Rieker
I rivenditori entrano nei mercati esteri in risposta all'instabilità economica globale
16.11.2011 1786

I rivenditori entrano nei mercati esteri in risposta all'instabilità economica globale

Un numero crescente di rivenditori e investitori sta entrando nei mercati internazionali e sta iniziando a svilupparsi in altri paesi sotto l'influenza della situazione economica instabile in Europa. Questo è affermato nel rapporto Cushman & Wakefield "Cosa succederà alla vendita al dettaglio europea nel 2012?"

Gli analisti di Cushman & Wakefield prevedono che l'espansione internazionale sarà una priorità assoluta per molti rivenditori nel 2012. Allo stesso tempo, si nota che le catene di vendita al dettaglio sono ancora molto caute, considerando solo le migliori strade commerciali e centri commerciali nelle grandi città per lo sviluppo, e valutando attivamente il portafoglio immobiliare esistente al fine di ridurre i costi e aumentare i profitti. Tuttavia, sono emerse reti più tolleranti al rischio, pronte a considerare non solo i mercati emergenti, ma anche le piccole città dei paesi sviluppati.

I rivenditori sono concentrati sulla ricerca di locali situati non solo nelle posizioni migliori, ma anche nel soddisfare i requisiti moderni per soluzioni di pianificazione efficaci, rispetto dell'ambiente e attrezzature tecniche. Il rapporto sottolinea il crescente deficit di tale offerta, che è in aumento solo in connessione con una nuova tendenza: l'acquisto di locali al dettaglio da parte dei dettaglianti. Una tendenza simile sta guadagnando slancio a Londra e Milano, dove rivenditori come Inditex, Chanel, LVMH preferiscono possedere locali di vendita al dettaglio. Inoltre, la quantità limitata di nuove costruzioni non renderà più facile per i rivenditori entrare in nuovi mercati. Il volume annunciato di nuovi spazi commerciali in Europa nel 2011 a 6,8 milioni di mq sarà probabilmente inferiore a causa dei ritardi di costruzione. Si prevede che nel 2012 in Europa verranno costruiti 5,8 milioni di mq di superficie commerciale.

Sempre più rivenditori si stanno allontanando dal concetto "tradizionale" del negozio, offrendo ai consumatori un diverso livello di interazione con il marchio, sottolineano gli analisti. In alcune città, le specifiche tecniche (canali Internet dedicati, capacità elettriche) stanno diventando importanti quanto la posizione, i trasporti e l'accessibilità visiva. L'offerta di tali locali è catastroficamente piccola, il che si riflette nella crescita dei tassi.

Secondo il rapporto, nel prossimo futuro, le vendite via Internet e il cosiddetto m-commerce (vendite tramite dispositivi mobili) verranno alla ribalta. Allo stesso tempo, per alcune catene di negozi al dettaglio i negozi online sono un modo per "sondare" un nuovo mercato per se stessi, per altri, il supporto per la rete esistente. In Russia e Cina, il trading online rappresenta una percentuale relativamente piccola del fatturato commerciale, che è associata ai problemi legati alla protezione delle transazioni e alle infrastrutture sottosviluppate, ma questi mercati hanno un grande potenziale per lo sviluppo del trading online e mobile.

Secondo i risultati dell'anno, si prevede che l'investimento totale in immobili al dettaglio in Europa ammonterà a 47 miliardi di euro, il 7,5% in più rispetto al 2010. Nel 2012, il 10-15% in più sarà investito in immobili commerciali al dettaglio in Europa, circa 47 miliardi di euro. Tuttavia, il mercato è più polare che mai, sia in termini di rischio (reale o atteso), sia in termini di rendimento e valore attesi.

Un numero crescente di rivenditori e investitori sta entrando nei mercati internazionali e sta iniziando a svilupparsi in altri paesi sotto l'influenza della situazione economica instabile in ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

Lamoda raddoppierà il suo personale IT

Nel prossimo futuro verranno aperti circa 400 posti vacanti nello stato del rivenditore online russo Lamoda a causa della rapida crescita del business, - si legge nel comunicato stampa ufficiale ...
14.04.2021 52

I risultati del ciclo di fiere internazionali di scarpe e accessori SHOESSTAR - presentazione delle collezioni autunno-inverno 2021/2022.

Dai primi giorni di marzo 2021 fino alla fine del mese, una serie di mostre di scarpe SHOESSTAR hanno nuovamente spazzato via dalla Crimea all'Estremo Oriente.
14.04.2021 124

Il volume delle importazioni di calzature russe è aumentato all'inizio del 2021.

Secondo le statistiche doganali, il volume delle importazioni di calzature russe da paesi non CSI nel marzo 2021 ammontava a $ 312,2 milioni. Nel marzo 2020, questa cifra ammontava a $ 227,9 milioni. La crescita delle importazioni di calzature nel marzo 2021 rispetto a marzo 2020 ...
14.04.2021 182

Nike ha iniziato ad accettare vecchie scarpe per il riciclaggio e il restauro

Nike continua a lavorare per estendere la durata delle sue calzature e annuncia il lancio di Nike Refurbished. Nell'ambito del programma, sarà possibile restituire vecchie scarpe Nike per la riparazione o ... nella vendita al dettaglio del marchio.
14.04.2021 142

Under Armour abbassa la suola in gomma

Il marchio americano di attrezzature sportive Under Armour ha rilasciato un nuovo modello di scarpe da corsa che utilizzano l'innovativa tecnologia UA Flow, che elimina completamente la suola in gomma, riducendo così mediamente il peso delle sneakers ...
13.04.2021 148
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio