I consumatori vogliono sapere dove hanno acquistato il prodotto.
03.09.2014 11711

I consumatori vogliono sapere dove hanno acquistato il prodotto.

Nel mondo moderno, il concetto di "autenticità del prodotto" ha in qualche modo impercettibilmente offuscato e perso la sua specificità. Se prima "scarpe inglesi" significava scarpe prodotte in Gran Bretagna, ora non è così. A proposito, anche il simbolo originale dell'America, l'iPhone di Apple, viene prodotto negli stabilimenti in Cina e non si parla di trasferire la produzione negli Stati Uniti. Volendo accelerare il processo di produzione e ridurre i costi di produzione, le aziende che operano nel formato fast fashion effettuano ordini in paesi con manodopera a basso costo e costi di produzione minimi. Di conseguenza, le scarpe "vere britanniche" possono essere prodotte in Vietnam o in Thailandia. Il rapido sviluppo dello shopping online e dell'e-commerce in generale ha portato al fatto che la situazione con "autenticità" è diventata ancora più opaca. Acquistando un prodotto via Internet, gli acquirenti non possono valutare la qualità del prodotto che hanno scelto in termini di aspetto e sensazioni organolettiche. Devono fare affidamento esclusivamente sulle fotografie e sulla loro fiducia nei venditori delle merci. Ma anche noti negozi multimarca (Net-a-Porter e altri) hanno smesso di indicare il paese di provenienza, spersonalizzando così la merce.

Cosa dice la legge, chiedi? La situazione è molto difficile. Da un lato, esiste un documento come il "Certificato di origine" (Certificato di origine, C / O o COO), che è la prova che il prodotto è stato effettivamente prodotto nel paese. D'altra parte, i produttori di calzature e abbigliamento non sono tenuti a indicare il luogo di origine dei loro prodotti, soprattutto perché i requisiti differiscono da paese a paese. Ad esempio, negli Stati Uniti, abbigliamento e calzature richiedono l'etichetta "Made in USA" se il prodotto finale è realizzato negli Stati Uniti da tessuto che viene prodotto anche negli Stati Uniti, indipendentemente da dove vengono prodotte le materie prime. E allo stesso tempo, tutto il materiale pubblicitario (anche su Internet) deve indicare chiaramente il paese di produzione. Con l'Europa la situazione è completamente diversa. Per molti anni l'etichettatura delle merci è stata del tutto volontaria, ma dal 15 aprile 2014 il Parlamento europeo ha approvato un disegno di legge che obbliga i produttori europei a etichettare tutti i prodotti non alimentari (scarpe, abbigliamento, ecc.) Con il nome del paese in cui sono stati prodotti. Ciò è stato fatto in parte per proteggere i consumatori dalla contraffazione. A proposito, i produttori hanno il diritto di scegliere quale designazione mettere sui loro prodotti. Viene data loro una scelta tra il "Made in the EU" piuttosto vago e la designazione "Made in ..." con un paese specifico. Per quanto riguarda l'unione doganale (Russia, Kazakistan e Bielorussia), il paese di origine delle merci è considerato il paese in cui le merci sono state interamente prodotte o hanno subito una lavorazione sufficiente.

Chi credere?

Dal punto di vista del marketing, il marchio Made in può avere un impatto molto grave sulla promozione di un marchio sul mercato, soprattutto se la calzatura è “Made in Germany” o “Made in Italy”. L'alta qualità della produzione nei paesi europei ispira grande fiducia tra i consumatori e risulta essere un fattore motivante nell'acquisto. Certo, il marchio “Made in China” non dà loro un'ondata di ottimismo, anche se negli ultimi anni la qualità delle calzature e dell'abbigliamento cinesi è cresciuta notevolmente. Ma spesso, cercando di guadagnare la massima quantità di denaro, i produttori cinesi non forniscono condizioni normali per la produzione, non forniscono gli standard sanitari necessari nella produzione e persino usano il lavoro dei bambini piccoli, che è proibito dalla legge.

I produttori europei hanno trovato una buona via d'uscita da questa situazione, che ha permesso loro di fornire prodotti di alta qualità e allo stesso tempo di ridurne i costi. Nasce il prestigioso programma di Corporate Social Responsibility (CSR). I marchi che vi partecipano devono non solo indicare il paese di origine dei prodotti, ma anche pubblicare un elenco degli stabilimenti di produzione, a cui è garantito il rispetto di tutti gli standard etici, nonché delle condizioni di lavoro. Il badge CSR consente quindi alle aziende di risparmiare sulla produzione, spostandola in altre regioni, ma allo stesso tempo garantisce al consumatore il rispetto di tutte le norme del marchio, sia in termini di qualità del prodotto che di purezza etica.

"Quando abbiamo creato la sezione" Come è fatto "sul nostro sito Web e l'abbiamo comunicata ai nostri clienti sui social media, la risposta è stata molto positiva", ha affermato Sarah Brinton, Brand Manager di People Tree. "Vediamo che questo ha un impatto positivo sulle vendite e stiamo lavorando per aggiungere ancora più informazioni al sito sulla produzione dei nostri prodotti". 

Nel mondo moderno, il concetto di "autenticità dei prodotti" ha in qualche modo offuscato e perso in modo invisibile la sua specificità. Se prima le "scarpe inglesi" significavano scarpe prodotte nel Regno Unito, ora tutto ...
5
1
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

Omnichannel sugli scaffali. Che cos'è, a quali aziende è adatto e dovrebbero seguire questa tendenza?

Le tecnologie che utilizziamo nella vita e negli affari si stanno sviluppando rapidamente: solo negli ultimi 10 anni sono comparsi molti nuovi canali di vendita e di comunicazione con il pubblico. Questo progresso influenza il comportamento dei consumatori in un modo che non può essere...
18.03.2024 704

Problemi di vendita della tecnologia

Non c'è niente di peggio che incontrare un cliente con le parole "Ciao, posso aiutarti con qualcosa?" Perché il venditore lavora nel negozio solo per aiutare. Criticare questo modello consolidato di comunicazione con un cliente, Andrey Chirkarev, business coach ...
26.08.2013 190417

Un negozio online ha bisogno dell'omnichannel?

Secondo gli esperti, l'assortimento di negozi offline e online dovrebbe essere diverso, perché il loro pubblico target è diverso. Qual è la differenza tra il pubblico target di un normale negozio al dettaglio e il suo clone online? È necessario l’omnichannel…
10.10.2023 3281

Dubito e mi oppongo: come trovare un approccio ai clienti difficili?

Come sarebbe buono e sereno il lavoro di un venditore se i clienti fossero calmi, allegri, sapessero sempre esattamente quello che vogliono e comprassero, comprassero, comprassero! È un peccato che questo sia possibile solo nei sogni. Pertanto, non sogneremo, ma lo faremo ...
10.05.2023 6430

Come creare contenuti visivi di vendita online in base alla proposta di vendita unica identificata?

Cos'è una USP (proposta di vendita unica) e a cosa serve? Perché il servizio di creazione USP è oggi molto richiesto tra i rivenditori di moda? Come creare un USP funzionante? Risponde alle domande e fornisce indicazioni dettagliate su...
02.05.2023 5075
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio