Le aziende occidentali dovranno fare i conti con l'aumento del costo del lavoro in Cina
13.02.2012 2772

Le aziende occidentali dovranno fare i conti con l'aumento del costo del lavoro in Cina

Il salario medio dei lavoratori in Cina negli ultimi quattro anni è cresciuto del 50%, nonostante la crisi globale. Per l'economia del paese, questa è una buona notizia, così come insieme alle entrate aumentano le spese dei cittadini, secondo gli analisti di Capital Economics. Ma le società straniere devono adeguare le proprie strategie in relazione all'aumento del costo del lavoro.

L'espressione popolare secondo cui è più facile pagare dieci cinesi piuttosto che fare un lavoro americano sta perdendo la sua rilevanza. Secondo Capital Economics, nell'ultimo anno, lo stipendio medio di un contadino cinese che è venuto a lavorare in città è cresciuto del 21%, a 2050 yuan ($ 325). In generale, nonostante la crisi globale, dal 2008, lo stipendio medio dei lavoratori migranti in Cina è aumentato del 53%.

Capital Economics prevede che la tendenza al rialzo dei salari in Cina continuerà. Nel piano dell'attuale piano quinquennale, il governo ha previsto un aumento del salario minimo del 13% all'anno. Ciò indica una profonda trasformazione del mercato del lavoro cinese e significa un aumento significativo dei consumi interni. “Ciò aumenterà le entrate dei cinesi, e quindi le loro spese. Allo stesso tempo, questo stimolerà la crescita di industrie che richiedono manodopera precisa e qualificata ", ha affermato Mark Williams, economista di Capital Economics.

Il numero totale di lavoratori cinesi continua a crescere e la percentuale di persone dai 16 ai 34 anni, la più ricercata nel settore manifatturiero, rimarrà stabile fino al 2015. Inoltre, se in passato i contadini cinesi, dopo aver guadagnato denaro, sono tornati al villaggio, ora rimangono nelle città. I cinesi sotto i 30 anni semplicemente non sanno come coltivare la terra, osserva lo studio. "Per loro, la strada per la produzione e il settore dei servizi è un biglietto di sola andata", sottolinea Capital Economics, spiegando che ciò renderà ogni possibile declino della produzione e del settore dei servizi estremamente graduale.

Le crescenti esigenze del personale assunto cinese devono essere prese in considerazione dai datori di lavoro stranieri. Secondo uno studio di Hays, oltre l'80% delle aziende prevede di aumentare gli stipendi di oltre il 6% quest'anno. In generale, la crescita salariale sarà dal 6 al 12%. L'aumento dei salari dei lavoratori è in gran parte dettato dalla crescente attività sociale dei cinesi. Nel periodo 2010-2011, nel paese si sono verificati scioperi di massa presso le fabbriche di importanti case automobilistiche straniere (Toyota, Nissan, Honda) e produttori di elettronica. Azioni simili sono diventate più frequenti negli ultimi mesi. Alla fine di dicembre, quindi, circa 8mila lavoratori della fabbrica sudcoreana LG Display di Nanchino hanno scioperato - non erano soddisfatti dei bassi guadagni rispetto al personale straniero. A metà gennaio, circa 2 lavoratori della Changhe Auto (una joint venture con la casa automobilistica Suzuki) nella provincia dello Jiangxi, così come 000 lavoratori nella fabbrica giapponese Sanyo a Shenzhen, nella provincia del Guangdong, hanno scioperato. E qui il requisito principale è un aumento dei salari.

Alla ricerca di manodopera più economica, alcuni produttori occidentali sono già costretti a trasferire la loro produzione in regioni più arretrate del paese, affermano gli esperti. È vero, con poche eccezioni, la questione del trasferimento di imprese nei paesi vicini che sono più interessanti dal punto di vista del costo del lavoro in Asia non è ancora stata discussa. “Ad eccezione della produzione di tessuti di bassa qualità, che si stanno lentamente spostando verso altri paesi più poveri, le aziende non hanno fretta di lasciare la Cina. Finora, devono solo trasferire la produzione in altre aree meno sviluppate e più povere della RPC, che è di nuovo utile per lo sviluppo del paese ", ha affermato Mark Williams. Secondo lui, i produttori inizieranno a lasciare la Cina a causa dell'elevato costo del lavoro in 10-15 anni.

Secondo Kent Dan, economista della London School of Economics, il lavoro cinese può ancora essere considerato a buon mercato. “Allo stesso tempo, un grave problema per le società straniere è stato l'apprezzamento del renminbi nei confronti delle principali valute mondiali, in particolare l'euro, la sterlina britannica e il dollaro. Per questo motivo, la produzione di beni e servizi in Cina è ora un terzo più costosa rispetto al 2009 ", ha detto l'esperto. A proposito di questo scrive rbcdaily.ru.
  

I salari medi dei lavoratori in Cina sono cresciuti del 50% negli ultimi quattro anni, nonostante la crisi globale. Questa è una buona notizia per l'economia del paese, poiché aumenta insieme al reddito ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

La Comune di Parigi ha lanciato una collezione a tema spaziale

La bellezza del cielo notturno e le miriadi di stelle scintillanti, seducenti e misteriose, hanno sempre affascinato e deliziato le persone.
12.04.2024 162

Levi's abbandona le scarpe

Il 3 aprile, durante una conference call con gli analisti per discutere i risultati finanziari del trimestre, Michelle Gass, CEO di Levi's, ha annunciato la chiusura dell'attività calzaturiera dell'azienda, scrive...
12.04.2024 213

Il negozio online CDEK.Shopping ha nominato i marchi di scarpe più popolari

Il servizio per ordinare beni di marchi famosi dall'estero, CDEK.Shopping, ha analizzato la domanda dei suoi clienti nella categoria "Scarpe". I marchi di scarpe più popolari sono stati Nike e New Balance; tra i primi cinque figurano anche Adidas, Asics e...
11.04.2024 236

TJ COLLECTION ha celebrato il suo 30° anniversario creando un museo digitale della moda

Il marchio di abbigliamento, calzature e accessori TJ COLLECTION ha attratto gli studenti HSE a collaborare e ha creato un museo nel metaverso spaziale. Lo spazio è dedicato al trentesimo anniversario del brand. La mostra presenta le tendenze della moda degli ultimi decenni. E solo...
11.04.2024 269

Lanvin ha aggiornato la sua collezione di ballerine per la stagione Primavera '24

La nuova collezione Lanvin Ballerina presenta 14 nuove tonalità e materiali, tra cui nappa rosa e verde chiaro, denim indaco a taglio vivo, rafia e pelle di vitello con stampa leopardata...
11.04.2024 298
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio