Soho
Gli investitori stranieri investono nuovamente in uffici, magazzini e negozi russi
10.01.2012 2229

Gli investitori stranieri investono nuovamente in uffici, magazzini e negozi russi

Il volume totale degli investimenti in immobili commerciali nel 2011, secondo le stime di Cushman & Wakefield, ammontava a $ 8,6 miliardi, di cui $ 3,26 miliardi (circa il 38%) sono stati investiti da investitori stranieri.

Jones Lang LaSalle stima l'investimento totale a 7,3 miliardi di dollari, il 30-40% dei quali sono fondi esteri. Se prendiamo in considerazione le transazioni di vendita e leaseback, il volume totale delle transazioni è stato di quasi $ 10 miliardi, il 44% dei quali è ricaduto su giocatori stranieri, hanno calcolato gli analisti di Colliers International. Inoltre, a Mosca la loro quota è inferiore alla media: nella capitale hanno investito solo il 7,2% di 36,8 miliardi di dollari, riferisce Vedomosti.

Nonostante la differenza nelle cifre assolute, i consulenti concordano sul punto principale: la quota di investimenti esteri nell'anno in uscita è cresciuta significativamente, perché nel periodo 2009-2010. hanno rappresentato solo il 16% (rispettivamente $ 506 milioni e $ 658,5 milioni, secondo Jones Lang LaSalle).

Tra le principali transazioni di quest'anno con la partecipazione di stranieri vi è l'acquisto del centro business Gogolevsky da parte del fondo HIT Global REIT. Lo stesso fondo ha acquisito un complesso di magazzini (75 mq. M.) a Khimki. Il gruppo Jensen ha acquisito il centro commerciale Nevsky Passage a San Pietroburgo. Heitman European Property Partners IV ha concluso i suoi primi affari in Russia (hanno acquistato uno degli edifici del complesso Metropolis). Gli sviluppatori canadesi Trinity Development Group e Shenkman Corporation investiranno circa $ 000 milioni nella costruzione di parchi commerciali in Russia.

Come motivo del ritorno degli investitori stranieri, gli esperti chiamano alta redditività e concorrenza relativamente debole, scrive il sito Web arendator.ru.
 L'investimento totale in immobili commerciali nel 2011, secondo le stime di Cushman & Wakefield, è stato di 8,6 miliardi di dollari, di cui 3,26 miliardi di dollari (circa il 38%) ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

Ecco Leather sta per ridimensionare la produzione di "pelle di funghi"

La conceria globale Ecco Leather, che fa parte del marchio di calzature danese Ecco, ha stretto una partnership con Ecovative per sviluppare e commercializzare materiali di micelio (struttura delle radici fibrose...
25.11.2022 357

Il direttore creativo di Gucci, Alessandro Michele, si dimette

La casa di moda italiana Gucci, parte del Gruppo Kering, ha annunciato la partenza di Alessandro Michele dalla carica di direttore creativo, che ricopriva dal 2015. Lavora come designer in azienda dal 2002…
25.11.2022 322

La fabbrica S-Tep "Shoes of Russia" può evitare il fallimento

Il calzaturificio S-Tep, parte del gruppo OR (ex Obuv Rossii), sta negoziando un accordo di pace con il suo principale creditore, ChOP Brest Plus, e quindi può evitare il fallimento, riferisce ...
24.11.2022 614

Il servizio fiscale federale vuole recuperare quasi 1,5 miliardi di rubli in detrazioni fiscali e multe da Ralf Ringer

Gli ispettorati fiscali n. 15 e n. 18 vogliono riscuotere circa 1,5 miliardi di rubli in tasse, multe e sanzioni dall'azienda calzaturiera russa Ralf Ringer. Il rivenditore sta cercando di contestare le azioni delle autorità fiscali attraverso il tribunale arbitrale di Mosca, - ...
24.11.2022 345

Il marchio di scarpe francese Both Paris ha collaborato con Yohji Yamamoto

Il 18 novembre è stata presentata un'interessante collaborazione tra il brand di scarpe francese Both Paris e il brand giapponese Yohji Yamamoto. Il risultato della collaborazione dei due brand è un modello di stivale alto unisex che attira l'attenzione dell'originale…
24.11.2022 318
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio