Rieker
Il consumo globale di calzature aumenterà a 2024 miliardi di paia entro il 30
09.12.2011 2547

Il consumo globale di calzature aumenterà a 2024 miliardi di paia entro il 30

Il consumo di scarpe nel mondo aumenterà entro il 2024 dagli attuali 20 miliardi di paia a 30 miliardi e questa previsione è stata annunciata al World Footwear Congress, che si è tenuto a Rio de Janeiro a novembre.

Il congresso è stato organizzato dagli organizzatori delle principali fiere del mondo: Couromoda (Brasile), Micam (Italia), GDS (Germania) e Riva del Garda (Italia), nonché dalla Confederazione europea dell'industria calzaturiera CEC e dall'associazione italiana produttori di calzature ANCI.

Al congresso hanno partecipato 479 imprenditori provenienti da 29 paesi. I partecipanti hanno discusso delle prospettive del mercato delle calzature, dei nuovi modelli di produzione, delle vendite e delle tendenze nel comportamento dei consumatori.

Secondo Steve Lee, consulente britannico per Steve Lee Associates, il consumo di calzature aumenterà con la crescita della popolazione mondiale e la crescita della ricchezza. Si prevede che la popolazione crescerà fino a 2024 miliardi entro il 8, il PIL annuo aumenterà dagli attuali $ 65 a $ 000 e il consumo di scarpe pro capite aumenterà dalle attuali 105 paia all'anno a 000 paia.

La Cina era e rimane l'operatore dominante nel mercato delle calzature, per questo le parole di Zhan Xihua, presidente onorario della China Leather Association, sono state ascoltate con particolare interesse al congresso. Secondo i suoi calcoli, nel 2010 la Cina ha prodotto 13 miliardi di paia di scarpe per 33,7 miliardi di dollari, di cui 9,93 miliardi di paia sono state esportate in 213 paesi. Una delle principali sfide per i produttori cinesi è la mancanza di manodopera qualificata e l'aumento dei costi salariali. Ora più di 6 milioni di persone lavorano in 20 fabbriche. In media, i salari annui sono aumentati del 000-10%, motivo per cui i proprietari delle fabbriche hanno iniziato a spostare la produzione dalla costa orientale verso l'interno del paese, dove i salari sono molto più bassi: per confronto, i lavoratori della costa ora ricevono una media di circa $ 20 al mese, nel centro regioni della Cina - da $ 300 a 100.

Thomas Bata, CEO di Bata Group, ha osservato che i clienti sono diventati meno fedeli, meno prevedibili e trascorrono sempre meno tempo a scegliere le scarpe, il che significa che la vendita al dettaglio tradizionale deve cambiare il modello di creazione della fedeltà dei clienti. Questi compiti saranno fondamentali per Bata nel prossimo anno.

Secondo Yulia Chursina, direttore marketing di una delle più grandi aziende di calzature in Russia Analpa.inc Mosca, il prossimo anno sarà difficile per i produttori di calzature russi. Così come per tutti gli affari russi in generale. Nessuno può prevedere quale sarà il tasso di cambio del rublo rispetto al dollaro, il che significa che la questione se aumentare il prezzo in anticipo o ridurre il volume di produzione rimane aperta per gli importatori del prodotto finito e dei componenti.

Dal punto di vista degli ordini, Analpa.inc è serena per il futuro: nella stagione primavera-estate 2012 gli ordini sono aumentati del 18%, anche rispetto all'ottima stagione primavera-estate 2011 per l'azienda.

Secondo le previsioni, nel commercio al dettaglio, gli operatori chiaramente "posizionati" non ne risentiranno e il resto lascerà il posto a rivenditori e discount della rete.

Il consumo di calzature nel mondo entro il 2024 aumenterà dagli attuali 20 miliardi di paia a 30 miliardi.Questa previsione è stata annunciata al World Footwear Congress, che si è tenuto a ...
5
1
Valutazione

Ultime notizie

Ecco Leather sta per ridimensionare la produzione di "pelle di funghi"

La conceria globale Ecco Leather, che fa parte del marchio di calzature danese Ecco, ha stretto una partnership con Ecovative per sviluppare e commercializzare materiali di micelio (struttura delle radici fibrose...
25.11.2022 363

Il direttore creativo di Gucci, Alessandro Michele, si dimette

La casa di moda italiana Gucci, parte del Gruppo Kering, ha annunciato la partenza di Alessandro Michele dalla carica di direttore creativo, che ricopriva dal 2015. Lavora come designer in azienda dal 2002…
25.11.2022 323

La fabbrica S-Tep "Shoes of Russia" può evitare il fallimento

Il calzaturificio S-Tep, parte del gruppo OR (ex Obuv Rossii), sta negoziando un accordo di pace con il suo principale creditore, ChOP Brest Plus, e quindi può evitare il fallimento, riferisce ...
24.11.2022 622

Il servizio fiscale federale vuole recuperare quasi 1,5 miliardi di rubli in detrazioni fiscali e multe da Ralf Ringer

Gli ispettorati fiscali n. 15 e n. 18 vogliono riscuotere circa 1,5 miliardi di rubli in tasse, multe e sanzioni dall'azienda calzaturiera russa Ralf Ringer. Il rivenditore sta cercando di contestare le azioni delle autorità fiscali attraverso il tribunale arbitrale di Mosca, - ...
24.11.2022 346

Il marchio di scarpe francese Both Paris ha collaborato con Yohji Yamamoto

Il 18 novembre è stata presentata un'interessante collaborazione tra il brand di scarpe francese Both Paris e il brand giapponese Yohji Yamamoto. Il risultato della collaborazione dei due brand è un modello di stivale alto unisex che attira l'attenzione dell'originale…
24.11.2022 318
Quando ti registri, riceverai notizie e articoli settimanali sull'attività calzaturiera sulla tua e-mail.

All'inizio