Rieker
I russi preferiscono andare al negozio all'estero
16.07.2011 2280

I russi preferiscono andare al negozio all'estero

I capitali russi fluiscono all'estero. I nostri turisti prendono il due e mezzo percento del PIL nei negozi europei e americani. Andare a “fare la spesa” in Europa è diventata una bella tradizione per i nostri concittadini, che per il Paese si trasforma in mancati guadagni e mancati benefici.

Entro la fine dell'anno, i consumatori russi impiegheranno 42 miliardi di dollari nei negozi stranieri - questo è il risultato di uno studio condotto da esperti della City-Bank. I loro clienti, residenti in oltre milioni di città, uomini e donne di età superiore ai 22 anni, hanno già trascorso più tempo nella prima metà dell'anno rispetto allo stesso periodo precedente la crisi del 2007. Rispetto allo scorso anno, la quota di acquisti esteri è aumentata da venti a un piccolo 28%. La prima categoria, il 22% di tutte le spese, è rappresentata dagli hotel. E la seconda categoria è vestiti e scarpe. "Ci sono esattamente due ragioni per cui i russi preferiscono andare in un negozio all'estero", ha dichiarato Tatyana Pozdnyakova, presidente di BSG Luxury Group, per prezzo e qualità. Per quanto riguarda i prezzi di Mosca, e questi sono importi astronomici, non sono solo troppo cari, ma non sono assolutamente correlati con l'europeo, e ancora di più con l'americano. Inoltre, le quote assegnate al mercato russo sono piuttosto ridotte e il gusto degli acquirenti in Russia, in particolare a Mosca, lascia molto a desiderare ”.

“I budget assegnati dai negozi per l'acquisto di collezioni sono modesti, tuttavia è necessario fare una scelta. Se non vai oltre il budget in modo che ci sia una raccolta e una quantità, la qualità diminuisce immediatamente ", afferma Lyudmila Shaulina, corrispondente di Vesti FM.

Lev Khasis, presidente del Presidium dell'Associazione dei rivenditori, incolpa i marchi stranieri per i prezzi di bullismo: “A causa del basso livello di concorrenza nel mercato russo, la maggior parte dei marchi occidentali preferisce guadagnare il più possibile in Russia. Posso fare un semplice esempio: esiste una società così famosa in tutto il mondo LEGO, leader nella produzione di giocattoli, situata tra l'altro in Europa. Dall'Europa alla Russia è molto più vicino che agli Stati Uniti. Ma un giocattolo LEGO in Russia è circa tre volte più costoso rispetto agli Stati Uniti. "

Tasse e imposte sono un altro elemento di risparmio. “Lo stato, grazie a Dio, ha ridotto i doveri, tuttavia rimane molto significativo. Inoltre, gli acquirenti pagano l'IVA e, se acquistiamo in Europa, rimborseremo l'IVA alla frontiera. 12% restituiamo l'IVA, più un altro dazio, almeno il 20%. Se prendi il mercato di massa, il segmento centrale, allora la differenza può essere del 5 percento e se prendi cose di lusso, allora la differenza può essere raddoppiata. Se vai alla boutique Chanel o Dolce Gabbana, ascolterai solo discorsi russi ", aggiunge Ksenia Ryasova, presidente di Finn Flare e Applemoon.

A favore degli acquirenti stranieri, il positivo è rappresentato dai megamalls degli Stati Uniti, questo paese rappresenta il 16% di tutti i pagamenti all'estero. La quota dell'Italia è dell'11%, della Francia del 9%. I cinque leader nel 2011 sono chiusi da Spagna e Emirati Arabi Uniti con il 4% degli acquisti all'estero. Basato su materiali di Vesti FM.

La capitale della Russia scorre all'estero. Il due percento e mezzo del PIL viene esportato nei negozi europei e americani dai nostri turisti.
5
1
Valutazione
Midinblu

Ultime notizie

L'app del sistema di etichettatura dei prodotti "Honest Mark" è stata scaricata oltre 2 milioni di volte

L'operatore del sistema di etichettatura delle merci, il Centro per lo sviluppo di tecnologie avanzate (CRPT), osserva che l'applicazione "Segno onesto", che serve a verificare la legalità delle merci da parte dei consumatori e ottenere ulteriori informazioni su ...
18.01.2021 82

Parigi ha bandito lo svolgimento della settimana della moda con la presenza del pubblico

Le due settimane della moda che avrebbero dovuto svolgersi a Parigi a gennaio - prêt-à-porter maschile e haute couture - saranno esclusivamente digitali poiché le autorità francesi hanno deciso di continuare a vietare gli eventi con ...
18.01.2021 88

La London Fashion Week sarà digitale

La London Fashion Week si terrà dal 19 al 23 febbraio 2021, tenendo conto delle ultime restrizioni governative in relazione alla quarantena Covid-19, l'evento sarà digitale.
18.01.2021 86

Gallery Shoes & Fashion rinviata ad aprile

Le date della mostra Gallery Shoes & Fashion a Dusseldorf sono state nuovamente posticipate. Gli organizzatori della manifestazione hanno deciso di rinviare la mostra ad aprile.
15.01.2021 235

Louis Vuitton lancia un pop-up per supportare le rare sneakers di Virgil Abloh

Alla vigilia della Paris Men's Fashion Week, l'8 gennaio, è stato lanciato nella capitale francese un nuovo progetto pop-up di Louis Vuitton dal titolo “Louis Vuitton: Walk in the Park”.
15.01.2021 252
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio