I consumatori russi credono in un futuro luminoso
23.06.2011 7398

I consumatori russi credono in un futuro luminoso

Il Boston Consulting Group (BCG) ha condotto uno studio sul settore dei consumi dell'economia globale. Particolare attenzione è stata prestata ai fenomeni post-crisi.

Negli Stati Uniti, il 52% degli intervistati è preoccupato per il prossimo futuro, mentre oltre il 60% ha notato che dopo la crisi ha ridotto le proprie spese. Più del 40% dei residenti nell'Unione europea sono "pessimisti economici" - a loro avviso, l'economia non si riprenderà nei prossimi anni. I consumatori nei paesi in via di sviluppo sono ottimisti: ad esempio, in India, Russia e Cina, meno di un terzo degli intervistati non crede in un brillante futuro economico. BCG osserva: durante la crisi, i consumatori russi erano pieni di pessimismo, ma ora vedono una rapida ripresa dell'economia del paese. Secondo gli esperti, nei prossimi cinque anni la crescita dei consumi in Cina e India supererà il 50%. I cinesi sono pronti ad aumentare la spesa nei prossimi 12 mesi e sono più di quelli che risparmieranno. Il ruolo della popolazione dei paesi occidentali nel consumo globale è in costante diminuzione, mentre crescono i residenti dei paesi in via di sviluppo. Ora la quota della Cina nella spesa dei consumatori globali è del 9% e entro il 2020 potrebbe raggiungere il 22%.

Agli intervistati è stato anche chiesto quali fossero i motivi per acquistare cose costose. In Europa, negli Stati Uniti, in Giappone e nei paesi BRIC, hanno definito all'unanimità tecnologie "avanzate" di qualità superiore, nonché minori danni / maggiori benefici per la salute. I residenti in Cina e India (rispettivamente 70 e 64%) hanno indicato la consapevolezza del marchio tra i motivi principali. È probabile che il desiderio delle società multinazionali di conquistare i mercati emergenti sia ragionevole e di successo, affermano gli esperti.

I russi danno molta meno importanza alla popolarità e al prestigio del marchio. Allo stesso tempo, la nostra classe media è pronta ad acquistare oggetti costosi, come automobili e gioielli. I rappresentanti della classe media di altri paesi preferiscono le cose pratiche e necessarie (alloggio, abbigliamento per se stessi e bambini), scrive il sito sostav.ru

Il Boston Consulting Group (BCG) ha condotto un'indagine sul settore dei consumatori dell'economia globale. Particolare attenzione è stata prestata al post-crisi ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

La Comune di Parigi ha lanciato una collezione a tema spaziale

La bellezza del cielo notturno e le miriadi di stelle scintillanti, seducenti e misteriose, hanno sempre affascinato e deliziato le persone.
12.04.2024 162

Levi's abbandona le scarpe

Il 3 aprile, durante una conference call con gli analisti per discutere i risultati finanziari del trimestre, Michelle Gass, CEO di Levi's, ha annunciato la chiusura dell'attività calzaturiera dell'azienda, scrive...
12.04.2024 213

Il negozio online CDEK.Shopping ha nominato i marchi di scarpe più popolari

Il servizio per ordinare beni di marchi famosi dall'estero, CDEK.Shopping, ha analizzato la domanda dei suoi clienti nella categoria "Scarpe". I marchi di scarpe più popolari sono stati Nike e New Balance; tra i primi cinque figurano anche Adidas, Asics e...
11.04.2024 236

TJ COLLECTION ha celebrato il suo 30° anniversario creando un museo digitale della moda

Il marchio di abbigliamento, calzature e accessori TJ COLLECTION ha attratto gli studenti HSE a collaborare e ha creato un museo nel metaverso spaziale. Lo spazio è dedicato al trentesimo anniversario del brand. La mostra presenta le tendenze della moda degli ultimi decenni. E solo...
11.04.2024 269

Lanvin ha aggiornato la sua collezione di ballerine per la stagione Primavera '24

La nuova collezione Lanvin Ballerina presenta 14 nuove tonalità e materiali, tra cui nappa rosa e verde chiaro, denim indaco a taglio vivo, rafia e pelle di vitello con stampa leopardata...
11.04.2024 298
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio