Dove sta andando l'investitore?
19.06.2012 2459

Dove sta andando l'investitore?

La società di consulenza internazionale AT Kearney ha pubblicato la sua classifica annuale dei mercati di investimento al dettaglio più promettenti (The Global Retail Development Index 2012, GRDI). La classifica comprende 30 paesi in via di sviluppo e, per il secondo anno consecutivo, il Brasile sta diventando il più attraente per i rivenditori. "Diversi fattori parlano a favore di questo paese come la principale direzione per le catene di vendita al dettaglio: un'economia in crescita sulle spalle della classe media, alti livelli di consumo, una grande popolazione urbana e una riduzione del rischio politico e finanziario", riferisce AT Kearney.

Oltre al Brasile, i primi cinque leader nella classifica includevano altri due paesi dell'America Latina - Cile (secondo posto, come nel 2011) e Uruguay (quarto posto, nel 2011 - terzo). La Cina si è classificata terza, classificandosi solo al sesto posto nel 2011. La top 5 è ​​completata dall'India, che lo scorso anno era al quarto posto.

I mercati dei paesi BRIC sono ancora molto importanti per le più grandi reti globali, ma allo stesso tempo ci sono molti altri mercati non sviluppati che offrono nuove opportunità di crescita. Georgia (6 ° posto), Oman (8), Mongolia (9) e Azerbaigian (17) sono diventati molto più attraenti per gli attori globali, e in particolare per i produttori di beni specializzati e di lusso. Questi mercati, sebbene piccoli in termini di vendite, hanno forti indicatori fondamentali in cui i rivenditori sono interessati, concentrati sulla ricchezza concentrata e sforzandosi di essere i primi in mercati in rapida crescita.

La Russia si è classificata al 26 ° posto nella classifica dei paesi più promettenti per gli investimenti nel commercio al dettaglio. Nel 2011, era sulla linea 14. Tuttavia, ciò non dovrebbe essere considerato come una perdita di attrattiva del mercato russo nel suo insieme per i rivenditori stranieri, ha affermato Per Hong, uno dei coautori dello studio, socio dirigente dell'ufficio di Mosca di ATKearney.

“Il commercio al dettaglio russo si è già ripreso dalla recessione del 2009, gli indicatori sono tornati ai livelli pre-crisi e la crescita continua. Le prospettive di crescita sono abbastanza favorevoli e, allo stesso tempo, nella compilazione di questo rating, si tiene conto non solo dell'attrattiva del mercato, ma anche del rischio paese, della saturazione del mercato e della possibilità di ritardare l'ingresso dei rivenditori. Le difficoltà di fare affari in Russia sono ben note, mancano immobili adeguati (ed è costoso), il mercato è molto frammentato. Il rating indica che il mercato russo non è sicuramente più un mercato per opportunità emergenti e GRDI sta guardando solo a questi mercati. Piuttosto, sta entrando in una fase in cui dovrà essere confrontato con i paesi più sviluppati in Europa ", afferma Per Hong.

Le entrate dei principali rivenditori russi come X5 Retail Group, Okey e Magnit sono cresciute a un livello del 30% o più negli ultimi anni, con l'espansione del moderno commercio al dettaglio. Se i compratori dell'Europa occidentale hanno stretto le cinture durante la crisi, ciò non è accaduto in Russia. La crescita dei redditi della popolazione ha avuto un ruolo, così come il fatto che i russi risparmiano solo una piccola parte del loro reddito e gravitano verso marchi di lusso e premium. Ciò aumenta in modo significativo l'attrattiva del mercato per i rivenditori internazionali che cercano di compensare il calo della domanda a breve termine nei paesi sviluppati.

Le tendenze variano leggermente a seconda del canale. Nel 2011, in Russia sono stati aperti 100 nuovi ipermercati. I rivenditori stranieri sono presenti da tempo nel paese e si stanno espandendo in modo aggressivo. Auchan e Metro oggi hanno conquistato il terzo e il quarto posto in Russia in termini di vendite tra i rivenditori di generi alimentari e stanno lanciando attivamente nuovi formati in risposta alle mutevoli richieste dei consumatori. Auchan aprirà sei ipermercati nel 2012 ed espanderà la sua catena di supermercati Atak da 50 a 200 entro il 2015. Metro prevede di aprire 15 negozi quest'anno e Real Group ha recentemente lanciato negozi di piccole dimensioni.

"Il settore della vendita al dettaglio in Russia è ancora molto frammentato: i cinque leader occupano meno del 15% del mercato, il che porta a discussioni persistenti su quando e come aspettarsi l'emergere di rivenditori stranieri, ancora non presenti in Russia, come Wal- mart. La domanda, secondo me, non è piuttosto se arriveranno, ma quando accadrà ”, ha detto Per Hong.

Il mercato del lusso russo è in forte espansione dopo essere stato schiacciato durante una recessione. La maggior parte dei marchi di lusso internazionali è già presente in Russia, e molti di loro hanno rifiutato gli intermediari negli ultimi cinque anni e hanno scelto di agire in modo indipendente. Prada ha recentemente aperto il suo primo negozio a Mosca e entro la fine dell'anno appariranno in città anche le nuove boutique Ralph Lauren, Chanel e Cartier.

Un'altra caratteristica importante del mercato russo è un aumento significativo del commercio elettronico. Oggi in Russia, il volume del mercato del trading online ha già superato $ 9 miliardi all'anno. È stato segnalato da retailer.ru.

La società di consulenza internazionale AT Kearney ha pubblicato la sua valutazione annuale dei mercati più promettenti per gli investimenti nel commercio al dettaglio (The 2012 Global Retail Development Index, ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

Un escursionista apre un negozio a Vladivostok

La catena di negozi multimarca Hiker è diventata federale. A Vladivostok, nel centro commerciale Kalina Mall in Kalinina, 8, è stato aperto il sesto punto vendita della catena. Questo è il primo negozio regionale della catena situato al di fuori del Distretto Federale Centrale. La gamma è composta da…
13.06.2024 80

Lamoda annulla il compenso per l'accettazione della merce e ne allunga la durata

Il rivenditore online Lamoda, specializzato nella vendita di prodotti della categoria Moda, annuncia cambiamenti nel lavoro con i partner che lavorano con il mercato utilizzando il modello FBO (Fulfilment by operator), cioè con coloro che negoziano...
13.06.2024 364

Rilasciata la collaborazione Hey Dude x Lee

Il marchio di mocassini di proprietà di Crocs Inc Hey Dude ha avviato una collaborazione con il marchio di denim Lee. Una piccola capsule collection dedicata alle vacanze estive e al mare, composta da sette capi, tra abbigliamento, accessori e…
11.06.2024 478

La collaborazione tra Ecco e Natasha Ramsay-Levi è stata presentata da Julia e Anna Peresild

Il marchio di calzature danese Ecco continua la sua collaborazione con la designer Natasha Ramsay-Levi, ex direttore creativo di Chloé. Una nuova collezione limitata di scarpe frutto di una sensazionale collaborazione in Russia è stata presentata da Yulia Peresild e sua figlia...
11.06.2024 532

Il marchio svizzero di abbigliamento e calzature sportive ON ha scelto Zendaya come suo ambasciatore

L'attrice e cantante americana 27enne Zendaya è diventata l'ambasciatrice del marchio di abbigliamento sportivo e calzature On, fondato a Zurigo nel 2010 da Olivier Bernhard, David Alleman e Caspar Coppetti. Tale partnership è l'applicazione di un giovane...
10.06.2024 449
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio