Alloggio privato
28.05.2012 2456

Alloggio privato

Tsentrobuv venderà fino al 10% delle azioni ai fondi pre-IPO

Il più grande rivenditore di calzature russo, Tsentrobuv, ha rinviato la sua IPO alla primavera del 2013, ma si sta preparando a condurre un collocamento privato ora. Come è diventato noto, la società offre fondi pre-IPO per riacquistare il 5-10% delle proprie azioni per $ 100-200 milioni Un grande nome tra gli azionisti dovrebbe ispirare la fiducia degli investitori in un'offerta pubblica, gli attuali proprietari della catena ne sono certi. Il fatto che "Tsentrobuv" stia cercando investitori di portafoglio tra i fondi di investimento occidentali, ha detto una fonte nei circoli bancari. Il comproprietario della rete Sergey Lomakin ha chiarito che il 5-10% delle azioni potrebbe essere venduto: gli attuali azionisti della rete ridurranno proporzionalmente le loro quote in caso di accordo. A parte il signor Lomakin, i comproprietari dell'azienda sono considerati il ​​suo ex partner nella rete Kopeyka, Artem Khachatryan (alla fine del 2009, possedevano circa il 33% del rivenditore per due), i fondatori di Tsentrobuvi, Anatoly Gurevich e Dmitry Svetlov (hanno, secondo Kommersant , una quota di controllo) e il fondatore della casa editrice Pronto-Mosca Leonid Makaron (può possedere fino al 10%). Ora "Tsentrobuv" sta già negoziando con diversi fondi di investimento, dice Sergei Lomakin, ma sottolinea che non sono stati firmati documenti.

I proprietari stimano l'intero Tsentrobuv a $ 2 miliardi e il 5-10% a $ 100-200 milioni, afferma una fonte familiare con la proposta del rivenditore. La previsione di fatturato di Centrobuvi quest'anno è di 1,7 miliardi di dollari, ovvero l'intera catena è stata stimata in 1,2 vendite annuali. Morgan Stanley sta consigliando l'affare. Un portavoce della banca ha rifiutato di commentare.

Tsentrobuv riunisce più di 950 negozi di scarpe propri e in franchising con i marchi Tsentrobuv e Centro in Russia, Ucraina, Polonia e Stati baltici. Secondo i dati di Tsentrobuvi, le entrate nel 2011 ammontano a poco più di 1 miliardo di dollari, è il più grande rivenditore di scarpe in Russia.

Il collocamento privato è interessante per Tsentrobuvi, prima di tutto per l'apparizione di un nome brillante tra gli azionisti alla vigilia dell'IPO, spiega Sergey Lomakin. "Questo ispirerà fiducia negli investitori", ha detto. Per la prima volta Tsentrobuv ha annunciato l'intenzione di condurre un'offerta pubblica nel febbraio 2011, la quotazione era originariamente prevista per l'autunno dello stesso anno, ma è stata annullata a causa di condizioni di mercato sfavorevoli. Le borse di Londra e Hong Kong sono state considerate come piattaforme, dove la società prevedeva di raccogliere fino a 800 milioni di dollari.Rinascimento Capital, Morgan Stanley, VTB Capital e Bank of China Investments hanno agito come consulenti per l'accordo. I piani per tenere un'IPO rimangono, afferma Lomakin, ma molto probabilmente avrà luogo nella primavera del 2013. "Se decidiamo di fare una quotazione premium (collocamento di azioni, non ricevute di deposito), allora sarà il 25% del capitale", ha detto.

L'ex comproprietario del gruppo di società Victoria (catene Victoria, Kvartal, Deshevo; venduto a Dixy nel 2011) Alexander Zaribko afferma che di solito i fondi pre-IPO investono due o tre anni prima del collocamento delle società sullo scambio.

Alexey Krivoshapko, direttore di Prosperity Capital Management, ritiene che l'attuale situazione di mercato sia sfavorevole sia per le IPO che per gli investimenti pre-IPO. Il suo fondo ha ricevuto un'offerta da Tsentrobuvi, ma considera alto il valore dichiarato delle azioni. Anche il manager di Russia Partners Vladimir Andrienko, che ha valutato la possibilità di acquistare una quota di minoranza nella catena, pensa che Tsentrobuvi sia troppo caro. Altri fondi di investimento esaminati da Kommersant, tra cui l'americana TPG Capital (detiene una partecipazione di controllo nella catena di ipermercati Lenta) e la svedese East Capital, non hanno ancora visto l'offerta del rivenditore.

Il ricavato della vendita del pacchetto di minoranza sarà diretto da Tsentrobuv allo sviluppo della rete nella CSI e in Europa, afferma Sergey Lomakin. Entro la fine del 2012, il numero di negozi Centro in Polonia e Ucraina salirà rispettivamente a 65 e 100, nel 2013 si prevede di raddoppiare il numero di punti vendita, anche attraverso operazioni di M&A, scrive Kommersant.

Tsentrobuv venderà fino al 10% delle azioni ai fondi pre-IPO Il più grande rivenditore di scarpe russo Tsentrobuv ha rinviato la sua IPO alla primavera del 2013, ma si prepara già a condurre un collocamento privato ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

L’India registra un calo nelle esportazioni di pelle

Le esportazioni di pelle e articoli in pelle sono diminuite di quasi il 2024% nell'anno fiscale terminato a marzo 10 rispetto all'anno fiscale precedente a causa della debole domanda in mercati come gli Stati Uniti e...
24.05.2024 208

Completata l'acquisizione di LLOYD Shoes da parte del gruppo svizzero Arklyz

È stata completata l'acquisizione del produttore di calzature Sulinger Lloyd Shoes GmbH da parte della società di investimento svizzera Arklyz AG. Come abbiamo scritto in precedenza, nel mese di gennaio Arklyz ha raggiunto un accordo con il proprietario, Ara AG, per l'acquisto del marchio di scarpe, comprese tutte le attività...
24.05.2024 232

La fabbrica di Astrakhan "Duna-Ast" amplierà la produzione di scarpe da ginnastica

Il produttore di calzature e abbigliamento di Astrachan' PFC Duna-Ast ha approfittato del finanziamento preferenziale del Fondo per lo sviluppo industriale e ha stanziato fondi per la riattrezzatura tecnica e l'acquisto di attrezzature speciali per la produzione di scarpe da ginnastica e...
23.05.2024 313

Versace presenta le sneakers “complesse” Mercury

Il marchio di lusso Versace lancerà uno dei suoi modelli di sneaker più interessanti a giugno, scrive Footwearnews.com. Soprannominata "Versace Mercury", la silhouette unisex presenta una struttura complessa di 86 componenti accuratamente realizzati...
23.05.2024 405

L’Italia vede un rallentamento delle esportazioni di calzature nel 2023

In Italia, le vendite all’esportazione di calzature sono gradualmente diminuite nel corso del 2023, lasciando le esportazioni di calzature di fine anno inferiori dello 0,6% in termini di valore rispetto all’anno precedente. Secondo il centro studi Confindustria...
23.05.2024 418
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio