Rieker
Classificazione delle scarpe. Regole per la costruzione di un classificatore di merci
30.06.2020 9115

Classificazione delle scarpe. Regole per la costruzione di un classificatore di merci

La domanda più importante che riguarda oggi i proprietari dei negozi di scarpe è come aumentare le vendite. Se cinque anni fa un acquirente acquistava, in media, quattro paia di scarpe all'anno, oggi il consumo, secondo le statistiche, è solo di 1,8 paia. Tuttavia, secondo le previsioni del gruppo di ricerca DISCOVERY, entro il 2023, il consumo aumenterà a 2,9 paia all'anno. Anche la moda è cambiata, i tacchi sono quasi un ricordo del passato, le scarpe sportive sono richieste, comode e indossabili. Ma non puoi vendere solo scarpe da ginnastica e stivali, soprattutto perché questi modelli sono disponibili in tutti i negozi del paese! Cosa fare e come capire cosa acquistare per accumulare concorrenza e attirare acquirenti?

Natalya Chinenova Natalya Chinenova - Senior Business Technology Consultant presso il retail di Fashion Consulting Group.
www.fashionconsulting.ru

Per rispondere a queste domande, è necessario utilizzare l'analisi delle vendite. Il fatto è che ogni specifico negozio al dettaglio ha il proprio target di riferimento, costituito da clienti fedeli pronti a venire in questo particolare negozio e da clienti che vivono a breve distanza a piedi in un raggio di non più di 1,5 km dal punto vendita. Questo è il motivo per cui anche un singolo marchio in ogni negozio può e dovrebbe avere un diverso assortimento di prodotti, a seconda delle preferenze del pubblico target di ogni particolare società commerciale. Ad esempio, gli acquirenti di un negozio situato in una ricca zona residenziale differiranno radicalmente dagli acquirenti di un'impresa situata nel centro storico della città in una strada pedonale, o dagli acquirenti di un punto vendita situato in un'area di maggiore concentrazione di studenti e università. Capire perché i clienti votano in rubli, quali gruppi di prodotti, articoli e modelli sono richiesti non è importante solo per l'acquisto di beni, ma anche per la corretta distribuzione dei modelli tra i negozi.

La base dell'analisi è una directory di prodotto formata con competenza e correttamente. La directory del prodotto viene compilata sulla base del classificatore del prodotto:

CLASSIFICATORE DEI PRODOTTI - Questo è un documento che rappresenta un insieme sistematico di nomi e gruppi di oggetti di classificazione dal punto di vista degli acquirenti. La classificazione del prodotto prevede la suddivisione di tutti i prodotti in livelli: classi, gruppi di prodotti e sottogruppi di prodotti. Allo stesso tempo, le merci di ogni livello vengono combinate in una categoria o classe, gruppo o posizione in base a segni o proprietà comuni.

GUIDA PER I PRODOTTI - Questo è un attributo obbligatorio di qualsiasi programma di contabilità (sistema ERP). La directory del prodotto viene compilata sulla base del classificatore del prodotto ed è una visualizzazione lineare della struttura ad albero del classificatore.

Pertanto, il classificatore di prodotto consente di gestire correttamente l'assortimento e analizzare le preferenze del cliente. I principi per la formazione di un classificatore di merci sono gli stessi per tutte le aziende. Tuttavia, il classificatore di prodotto è sviluppato individualmente per ciascuna società commerciale, in base all'idea generale e al posizionamento del negozio, al pubblico target e alla strategia scelta.

Il classificatore di prodotto è costruito in sequenza, secondo la logica della descrizione del prodotto e graficamente sotto forma di uno schema a blocchi. Il principio di base della formazione di un classificatore di merci è un albero delle decisioni dei consumatori. Questa è una gerarchia di criteri in base alla quale l'acquirente sceglie e decide sull'acquisto di beni. In conformità con la pratica internazionale e le raccomandazioni degli esperti russi nel settore della moda, sulla base di studi sul comportamento dei clienti, il classificatore di prodotti per negozi di abbigliamento sia monomarca che multimarca, le scarpe sono costruite come segue:

  • determina il segmento di prezzo del negozio o del marchio;
  • i beni sono divisi in categorie;
  • Alle categorie sono assegnati attributi adottati nel settore della moda;
  • in base alle caratteristiche dei beni sono divisi in gruppi;
  • all'interno dei gruppi, le merci vengono combinate in sottogruppi;
  • la decodifica dettagliata di ciascun sottogruppo viene creata dai nomi dei modelli di merci;
  • a ciascun articolo vengono assegnate caratteristiche-proprietà.

L'analisi delle vendite, a sua volta, inizia anche con blocchi di grandi dimensioni: gruppi di merci e relativi attributi, quindi, se necessario, viene effettuata un'analisi più dettagliata delle proprietà di modelli specifici. Solo per ottenere i rapporti corretti, è importante capire esattamente cosa e come analizziamo. È qui che iniziano i problemi principali. Scarpe da ginnastica: è un nome o un gruppo di prodotti? Possono esserci scarpe basse, stivali bassi o scarpe? E le scarpe da ginnastica? Che cos'è questo? In quale colonna della directory dei prodotti deve essere inserito questo nome? Diamo un'occhiata ai nomi e alla classificazione delle scarpe.

Struttura del piede umano e termini commerciali delle scarpe

Nel settore delle calzature, ci sono solo nove gruppi di prodotti:

1. PANTOFOLE - scarpe leggere per tutte le stagioni destinate all'uso domestico (appartamento, casa), con suole sottili o senza di esse. Secondo le raccomandazioni degli ortopedici, le pantofole hanno un breve periodo di utilizzo e devono essere sostituite ogni sei mesi.

2. SCARPE DA SPIAGGIA - scarpe impermeabili e antiscivolo estive leggere progettate per camminare su acqua, pietre, sabbia, erba.

3. SANDALI - scarpe estive leggere, costituite da punta e tallone sulle spalline e senza tacchi.

4. SANDALI - scarpe estive leggere, costituite da punta e tallone, sulle spalline, con o senza tacchi.

5. SCARPE - scarpe che coprono parzialmente la parte posteriore del piede, costituita da parte anteriore e tallone, con o senza tacchi.

6. scarpe basse - Un tipo di scarpa senza tacco, che copre parzialmente o completamente la parte posteriore del piede, di solito su lacci, elastici o altri elementi di fissaggio, raggiungendo la caviglia, ma senza coprirla.

7. SCARPE - un tipo di scarpa che copre la caviglia e l'articolazione della caviglia 2-10 cm sopra la caviglia, di solito senza tallone.

8. STIVALI - un tipo di scarpa che occupa una posizione intermedia tra scarpe e stivaletti, si adatta alla caviglia, ma non copre i polpacci, con o senza tacchi.

9. STIVALI - scarpe che coprono la gamba da un terzo della parte inferiore della gamba e più in alto, con la presenza obbligatoria di una parte che copre la parte inferiore della gamba o la sua parte, ma non meno della metà, con o senza tallone.

In ciascuno dei gruppi di prodotti esiste un numero infinito di sottogruppi: modelli di scarpe. Un modello (il costrutto di un autore basato su stili di base) è lo sviluppo di dettagli specifici della parte superiore del prodotto in base allo stile, tra cui:

  • quantità, configurazione e disposizione delle parti;
  • caratteristiche materiali della parte superiore, della suola e della fodera;
  • la presenza e la natura degli accessori o delle decorazioni e altre caratteristiche aggiuntive aggiunte allo stile di base.

Ogni modello ha il suo design (modello), realizzato sulla base del modello base (base) dello stile.

Il SEGNO delle merci sono le caratteristiche del GRUPPO DI MODELLI (ovvero uno dei nove gruppi), ad esempio: durata del ciclo di vita, scopo funzionale, tipo di materiale, altezza del tallone, ecc.

PROPRIETÀ delle merci - caratteristiche di un MODELLO SPECIFICO, ad esempio: dimensioni, colore, forma del tallone, ecc.

Considera i gruppi di scarpe in modo più dettagliato.

PANTOFOLE:

1. Pantofole - Un tipo di pantofole che scivola facilmente sul piede e non richiede dispositivi di fissaggio. Caratteristiche distintive: consistono in una suola densa e una parte in tessuto che copre la parte superiore del piede. Ci sono modelli con dita aperte e chiuse, ma sempre senza sfondo. Materiale superiore: qualsiasi materiale morbido tessuto e non tessuto, compresa la pelle. Il nome deriva dal suono caratteristico che creano le pantofole senza fondale quando si cammina "schiaffo-schiaffo".

2. SCARPE (pantofole con la schiena) - un tipo di pantofole con la schiena. Caratteristiche distintive: i modelli hanno una punta chiusa e una parte calcaneale completamente o parzialmente chiusa. Il materiale superiore è in tessuto.

3. Chuni (stivali da interno) - pantofole che sembrano stivali. Caratteristiche distintive: hanno una suola morbida in tessuto, pelle o plastica. Materiale superiore: materiali leggeri e traspiranti, lana, feltro, tessuti artificiali e sintetici. Chuni - l'antico nome per calzature contadine chiuse fatte di corda di canapa.

4. Kigurumi - pantofole sotto forma di vari animali, peluche, macchine per feltro ed eroi delle fiabe. Caratteristiche distintive: aspetto realistico. Materiale parte superiore - tessuti artificiali e sintetici. Kigurumi tradotto dal giapponese significa "portare un peluche".

5. Stivaletto (pantofole-calzini) - per design, si tratta di calzini fatti di filato denso, a cui è cucita la suola. Caratteristiche distintive: la suola è realizzata in pelle sottile, pelle scamosciata o filo spesso lavorato a maglia con silicone. Il materiale superiore è il filato. Questo modello di scarpe è stato proposto per la prima volta dal famoso produttore di scarpe francese Pine. Da qui il nome di "stivaletti", conservato fino ad oggi. I prodotti nell'officina di Pine sono stati cuciti da husky, pelle scamosciata e mungitura (la pelle dei vitelli immersa nel latte).

SCARPE DA SPIAGGIA

1. MEDIATORI - scarpe realizzate in gomma Croslite morbida e leggera. Caratteristiche distintive: suola ortopedica, fori di ventilazione, forma arrotondata del naso, cinturino di fissaggio del tallone. Materiale superiore: materiale Croslite. Il nome della scarpa deriva dall'omonima compagnia Crocs - una parola derivata dal "coccodrillo", perché la scarpa sembra la testa di un coccodrillo.

2. LISTE - scarpe fatte di materiali artificiali, molto spesso di plastica. Caratteristiche distintive: una suola piatta antiscivolo e un ampio maglione sul piede, aprendo le dita dei piedi. Materiale superiore: plastica o gomma. Le scarpe hanno preso il nome dal luogo di produzione. In URSS, tali scarpe venivano prodotte in una fabbrica nella città di Slantsy. In Europa e in America, gli scisti sono chiamati cursori - (dalla diapositiva inglese - scorrevole), lì scarpe simili hanno un nome per analogia con il movimento che mettiamo sulle pantofole: “scivolare” con il piede, senza fare sforzi. Gli slider erano popolari negli anni '90 come scarpe per la spiaggia e la piscina. Con il ritorno della moda degli anni Novanta, le pantofole sono apparse nelle collezioni di Puma, Rihanna, negli armadi di modelli e stelle. I cursori di nuova generazione hanno già violato tutte le regole: sono stati realizzati in inverno, integrati con pelliccia; trasformato in un modello da sera, aggiungendo strass; cominciò a indossare pantaloni della tuta, calze e persino abiti di seta.

3. Vietnam- pantofole, costituite da una suola in gomma e due cinturini, fissate sul piede tra pollice e indice. Caratteristiche distintive: suola in gomma, due membrane. Materiale superiore: gomma, tessuto, pelle. In URSS, inizialmente furono importati dal Vietnam, da cui il nome deriva. Nei paesi di lingua inglese, queste scarpe sono chiamate infradito (infradito), in Giappone - Dzori (zōri), in Polonia - giapponese (japonki).

4. HAWAYANAS - infradito in gomma. Caratteristiche distintive: immagini vivide sulla suola. Il materiale superiore è in gomma. Il nome Havaianas deriva dalla forma femminile della parola portoghese "Hawaiians" e il motivo sulla suola dei sandali è progettato per assomigliare alle suole di paglia di Zōri.

5. MISTERI DEL SAPONE (Gergo sovietico, scarpe di gelatina a ovest) - scarpe da spiaggia, sandali fatti di plastica modellata in colori vivaci. Caratteristiche distintive: una custodia completamente in gomma. Materiale superiore: gomma o plastica. In Unione Sovietica, le scarpe di plastica sono state giustamente soprannominate "portasapone" a causa della loro somiglianza.

SANDALI

1. sandali - scarpe estive leggere, costituite dall'arco e dal tallone delle cinghie. Caratteristiche distintive: mancanza di tacco. Materiale eccellente - qualsiasi. Nell'antica Grecia, le cosiddette scarpe, costituite da suole e cinturini.

2. Gladiators - scarpe estive leggere, costituite dall'arco e dal tallone delle cinghie. Caratteristiche distintive: un gran numero di cinturini intrecciati. Materiale tomaia: pelle, ecopelle. Il nome deriva dall'antica Roma, dove i combattenti dei gladiatori indossavano sandali con molte cinghie.

3. ROMENI - scarpe estive leggere, costituite dall'arco e dal tallone delle cravatte. Caratteristiche distintive: presenza obbligatoria di legami. Materiale superiore: pelle, ecopelle, tessuto. Le donne romane indossavano scarpe simili in modo che la sabbia calda non bruciava i loro piedi e la donna romana non si stancava del calore e dell'esaurimento.

4. SANDALI SPORTIVI - scarpe estive leggere, costituite dall'arco e dal tallone delle cinghie. Caratteristiche distintive: suola ispessita ortopedica, spalline larghe, velcro. Materiale superiore: pelle, ecopelle, tessuto, materiali artificiali. Il nome corrisponde allo scopo funzionale del modello: le scarpe sono adatte per l'escursionismo e gli sport attivi.

5. Birkenstock - scarpe estive leggere con suola ampia, presenza o assenza di fondale, punta aperta o chiusa, varie varianti di tutti i tipi di sandali. Caratteristiche distintive: soletta ortopedica e suola ampia. Materiale superiore: pelle, ecopelle, plastica. Birkenstock - da Birkenstock, un marchio di scarpe tedesco. È stata questa azienda che ha iniziato a produrre comode pantofole con una suola anatomicamente corretta. Negli anni '60 del XX secolo, Karl Birkenstock Jr. sviluppò il materiale flessibile Birkocork, che iniziarono a utilizzare per la produzione di sandali Birkenstock. A metà degli anni '60, l'americana Margot Fraser si stava rilassando in un resort termale in Germania. Lì le fu chiesto di indossare sandali Birkenstock per sbarazzarsi del dolore cronico alle gambe. A Margo piacevano così tanto le scarpe ortopediche che, tornata negli Stati Uniti, decise di creare una società che si occupava della sua importazione e nel 1966 fondò la società Birkenstock Footprint Sandals, Inc. in California. Oggi, tutte queste scarpe hanno cominciato a essere chiamate scorte di betulla.

SANDALI

1. SANDALI - le scarpe estive leggere che non coprono completamente il piede e l'articolazione della caviglia sono ben fissate sul piede. Caratteristiche distintive: solo scarpe da donna indossate a piedi nudi e con tacco, zeppa o plateau. Materiale eccellente - qualsiasi. Il nome della scarpa deriva dalla capacità di indossare scarpe senza calze.

2. SLINBEC - modello di transizione dalle scarpe ai sandali. Altezza del tallone e forma della punta - qualsiasi. Caratteristiche distintive: una punta chiusa e un tallone aperto con un ponticello per attaccare. Materiale eccellente - qualsiasi. Il nome deriva dalla fionda inglese posteriore - elastico sul retro. La loro popolarità iniziò nel 1947, quando Christian Dior mostrò per la prima volta al mondo una collezione di nuovi abiti a fiocco, e continua ancora oggi.

3. PIP TOY - Un altro modello di transizione dalle scarpe ai sandali. Altezza del tallone e forma della punta - qualsiasi. Caratteristiche distintive: punta aperta e tallone chiuso. Materiale eccellente - qualsiasi. Il nome deriva dal dito dall'aspetto peep toe inglese. Un nome divertente e leggermente giocoso per le scarpe, progettato per eventi frivoli e per una piacevole compagnia. Matrimoni, feste nel parco o in spiaggia - tutto ciò che è opportuno vantare grazia delle dita dei piedi.

4. DORSEY - sandali con avampiede e schiena sufficientemente chiusi. Altezza del tallone e forma della punta - qualsiasi. Caratteristiche distintive: l'arco di un piede è aperto. Materiale eccellente - qualsiasi. Le scarpe hanno preso il nome in onore del conte Alfred Guillaume d'Orsay (1801-1852), fondatore della moda nella prima metà del XIX secolo. Quando il conte era al servizio militare, era categoricamente a disagio con le scarpe progettate per un'uniforme. Ordinò che le scarpe fossero fatte a sua discrezione. Avevano il naso affilato, i piedi abbastanza stretti, i ritagli ai lati. Lo stile appena fatto è diventato terribilmente popolare tra la nobiltà, dopo di che è passato per sempre al guardaroba delle ragazze.

5. SABO (sabo) - scarpe con un tacco aperto su una suola spessa. A volte tali modelli sono chiamati zoccoli. Gli zoccoli canonici hanno una piattaforma fusa con un tacco e assomigliano a cuscinetti di legno. Caratteristiche distintive: scarpe con suola massiccia, monopezzo o con tacco stabile. La punta del modello può essere aperta o chiusa. Materiale superiore: vera pelle, pelle scamosciata, tessuti. L'origine del nome deriva dalla parola francese sabot - scarpe di legno. Una volta gli zoccoli erano fatti da un unico pezzo di legno e venivano indossati da gente comune d'Europa - artigiani, pescatori, agricoltori e altri lavoratori. Nel ventesimo secolo, gli zoccoli, o gli zoccoli, hanno trovato una nuova vita alla moda. Negli anni '70 del secolo scorso, queste scarpe sono diventate incredibilmente popolari. A quel tempo tutti cercavano etnia, naturalezza, natura e zoccoli diventati un elemento indispensabile dello stile hippy, e fu allora che nacquero i primi modelli moderni. Oltre alle scarpe di legno, ci sono zoccoli su sughero o persino poliuretano, suole molto più leggere.

6. MULES - queste sono scarpe senza sfondo. Caratteristiche distintive: tallone sempre aperto, senza allacciatura e membrane. Materiale superiore: vera pelle, tessuti, pelle scamosciata, plastica, materiali artificiali. L'origine del nome deriva dalla parola italiana mulleus, che in traduzione significa "pensatore". Nell'antica Roma, le scarpe, che ricordano vagamente il modello moderno di mulo, erano indossate da esperti, per i quali era considerato un privilegio. Oggi, come nei tempi antichi, i muli sono sandali sia per donna che per uomo.

7. Grandmothers (babouches) - scarpe morbide senza tacco e senza tacco o con tacco basso e stabile, una specie di pantofole in pelle. Caratteristiche distintive: un tallone, che non è solo assente nel design della scarpa, ma, come uno stopan, è posato all'interno; è lecito avere un piccolo bordo in pelle nella zona del tallone. Materiale superiore: vera pelle, tessuto, pelle scamosciata. Il nome deriva dal babouche francese e dal babuche persiano - scarpe. La doppia origine del nome è legata alla storia della penetrazione del modello dal Marocco all'Europa. Cosa sono le nonne, apprese per la prima volta dalle donne marocchine che hanno usato scarpe morbide senza tacchi e senza schiena nella vita di tutti i giorni. In tali pantofole, era conveniente visitare una moschea e togliersi rapidamente le scarpe durante la preghiera. Le scarpe marocchine sono facili da indossare e da togliere, senza doversi piegare o allentare i fermagli. A metà del XVI secolo, le pantofole dal Marocco arrivarono in Europa come souvenir d'oltremare. Tuttavia, alle donne francesi piacevano molto le scarpe in morbida pelle con motivi intricati. Le fashioniste europee adornavano le nonne con perle e pietre preziose, ricamate con fili d'oro. Come scarpe da casa, le nonne si stabilirono saldamente nel guardaroba di tutte le donne europee. Nel XX secolo, le nonne scesero in strada e in passerella con hippy e stilisti, entrando saldamente nel guardaroba non solo delle donne, ma anche degli uomini.

In questo articolo, abbiamo esaminato quattro gruppi di scarpe e i principali modelli (sottogruppi) che ne fanno parte.

Le caratteristiche delle scarpe sono principalmente segni relativi a ciascun modello del gruppo:

  • segni di genere ed età: scarpe da donna, da uomo, per bambini e scarpe unisex;
  • caratteristiche funzionali: scarpe formali, sportive, comode, casual o eleganti;
  • cartelli stagionali: scarpe invernali, primaverili, estive, autunnali, per tutte le stagioni, di mezza stagione;
  • durata del ciclo di vita: modelli di base, modelli di moda o modelli taglienti.
La domanda più importante che riguarda oggi i proprietari dei negozi di scarpe è come aumentare le vendite. Se cinque anni fa un acquirente acquistava, in media, quattro paia di scarpe all'anno, quindi ...
3.68
5
1
5
Si prega di valutare l'articolo
Midinblu

Materiali correlati

Come trasformare gli avanzi in una gamma commerciale

Nelle prossime stagioni, il mercato della moda in generale, e il segmento delle calzature in particolare, si aspetta un eccesso di modelli non rilevanti, rispetto alle stagioni precedenti. Tuttavia, è necessario trattare le scorte, che si sono rivelate in eccesso alla fine della primavera del 2020, non come attività illiquide, ...
20.10.2020 1413

Come vendere prodotti correlati a un negozio di scarpe nel periodo post-pandemia?

I prodotti correlati sono una componente obbligatoria del set di assortimento di un negozio di scarpe. Accessori, solette, prodotti per la cura delle scarpe aggiungeranno sicuramente varietà agli scaffali dei negozi e porteranno gioia ai tuoi clienti. Quando ...
21.09.2020 3035

10 modelli di scarpe popolari della stagione primavera-estate 20

Quest'estate i marchi di scarpe, presentando le loro collezioni ai consumatori, si concentrano sullo sport e sul casual, forse perché la seduta forzata a casa e i cottage estivi creano una domanda di scarpe comode. Shoes Report contiene 10 modelli di scarpe da donna, ...
03.08.2020 7520

Vantaggio netto. In che modo le vendite di iCleaner contribuiscono a incrementare le entrate del negozio di scarpe

"Quando i prodotti per la pulizia iCleaner sono presenti alla cassa di un negozio di scarpe, i suoi ricavi crescono del 7-15%", afferma Igor Dobrusin, direttore marketing e sviluppo di iCleaner.
13.07.2020 6490

L'assortimento di accompagnamento può portare un negozio di scarpe fino al 10-30% delle entrate nel periodo autunno-inverno

L'autunno e l'inverno sono le stagioni più alte per i prodotti correlati. Nel commercio specializzato di calzature, circa il 65% del fatturato avviene proprio in autunno e in inverno. La ricezione dei numeri suggerisce che con l'autunno e l'inverno caldi, può vendere male ...
27.01.2020 3647
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio