Soho
Un giorno senza scarpe è passato il 5 aprile
13.04.2011 4877

Un giorno senza scarpe è passato il 5 aprile

Nell'azione annuale "Un giorno senza scarpe", organizzata da una società americana TOM'S scarpe, a cui hanno partecipato migliaia di persone. 

L'azione è pensata per ricordare a tutti i residenti dei paesi sviluppati quanto i bambini senza scarpe devono vivere male nei paesi in via di sviluppo. Gli organizzatori ritengono che non si possa immaginare niente di meglio della propria esperienza per tali promemoria. Ecco perché invitano i partecipanti a togliersi le scarpe per un giorno (o almeno per alcune ore), sentire le pietre, l'asfalto e la sabbia di una grande città con i tacchi e condividere con la comunità della rete i loro pensieri sulla necessità di scarpe per la vita di tutti i giorni. I partecipanti non solo possono camminare senza scarpe attraverso la giungla della città, ma anche regalare un paio di scarpe a un bambino scalzo proveniente dall'Etiopia o dalla Cambogia. Per fare questo, è sufficiente acquistare un paio di scarpe in quei negozi che hanno aderito all'azione: dopo aver venduto un paio di scarpe quel giorno, il secondo negozio verrà inviato a un fondo di beneficenza. 

Nel 2010, durante una campagna simile in 20 paesi in tutto il mondo, sono state raccolte oltre 1 milione di paia di scarpe.

L'idea dell'azione è venuta dal proprietario dell'azienda TOM'S scarpe Blake Maykoski. Viaggiando in Argentina, Maikoski ha incontrato un gruppo di residenti locali che hanno raccolto scarpe per bambini a basso reddito. È stato ispirato da questa esperienza e ha fatto un gesto di buona volontà internazionale.

Secondo lui, l'azione porta i suoi dividendi anche agli affari. In primo luogo, i consumatori raccontano le loro storie e diventano i migliori ricercatori di mercato. In secondo luogo, è più facile per un datore di lavoro attrarre e trattenere i dipendenti, perché le persone vogliono far parte di qualcosa di grande e importante. Terzo, è un'ottima strategia di social marketing per i giovani imprenditori.

In molte città, anche i proprietari dei negozi hanno aderito all'azione. Quindi, un negozio di scarpe Squash Fiorire e libreria Piccolo Shop of Successo (Decatur, GA) ha offerto uno sconto del 10% sugli acquisti a chi viene senza scarpe. 

Migliaia di ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

Il marchio di scarpe architettoniche Nicholas Kirkwood sta chiudendo

Il designer britannico Nicholas Kirkwood ha preso la decisione di chiudere il suo omonimo marchio di scarpe dopo 18 anni di sviluppo. Fondato nel 2005, Nicholas Kirkwood è un marchio di lusso noto per il suo design innovativo e architettonico…
02.02.2023 89

Ferragamo registra una crescita dei ricavi nel 2022

Il gruppo italiano del lusso Salvatore Ferragamo riporta una crescita delle vendite nel 2022 in tutte le regioni ad eccezione dell'Asia-Pacifico, dove la crescita è rallentata a causa delle misure di quarantena legate alla diffusione di...
01.02.2023 91

L'ufficio di progettazione per Timberland e Vans lavorerà in Giappone

VF Corp, proprietaria dei marchi Timberland e Vans, ha annunciato l'apertura del Tokyo Design Collective nell'area metropolitana di Tokyo Harajuku per espandere il suo potenziale creativo.
01.02.2023 102

L'India vanifica i piani della Turchia di diventare il polo produttivo europeo delle calzature

Alla vigilia dell'inizio della seconda più grande fiera internazionale della calzatura Aymod, che si terrà a Istanbul dall'1 al 4 febbraio, Berke Ichten, capo dell'Associazione turca dei produttori di scarpe TASD, Berke Ichten ha delineato i momenti critici nello sviluppo della scarpa turca…
01.02.2023 346

Il fatturato del Gruppo Tod's ha superato nel 2022 il miliardo di euro

Il Gruppo Tod's italiano ha registrato una crescita dei ricavi del 13,9% su base annua del 2022% nel XNUMX, superando la soglia del miliardo di euro, trainata dalle forti vendite al dettaglio e dalla forte performance del marchio Tod's.
31.01.2023 266
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio