Lobby Hartman
07.11.2012 2317

Lobby Hartman

L'uomo d'affari ha sostenuto la limitazione degli acquisti nei negozi online stranieri

Al forum "Open Innovations" di Mosca è stato discusso il tema di un possibile inasprimento delle condizioni per l'acquisto di beni da parte dei consumatori russi all'estero, che è diventato particolarmente rilevante per il fondatore di KupiVip, Oskar Hartmann. Secondo lui, la Russia oggi in questo segmento sembra un'enorme zona duty free, poiché gli acquisti all'estero non sono soggetti a dazi doganali.

"Creiamo infrastrutture qui, paghiamo le tasse, ma il costo delle nostre merci è del 50% più alto", afferma Hartmann. "Nessun paese al mondo consente di acquistare beni di uso quotidiano in altri paesi senza pagare tasse e dazi doganali". Secondo Hartmann, è più redditizio per lui non avviare un'attività in Russia, ma creare società al di fuori dei suoi confini, inviare merci in Russia e risparmiare sui pagamenti doganali e fiscali.

Il fondatore di KupiVip ha affermato che è per questo motivo che la sua azienda, che si occupa di sconti di vendita di marchi di abbigliamento e calzature di lusso importati, ha aperto magazzini in Germania e Cina. A proposito, Hartmann ha un avversario piuttosto serio: eBay. La società sta negoziando una partnership diretta con Russian Post e il dipartimento non solo trasporterà i pacchi da eBay agli acquirenti russi, ma naturalizzerà anche il sistema di pagamento PayPal.

Le idee di Hartmann all'Open Innovation sono state ascoltate. Secondo il viceministro delle telecomunicazioni e delle comunicazioni di massa Denis Sverdlov, il ministero sta già "lavorando" per rivedere le condizioni per l'acquisto di beni da parte di cittadini russi nei negozi online stranieri. Questi acquisti non sono soggetti a IVA e sono esenti da dazi doganali se l'importo non supera i 40 rubli al mese. "Il problema principale oggi è che è più economico ordinare all'estero che acquistare in Russia", ha detto Denis Sverdlov. "Dal punto di vista degli imprenditori russi impegnati nel commercio online all'interno del paese, questo è sbagliato".

Tuttavia, in seguito, il ministero delle Telecomunicazioni e delle comunicazioni di massa ha negato ai media l'informazione che il vice ministro Denis Sverdlov ha annunciato la creazione di un gruppo di lavoro che svilupperà cambiamenti nella tassazione degli acquisti nei negozi online stranieri. “Il Ministero delle Telecomunicazioni e delle Comunicazioni di massa della Russia non ha presentato alcuna iniziativa per prendere misure nel campo del commercio su Internet di società straniere nel mercato russo. Nessun cambiamento legislativo è stato preparato o pianificato ”, ha detto il servizio stampa del ministero. Modanews.ru ne scrive.

Un uomo d'affari ha sostenuto la limitazione degli acquisti nei negozi online stranieri Al forum Open Innovations di Mosca, è stato discusso l'argomento di un possibile inasprimento delle condizioni di acquisto da parte dei consumatori russi ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

Chloé torna agli anni '70 e include le zeppe nella collezione

Zeppe, zoccoli, scarpe con frange, sandali in pelle e zoccoli borchiati abbinati al denim in abiti e gonne lunghe con volant: ecco come è apparsa la collezione Chloé autunno 2024 sulla passerella della Fashion Week di...
01.03.2024 181

In calo i volumi di produzione delle calzature in Italia

Secondo i dati del Centro Formazione Confindustria Moda, nel 2023 in Italia sono state prodotte 148 milioni di paia di scarpe, l’8,6% in meno rispetto all’anno precedente. Inoltre, questa cifra è lontana dai 179 milioni di coppie che erano...
29.02.2024 149

Wildberries costruirà un grande centro logistico in Carelia

Wildberries costruirà un centro logistico a Petrozavodsk. Può diventare il più grande centro logo per un rivenditore online nella regione nordoccidentale, riferisce RBC...
28.02.2024 327

Adidas continua a rilasciare prodotti con il marchio Yeezy

La tedesca Adidas ha annunciato ulteriori rilasci della sua gamma Yeezy, con una serie di prodotti esistenti che saranno resi disponibili a livello globale in più fasi nelle prossime settimane, scrive...
28.02.2024 346

Street Beat ha aperto un negozio a Tula

La catena di negozi Street Beat ha aperto per la prima volta un negozio a Tula nel centro commerciale Gostiny Dvor. La superficie del negozio è di 300 mq. metri.
27.02.2024 462
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio