rappresenta una serie di calzature spagnole sul mercato russo ...
22.12.2020 6733

Stagione morta. Cosa trasformerà la quarantena Covid-19 per la vendita al dettaglio di scarpe

La vendita al dettaglio di scarpe riprende le operazioni a Mosca e nelle regioni, calcola le perdite, valuta le prospettive. Due mesi e mezzo di inattività si sono rivelati un serio test per ...
01.06.2020 16745

10 principali tendenze nel commercio al dettaglio per i prossimi 3 anni

Dieci tendenze principali emergenti nell'ultimo anno, che determineranno lo sviluppo del commercio mondiale nel prossimo futuro
11.03.2020 20683

La marcatura delle scarpe è iniziata. MTCT nominato operatore del progetto pilota di etichettatura

Il 1 ° giugno 2018 è stato lanciato un progetto pilota per la marcatura delle scarpe in Russia, finora su base volontaria. L'operatore di sistema è stato nominato una sussidiaria del Centro per lo sviluppo di tecnologie avanzate "Operatore CRPT", creato per implementare l'Unified National ...
23.07.2018 10710

Chipping shoes: essere o non essere

La proposta del Ministero dell'Industria e del Commercio della Russia sulla marcatura (scheggiatura) delle scarpe ha causato un'accesa discussione tra esperti e partecipanti alla scarpa ...
10.08.2017 30995
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio