Nuovi dazi doganali sulle scarpe: di chi proteggono gli interessi dei funzionari?
23.11.2011 3125

Nuovi dazi doganali sulle scarpe: di chi proteggono gli interessi dei funzionari?

Il 21 novembre 2011, in una riunione del sottocomitato per le misure di protezione nel commercio estero e nella politica doganale e tariffaria, presieduto dal Primo Vice Primo Ministro Viktor Zubkov, è stato deciso di aumentare la componente euro da 1,8 euro / paio a 2,5 euro / paio rispetto a Dazi all'importazione per alcuni tipi di scarpe di cuoio.
 
Così, alla riunione di dicembre della Commissione dell'Unione doganale, verranno presentati 3 diversi punti di vista: la Repubblica di Bielorussia propone di chiudere il mercato delle importazioni - 20%, ma non meno di 2,7 euro / paio, la Repubblica del Kazakistan - contro le modifiche tariffarie, funzionari russi - nonostante le realtà economiche il mercato ha preso la sua decisione. Rendendosi conto di quanto gravi possano essere le conseguenze dell'aumento dei dazi doganali per i consumatori e gli attori legali del mercato, l'Unione nazionale delle scarpe intende chiedere una revisione della decisione.
 
Anche prima della discussione ufficiale della questione da parte russa, l'Unione nazionale delle calzature, così come i rivenditori e gli importatori russi di scarpe, si sono opposti all'aumento dei dazi doganali. In particolare, gli esperti hanno notato che una tale decisione comporterebbe un aumento significativo dei prezzi per i consumatori e un aumento della quota del mercato delle calzature ombra, che oggi è di circa il 40%. Allo stesso tempo, come dimostra la pratica, le misure protettive non stimolano i produttori di calzature russi. Quindi, dal 1996, il volume della produzione di calzature in pelle non è praticamente cresciuto e oggi, insieme all'ordine statale, rappresenta solo il 3% del volume dei consumi. “Allo stesso tempo, la gamma dei prodotti fabbricati è molto scarsa e rappresenta il 10% del consumo della popolazione. Non c'è produzione di modelli, scarpe da donna con tacco, scarpe sportive moderne ”, osserva Natalya Demidova, direttrice generale della National Shoe Union.

Un aumento del dazio sulle scarpe a basso costo porterà a prezzi al dettaglio più elevati e un onere finanziario ancora maggiore per le persone a basso reddito che saranno costrette a tornare sui mercati dell'abbigliamento. Le piccole e medie imprese che operano in questo segmento ne soffriranno.
 
“Al momento il russo medio, che ha un reddito inferiore a quello europeo, è costretto a comprare scarpe a un prezzo più alto. Ma, a quanto pare, questo non è sufficiente per i funzionari ", afferma Natalia Demidova. "La misura proposta non porterà ad un aumento della produzione di prodotti nazionali, ma provocherà una nuova ondata di corruzione, contrabbando e ridurrà le entrate fiscali al bilancio".
 
In connessione con la decisione del sottocomitato, il National Shoe Union prevede di tenere una tavola rotonda all'inizio di dicembre con la partecipazione di importanti economisti e rappresentanti del settore calzaturiero. L'incontro discuterà la posizione della Russia nel business calzaturiero globale a seguito dei risultati del Congresso mondiale delle calzature, e verrà elaborata una posizione consolidata sulla questione delle misure efficaci per lo sviluppo del mercato calzaturiero russo nel suo complesso.

Il 21 novembre 2011, in una riunione del sottocomitato per le misure di protezione nel commercio estero e nella politica doganale e tariffaria, presieduto dal Primo Vice Primo Ministro Viktor Zubkov, è stato deciso ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

Lamoda ha lanciato il proprio marchio di calzature Founds

Il rivenditore online russo Lamoda sta espandendo la propria linea di marchi propri. Ai nuovi marchi di abbigliamento Mademan e Nume, lanciati questa primavera, si è aggiunto Founds, sotto il quale…
13.06.2024 26

Un escursionista apre un negozio a Vladivostok

La catena di negozi multimarca Hiker è diventata federale. A Vladivostok, nel centro commerciale Kalina Mall in Kalinina, 8, è stato aperto il sesto punto vendita della catena. Questo è il primo negozio regionale della catena situato al di fuori del Distretto Federale Centrale. La gamma è composta da…
13.06.2024 85

Lamoda annulla il compenso per l'accettazione della merce e ne allunga la durata

Il rivenditore online Lamoda, specializzato nella vendita di prodotti della categoria Moda, annuncia cambiamenti nel lavoro con i partner che lavorano con il mercato utilizzando il modello FBO (Fulfilment by operator), cioè con coloro che negoziano...
13.06.2024 369

Rilasciata la collaborazione Hey Dude x Lee

Il marchio di mocassini di proprietà di Crocs Inc Hey Dude ha avviato una collaborazione con il marchio di denim Lee. Una piccola capsule collection dedicata alle vacanze estive e al mare, composta da sette capi, tra abbigliamento, accessori e…
11.06.2024 483

La collaborazione tra Ecco e Natasha Ramsay-Levi è stata presentata da Julia e Anna Peresild

Il marchio di calzature danese Ecco continua la sua collaborazione con la designer Natasha Ramsay-Levi, ex direttore creativo di Chloé. Una nuova collezione limitata di scarpe frutto di una sensazionale collaborazione in Russia è stata presentata da Yulia Peresild e sua figlia...
11.06.2024 538
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio