Rieker
Campagna contro Adidas
13.06.2012 2403

Campagna contro Adidas

Nel Regno Unito, hanno girato un annuncio pubblicitario contro un marchio famoso

L'organizzazione pubblica britannica War Or Want, in lotta per i diritti dei poveri e degli oppressi, ha rimosso l'anti-pubblicità sociale diretta contro l'Adidas, riferisce Brandrepublic.

Il video mostra una donna che, con uno sguardo depresso, dice che il capo della fabbrica l'ha picchiata, ricattata e costretta a fare gli straordinari. Alla fine del video, è stato riferito che questa è un'attrice di Londra. Racconta la storia di una vera donna, Aisha, che lavora in una delle fabbriche asiatiche di Adidas. In precedenza, War Or Want ha pubblicato un rapporto su come i marchi sportivi che sponsorizzano i Giochi olimpici usano il lavoro degli schiavi in ​​Bangladesh.

Il video è solo una parte di una campagna pubblicitaria con lo slogan “Exploitation. Non dovrebbe essere qui. Non dovrebbe essere da nessuna parte. " Nell'ambito della campagna, gli attivisti prevedono di appendere etichette di protesta sui prodotti Adidas nei negozi ufficiali. Chiunque può donare a War Or Want o inviare una lettera al presidente dell'Adidas Herbert Heiner. La lettera cita i dati sui bassi salari dei lavoratori delle fabbriche Adidas in Indonesia e Cina e stabilisce i requisiti: controllare il livello delle condizioni e dei salari in tutti i punti dell'azienda, compresi cibo, istruzione e assicurazione sanitaria; controllare la regolamentazione dell'orario di lavoro aggiuntivo e la tutela dei lavoratori da abusi verbali e fisici; garantire a tutti i rami dell'azienda la possibilità di aderire ai sindacati al fine di tutelarne i diritti e le condizioni di lavoro.

L'Adidas ha attirato l'attenzione come uno dei maggiori sponsor delle Olimpiadi di Londra 2012. Per diventare sponsor delle Olimpiadi, la compagnia ha speso 100 milioni di sterline.

I rappresentanti di Adidas hanno negato i fatti citati dall'organizzazione War Or Want. Hanno dichiarato di monitorare costantemente le condizioni di lavoro dei loro lavoratori e, in particolare, di interagire con varie organizzazioni di attivisti per questo. Allo stesso tempo, la compagnia sottolinea una serie di inesattezze nei fatti che War Or Want cita nei suoi messaggi. In particolare, Adidas respinge l'affermazione secondo cui i prodotti olimpici sono fabbricati da una società del Bangladesh. Adidas riferisce inoltre di aver chiesto a War Or Want di fornire documenti su cui gli attivisti si sono basati nel loro rapporto ma che non hanno ricevuto nulla. Questo, a sua volta, è confutato da War on Want, riferisce lenta.ru.

In Gran Bretagna, una pubblicità è stata girata contro un noto marchio L'organizzazione pubblica britannica War Or Want, in lotta per i diritti dei poveri e degli oppressi, ha rimosso l'anti-pubblicità sociale diretta contro ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

Paco Rabann muore a 88 anni in Francia

Un designer di origine spagnola il cui stile è diventato sinonimo di estetica dell'era spaziale, Paco Raban è morto all'età di 88 anni durante...
04.02.2023 383

Uno dei fondatori della National Shoe Union Sergey Prytkov è morto

Sergei Prytkov, uno dei fondatori della National Shoe Union (NOBS), un'organizzazione industriale che unisce produttori, fornitori e venditori di calzature, è morto all'età di 66 anni ...
03.02.2023 198

Tiffany e Nike svelano la Air Force Capsule congiunta

Il risultato della collaborazione Tiffany-Nike è stato brevemente tenuto nascosto con la Nike Air Force 1 in pelle scamosciata nera con la virgola distintiva di Nike in Tiffany Blue. Dal marchio di gioielli di scarpe sono state posizionate anche sul tallone delle scarpe da ginnastica ...
03.02.2023 484

Il marchio di scarpe architettoniche Nicholas Kirkwood sta chiudendo

Il designer britannico Nicholas Kirkwood ha preso la decisione di chiudere il suo omonimo marchio di scarpe dopo 18 anni di sviluppo. Fondato nel 2005, Nicholas Kirkwood è un marchio di lusso noto per il suo design innovativo e architettonico…
02.02.2023 340

Ferragamo registra una crescita dei ricavi nel 2022

Il gruppo italiano del lusso Salvatore Ferragamo riporta una crescita delle vendite nel 2022 in tutte le regioni ad eccezione dell'Asia-Pacifico, dove la crescita è rallentata a causa delle misure di quarantena legate alla diffusione di...
01.02.2023 325
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio