Monroe ha provato la produzione
09.10.2012 5197

Monroe ha provato la produzione

Il rivenditore ha aperto la propria fabbrica di scarpe a Novosibirsk

L'azienda calzaturiera "Monroe" ha lanciato la propria produzione a Novosibirsk con una capacità di 1 paia al giorno. Gli investimenti sono stimati in 5-10 milioni di dollari La direzione dell'azienda spiega la creazione della fabbrica attraverso l'ottimizzazione dei processi aziendali e il desiderio di ridurre i costi, e gli esperti chiamano il progetto "immagine".

Monroe è un gruppo di società commerciali, fondato nel 1995. Ha più di 190 supermercati di scarpe con lo stesso nome nella Federazione Russa. La direzione all'ingrosso comprende le divisioni a Novokuznetsk, Kemerovo, Novosibirsk, Mosca. Gli indicatori finanziari non sono stati divulgati. Il proprietario dell'azienda è Oleg Maslov.

I partecipanti al mercato hanno detto che la società Monroe sta aprendo una propria fabbrica di scarpe. Andrey Kalmykov, direttore marketing di Monroe, ha confermato il lancio della sua produzione. Ha detto che il complesso sulla strada. Petukhova ha iniziato a lavorare il 15 settembre, la sua capacità di progettazione è di circa 1 paia di scarpe al giorno. Il personale è di 30-40 dipendenti. Il signor Kalmykov ha rifiutato di nominare il volume degli investimenti, ma ha spiegato che il complesso avrà una produzione di assemblaggio di calzature. La fonte di finanziamento, secondo lui, erano i fondi propri dell'azienda. L'analista di Finam Management Maxim Klyagin ha stimato l'investimento a 5-10 milioni di dollari.

Lo stabilimento di Novosibirsk è diventato il primo progetto di produzione propria del rivenditore. Andrey Kalmykov ha spiegato la sua creazione ottimizzando i processi aziendali. Secondo il direttore marketing, ciò ridurrà i costi per l'azienda e accorcerà la catena di fornitura delle scarpe dal produttore alla vendita al dettaglio. Ora "Monroe" effettua ordini per la sartoria di scarpe in Cina, così come nelle fabbriche russe.

La fabbrica di "assemblaggio" ridurrà i costi e migliorerà la logistica, concorda l'analista di Finam Management Maxim Klyagin. Rileva che il trasferimento di parte dei processi di produzione in Russia è una pratica abbastanza comune, poiché lavorano molti grandi produttori di calzature e abbigliamento. "L'azienda si sta sviluppando in modo dinamico, espandendo attivamente la propria rete nelle regioni in cui è presente e entrando anche in nuovi mercati locali, quindi, nell'ambito di questa strategia, il progetto di localizzazione parziale degli impianti di produzione sembra abbastanza logico", afferma l'analista. Il signor Klyagin ha osservato che nella vendita al dettaglio russa la quota della produzione interna rappresenta solo circa il 15-20% del mercato delle calzature in termini di massa di materie prime e circa il 10-15% in termini monetari.

Anche Natalya Pauli, rappresentante di Obuv Rossii, ritiene opportuno aprire il proprio stabilimento di produzione a Novosibirsk. Sottolinea che oltre a ridurre i costi logistici, l'azienda avrà l'opportunità di un controllo più rigoroso sul rispetto della qualità. Secondo lei, Obuv Rossi intende anche sviluppare la propria produzione: espandere lo stabilimento esistente a Novosibirsk (capacità - 20mila paia al mese) e costruire uno stabilimento a Cherkessk (Repubblica Karachay-Cherkess). La produzione a Novosibirsk servirà gli Urali, la Siberia e l'Estremo Oriente, e lo stabilimento di Cherkessk servirà la regione del Volga, la parte centrale della Russia e le regioni meridionali.

L'esperto indipendente del mercato delle calzature Alexander Greb non è d'accordo con loro, definendo un errore la creazione della propria produzione. Crede che "Monroe", come rivenditore a basso prezzo, se si decide su un progetto del genere, allora non a Novosibirsk, dove la terra e la manodopera sono costose, ma nel sud della Russia per ridurre al minimo la quota dei costi di produzione. "Quindi lo stabilimento di Novosibirsk è un progetto di immagine, soprattutto perché i suoi volumi di produzione sono insignificanti per Monroe", è convinto il signor Greb.

Ora nella regione di Novosibirsk, oltre a Monroe, ci sono tre produttori di scarpe: il più antico complesso Kors, le fabbriche Step e Obuv Rossii. "Ognuno di loro ha la possibilità di aumentare la propria produzione, perché con l'aumento del reddito disponibile della popolazione, la domanda di calzature continuerà a crescere in modo abbastanza costante", afferma Maxim Klyagin. Ora, il consumo medio pro capite di calzature in Russia è in media da due a tre volte in ritardo rispetto a indicatori simili nei paesi sviluppati e, secondo varie stime, varia tra 1,5 e 2,5 paia all'anno. Scrive di questo "Kommersant".

Il rivenditore ha aperto la propria fabbrica di scarpe a Novosibirsk e l'azienda di scarpe Monroe ha avviato la propria produzione a Novosibirsk con una capacità di 1 paia al giorno. Gli investimenti sono stimati in $ 5-10 milioni ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

Chloé torna agli anni '70 e include le zeppe nella collezione

Zeppe, zoccoli, scarpe con frange, sandali in pelle e zoccoli borchiati abbinati al denim in abiti e gonne lunghe con volant: ecco come è apparsa la collezione Chloé autunno 2024 sulla passerella della Fashion Week di...
01.03.2024 270

In calo i volumi di produzione delle calzature in Italia

Secondo i dati del Centro Formazione Confindustria Moda, nel 2023 in Italia sono state prodotte 148 milioni di paia di scarpe, l’8,6% in meno rispetto all’anno precedente. Inoltre, questa cifra è lontana dai 179 milioni di coppie che erano...
29.02.2024 246

Wildberries costruirà un grande centro logistico in Carelia

Wildberries costruirà un centro logistico a Petrozavodsk. Può diventare il più grande centro logo per un rivenditore online nella regione nordoccidentale, riferisce RBC...
28.02.2024 389

Adidas continua a rilasciare prodotti con il marchio Yeezy

La tedesca Adidas ha annunciato ulteriori rilasci della sua gamma Yeezy, con una serie di prodotti esistenti che saranno resi disponibili a livello globale in più fasi nelle prossime settimane, scrive...
28.02.2024 387

Street Beat ha aperto un negozio a Tula

La catena di negozi Street Beat ha aperto per la prima volta un negozio a Tula nel centro commerciale Gostiny Dvor. La superficie del negozio è di 300 mq. metri.
27.02.2024 501
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio