Gli investitori si interessano al dettaglio delle calzature
28.04.2011 3690

Gli investitori si interessano al dettaglio delle calzature

Alla fine di marzo, Mosca ha ospitato il forum annuale dell'Adam Smith Institute "Russian Retail Trade". Durante la sessione “Valutazione e analisi di idee e strategie nuove ed esistenti”, il direttore del gruppo di società Obuv Rossii ha parlato del motivo per cui gli investitori dopo la crisi hanno iniziato a mostrare interesse per la vendita al dettaglio di scarpe.

Secondo Anton Titov, il mercato delle scarpe prima della crisi era sottovalutato dagli investitori: “A quel tempo, tutti stavano investendo in segmenti di vendita al dettaglio più sviluppati, come la vendita al dettaglio di prodotti alimentari, la vendita al dettaglio di cellulari e gli elettrodomestici. Tuttavia, questi mercati non hanno più lo stesso potenziale di crescita di prima, poiché sono quasi completamente consolidati. La crisi ha mostrato la stabilità e le prospettive di nuovi mercati, come la vendita al dettaglio di scarpe. Le calzature sono un bene di base e sono al secondo posto dopo il cibo. Nonostante il fatto che il mercato sia sceso del 15-20% nel 2009, si è ripreso abbastanza rapidamente nel 2010. Secondo gli esperti, nei prossimi anni il mercato delle calzature crescerà del 10-12% annuo. E tali dinamiche del mercato calzaturiero non possono che interessare gli investitori. Nel 2010, alcuni grandi rivenditori di scarpe hanno ripreso a crescere, il che non è un caso. Il mercato calzaturiero oggi è poco consolidato e sottosaturo, quindi ci sono enormi opportunità per allargare le reti e sviluppare nuove regioni. Il potenziale di mercato è grande, il che si spiega anche con la prevista crescita dei consumi. Oggi un russo acquista una media di 2,8 paia all'anno. Secondo questo indicatore, siamo molto indietro rispetto all'Europa (da quattro a cinque paia) e agli Stati Uniti (da sei a sette paia). Tuttavia, tenendo conto della forte stagionalità, abbiamo il potenziale per una crescita dei consumi - almeno fino a 4,5-5 paia.

Tutti questi fattori determinano il crescente interesse da parte degli investitori nel mercato delle calzature. Nel 2010, il fondo di investimento UCP ha riacquistato una quota del 36% nel gruppo di società Monarch. Questa primavera, il più grande rivenditore di scarpe in Russia, TsentrObuv, ha annunciato piani per una IPO ".

Secondo A. Titov, Obuv Rossii intende anche lavorare attivamente nel mercato dei capitali aperto e attrarre finanziamenti esterni. Nella prima metà dell'anno, la società intende collocare obbligazioni per un importo di 700 milioni di rubli. Questi fondi, insieme ai fondi propri dell'azienda in un rapporto di 50x50, saranno utilizzati per finanziare il programma di investimenti fino al 2015, secondo il quale Obuv Rossii prevede di aumentare le entrate nette da 1,6 miliardi di rubli nel 2010 a 7,5 miliardi di rubli nel 2014 e espandere la rete da 120 a 450 negozi.

“Il più promettente ora è il segmento di prezzo medio, la cui quota nel mercato delle calzature è del 30% e continuerà a crescere. Questo perché il potere d'acquisto proprio di quella parte della popolazione che ha un reddito medio crescerà. Queste sono persone che possono permettersi di comprare buone scarpe e considerarle non solo come un prodotto, ma come parte di uno stile di vita. Date queste tendenze nel cambiamento del comportamento dei consumatori, le aziende di calzature investiranno maggiormente nello sviluppo del marchio e nella costruzione di relazioni a lungo termine con i clienti. Nel nostro programma di sviluppo, ci affidiamo anche al rafforzamento dei marchi e allo sviluppo di campagne di marketing su larga scala che includono l'offerta di servizi non standard per il mercato (come le scarpe rata) ", ha spiegato A. Titov. Su questo sito Altapress.ru

Alla fine di marzo, Mosca ha ospitato il forum annuale dell'Adam Smith Institute "Russian Retail Trade". Durante la sessione "Valutazione e analisi di strategie e idee nuove ed esistenti", il direttore del gruppo ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

L’India registra un calo nelle esportazioni di pelle

Le esportazioni di pelle e articoli in pelle sono diminuite di quasi il 2024% nell'anno fiscale terminato a marzo 10 rispetto all'anno fiscale precedente a causa della debole domanda in mercati come gli Stati Uniti e...
24.05.2024 208

Completata l'acquisizione di LLOYD Shoes da parte del gruppo svizzero Arklyz

È stata completata l'acquisizione del produttore di calzature Sulinger Lloyd Shoes GmbH da parte della società di investimento svizzera Arklyz AG. Come abbiamo scritto in precedenza, nel mese di gennaio Arklyz ha raggiunto un accordo con il proprietario, Ara AG, per l'acquisto del marchio di scarpe, comprese tutte le attività...
24.05.2024 232

La fabbrica di Astrakhan "Duna-Ast" amplierà la produzione di scarpe da ginnastica

Il produttore di calzature e abbigliamento di Astrachan' PFC Duna-Ast ha approfittato del finanziamento preferenziale del Fondo per lo sviluppo industriale e ha stanziato fondi per la riattrezzatura tecnica e l'acquisto di attrezzature speciali per la produzione di scarpe da ginnastica e...
23.05.2024 313

Versace presenta le sneakers “complesse” Mercury

Il marchio di lusso Versace lancerà uno dei suoi modelli di sneaker più interessanti a giugno, scrive Footwearnews.com. Soprannominata "Versace Mercury", la silhouette unisex presenta una struttura complessa di 86 componenti accuratamente realizzati...
23.05.2024 407

L’Italia vede un rallentamento delle esportazioni di calzature nel 2023

In Italia, le vendite all’esportazione di calzature sono gradualmente diminuite nel corso del 2023, lasciando le esportazioni di calzature di fine anno inferiori dello 0,6% in termini di valore rispetto all’anno precedente. Secondo il centro studi Confindustria...
23.05.2024 418
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio