Rieker
Durante la crisi, i produttori russi hanno conquistato solo il 5% del mercato delle calzature
14.01.2011 2410

Durante la crisi, i produttori russi hanno conquistato solo il 5% del mercato delle calzature

La crisi economica nella maggior parte dei casi ha influenzato negativamente lo stato di molti mercati. Tuttavia, la produzione di calzature domestiche è diventata un'eccezione, riporta Express-Obzor nella sua ricerca (www.eo.ru). A causa del forte aumento del costo dei prodotti importati, la domanda di calzature si è spostata verso marchi nazionali economici. Quindi, secondo le statistiche ufficiali, la produzione di calzature in Russia nel 2008-2009. non solo non è diminuito, come si osservava regolarmente prima della crisi, ma è addirittura aumentato leggermente. Nel 2009 sono state prodotte complessivamente 57,5 ​​milioni di paia di scarpe.

Allo stesso tempo, nonostante una leggera ripresa della produzione nazionale di calzature e un forte aumento dei prezzi dei prodotti importati, la presenza di calzature estere nel mercato russo era ancora significativa. I produttori nazionali sono stati in grado di conquistare solo il 5% del mercato nel 2009. 

La crisi economica ha gravemente colpito la concorrenza nelle catene nel mercato calzaturiero. Un calo delle vendite, una diminuzione delle entrate e un aumento del carico del debito a causa dell'aumento dei prezzi dei prestiti hanno costretto alcune catene di scarpe, soprattutto quelle piccole, a lasciare il mercato. Il vantaggio è stato dato alle grandi catene di vendita al dettaglio russe che hanno stabilito rapporti con partner e un pubblico costante di acquirenti. Inoltre, le catene di discount hanno ricevuto un impulso allo sviluppo, che ha ampliato il loro pubblico con acquirenti che si sono spostati dai segmenti medio e alto. Ma anche chi è rimasto sul mercato ha incontrato difficoltà. Ad esempio, al fine di ridurre i crediti, il gruppo di società Monarch ha interrotto le vendite all'ingrosso ad altri rivenditori (la loro quota di fatturato era del 10%), Econika ha abbandonato parte dell'assortimento maschile, preferendo le scarpe da donna più vendute, gruppo di società Obuv Rossii, Monroe e Tervolina ha aumentato la quota di prodotti di fascia bassa. Se parliamo del ritmo di espansione della rete, i giocatori si sono comportati diversamente. Ad esempio, "Tsentrobuv" ha rilevato le reti "Bonita" (Mosca, 16 negozi) e "Obuv-shock" (San Pietroburgo, 8 negozi), GC "Monro" - la catena della regione di Mosca "Shagomer" (10 negozi) e "Tervolina" ha chiuso 50 negozi meno efficienti. Riassumendo i risultati del periodo di crisi, possiamo evidenziare le azioni più comuni intraprese dalle reti per ottimizzare il lavoro:

·       Ridurre il numero di negozi. Orientamento ai punti più redditizi.

·       Ottimizzazione dell'assortimento: riduzione delle unità merceologiche, concentrandosi sui modelli più popolari, aumento delle calzature di un segmento economico, aumento delle scarpe da donna in assortimento.

·       Riduzione dei costi: affitto di negozi, pubblicità, salari del personale, spese amministrative.

·       Lancio di programmi di acquisto rateale e di prestito.

·       Orientamento ai grossisti cinesi, fornendo le migliori condizioni di mercato per i pagamenti differiti e i saldi dei resi.

A proposito di importazioni nel mercato delle calzature, vale la pena considerare la presenza sul mercato di prodotti illegali. Secondo l'Express Review, nel 2009 la quota di importazioni grigie era pari a circa il 32% in termini fisici. Tuttavia, recentemente c'è stata una tendenza "imbiancatura ”del mercato. Per fare un confronto, nel 2006 le importazioni grigie rappresentavano quasi il 60% del mercato. 

Le calzature domestiche vengono esportate principalmente nei paesi della CSI, mentre la percentuale di esportazioni tra le scarpe russe è trascurabile. I principali consumatori di scarpe russe sono Azerbaigian, Kazakistan, Kirghizistan, Uzbekistan e Ucraina. Nel 2009, questi paesi rappresentavano poco più del 50% delle esportazioni totali. 

Diminuzione del livello di reddito della popolazione nel periodo 2008-2009 influenzato gravemente il consumo di scarpe in Russia. Nel 2009 la domanda di scarpe (incluso il settore ombra) in Russia è diminuita di quasi il 28% in termini fisici, raggiungendo il livello del 2005. Nel prossimo futuro aspettarsi una rapida stabilizzazione del mercato delle scarpe russo. Nonostante il mercato raggiungerà il livello pre-crisi non prima del 2013, il tasso di crescita nel 2010-2012. sarà a due cifre. Secondo l'Express Review, le principali tendenze del 2009, come una diminuzione della quota delle importazioni sul mercato e un aumento della domanda di prodotti domestici, sono temporanee. Già alla fine del 2011, le scarpe importate inizieranno nuovamente a perdere nel 2009-2010. Posizione.

La crisi economica nella maggior parte dei casi ha influenzato negativamente lo stato di molti mercati. Tuttavia, la produzione di calzature domestiche è diventata un'eccezione, secondo uno studio ...
5
1
Valutazione
Midinblu

Ultime notizie

Dott. Martens prevede di raccogliere 5 miliardi di dollari in IPO alla Borsa di Londra

Commercia Dr. Martens alla Borsa di Londra dovrebbe essere lanciato all'inizio della prossima settimana. La capitalizzazione di mercato dell'azienda è stimata tra 3,30 e 3,70 miliardi di sterline.
26.01.2021 32

San Pietroburgo ha un tasso massimo di posti vacanti nelle principali vie dello shopping

Il tasso di sfitto nei principali corridoi commerciali della capitale settentrionale nel 2020 ha raggiunto il suo valore massimo negli ultimi cinque anni - 15,7%, - afferma il rapporto Colliers International.
26.01.2021 39

I frutti di bosco hanno aumentato il fatturato delle esportazioni nel 2020 a 23,7 miliardi di rubli

Nel 2020, il fatturato all'esportazione dei venditori del grande rivenditore online internazionale Wildberries ha raggiunto 23,7 miliardi di rubli. Lo scorso anno, il rivenditore online ha iniziato a operare in Polonia, Slovacchia, Israele e Ucraina. Attualmente l'azienda svolge ...
25.01.2021 43

Birkenstock in vendita

Il marchio tedesco Birkenstock, di proprietà della famiglia fondatrice, è alla ricerca di nuovi proprietari. Attualmente, i fondi di private equity CVC Capital Partners e Permira sono già interessati all'acquisto del marchio. L'azienda tedesca ha un valore di oltre 4 miliardi di euro.
25.01.2021 175

Nicholas Kirkwood rilascia la collezione di scarpe originale per l'inizio dell'Anno del Bue

Il designer di scarpe britannico Nicholas Kirkwood celebra l'inizio dell'Anno del Bue con una capsule collection di scarpe con la famosa serie di mucche di Andy Warhol.
25.01.2021 132
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio