Soho
Miliardi per Spartak
14.05.2012 2249

Miliardi per Spartak

Raikhat Garipov ottenne il controllo di una fabbrica di scarpe

Il proprietario del più grande produttore di calzature russo della fabbrica di Kazan "Spartak" divenne il suo direttore generale Raikhat Garipov. Come risultato del problema aggiuntivo, ha acquisito quasi il 96% delle azioni per 1 miliardo di rubli. Gli esperti sottolineano che l'investimento è promettente, ritenendo che l'asset possa essere recuperato in cinque anni.

La fabbrica Spartak è una delle più grandi aziende di calzature in Russia. Nel 2011, il fatturato dell'azienda è cresciuto di quasi il 20% e ha superato 1,1 miliardi di rubli. Alla fine dello scorso anno, il capitale autorizzato della OJSC era di 42,86 milioni di rubli. Secondo il database SPARK, il 97,3% della OJSC al 31 dicembre 2011 apparteneva alla controllata al 100% della fabbrica - LLC Spartak-Finance, 0,9% - al signor Garipov.

Raikhat Garipov si è rifiutato di commentare la sua acquisizione - il servizio stampa dell'impresa ha risposto all'inchiesta secondo cui "la direzione ha ritenuto inappropriato pubblicare materiali con tali informazioni". Una fonte vicina all'accordo ha notato che è stato approvato dalla maggioranza degli azionisti dello Spartak nel giugno dello scorso anno. Quindi il 39,85% delle azioni della società era di proprietà di Tatfondbank, altre grosse partecipazioni appartenevano a società vicine alla banca. In particolare, il 19,92% delle azioni era controllato da Kazan LLC MC IRGA, il 16,32% - OJSC National Holding Company RT, il 15,41% - filiale di Kazan di LLC MC Zolotoy Kolos. A quel tempo, lo Spartak aveva quasi mille azionisti, di cui 956 persone con un totale del 2,72% dei voti.

Raikhat Garipov, secondo una biografia pubblicata su Internet, nel 1980-1988 ha lavorato come calzolaio in un salone di scarpe alla moda a Kazan, e nel 1988 ha fondato la cooperativa Selena per cucire scarpe. Nel 1991 è diventato vicepresidente del Fondo nazionale per gli investimenti della Repubblica del Tatarstan, che, in particolare, era impegnato nell'acquisto di beni repubblicani per assegni di privatizzazione. Dal 1994 è stato nominato vicepresidente della società di investimento TaTinK e nel 1997 vicepresidente del consiglio di amministrazione di Tatfondbank.

Raikhat Garipov è a capo dello Spartak dal 2003. Come ha scritto Kommersant l'11 gennaio 2011, il suo predecessore Ramis Gizetdinov è stato arrestato nel 2006 nel caso di un gruppo criminale organizzato di predoni. Fu condannato a tre anni e dieci mesi in una colonia ai sensi dell'art. 160 del codice penale della Federazione Russa (appropriazione indebita o appropriazione indebita). La corte ha rilevato che il signor Gizetdinov, come parte del gruppo criminale organizzato, ha venduto la proprietà della fabbrica per 8 milioni di rubli. per banconote contraffatte di Sberbank della Federazione Russa.

Attualmente "Spartak" produce calzature di tre marchi "Spartak", "Bon ton", "Poliar" e, secondo i propri calcoli, occupa l'1% del mercato calzaturiero in Russia, il cui volume, secondo varie stime (in particolare, l'associazione di ramo Roslegprom ", National Shoe Association), è di 400-450 milioni di paia, ovvero circa 23 miliardi di dollari all'anno. Nonostante una quota così piccola, Spartak è considerato uno dei maggiori produttori di calzature russi. Come ha spiegato Anna Mishutina, analista di Finam Investment Company, "la quota della produzione interna rappresenta solo il 15% circa del mercato in termini di massa di merci e meno del 10% in termini di denaro".

Nel 2010, Spartak ha aumentato il suo volume di produzione rispetto al 2009 del 21,5%, fino a 510 mila paia. Le vendite dell'azienda nel 2010 sono state di oltre 236mila paia, con un incremento dell'86,7% rispetto allo scorso anno. Secondo i documenti ufficiali, entro la fine del 2012 la fabbrica intende aumentare la sua quota di mercato nella Federazione Russa all'1,5% e "prendere piede nei mercati della CSI ed entrare nel mercato mondiale".

Natalya Pauli, vicedirettrice per le relazioni pubbliche del gruppo di società Obuv Rossii, considera attraente l'asset acquisito dal signor Garipov considerando le prospettive di crescita che il mercato calzaturiero russo sta dimostrando dallo scorso anno. Allo stesso tempo, ritiene che la fabbrica possa contare sul successo soggetto allo sviluppo della rete di vendita. La signora Pauli considera 82 dei suoi negozi, che Spartak riporta sul suo sito ufficiale, insufficienti "su scala russa".

La stessa fabbrica Spartak nei documenti ufficiali annuncia la sua intenzione di espandere la sua rete di vendita al dettaglio a 200 negozi quest'anno (l'operatore è una controllata al 100% della Spartak Trading House LLC, mentre la controllata Polyar LLC è anche un grossista). Nel 2012, la fabbrica prevede di realizzare un profitto di 107,6 milioni di rubli.

Anna Mishutina ritiene inoltre che "l'asset sembra piuttosto interessante": "L'azienda si sta sviluppando in modo abbastanza dinamico e, in generale, conserva il potenziale per un'ulteriore espansione del business e il rafforzamento delle posizioni di mercato", mentre "la redditività netta si è formata a un livello piuttosto elevato per l'industria, circa il 25%". "Pur mantenendo forti indicatori finanziari chiave, gli investimenti nell'acquisizione di un'impresa nel suo insieme possono ripagare in un periodo di tempo abbastanza breve, diciamo, circa 4-5 anni", ritiene Mishutina. "Questo mercato ha senza dubbio prospettive di crescita significative. Ora il consumo medio pro capite di calzature è in media 2-3 volte inferiore a indicatori simili nei paesi sviluppati e, secondo varie stime, varia tra 1,5 e 2,5 paia all'anno ". Lo scrive il quotidiano "Kommersant".

Raikhat Garipov acquisì il controllo di una fabbrica di scarpe Il proprietario del più grande produttore di calzature russo della fabbrica di Kazan "Spartak" divenne il suo direttore generale Raikhat Garipov. Di conseguenza ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

La fiera della pelle italiana Lineapelle ha registrato un aumento di presenze

Dal 100 al 20 settembre a Milano, in concomitanza con i saloni della moda milanesi - Micam, Mipel, TheOneMilano, Simac Tanning…
03.10.2022 91

Esposizione di componenti, materiali e tecnologie per calzature AYSAF si terrà a novembre a Istanbul

Gli organizzatori dell'AYSAF Turkish Shoe Materials, Components, Leather and Technology Exhibition, che si terrà a Istanbul dal 16 al 19 novembre, prevedono che visitatori ed espositori crescano del 20% e del 15% rispetto alla fiera precedente...
03.10.2022 89

Melon Fashion Group amplierà la matrice dell'assortimento dei suoi marchi

Uno dei leader nel segmento russo della vendita al dettaglio di moda, Melon Fashion Group, che possiede i marchi Zarina, beefree, Sela, Love Republic, aprirà 250 negozi nelle aree dei marchi di moda che hanno lasciato la Russia. La società ha inoltre annunciato...
03.10.2022 86

Istanbul ospita la 67a Fiera Internazionale della Calzatura Aymod

La seconda più grande fiera internazionale di calzature e accessori Aymod si svolge a Istanbul dal 28 settembre al 1 ottobre 2022. 67 aziende partecipano alla 428a sessione di Aymod. Circa 7000 si sono già iscritti alla mostra…
30.09.2022 302

Wildberries pagherà agli imprenditori un bonus per la crescita degli ordini

Il rivenditore online russo Wildberries sta conducendo un programma di contenimento dei prezzi in base al quale gli imprenditori che elencano i loro prodotti sulla piattaforma online e offrono sconti sui loro prodotti riceveranno...
29.09.2022 343
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio