Rieker
I produttori di scarpe iraniani chiedono sostegno statale
16.06.2011 3148

I produttori di scarpe iraniani chiedono sostegno statale

Ali Lashgari, vicepresidente del consiglio di amministrazione dell'azienda calzaturiera, ha affermato che l'industria calzaturiera del paese, che impiega circa 1 milione di persone, ha bisogno del sostegno del governo, in particolare, per ridurre o abolire determinate tasse. Lo riporta l'agenzia Riamoda con riferimento a Iran News.

Ali Lashgari ha osservato che l'importazione di scarpe non può causare danni significativi all'industria, tuttavia è importante che i produttori non abbiano altri problemi, come l'aumento dei prezzi delle materie prime e numerose tasse.

Secondo Ali Lashgari, oggi il costo delle materie prime ha raggiunto il 39,2% del prezzo dei prodotti finiti e questo porta ad un aumento del costo finale delle scarpe. L'aumento dei prezzi delle materie prime crea problemi principalmente per i produttori, poiché non possono ridurre i loro costi di produzione e, allo stesso tempo, consegnare i prodotti al mercato a un prezzo inferiore al loro costo finale reale.

Ali Lashgari ha ricordato che attualmente il volume della produzione di calzature supera le esigenze interne del paese e il governo, avendo assunto determinati obblighi, può porre fine all'importazione di scarpe cinesi di bassa qualità.

Gli iraniani hanno già capito che le scarpe cinesi non sono di alta qualità e si rifiutano di acquistarle. Le calzature cinesi vengono introdotte clandestinamente nel mercato iraniano. Per quanto riguarda l'importazione di scarpe, oggi, attraverso canali ufficiali, questi prodotti vengono forniti dalla Turchia, dal Vietnam e da alcuni paesi dell'Asia orientale.

Ali Lashgari ha affermato che le scarpe iraniane vengono esportate in paesi come l'Afghanistan, l'Iraq, gli Emirati Arabi Uniti e l'Arabia Saudita e ha sottolineato che i produttori di scarpe iraniani hanno in programma di produrre prodotti conformi agli standard europei per iniziare a spedirli in Europa.

Ali Lashgari, vice presidente del consiglio di amministrazione dell'azienda calzaturiera, ha affermato che l'industria calzaturiera del paese, che impiega circa 1 milione di persone, ha bisogno di uno stato ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

Salvatore Ferragamo ha cambiato il logo

Il marchio italiano di calzature e accessori di lusso Salvatore Ferragamo, seguendo l'ultima tendenza delle maison di alta moda, ha abbreviato il suo nome, lasciando nel logo solo il nome del suo fondatore...
23.09.2022 159

Geox ha presentato una nuova collezione alla Milano Fashion Week

Il marchio italiano Geox, noto per le sue "scarpe traspiranti" tecnologiche, continua a sviluppare e rafforzare la direzione delle scarpe eleganti nel design. Nella collezione donna della stagione primavera-estate 2023, presentata alla Milano Fashion Week,…
23.09.2022 155

A Samara aprirà il più grande grande magazzino di designer russi SLAVA

Il 24 settembre aprirà a Samara il grande magazzino SLAVA che occuperà i locali del negozio Bershka, marchio che ha smesso di commerciare in Russia. Su una superficie di 1 mq. metri, verranno presentate collezioni di marchi russi alla moda di diverse regioni ...
22.09.2022 247

ECCO ha aperto un negozio pop-up nel grande magazzino Tsvetnoy

Il nuovo spazio pop-up del marchio di calzature danese ECCO nel grande magazzino di Mosca Tsvetnoy presenta una collezione di borse e accessori Ecco Leather Goods. Il pop-up shop sarà aperto fino alle 5...
21.09.2022 197

Prada acquista una partecipazione nella conceria toscana Superior

La holding italiana del lusso Prada Group ha annunciato l'acquisizione del 43,65% del capitale della conceria toscana Superior, specializzata nella lavorazione della pelle di vitello. L'importo della transazione è...
21.09.2022 361
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio