Soho
Le autorità di Mosca vogliono portare il commercio in una "famiglia"
19.07.2011 3116

Le autorità di Mosca vogliono portare il commercio in una "famiglia"

Il governo di Mosca insieme alla piccola e media impresa OPORA Rossii hanno delineato una strategia per lo sviluppo del commercio nella capitale. Incoraggiati dall'esperienza dell'Europa, hanno suggerito di mettere una posta in gioco in un'azienda di famiglia. Con l'apertura di piccoli negozi, gli autori della strategia sperano di raddoppiare il numero di spazi commerciali nella capitale, a 1,5mila metri quadrati. m per 1 persone. Gli stessi imprenditori sostengono che è sufficiente rimuovere le barriere amministrative e il commercio prospererà senza la costruzione di aree aggiuntive.

La strategia di sviluppo del commercio all'ingrosso e al dettaglio è stata creata dal dipartimento del commercio e dei servizi di Mosca con la partecipazione di OPORA Russia, un'organizzazione di piccole e medie imprese. Come il vicepresidente di questa organizzazione Vladlen Maksimov ha riferito quotidianamente alla RBC, all'inizio della settimana il sindaco della capitale, Sergei Sobyanin, ha fatto conoscenza con il documento, che ha ritenuto la strategia "moderatamente positiva" e ha chiesto una serie di modifiche.

Nella versione attuale, gli autori della strategia suggeriscono di sfruttare l'esperienza dei paesi europei e di fare affidamento su un'azienda familiare. A loro avviso, i piccoli imprenditori dovrebbero aprire negozi con una svolta che può sostituire l'attività di marketing. Il controllo di qualità dei prodotti avverrà in modo naturale: gli uomini d'affari, al fine di non perdere i clienti, offriranno solo prodotti decenti. Gli uomini d'affari si forniranno spazio per lo più da soli. Gli autori del documento ritengono che saranno in grado di costruire piccoli centri commerciali con un'area fino a 1,5 mila metri quadrati. M. Il loro sostegno sarà un programma ipotecario speciale, in base al quale la città rimborserà gli imprenditori per interesse.

Un altro passo da parte della città potrebbe essere l'adeguamento del piano di edilizia residenziale, credono i creatori della strategia: i primi piani degli edifici dovrebbero essere progettati per le piccole e medie imprese. Per quanto riguarda gli edifici esistenti, i piani inferiori possono anche essere riprogettati in essi, dice il documento.

L'attuazione di questa strategia può più che raddoppiare l'offerta di spazi commerciali per i moscoviti: questa cifra dovrebbe avvicinarsi a 1,5 mila metri quadrati. m per 1 persone, e ora non raggiunge i 700 mq. È questo fatto che non consente di rendere il commercio così competitivo che l'acquirente ha la possibilità di acquistare beni poco costosi ma di alta qualità.

Il capo dell'Associazione delle società di vendita al dettaglio, che comprende grandi catene federali, Lev Khasis ritiene che la strategia contenga una serie di idee valide, sebbene non siano stati coinvolti specialisti seri nel suo sviluppo. Concorda sul fatto che la città dovrebbe essere dotata di piccoli centri commerciali, ma dubita che debbano essere trasformati in "appartamenti comuni" con proprietari diversi: "Ad un certo punto, una piccola impresa smetterà semplicemente di commerciare e inizierà a affittare pezzi dei suoi locali in affitto". Khasis si oppone anche alle preferenze economiche per le piccole imprese, poiché ciò porterà alla corruzione. “Ad esempio, a Mosca esiste già un programma di incentivi per le piccole imprese: i locali vengono affittati a un tasso preferenziale non commerciale di 1 mila rubli. per 1 quadrato. m all'anno. In effetti, un'azienda riceve questi locali a un prezzo di mercato, solo la differenza si deposita nelle tasche dei funzionari che decidono a chi dare questi locali ”, spiega l'esperto. A proposito scrive retailer.ru

Il governo di Mosca insieme alla piccola e media impresa OPORA Rossii hanno delineato una strategia per lo sviluppo del commercio in ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

L'esportazione di prodotti in pelle e calzature in Russia dall'Uzbekistan nel 2022 è aumentata del 61%

Secondo l'associazione Uzcharmsanoat, nel corso dell'anno, le esportazioni di prodotti in pelle e calzature dall'Uzbekistan alla Russia sono aumentate del 61% e hanno raggiunto gli 82,5 milioni di dollari nel 2022. E l'anno prossimo, l'associazione prevede un aumento delle esportazioni di questi prodotti in Russia per...
05.12.2022 118

Camper lancia le ciabatte Wabi in lana rigenerativa

Il marchio spagnolo Camper ha celebrato il 22° anniversario delle sue pantofole Wabi con una collezione in edizione limitata di pantofole in lana rigenerata realizzate a Maiorca.
05.12.2022 111

Pantone nomina il colore dell'anno 2023

Il colore dell'anno 2023 è "potente, senza paura, stimolante" come viene descritto da Pantone 18-1750 Viva Magenta Carmine Red. Il suo altro nome è "nuova vibrazione ...
03.12.2022 304

Fila collabora con Haider Ackermann

L'azienda sudcoreana, produttore e fornitore di abbigliamento sportivo Fila ha rilasciato una collaborazione con il designer francese di origine colombiana Haider Ackermann. La capsule comprende abbigliamento uomo e donna (leggings colorati,…
02.12.2022 354

Il Pakistan aumenta le esportazioni di scarpe

Le esportazioni di calzature dal Pakistan sono aumentate dell'2022% tra luglio e ottobre 82, una crescita anno su anno del 31%, mentre le esportazioni di pelle sono leggermente aumentate, secondo il Pakistan Bureau of Statistics (PBS)...
02.12.2022 363
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio