Come il mulo è diventato mulo. Un modello molto femminile e rilevante di scarpe da donna oggi è apparso nell'antica Roma. Un paio di scarpe. Russia, Torzhok. 1780. Marocco, velluto, pelle, nastri, ricami dorati.
02.10.2023 4261

Come il mulo è diventato mulo. Un modello molto femminile e rilevante di scarpe da donna oggi è apparso nell'antica Roma.

Continuiamo il progetto didattico ed educativo congiunto della rivista Shoes Report e del Museo Storico Statale (GIM), dedicato alla storia delle scarpe e dell'artigianato calzaturiero.

Le scarpe da mulo da donna sono calzature alla moda per le donne ricche di città per uscire. La scarpa a punta era tagliata equamente per il piede sinistro e destro, aveva un tacco alto e una suola resistente ricoperta di pelle. Da dove è arrivata la moda dei muli in Russia?

Il nome moderno (così come lo stile delle scarpe) è stato preso in prestito dal francese.

Scarpe da donna (paio di sabot). Russia, provincia di Tver. 1780 Velluto, fili d'argento, treccia di cotone, camoscio, tacco in legno, pelle, capretto, ricami applicati. Scarpe da donna (paio di sabot). Russia, provincia di Tver. 1780 Velluto, fili d'argento, treccia di cotone, camoscio, tacco in legno, pelle, capretto, ricami applicati.

Ma scarpe simili con punta chiusa senza tacco erano conosciute nell'antica Roma: le scarpe erano realizzate per uomini nobili in costosa pelle rossa o viola. Durante la visita, i patrizi si toglievano le scarpe e mostravano a tutti le loro scarpe belle e del tutto poco pratiche, che venivano associate ai loro proprietari. Gli amanti delle scarpe aperte erano appassionati di filosofia e avevano lunghe conversazioni. Innanzitutto, le fashioniste stesse, e poi le loro scarpe, iniziarono a chiamarsi mulleus, che tradotto dal latino significa "pensatore".

Scarpe da donna (paio di sabot). Russia. 1770-1780 Velluto a coste, filo d'oro, battitura, cordoncino, paillettes, lamina, nastri di seta, nastri di raso, tacco di legno, pelle, capretto, tacco di ferro, ricami, applicazioni. Scarpe da donna (paio di sabot). Russia. 1770-1780 Velluto a coste, filo d'oro, battitura, cordoncino, paillettes, lamina, nastri di seta, nastri di raso, tacco di legno, pelle, capretto, tacco di ferro, ricami, applicazioni.

Nel Medioevo, gli europei realizzavano muli a punta in pelle e tessuto, che venivano indossati sia da donne che da uomini. In Francia, le scarpe erano particolarmente apprezzate. Le donne aristocratiche locali decoravano i loro muli con ricami scintillanti, punte all'insù, pompon e piumino. Nel XVIII secolo il paese era diventato un precursore e la versione francese dei muli cominciò a diffondersi in Europa.

Scarpa. Russia. XVIII secolo. Seta con fili d'oro, fili d'oro, cordoni, paillettes, lamine, pelle, ricami applicati secondo la carta. Scarpa. Russia. XVIII secolo. Seta con fili d'oro, fili d'oro, cordoni, paillettes, lamine, pelle, ricami applicati secondo la carta.

La moda calzaturiera europea entrò in Russia all'inizio del XVIII secolo. Fu allora che nelle grandi città apparvero nuovi oggetti: muli senza fondale. Durante gli scavi della necropoli del monastero Znamensky a Mosca, a Zaryadye, è stato ritrovato un oggetto insolito: una scarpa di cuoio con una parte superiore in broccato e damasco (seta colorata, tessuto fantasia proveniente dalla Cina) dell'inizio dell'VIII secolo. La scarpa ha un caratteristico tacco francese: è rivestita in pelle con un'ampia parte superiore sotto il tallone, una “vita” stretta al centro e una base allargata. Questo fatto, così come l'assenza del tacco, insieme alla decorazione della punta, permette agli esperti di identificare questo articolo come una scarpa tipo mulo.

Scarpa. Russia, dalla necropoli del Monastero Znamensky. XVIII secolo. Broccato, damasco, pelle. Scarpa. Russia, dalla necropoli del Monastero Znamensky. XVIII secolo. Broccato, damasco, pelle.

Il ritrovamento archeologico conferma indirettamente la diffusione delle scarpe alla moda tra i moscoviti in quel periodo.

La provincia di Tver era in Russia nei secoli XVIII-XIX. il centro della produzione di scarpe, poiché buone strade lo collegavano a Mosca e San Pietroburgo. Nel distretto di Novotorzhsky c'erano molti calzolai e calzolai che padroneggiavano perfettamente i segreti della produzione di scarpe alla moda e durevoli. Nel XVIII secolo, i ricami Torzhok decoravano gli abiti e le scarpe dei cittadini.

Non era facile per le donne indossare sabot con una gonna lunga: il piede poteva inavvertitamente saltare fuori dalla scarpa. Pertanto, camminavano a piccoli passi, da cui l'andatura acquisiva morbidezza ed espressività, e il proprietario delle scarpe acquisiva una grazia speciale.

La moda dei muli in Russia durò fino alla metà del XIX secolo, per poi tornare periodicamente. Oggi gli zoccoli sono tornati di moda, sono realizzati con materiali diversi e hanno forme molto fantasiose.

Materiali (testo e foto) forniti dal Museo storico statale.

Continuiamo il progetto didattico ed educativo congiunto della rivista Shoes Report e del Museo Storico Statale (GIM), dedicato alla storia delle scarpe e dell'artigianato calzaturiero. Scarpe da donna...
3.27
5
1
2
Si prega di valutare l'articolo

Materiali correlati

“Shoe Stories” è un progetto didattico ed educativo della rivista Shoes Report e del Museo storico statale

Quest'anno la rivista Shoes Report ha lanciato un progetto didattico ed educativo dedicato alla storia delle scarpe e degli accessori, sostenuto dal Museo storico statale (GIM). Diversi materiali sono già stati pubblicati in versione stampata...
13.09.2023 3802
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio