Nuovi dazi doganali sulle scarpe: di chi proteggono gli interessi dei funzionari?
23.11.2011 3044

Nuovi dazi doganali sulle scarpe: di chi proteggono gli interessi dei funzionari?

Il 21 novembre 2011, in una riunione del sottocomitato per le misure di protezione nel commercio estero e nella politica doganale e tariffaria, presieduto dal Primo Vice Primo Ministro Viktor Zubkov, è stato deciso di aumentare la componente euro da 1,8 euro / paio a 2,5 euro / paio rispetto a Dazi all'importazione per alcuni tipi di scarpe di cuoio.
 
Così, alla riunione di dicembre della Commissione dell'Unione doganale, verranno presentati 3 diversi punti di vista: la Repubblica di Bielorussia propone di chiudere il mercato delle importazioni - 20%, ma non meno di 2,7 euro / paio, la Repubblica del Kazakistan - contro le modifiche tariffarie, funzionari russi - nonostante le realtà economiche il mercato ha preso la sua decisione. Rendendosi conto di quanto gravi possano essere le conseguenze dell'aumento dei dazi doganali per i consumatori e gli attori legali del mercato, l'Unione nazionale delle scarpe intende chiedere una revisione della decisione.
 
Anche prima della discussione ufficiale della questione da parte russa, l'Unione nazionale delle calzature, così come i rivenditori e gli importatori russi di scarpe, si sono opposti all'aumento dei dazi doganali. In particolare, gli esperti hanno notato che una tale decisione comporterebbe un aumento significativo dei prezzi per i consumatori e un aumento della quota del mercato delle calzature ombra, che oggi è di circa il 40%. Allo stesso tempo, come dimostra la pratica, le misure protettive non stimolano i produttori di calzature russi. Quindi, dal 1996, il volume della produzione di calzature in pelle non è praticamente cresciuto e oggi, insieme all'ordine statale, rappresenta solo il 3% del volume dei consumi. “Allo stesso tempo, la gamma dei prodotti fabbricati è molto scarsa e rappresenta il 10% del consumo della popolazione. Non c'è produzione di modelli, scarpe da donna con tacco, scarpe sportive moderne ”, osserva Natalya Demidova, direttrice generale della National Shoe Union.

Un aumento del dazio sulle scarpe a basso costo porterà a prezzi al dettaglio più elevati e un onere finanziario ancora maggiore per le persone a basso reddito che saranno costrette a tornare sui mercati dell'abbigliamento. Le piccole e medie imprese che operano in questo segmento ne soffriranno.
 
“Al momento il russo medio, che ha un reddito inferiore a quello europeo, è costretto a comprare scarpe a un prezzo più alto. Ma, a quanto pare, questo non è sufficiente per i funzionari ", afferma Natalia Demidova. "La misura proposta non porterà ad un aumento della produzione di prodotti nazionali, ma provocherà una nuova ondata di corruzione, contrabbando e ridurrà le entrate fiscali al bilancio".
 
In connessione con la decisione del sottocomitato, il National Shoe Union prevede di tenere una tavola rotonda all'inizio di dicembre con la partecipazione di importanti economisti e rappresentanti del settore calzaturiero. L'incontro discuterà la posizione della Russia nel business calzaturiero globale a seguito dei risultati del Congresso mondiale delle calzature, e verrà elaborata una posizione consolidata sulla questione delle misure efficaci per lo sviluppo del mercato calzaturiero russo nel suo complesso.

Il 21 novembre 2011, in una riunione del sottocomitato per le misure di protezione nel commercio estero e nella politica doganale e tariffaria, presieduto dal Primo Vice Primo Ministro Viktor Zubkov, è stato deciso ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

Chloé torna agli anni '70 e include le zeppe nella collezione

Zeppe, zoccoli, scarpe con frange, sandali in pelle e zoccoli borchiati abbinati al denim in abiti e gonne lunghe con volant: ecco come è apparsa la collezione Chloé autunno 2024 sulla passerella della Fashion Week di...
01.03.2024 271

In calo i volumi di produzione delle calzature in Italia

Secondo i dati del Centro Formazione Confindustria Moda, nel 2023 in Italia sono state prodotte 148 milioni di paia di scarpe, l’8,6% in meno rispetto all’anno precedente. Inoltre, questa cifra è lontana dai 179 milioni di coppie che erano...
29.02.2024 247

Wildberries costruirà un grande centro logistico in Carelia

Wildberries costruirà un centro logistico a Petrozavodsk. Può diventare il più grande centro logo per un rivenditore online nella regione nordoccidentale, riferisce RBC...
28.02.2024 392

Adidas continua a rilasciare prodotti con il marchio Yeezy

La tedesca Adidas ha annunciato ulteriori rilasci della sua gamma Yeezy, con una serie di prodotti esistenti che saranno resi disponibili a livello globale in più fasi nelle prossime settimane, scrive...
28.02.2024 389

Street Beat ha aperto un negozio a Tula

La catena di negozi Street Beat ha aperto per la prima volta un negozio a Tula nel centro commerciale Gostiny Dvor. La superficie del negozio è di 300 mq. metri.
27.02.2024 502
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio