Rieker
I russi preferiscono andare al negozio all'estero
16.07.2011 2206

I russi preferiscono andare al negozio all'estero

La capitale della Russia scorre all'estero. Il due percento e mezzo del PIL viene esportato nei negozi europei e americani dai nostri turisti. Per i nostri concittadini, viaggiare in "negozi" in Europa è diventata una bella tradizione, che per il paese si trasforma in profitti persi e profitti persi.

Entro la fine dell'anno, i consumatori russi impiegheranno 42 miliardi di dollari nei negozi stranieri - questo è il risultato di uno studio condotto da esperti della City-Bank. I loro clienti, residenti in oltre milioni di città, uomini e donne di età superiore ai 22 anni, hanno già trascorso più tempo nella prima metà dell'anno rispetto allo stesso periodo precedente la crisi del 2007. Rispetto allo scorso anno, la quota di acquisti esteri è aumentata da venti a un piccolo 28%. La prima categoria, il 22% di tutte le spese, è rappresentata dagli hotel. E la seconda categoria è vestiti e scarpe. "Ci sono esattamente due ragioni per cui i russi preferiscono andare in un negozio all'estero", ha dichiarato Tatyana Pozdnyakova, presidente di BSG Luxury Group, per prezzo e qualità. Per quanto riguarda i prezzi di Mosca, e questi sono importi astronomici, non sono solo troppo cari, ma non sono assolutamente correlati con l'europeo, e ancora di più con l'americano. Inoltre, le quote assegnate al mercato russo sono piuttosto ridotte e il gusto degli acquirenti in Russia, in particolare a Mosca, lascia molto a desiderare ”.

“I budget assegnati dai negozi per l'acquisto di collezioni sono modesti, tuttavia è necessario fare una scelta. Se non vai oltre il budget in modo che ci sia una raccolta e una quantità, la qualità diminuisce immediatamente ", afferma Lyudmila Shaulina, corrispondente di Vesti FM.

Lev Khasis, presidente del Presidium dell'Associazione dei rivenditori, incolpa i marchi stranieri per i prezzi di bullismo: “A causa del basso livello di concorrenza nel mercato russo, la maggior parte dei marchi occidentali preferisce guadagnare il più possibile in Russia. Posso fare un semplice esempio: esiste una società così famosa in tutto il mondo LEGO, leader nella produzione di giocattoli, situata tra l'altro in Europa. Dall'Europa alla Russia è molto più vicino che agli Stati Uniti. Ma un giocattolo LEGO in Russia è circa tre volte più costoso rispetto agli Stati Uniti. "

Tasse e imposte sono un altro elemento di risparmio. “Lo stato, grazie a Dio, ha ridotto i doveri, tuttavia rimane molto significativo. Inoltre, gli acquirenti pagano l'IVA e, se acquistiamo in Europa, rimborseremo l'IVA alla frontiera. 12% restituiamo l'IVA, più un altro dazio, almeno il 20%. Se prendi il mercato di massa, il segmento centrale, allora la differenza può essere del 5 percento e se prendi cose di lusso, allora la differenza può essere raddoppiata. Se vai alla boutique Chanel o Dolce Gabbana, ascolterai solo discorsi russi ", aggiunge Ksenia Ryasova, presidente di Finn Flare e Applemoon.

A favore degli acquirenti stranieri, il positivo è rappresentato dai megamalls degli Stati Uniti, questo paese rappresenta il 16% di tutti i pagamenti all'estero. La quota dell'Italia è dell'11%, della Francia del 9%. I cinque leader nel 2011 sono chiusi da Spagna e Emirati Arabi Uniti con il 4% degli acquisti all'estero. Basato su materiali di Vesti FM.

La capitale della Russia scorre all'estero. Il due percento e mezzo del PIL viene esportato nei negozi europei e americani dai nostri turisti.
5
1
Valutazione
Midinblu

Ultime notizie

La pandemia ha mandato Peter Kaiser a rischio di bancarotta

Peter Kaiser ha presentato una petizione al tribunale distrettuale di Pirmasens per sviluppare un piano d'azione per evitare procedure di fallimento. Secondo i manager dell'azienda, Peter Kaiser ha portato a uno stato di quarantena pre-fallimento in ...
17.09.2020 76

Vans svela la collaborazione con il MoMA di New York

Il design della collezione Vans x MoMA, composta da scarpe, vestiti e accessori, si ispira alle opere di artisti eccezionali presentati al MoMA Museum, tra cui Salvador Dalì, Wassily Kandinsky, Lyubov Popova, Claude Monet, Edvard Munch, Jackson ...
17.09.2020 210

Nella linea di zoccoli Crocs sono comparsi modelli caldi

Come abbiamo scritto in precedenza, il marchio americano ha notato una crescita esplosiva delle vendite dei suoi zoccoli durante i mesi estivi di quarantena e, a quanto pare, per non perdere lo slancio, ha deciso di offrire ai consumatori una versione autunnale del suo popolare modello.
17.09.2020 197

La collezione Swims aggiunge nuovi ombrelli in canna

Con l'inizio dell'autunno e della stagione delle piogge, il marchio norvegese di scarpe in gomma Swims ha tradizionalmente intensificato le sue attività, aggiungendo nuove calzature e accessori alla sua collezione. Questa volta la collezione è stata reintegrata con una nuova linea di ombrelli in ...
15.09.2020 279

I ricavi del Gruppo di società Obuv Rossii nel primo semestre 2020 sono diminuiti del 26,4%

I ricavi del gruppo di società Obuv Rossii nella prima metà del 1 sono diminuiti del 2020% a 26,4 miliardi di RUB. rispetto a 3,963 miliardi di rubli. nella prima metà del 5,384. • La perdita netta è stata di 1 miliardi di RUB, afferma il rapporto finanziario del gruppo di società Obuv Rossii.
15.09.2020 357
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio