Rieker
Il mercato dell'e-commerce russo nel 2011 crescerà del 30-40%
06.12.2011 2511

Il mercato dell'e-commerce russo nel 2011 crescerà del 30-40%

Negli ultimi anni, il commercio su Internet ha guadagnato slancio in Russia: la sua crescita è calcolata in due cifre. Al contrario, lo sviluppo della vendita al dettaglio fisica è leggermente rallentato. Allo stesso tempo, sempre più reti stanno iniziando a entrare nell'e-commerce e diventare multicanale. Secondo uno studio di PwC, questa tendenza continuerà nei prossimi anni e il commercio online, a seguito dell'aumento degli utenti Internet, si svilupperà al di fuori della capitale.

Secondo PwC, dal 2009 il numero di clienti nei negozi online è cresciuto del 12%. Quest'anno il 92% dei russi intervistati dall'agenzia Romir ha effettuato almeno una volta acquisti via Internet. Il maggiore aumento di popolarità è stato registrato nel segmento abbigliamento-calzature (del 13%), così come nel segmento dei prodotti video e audio (del 12%).

Anche il costo degli acquisti nei negozi online è in graduale crescita. Nel 2008, la quota maggiore (41%) era costituita da acquisti per un valore compreso tra 500 e 3 mila rubli e nel 2010 la loro quota è scesa al 27%. Nel 2010, il maggior numero di acquisti (30%) è sceso su ordini di valore compreso tra 10 e 30 rubli, probabilmente a causa della crescita delle vendite online di elettrodomestici e telefoni cellulari. Allo stesso tempo, la quota di acquisti molto piccoli (fino a 500 rubli) sta gradualmente diminuendo, dal 13% nel 2008 al 5% nel 2010.

Gli acquisti molto costosi - da 100 mila rubli - nel 2010, hanno fatto solo il 2% degli intervistati su Internet e questo segmento non mostra una chiara tendenza al rialzo.

Secondo PwC, i moscoviti fanno acquisti su Internet per risparmiare tempo e i residenti delle regioni sono alla ricerca di quei prodotti che non riescono a trovare in un normale negozio. Per questi e altri, tra le altre cose, il prezzo di acquisto è importante.

I consumatori dei paesi sviluppati sono guidati da altri motivi. Come ha dimostrato uno studio PwC del 2010 nel Regno Unito, l'80% degli intervistati sceglie Internet a causa della capacità di fare acquisti in qualsiasi momento. Per gli europei, questo è più importante, poiché i negozi chiudono lì prima che in Russia, e molto meno tempo è rimasto per lo shopping tradizionale. Altre due ragioni sono i prezzi più bassi e la facilità di confronto dei prodotti.

Secondo gli analisti di PwC, il trading online, a seguito della diffusione di Internet, crescerà nelle regioni a un ritmo molto più lento. Secondo le previsioni di FOM e Yandex, la penetrazione del web globale nelle regioni entro l'autunno del 2014 sarà del 70%, rispetto al 48% nell'autunno del 2011. Il divario tra Mosca e le regioni in termini di penetrazione della rete sarà ridotto di tre volte entro il 2015. La sfiducia nello shopping online diminuirà gradualmente.

Inoltre, le vendite multicanale diventeranno più diffuse in Russia: lo shopping online e offline si fonde per il consumatore in un unico processo, quindi è molto importante per i rivenditori tradizionali partecipare pienamente alla rete e allocare risorse per supportare attivamente la direzione online. In questo caso, uno dei promettenti si chiama formato ibrido. Ad esempio, possiamo citare il progetto Enter "Connected", che combina il trading online e offline, nonché il trading del catalogo.

Un'altra tendenza brillante è l'uso dei social network per promuovere i beni. In Russia, secondo VTsIOM, oltre il 52% dei russi ha un account sui social network. Sulle reti Vkontakte e Facebook sono presenti la maggior parte dei marchi e negozi noti. A proposito, recentemente Detsky Mir è arrivato sui social network. In appena una settimana dall'inizio del progetto, oltre 14 mila sono diventati membri dei gruppi VKontakte, oltre 1,7 mila utenti su Facebook. Su questo scrive il sito sostav.ru

Negli ultimi anni, il commercio su Internet ha guadagnato slancio in Russia: la sua crescita è calcolata in due cifre. Al contrario, lo sviluppo della vendita al dettaglio fisica è leggermente rallentato. Inoltre, tutto ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

Paco Rabann muore a 88 anni in Francia

Un designer di origine spagnola il cui stile è diventato sinonimo di estetica dell'era spaziale, Paco Raban è morto all'età di 88 anni durante...
04.02.2023 380

Uno dei fondatori della National Shoe Union Sergey Prytkov è morto

Sergei Prytkov, uno dei fondatori della National Shoe Union (NOBS), un'organizzazione industriale che unisce produttori, fornitori e venditori di calzature, è morto all'età di 66 anni ...
03.02.2023 198

Tiffany e Nike svelano la Air Force Capsule congiunta

Il risultato della collaborazione Tiffany-Nike è stato brevemente tenuto nascosto con la Nike Air Force 1 in pelle scamosciata nera con la virgola distintiva di Nike in Tiffany Blue. Dal marchio di gioielli di scarpe sono state posizionate anche sul tallone delle scarpe da ginnastica ...
03.02.2023 483

Il marchio di scarpe architettoniche Nicholas Kirkwood sta chiudendo

Il designer britannico Nicholas Kirkwood ha preso la decisione di chiudere il suo omonimo marchio di scarpe dopo 18 anni di sviluppo. Fondato nel 2005, Nicholas Kirkwood è un marchio di lusso noto per il suo design innovativo e architettonico…
02.02.2023 338

Ferragamo registra una crescita dei ricavi nel 2022

Il gruppo italiano del lusso Salvatore Ferragamo riporta una crescita delle vendite nel 2022 in tutte le regioni ad eccezione dell'Asia-Pacifico, dove la crescita è rallentata a causa delle misure di quarantena legate alla diffusione di...
01.02.2023 324
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio