Soho
La società russo-italiana Mario Molinaro apre una fabbrica di scarpe a San Pietroburgo
10.10.2011 5895

La società russo-italiana Mario Molinaro apre una fabbrica di scarpe a San Pietroburgo

La società russo-italiana Mario Molinaro ha aperto una fabbrica di scarpe a San Pietroburgo e sta cercando di incrociare la produzione seriale con un design individuale.

Il designer italiano Mario Molinaro aveva un'idea non standard per il mercato delle scarpe: creare un solo modello di scarpa per la stagione (scarpe in estate, stivali in autunno e primavera, stivali in feltro in inverno), ma produrre un modello in diversi colori e con diverse opzioni di ricamo. Il residente di San Pietroburgo Nikolai Kuznetsov ei suoi soci avevano 400mila euro e il desiderio di organizzare la produzione di scarpe secondo gli standard italiani.

All'inizio del 2011, gli uomini d'affari si sono uniti. Costruzione di uno stabilimento con una superficie di 1,2 mila mq. m, che impiega 40 persone, ha impiegato sei mesi e si è conclusa a giugno. "Non costruiamo da zero fabbriche di scarpe in Russia dall'inizio degli anni '1990, la maggior parte preferisce produrre scarpe in Cina", afferma Artem Veselkov, amministratore delegato di Mario Molinaro. Il problema principale è la mancanza di componenti. Ad esempio, in Russia, la produzione di assorbenti è stata conservata solo in due città: a Rostov sul Don e San Pietroburgo. Mario Molinaro acquista il camoscio all'estero.

Secondo l'amministratore delegato di Ralf Ringer Andrei Berezhny, 10mila euro per la creazione di un posto di lavoro sono una cifra molto piccola. Quando ha modernizzato la produzione a Zaraysk, ha speso circa 14mila euro per organizzare un posto di lavoro.

Le scarpe costano 3,5-5 mila rubli. per una coppia. Un paio di stivali di feltro costerà 1 migliaio di rubli. più costoso. Puoi ordinare scarpe con ricami individuali realizzati secondo gli schizzi del cliente. In questo caso, il prezzo per una coppia sarà già di 9 mila rubli. Mario Molinaro è anche pronto a produrre scarpe in piccoli lotti con loghi aziendali e affidarsi al settore aziendale. L'azienda sta trattando con Alfa-Bank, Aeroflot e catene di ristoranti.

Ora Mario Molinaro vende i suoi prodotti solo attraverso il negozio online. “Non siamo ancora pronti per le collezioni autunno e inverno, quindi le vendite online svolgono il ruolo di ricerche di mercato. Vediamo cosa acquistano le persone, quali domande fanno ai consulenti ", afferma Veselkov. La società prevede di aprire negozi al dettaglio a Mosca e San Pietroburgo la prossima estate. Il rimborso previsto dell'intero progetto è di XNUMX-XNUMX anni.

Andrei Berezhnoy ritiene che l'idea possa funzionare bene, poiché le scarpe insolite hanno il loro acquirente, anche se non numerose. Forse è per questo che Mario Molinaro non rivela la sua capacità produttiva in unità di produzione. A proposito di questo scrive la rivista "Secret of the company".

L'azienda italo-russa Mario Molinaro ha aperto un calzaturificio a San Pietroburgo e sta cercando di incrociare la produzione in serie con ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

Ecco Leather sta per ridimensionare la produzione di "pelle di funghi"

La conceria globale Ecco Leather, che fa parte del marchio di calzature danese Ecco, ha stretto una partnership con Ecovative per sviluppare e commercializzare materiali di micelio (struttura delle radici fibrose...
25.11.2022 363

Il direttore creativo di Gucci, Alessandro Michele, si dimette

La casa di moda italiana Gucci, parte del Gruppo Kering, ha annunciato la partenza di Alessandro Michele dalla carica di direttore creativo, che ricopriva dal 2015. Lavora come designer in azienda dal 2002…
25.11.2022 326

La fabbrica S-Tep "Shoes of Russia" può evitare il fallimento

Il calzaturificio S-Tep, parte del gruppo OR (ex Obuv Rossii), sta negoziando un accordo di pace con il suo principale creditore, ChOP Brest Plus, e quindi può evitare il fallimento, riferisce ...
24.11.2022 623

Il servizio fiscale federale vuole recuperare quasi 1,5 miliardi di rubli in detrazioni fiscali e multe da Ralf Ringer

Gli ispettorati fiscali n. 15 e n. 18 vogliono riscuotere circa 1,5 miliardi di rubli in tasse, multe e sanzioni dall'azienda calzaturiera russa Ralf Ringer. Il rivenditore sta cercando di contestare le azioni delle autorità fiscali attraverso il tribunale arbitrale di Mosca, - ...
24.11.2022 346

Il marchio di scarpe francese Both Paris ha collaborato con Yohji Yamamoto

Il 18 novembre è stata presentata un'interessante collaborazione tra il brand di scarpe francese Both Paris e il brand giapponese Yohji Yamamoto. Il risultato della collaborazione dei due brand è un modello di stivale alto unisex che attira l'attenzione dell'originale…
24.11.2022 318
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio